La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

CITOGENETICA E APPLICAZIONI DIAGNOSTICHE La citogenetica classica e molecolare è associata alla diagnostica Morfologica, Fenotipica. Le malattie ematologiche.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "CITOGENETICA E APPLICAZIONI DIAGNOSTICHE La citogenetica classica e molecolare è associata alla diagnostica Morfologica, Fenotipica. Le malattie ematologiche."— Transcript della presentazione:

1 CITOGENETICA E APPLICAZIONI DIAGNOSTICHE La citogenetica classica e molecolare è associata alla diagnostica Morfologica, Fenotipica. Le malattie ematologiche nelle quali si realizza routinariamente sono sempre più numerose. Serravalle Salvatore

2 LESAMEEMOCROMOCITOMETRICO Nel midollo esistono due grandi categorie (o serie ) di cellule: la linfoide (che comprende un tipo di globuli bianchi, i linfociti, e le plasmacellule che da essi originano) e la mieloide ( detta anche non linfoide) che comprende in pratica tutti gli altri tipi di cellule (globuli rossi, globuli bianchi, piastrine e loro precursori). Le cellule più immature di entrambe le serie vengono chiamate blasti ed in condizioni normali sono meno del 5% di tutte le cellule midollari.

3 Rappresentazione schematica della cascata differenziativa. Tutte le cellule del sangue si originano nel midollo osseo da una popolazione di cellule staminali pluripotenti che, differenziandosi, seguono una definita cascata differenziativa: la neoplasia può insorgere in una delle diverse fasi della via di maturazione linfoide o mieloide.

4 DEFINIZIONE A. Se la trasformazione tumorale riguarda i blasti della serie linfoide si parla di leucemia linfoblastica acuta (ALL); mieloide B. Negli altri casi si parla di leucemia mieloide acuta (AML); altri sinonimi per questa malattia sono leucemia mieloblastica acuta (AML) o non linfoblastica acuta (ANLL) Nelle leucemie acute i blasti midollari sono in genere superiori al 30%.

5 CLASSIFICAZIONE DELLE MALATTIE NEOPLASTICHE DEL TESSUTO EMOPOIETICO E LINFOIDE World Health Organization NEOPLASIE MIELOIDI Malattie mieloproliferative Leucemia Mieloide Cronica, cromosoma Philadelphia positiva [t(9;22)(q34;q11), bcr/abl] Leucemia cronica neutrofilica Leucemia cronica eosinofilica / sindrome ipereosinofila MieloFibrosi Idiopatica cronica Policitemia Vera Trombocitemia Essenziale Malattia mieloproliferativa non classificata Malattie mielodisplastiche / mieloproliferative Leucemia MieloMonocitica Cronica Leucemia mieloide cronica atipica Leucemia mielomonocitica giovanile Sindromi mielodisplastiche Anemia Refrattaria con sideroblasti ad anello senza sideroblasti ad anello Citopenia refrattaria (sindrome mielodisplastica) con displasia multilineare Anemia Refrattaria (sindrome mielodisplastica) con Eccesso di Blasti Sindrome 5q- Sindrome MieloDisplastica non classificata Leucemie Acute Mieloidi LAM con traslocazioni citogenetiche ricorrenti: LAM con t(8;21)(q22;q22), aml1(cbf )/eto LA Promielocitica [LAM con t(15;17)(q22;q21) e var, pml/rar ] LAM con eos. mid. [inv(16)(p13;q22) o t(16;16), cbf /myh11] LAM con anomalie 11q23 (mll) LAM con displasia multilineare con precedente sindrome mielodisplastica senza precedente sindrome mielodisplastica LAM e sindromi mielodisplastiche correlate a terapie correlate ad agenti alchilanti correlate a epipodofillotossine altri tipi LAM non altrimenti classificate LAM scarsamente differenziata, M0 LAM senza maturazione, M1 LAM con maturazione, M2 LA promielocitica, M3 LA mielomonocitica, M4 LA monocitica, M5 LA eritroide, M6 LA megacariocitica, M7 LA basofilica Panmielosi acuta con mielofibrosi Leucemie acute bifenotipiche

