La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Ildegarda di Bingen Nascita: 1098 Morte: 17 settembre 1179 Venerata da: Chiesa cattolica e Chiesa Episcopale Beatificazione: 1324 Canonizzazione: Il 10.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Ildegarda di Bingen Nascita: 1098 Morte: 17 settembre 1179 Venerata da: Chiesa cattolica e Chiesa Episcopale Beatificazione: 1324 Canonizzazione: Il 10."— Transcript della presentazione:

1 Ildegarda di Bingen Nascita: 1098 Morte: 17 settembre 1179 Venerata da: Chiesa cattolica e Chiesa Episcopale Beatificazione: 1324 Canonizzazione: Il 10 maggio 2012 papa Benedetto XVI ha esteso il Culto liturgico alla Chiesa Universale, iscrivendola nel Catalogo dei Santi Santuario principale: Cappella del priorato benedettino di Bingen Ricorrenza: 17 settembre Patrona di: filologi ed esperantisti Classe III A progetto scuola-azienda

2 Nacque ultima di dieci fratelli, a Bermesheim vor der Hohe, vicino ad Alzey, nellAssia-Renana, nellestate del 1098.Le visioni di Ildegarda sarebbero iniziate in tenera età e avrebbero contrassegnato un pò tutta la sua esistenza. Alletà di otto anni, a causa della sua cagionevole salute, fu mandata nel convento di Disibodenberg dai nobili genitori, Ildeberto e Matilda di Vendersheim, dove fu educata da Jutta di Sponheim, giovane aristocratica ritiratesi in monastero.Prese i voti tra il 1112 e il 1115 dalle mani del vescovo Ottone di Bamberga.Iniziò a parlare – e a scrivere – delle sue visioni (che definiva dellanima) solo intorno al 1136 quando aveva ormai quarantanni. Si trasferì nel monastero di Rupertsberg, fondato da lei stessa, nel 1150 e si dice che facesse adornare le sue consorelle con gioielli per salutare con canti le festività domenicali.Tra il 1159 e il 1170 compì quattro viaggi pastorali, predicando il cattedrali come Colonia, Treviri e Liegi. Ildegarda di Bingen Biografia Classe III A progetto scuola-azienda

3 Ildegarda di Bingen Ildegarda di Bingen è stata una monaca controcorrente e anticonformista. Ha studiato a lungo, occupandosi di teologia,musica e medicina. Ha lasciato alcuni libri profetici – lo Sci vias (Conosci le vie), il Liber Vitae Meritorum (Libro dei meriti della vita) e il Liber Divinorum Operum (Libro delle opere divine), oltre a una notevole quantità di lavori musicali, raccolti sotto il titolo di Symphonia harmoniae celestium revelationum. Un notevole contributo diede pure alle scienze naturali, scrivendo due trattati enciclopedici che raccoglievano tutto il sapere medico e botanico del suo tempo e che vanno sotto il titolo di Physica (Storia naturale o Libro delle medicine semplici) e Causae et curae (Libro delle cause e dei rimedi o Libro delle medicine composte). Fondamentale, poi, nel pensiero di Ildegarda è la Viriditas, lenergia vitale intesa come il rapporto filosofico tra luomo e la natura. Classe III A progetto scuola-azienda La Viriditas

4 Ildegarda di Bingen Il culto Classe III A progetto scuola-azienda La sua memoria liturgica cade il 17 settembre, giorno della sua morte (dies natalis). Tale giorno, secondo la tradizione, sarebbe stato "predetto" dalla santa a seguito di una delle sue ultime visioni. Ildegarda fu seppellita nel Monastero di Rupertsberg, dove le fu elevato un ricco mausoleo. Quando però nel 1632, durante la Guerra dei Trent'anni, il monastero fu distrutto e bruciato dagli Svedesi, i monaci benedettini portarono via con loro le reliquie nella cappella del priorato di Eibingen, dove ancora oggi si trovanno. Il 10 maggio 2012 papa Benedetto XVI ne estese il culto liturgico alla Chiesa Universale. Il 7 ottobre 2012 lo stesso papa Benedetto XVI proclamò santa Ildegarda di Bingen Dottore della Chiesa universale.

5 Ildegarda di Bingen Classe III A progetto scuola-azienda Ildegarda nel corso della sua vita ebbe numerosissime visioni, di cui ha lasciato dettagliati resoconti illustrati nei manoscritti Scivias e Liber divinorum operum. Alcuni studiosi hanno suggerito che l'origine di queste visioni sia di tipo neurologico. Lo storico della scienza e della medicina Charles Singer le attribuì ad aure di origine emicranica. Nella sua visione religiosa della creazione, l'uomo rappresentava la divinità di Dio, mentre la donna idealmente personificava l'umanità di Gesù.

6 FINE ILARIA FRAGNITO RAMONA DE NUNZIO DALILA CALZONE Classe III A progetto scuola-azienda PRESENTAZIONE A CURA DI:


Scaricare ppt "Ildegarda di Bingen Nascita: 1098 Morte: 17 settembre 1179 Venerata da: Chiesa cattolica e Chiesa Episcopale Beatificazione: 1324 Canonizzazione: Il 10."

Presentazioni simili


Annunci Google