La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Dipartimento ricerche sperimentali e comunicazione Immagine e posizionamento dellassociazione e del movimento cooperativo Indagine 2009 Il quadro complessivo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Dipartimento ricerche sperimentali e comunicazione Immagine e posizionamento dellassociazione e del movimento cooperativo Indagine 2009 Il quadro complessivo."— Transcript della presentazione:

1 dipartimento ricerche sperimentali e comunicazione Immagine e posizionamento dellassociazione e del movimento cooperativo Indagine 2009 Il quadro complessivo

2 Il quadro della fiducia Il problema dellinnovare

3 3 % La fiducia nelle cooperative in crescita 2009 La fiducia nelle IMPRESE… +23 La fiducia nei DIRIGENTI… La fiducia nelle imprese COOPERATIVE +15 La fiducia nelle imprese di CAPITALE La fiducia nei DIRIGENTI delle imprese COOPERATIVE

4 4 % Il calo dellappeal delle imprese di capitale AUMENTATA +8 RIMASTA UGUALEDIMINUITA –14 La sua fiducia nelle IMPRESE COOPERATIVE negli ultimi 3 anni è: La sua fiducia nelle imprese cooperative e imprese di capitale negli ultimi 3 anni è: AUMENTATARIMASTA UGUALEDIMINUITA

5 5 % Le imprese cooperative: un altro modello economico A suo parere, quale dovrebbe essere la funzione principale di un'impresa cooperativa? costituire un'alternativa al sistema economico vigente avvantaggiare i propri soci dare lavoropromuovere iniziative sociali –6

6 6 % Il dinamismo in discesa Secondo lei le imprese cooperative al giorno d'oggi sono imprese dinamiche, CON un forte progetto imprenditoriale deboli, SENZA un forte progetto imprenditoriale –8 +8

7 7 % Conoscenza del fenomeno delle false cooperative Lei sapeva che esistono delle false cooperative, che si definiscono cooperative ma in realtà non ne rispettano tutti i vincoli e requisiti? sì, lo sapeva no, non lo sapeva

8 I clan Comunicare in modo mirato

9 9 % Più imprese cooperative per tutti Secondo lei le imprese cooperative dovrebbero operare... in qualsiasi settore economico limitatamente ad alcuni settori specifici non saprei bancario-finanziario non dovrebbe operare nel settore:

10 10 % Le nuove professioni alle porte delle cooperative Personalmente quanto riterrebbe utile la nascita di nuove cooperative nei seguenti settori professionali: % di molto + abbastanza utile 2009

11 11 % Propensione ad avviare unimpresa cooperativa Nell'ipotesi di dover avviare un'impresa preferirebbe scegliere la forma... dellimpresa cooperativa dellimpresa privata di capitale (srl, spa,…) non saprei 2009

12 12 % Motivation: Perché aprirei una impresa cooperativa costruire un'azienda che pensa al benessere di tutte le persone che ci lavorano e non ai profitti individuali Aldilà della sua tipologia di impresa preferita, indichi quanto ciascuna di queste motivazioni potrebbe spingerla ad aprire una cooperativa: (voto medio in scala 1-10) lavorare in una struttura con un clima interno positivo, di collaborazione e non di competizione poter usufruire dei vantaggi fiscali entrare a far parte di una rete d'imprese organizzata e presente in più settori affrontare le sfide del mercato senza dimenticare la solidarietà tra le persone lavorare ad un progetto imprenditoriale insieme ad altri 2009 Benessere individuale Convenienza materiale Solidarietà con altri

13 13 % La spinta alla scelta cooperativa Lei ha mai pensato alleventualità di fare il lavoro che attualmente svolge come dipendente o lavoratore autonomo in cooperativa con altre persone? sì, ci ho pensato non ci avevo mai pensato ma mi piacerebbe no, la cosa non mi interessa non lavoro