6 CLASSIFICAZIONE DELLE MALATTIE NEOPLASTICHE DEL TESSUTO EMOPOIETICO E LINFOIDE World Health Organization NEOPLASIE LINFOIDI Neoplasie delle cellule B Neoplasie dei precursori B Leucemia / linfoma B linfoblastica (Leucemia Acuta Linfoblastica B) Neoplasie delle cellule B mature (periferiche) Leucemia Linfocitica Cronica B / linfoma a piccoli linfociti B Leucemia prolinfocitica B Linfoma linfoplasmocitico Linfoma splenico B delle zona marginale (+/- linfociti villosi) Leucemia a cellule capellute Mieloma a plasmacellule / plasmocitoma Linfoma extranodale B delle zona marginale di tipo MALT Linfoma nodale B delle zona marginale (+/- cellule B monocitoidi) Linfoma Follicolare Linfoma a cellule Mantellari Linfoma Diffuso a Grandi Cellule B linfoma a grandi cellule B del mediastino linfoma primary effusion Linfoma di Burkitt / leucemia a cellule di Burkitt Neoplasie delle cellule T e NK Neoplasie dei precursori T Leucemia / linfoma T linfoblastica (Leucemia Acuta Linfoblastica T) Neoplasie delle cellule T mature (periferiche) Leucemia prolinfocitica T Leucemia linfocitica T granulare Leucemia a cellule NK aggressive Linfoma / leucemia T delladulto (HTLV1+) Linfoma extranodale NK/T, tipo nasale Linfoma T, tipo enteropatia Linfoma T epatosplenico gamma-delta Linfoma T sottocutaneo tipo panniculite Micosi Fungoide / Sindrome di Sezary Linfoma anaplastico a grandi cellule, T / null, tipo primitivo cutaneo Linfoma a grandi cellule T periferiche, non altrimenti classificato Linfoma T angioimmunoblastico Linfoma anaplastico a grandi cellule, T / null, tipo primitivo sistemico Linfoma di Hodgkin (LH) DISORDINI LINFOPROLIFERATIVI POST-TRAPIANTO (PTLD) NEOPLASIE DELLE MAST CELLULE NEOPLASIE DELLE CELLULE ISTIOCITICHE E DENDRITICHE

7 Leucemie acute linfoblastiche (ALL) 70% Leucemie acute non linfoblastiche (AML) 30-40% Leucemie mieloidi croniche (LMC) 3% Leucemie linfocitiche croniche (CLL) rare Relazioni evidenti tra INSORGENZA MALATTIA e PRESENZA di ALTERAZIONI CROMOSOMICHE sono coinvolti Geni per fattori di trascrizione Anomalie regolazione del sistema emopoietico e dei processi apoptotici

8 Geni coinvolti nei tumori GENI MUTATORI: responsabili del mantenimento dellintegrita del genoma durante le replicazione cellulare. ONCOGENI: geni la cui azione promuove positivamente la proliferazione cellulare. ONCOSOPPRESSORI (TS): i prodotti di tali geni inibiscono la proliferazione cellulare.

9 Si definiscono geni di fusione gli oncogeni associati a traslocazioni cromosomiche specifiche, generati dalla ricombinazione tra due geni. Danno origine a m-RNA chimerici il cui prodotto e espresso ed e neoplastico se entrambi i due oncogeni sono funzionanti. Un tipico esempio e loncogene PML-RAR alfa associato alla t(15;17) ed alla Leucemia Acuta a promielociti. Geni di Fusione

10 Cellule normali e cancerose CELLULE NORMALI CELLULE CANCEROSE PERDITA INIBIZIONE DA CONTATTO INIBIZIONE DA CONTATTO INCAPACI DI CRESCERE IN SOSPENSIONE (ECCEZIONE I LINFOCITI) CRESCONO IN SOSPENSIONE INDIPENDENTI DA FATTORI DI CRESCITA DIPENDENTI DAI FATTORI DI CRESCITA MORTALI IMMORTALI

11

12 CITOGENETICA : Le cellule umane contengono 46 cromosomi. I geni, cioè frammenti specifici di DNA, sono i principali costituenti dei cromosomi. In un singolo cromosoma sono mediamente presenti geni. I cromosomi X e Y, sono quelli che determinano il sesso: Nella donna sono presenti due cromosomi X,e nelluomo un X e un Y. Processo di analisi che valuta il numero e la forma dei cromosomi. sezione della cromatina 5 avvolgimenti della doppia elica fibra di 30nm coni nucleosomi strettamente impacchettati parte di una sezione di cromosoma sezione condensata di un cromosoma metafasico cromosoma metafasico 2nm 11nm 30nm 300nm 700nm 1400nm

13 CITOGENETICA

14 TELOMERO CENTROMERO (COSTRIZIONE PRIMARIA) COSTRIZIONE SECONDARIA Costituenti del cromosoma q p Il cariotipo si esegue sullimmagine dei 46 cromosomi ottenuta mediante fotografia o immagine computerizzata. Costituita da 22 coppie appaiate, nelle quali uno dei cromosomi è di origine paterna ed una di origine materna. Sono distinti a seconda della lunghezza (dal più lungo al più corto) ed in base alle caratteristiche morfologiche (visibile con la tecnica del bandeggio). I cromosomi del sesso (XX o XY) vengono evidenziati come coppia separata. CARIOTIPO Lunghezza delcromosoma

15 CARIOGRAMMA BASATO SULLA LUNGHEZZA CROMOSOMICA E SULLA POSIZIONE DEL CENTROMERO Lab.Oncoematologia pediatrica (BO) METAFASE CON NUCLEO IN INTERFASE METAFSE

16 GRUPPOCROMOSOMICARATTERISTICHE A1, 2, 3Cromosomi grandi con centromeri in posizione mediana. B4, 5Cromosomi grandi con centromeri sub-mediani. C6, 7, 8, 9, 10,11,12Cromosomi di media grandezza con centromeri sub-mediani D13, 14, 15Cromosomi di media grandezza con centromeri terminali. E16, 17, 18Cromosomi piccoli con centromeri mediani e sub-mediani. F19, 20Cromosomi piccoli con centromeri mediani. G21, 22Cromosomi molto piccoli e acrocentrici.

17 BANDEGGIAMENTO CROMOSOMICO. Lo sviluppo del bandeggiamento (Caspersson, 1968 ) ha costituito un progresso decisivo per le analisi citogenetiche e ha permesso di individuare singoli cromosomi. Vari trattamenti denaturanti consentono di colorare cromosomi, modo riproducibili secondo una sequenza di bande chiare e scure. Il numero del cromosoma è seguito da p (braccio corto) o q (braccio lungo) e dal numero della banda, esempio 11q23 significa, lestremità del braccio lungo q del cromosoma 11, banda 2 sottobanda 3.

18 Aspirato midollare (sangue periferico) Conteggio nucleate Semina in terreno Coltura per h Colchicina Fissazione e lavaggi Allestimento dei vetrini Colorazione (bandeggio) Selezione e cattura immagini Elaborazione e cariotipizzazione Conclusione diagnostica (CC) Cariotipo Convenzionale

19 METAFASE DA ORDINARE Bandeggio GTG (G-Trypsin-Giemsa): -E uno dei bandeggi più largamente utilizzati. Consiste nel trattare i cromosomi con un enzima proteolitico, la tripsina, che digerisce le proteine istoniche. - In seguito si immergono i vetrini in una soluzione di Giemsa, una miscela di azur II ed azur II eosina, e questo consente la visualizzazione delle bande cosiddette G. Lab.Oncoematologia pediatrica (BO)

20 CARIOTIPO COSTITUZIONALE: METAFASE ORDINATA Lab.Oncoematologia pediatrica (BO) La standardizzazione internazionale della nomenclatura dei cromosomi umani del 1981 aggiornata nel 1995 (ISCN 1995) identifica ciascuna banda e sottobanda cromosomica in 400, 550 ed 850 bande.

21 -Il bandeggio Q-Fluorescence-Quinacrine è costituito da una colorazione fluorescente. - -Eanalogo a quello G. - Il contrasto inoltre è inferiore a quello ottenibile con il bandeggio G (Gravholt and Friedrich 1995). Alterazioni: 2p- 5q- 11q+ Lo svantaggio di questa tecnica deriva dal fatto che la fluorescenza decade rapidamente per cui il bandeggio è temporaneo. Bandeggio QFQ (Q-Fluorescence-Quinacrine):

22 Bandeggio CBG (C-Barium-Giemsa): -Questa tecnica prevede un processo di denaturazione e rinaturazione grazie all'impiego di idrossido di bario, seguita dalla colorazione con Giemsa. - Permette di mettere in evidenza tutte le regioni centromeriche.