14 I clan Posizionamento strategico

15 15 % I clan: vicini, lontani e indecisi un anno dopo vicini incerti lontani Suddivisione del campione in base allatteggiamento nei confronti delle imprese cooperative +7 – 2 – 5

16 16 % Chi sono e chi fa parte dei clan vicini incerti lontani Suddivisione del campione in base allatteggiamento nei confronti delle imprese cooperative Sovrarappresentati i soggetti: over64 (nel 2008 erano over54) collocati a centrosinistra (leggermente meno dominanti rispetto al 08) Disoccupati (non lo erano nel 2008) inoltre si riequilibria il livello scolare (nel 08 erano sovrarapperesentati i meno istruiti) Sovrarappresentati i soggetti: 18-34enni (come nel 2008) inoltre si riequilibria: sia il livello scolare (nel 08 erano sovrarappresentate le scolarità medie e alte) che la composizione politica (aumenta la componente di centrodestra e diminuisce quella di centrosinistra) Sovrarappresentati i soggetti: 35-44enni (nel 2008 erano estesi alla classe 35-54) collocati a centrodestra (ma meno dominanti rispetto al 08) lavoratori autonomi (come nel 2008) maschi (non lo erano nel 2008) non praticanti e atei (non lo erano nel 2008) inoltre si riequilibria il livello economico (nel 08 erano sovrarapperesentati i soggetti con difficoltà economiche)

17 17 % I clan e gli effetti dei media vicini incerti lontani Suddivisione del campione in base allatteggiamento nei confronti delle imprese cooperative Sovrarappresentati i soggetti : che guardano prevalentemente le reti RAI (come nel 08) che seguono i TG RAI (con intensità leggermente minore rispetto al 08) che guardano il TG3 (come nel 08) Sovrarappresentati i soggetti: che leggono quotidiani locali (in maniera ancora più accentuata che nel 08) che guardano prevalentemente reti Mediaset (come nel 08) che preferiscono il TG5 (con intensità leggermente minore rispetto al 08) che guardano meno la TV (non lo erano nel 2008) Sovrarappresentati i soggetti: che guardano prevalentemente reti Mediaset (nel 08 erano più equilibrati tra Mediaset e RAI) che preferiscono il TG5 (nel 2008 erano più orientati ai TG RAI)

18 18 % Posizionamento competitivo AMPIO vantaggio imprese cooperative LIEVE vantaggio imprese cooperative PARITÀ MOLTO ELEVATA ELEVATA MEDIO - ALTA MEDIA IMPORTANZA è onesta si comporta con senso di responsabilità offre servizi e prodotti a prezzi convenienti rispetta lambiente si impegna a creare nuovi posti di lavoro opera sulla base di principi ben saldi mira a creare lavoro stabile produce servizi e beni di elevata qualità è finanziariamente solida sostiene lo sviluppo del territorio in cui è presente è democratica garantisce buone condizioni di lavoro si occupa delle generazioni future è competitiva è innovativa ha anche delle finalità sociali incentiva il lavoro delle donne è indipendente dalla politica fa utili vantaggio Imprese di capitale

19 19 % Posizionamento delle imprese cooperative I GRANDI TEMI temi importanzaassegnazione gap a cooperative sia indipendente dalla politica7,85,8 -2,0 sia onesta8,66,8 -1,8 si comporti con senso di responsabilità8,46,8 -1,6 miri a creare lavoro stabile8,26,6 -1,6 si occupi delle generazioni future8,06,5 -1,6

20 20 % Posizionamento delle imprese cooperative CARENZE SU CUI INTERVENIRE temi importanzaassegnazione gap a cooperative si impegni a creare nuovi posti di lavoro8,26,8 -1,4 operi sulla base di principi ben saldi8,26,8 -1,4 produca servizi e beni di elevata qualità8,26,8 -1,4 rispetti l'ambiente8,26,8 -1,4 sia innovativa8,16,6 -1,4 sia finanziariamente solida8,26,9 -1,3 sia democratica8,06,7 -1,3 sia competitiva8,16,9 -1,2 garantisca buone condizioni di lavoro 8,16,9 -1,2 sostenga lo sviluppo del territorio in cui è presente8,16,9 -1,2