23 Quali sono le anomalie cromosomiche Di numero trisomie monosomie triploidie tetraploidie Di struttura traslocazioni inversioni delezioni duplicazioni

24 ESEMPIO di TRISOMIA Cromosoma 21 anomalie cromosomiche di numero

25 Trisomia 13 Sindrome Patau Trisomia 18 Sindrome Edward ESEMPIO di TRISOMIA anomalie cromosomiche di numero

26 Lab.Oncoematologia Pediatrica (BO) MONOSOMIA 22

27 Esempio di TRIPLOIDIA 69, XXX; XXY; XYY

28 Lab.Oncoematologia Pediatrica (BO) TETRAPLOIDIA

29 anomalie cromosomiche di struttura

30 Traslocazioni cromosomiche I geni coinvolti sono per lo piu fattori di trascrizione, ma anche tirosin o serin protein chinasi, recettori di membrana cellulare, fattori di crescita, con ruoli critici nella differenziazione e sviluppo cellulare

31 Deregolazione dellespressione genica:Deregolazione dellespressione genica: overespressione o espressione aberrante in un tessuto che normalmente non esprime quel gene. Espressione di una proteina di fusione:Espressione di una proteina di fusione: giustapposizione di sequenze geniche codificanti di due geni localizzati su differenti cromosomi Traslocazioni cromosomiche

32 Nelle leucemie acute mieloblastiche, la traslocazione t(8;21) induce il riarrangiamento AML1-ETO e la formazione di una proteina ibrida. LEUCEMIA ACUTA MIELOIDE (FAB M2)

33 t(11;17)(q23;q22) PLZF-RARα; t(5;17)(q35;q21) NPM-RARα; t(11;17)(q13;q21) NuMA-RARα; t(17;17)(q11;q21) STAT5b-RARα; t(15;17)(q22;q21) Leucemia M3 APL O PROMIELOCITICA La traslocazione t(15;17) coinvolge il gene che codifica per il recettore nucleare a dell'acido retinoico (RAR ) sul cromosoma 17, ed il gene PML (promielocitica) sul cromosoma 15. VARIANTI

34 Inversione (16) gene di fusione CBFB-MYH11 LAM M4 LEUCEMIA ACUTA MIELOMONOCITICA Con eosinofili

35 Lab.Oncoematologia Pediatrica (BO) CARIOTIPO COMPLESSO : Atassia Telangectasia

36 ALTERAZIONI CROMOSOMICHE Anemia Fanconi

37 Lab.Oncoematologia Pediatrica (BO) INTERRUZIONE CROMATINA CROMOSOMA 2 BRACCIO p

38 Lab.Oncoematologia Pediatrica (BO) MONOSOMIA 22 La citogenetica classica permette di avere una visione globale del cariotipo e fornisce gli spunti per ulteriori studi mirati e più approfonditi tramite FISH. CROMOSOMA DICENTRICO

39

40 Colorazione (bandeggio) Selezione e cattura immagini Elaborazione e cariotipizzazione Conclusione diagnostica (CC) Cariotipo Convenzionale Aspirato midollare (sangue periferico) Conteggio nucleate Semina in terreno Coltura per h Colchicina Fissazione e lavaggi Allestimento dei vetrini Scelta delle sonde Denaturazione e Ibridazione over night Lavaggi e controcolorazione Valutazione immagini Cattura / elaborazione Conclusione diagnostica (FISH) Ibridazione in Situ

41 La Citogenetica Molecolare FISH Permette unanalisi mirata di una regione cromosomica consentendo di mettere in evidenza riarrangiamenti di alcune centinaia di chilobasi. Tale identificazione avviene mediante sonde marcate impiegando fluorocromi che emettono a diverse lunghezze donda.

42 - Sonde centromeriche (o alfoidi): riconoscono brevi sequenze centromeriche di DNA altamente ripetitive, specifiche per ciascun cromosoma. Tali sonde, che generano un segnale intenso. - Sonde locus-specifiche: sono sonde molto piccole che riconoscono porzioni corte del cromosoma; vengono utilizzate per evidenziare aberrazioni che coinvolgono un gene o una parte di esso. - Sonde chromosome painting: riconoscono sequenze specifiche per ogni singolo cromosoma localizzate lungo tutto il suo asse; il cromosoma appare interamente colorato. - Sonde telomeriche: sono utili nell'identificazione di traslocazioni che coinvolgono le regioni telomeriche. SONDE:

43 Metafase e Interfase normaleMetafase Traslocata SONDA (LSI) DOPPIO COLORE PER t(PML /RAR ) DESCRIZIONE METAFASE e INTERFASE NORMALI, MOSTRANO: 4 SEGNALI DUE VERDI (RARA regione 17q21,1) DUE ROSSI (PML regine 15q22). METAFASE TRASLOCATA, MOSTRA: UN SEGNALE VERDE (RARA) UNO ROSSO (PML) e UN SENALE DI FUSIONE DEI DUE GENI GIALLO/BIANCO (PML-RARA) Lab.Oncoematologia Pediatrica (BO)

44 L.A.M. M.4 (Leucemia Acuta Mielomonocitica con eosinofili) Risultato atteso normale patologico Risultato effettivo Locus CBF e relativa sonda Lab.Oncoematologia Pediatrica (BO)

45 I RIARRANGIAMENTI DI QUESTO GENE SONO STATI TROVATI INDISCRIMINATAMENTE IN: LEUCEMIE LINFOBLASTICHE ACUTE (LAL), LEUCEMIE MIELOIDI ACUTE (LAM) LEUCEMIE SCARSAMENTE DIFFERENZIATE O BIFENOTIPICHE IL GENE MLL (Myeloid/Lymphoid Leukemia), noto anche come ALL1 (Acute Lymphoblastic Leukemia) oppure HRX (per lomologia con il gene Trithorax della Drosofila) ANOMALIE DELLA BANDA CROMOSOMICA 11q23 CON RIARRANGIAMENTI DEL GENE MLL LEUCEMIA ACUTA MIELOIDE ( FAB M5)

46 FISH LSI DOPPIO-COLORE La presenza di una traslocazione e evidenziabile dalla formazione di due segnali separati: segnale su cromosoma 11 con MLL :VERDE segnale su cromosoma traslocato: ROSSO segnale su cromosoma 11 normale: GIALLO Posizione del gene MLL

47 Interphase FISH Riarrangiamento di MLL t (?:11) (?;q23) in infant LAM M5 Risultato atteso normale patologico Traslocato Risultato effettivo Normale Lab.Oncoematologia Pediatrica (BO)

48 11q23 Partners ArgBP2 4q35.1 NUOVO PARTNER DI TRASLOCAZIONE DI MLL

49 CARATTERISTICHE FISH PER TEL/AML1 ( LLA) IN NUCLEI E METAFASI NORMALI SI HANNO I 2 SEGNALI ROSSI E 2 VERDI DISTINTI. NEI TRASLOCATI SI OSSERVA UN SEGNALE ROSSO (AML1 NORMALE) GRANDE, UNO VERDE (TEL NORMALE) GRANDE, UNO GIALLO (TEL/AML1 TRASLOCATO) E UNO PICCOLO ROSSO (RESIDUO DI AML1). METAFASE NORMALE METAFASE E INTERFASE TRASLOCATA Lab.Oncoematologia Pediatrica (BO)

50 SONDE CHE COLORANO TUTTO IL CROMOSOMA. painting Metafase con TRISOMIA Metafase normale Lab.Oncoematologia Pediatrica (BO)

51

52 CEP Xp11.1-q11.1 ARANCIO / Yq12 (satellite III)VERDE Lab.Oncoematologia Pediatrica (BO)

53 N-myc e amplificazione HSR : Regione a colorazione omogenea. Lab.Oncoematologia Pediatrica (BO)

54 Ridimensionare il valore prognostico negativo evidenziando la assenza di riarrangiamenti,anche in interfase. Ottenere una maggiore precisione diagnostica. La FISH consente di: Effettuare uno screening su un numero di cellule notavolmente superiore alla citogenetica classica. Rilevare riarrangiamenti criptici in cellule con cariotipo apparentemente normale. Rilevare la presenza di fenomeni di amplificazione genica Identificare nuovi punti di rottura delle traslocazioni.