21 21 % Posizionamento delle imprese cooperative AMBITI SODDISFATTI O DI MINOR IMPORTANZA temi importanzaassegnazione gap a cooperative offra i propri prodotti o servizi a prezzi convenienti per il consumatore8,37,2-1,1 incentivi il lavoro delle donne7,76,6 -1,0 abbia anche delle finalità sociali7,86,9 -0,9 faccia utili7,57,0 -0,6

22 22 % Il nodo della detassazione Alcuni sostengono che le imprese cooperative godono di vantaggi fiscali ingiusti. Lei è: estendere questa detassazione anche alle imprese di capitale che reinvestono gli utili in azienda cancellare questa forma di detassazione, perchè altera il mercato 15 non saprei 20 Attualmente le cooperative, per la loro stessa natura giuridica, reinvestono gli utili conseguiti in azienda e, per questo motivo, usufruiscono di vantaggi fiscali. Secondo lei sarebbe più giusto: daccordo in disaccordo daccordo in disaccordo

23 23 % LEGACOOP Lattacco perde peso

24 24 % Legacoop: notorietà Lei conosce Legacoop? 30% 30% sa bene cosè Legacoop 11% 11% riconosce il nome, ma non sa bene cosa sia 9% 9% confonde con impresa cooperativa sindacato o altro -3

25 25 % Legacoop: associazioni migliorano Per lei, Legacoop rappresenta soprattutto? La solidarietà +1 LefficienzaLinnovazione +10 Più qualità +5 Lonesta +6

26 26 % Legacoop: le associazioni migliorano 2 Per lei, Legacoop rappresenta soprattutto? Una lobby La burocrazia La corruzione

27 27 % Le sfide future di Legacoop A suo parere, quali saranno le principali sfide che Legacoop dovrà intraprendere nel futuro? Possibili più risposte 2009

28 28 % Il termometro delle apprensioni degli italiani ,8 la mancanza di opportunità per i giovani, l'inadeguatezza della politica 39,7 la perdita di qualità della scuola e dell'università, la diffusione della corruzione 39,5 la presenza di mafia, camorra e n'drangheta e altre organizzazioni criminali, il declino del paese, l'andamento dell'economia italiana, il caro vita, l'inefficienza della giustizia 39,4 l'inquinamento dell'aria e dell'ambiente, la scarsa meritocrazia 39,3 la bassa qualità dei servizi (sociali e sanitari) 39,1 la sicurezza del posto di lavoro, il mantenimento del proprio benessere economico 39,0 la perdita dei valori 38,9 la mancanza di informazione libera e non schierata, crescita microcrinimalità, volgarizzazione del Paese 38,8 carenza infrastrutture, rischio di non riuscire a migliorare la propria condizione sociale ed economica 38,7 la diffusione delle droghe 38,5 l'affermarsi per la donna del modello della velina, il livello di indebitamento familiare 38,4 l'innalzamento dell'età pensionabile 38,3 la crisi della famiglia, l'insoddisfazione per le condizioni in cui lavora 38,2 la mancanza di tempo per la vita privata 38,0 la difficoltà nei rapporti personali 37,7 la difficoltà di rimanere aggiornati e al passo coi tempi, l'aumento degli immigrati 37,5 la presenza militare degli italiani nei teatri di conflitto 39 38

29 29 % Sedi di Trieste e Milano con SISTEMA QUALITA CERTIFICATO SWG Trieste via San Francesco, Tel fax SWG Milano via, via solari tel fax SWG Bolgna via altabella tel fax Enzo Risso


Scaricare ppt "Dipartimento ricerche sperimentali e comunicazione Immagine e posizionamento dellassociazione e del movimento cooperativo Indagine 2009 Il quadro complessivo."

Presentazioni simili


Annunci Google