55 M-fish (Multiplex-FISH ) : uso di 24 sonde painting in fluorescenza per tutti i cromosomi, utile per sensibilità nei cariotipi complessi M-FISH e SKY: multicolor FISH con 24 sonde painting (Speicher et al 1996; : Schrock et al1996);

56 M-FISH applicazioni Identificazione di cromosomi marker, ring, hsr e double minutes; Caratterizzazione di traslocazioni complesse; Identificazione di inserzioni cromosomiche; Individuazione di riarrangiamenti criptici.

57 M-FISH (Multiplex-FISH ) : finalità analisi simultanea di tutto il corredo cromosomico con un approccio rapido: un singolo esperimento per lo studio dellintero cariotipo; sistema affidabile di caratterizzazione contemporanea di tutti i riarrangiamenti cromosomici nella cariotipizzazione di cellule neoplastiche

58 Assegnazione di un colore diverso ad ogni cromosoma. M-FISH Per ottenere la simultanea visualizzazione di tutti i cromosomi vengono impiegate genoteche genomiche, ottenute per flow sorting o microdissezione dei cromosomi metafasici,marcate con 5 diversi fluorocromi o con una combinazione degli stessi. A B C D G F E IBRIDIZZAZIONE A 37°C PER 24/72 ORE CLASSIFICAZIONE DEI COLORI VISUALIZZAZIONE DEI COLORI Separazione dei 24 cromosomi (flow sorted) Marcatura dei singoli cromosomi utilizzando varie combinazioni di fluorocromi Eppendorf con le sonde marcate per i 24 cromosomi Steps di detection per visualizzare le sonde e rimuovere i nucleotidi non legati Acquisizione con microscopio a fluorescenza e camera CCD Lunghezze donda selezionate e normalizzate per ogni cromosoma

59 Ogni cromosoma è marcato con una combinazione unica di massimo quattro dei cinque fluorocromi utilizzati. M-FISH A = Rodamina B = Texas Red C = Cy 5 D = FITC E = Cy 5.5 Si ottiene così una specifica fluorescenza, o spettro, per ciascun cromosoma

60 Le immagini sono catturate con sei differenti acquisizioni M-FISH

61 Combinando le informazioni delle acquisizioni effettuate con i sei filtri passa-banda si ottiene, infine, limmagine totale. M-FISH

62 Marker cromosomici

63 Conclusioni La cariotipizzazione standard è notevolmente implementata dallutilizzo di tecniche multicolor; M-FISH rappresenta un approccio ormai collaudato per lidentificazione di cromosomi marker, riarrangiamenti complessi e/o di dimensioni piccole. Nei casi con 3 o più breakpoint lanalisi M-FISH/SKY ha consentito di individuare, o ridefinire, riarrangiamenti cromosomici in almeno il 50% dei pazienti con LMA e LLA analizzati allesordio della malattia (Veldman et al,1997; Kakazu et al, 1999; VanLimbergen et al, 2002; Nordgren et al, 2002; Calabrese et al, 2002); Sviluppi futuri: Laumento del numero dei fluorocromi impiegati dovrebbe migliorare notevolmente lefficienza dellanalisi e la risoluzione di riarrangiamenti di piccole dimensioni (Saracoglu et al, 2001).

64 CGH e un metodo di citogenetica molecolare per lidentificazione di modificazioni genetiche. Le alterazioni sono classificate come guadagno di DNA (gain) o perdita di DNA (loss). COMPARATIVE GENOMIC HYBRIDIZATION

65 CelluleTumorali Estrazione DNA Marcatura DNA DNAgenomico tumorale DNA tumorale marcato FITC (verde) ibridizzazione Cellule Normali DNAgenomico normale DNA normale marcato TRITC (rosso) Metafasi normali (prefissate sul vetrino) Cattura dellimmagine con microscopio a fluorescenza COMPARATIVE GENOMIC HYBRIDIZATION

66 METAFASE ACQUISITA CON MICROSCOPIO A FLUORESCENZA DAPI (controcolorante) FITC (tumorale) TRITC (normale) SOVRAPPOSIZIONE DELLIMMAGINE

67 Colore rosso: perdita DNA tumorale DNA tumorale DNA normale + + Ibridazione su metafasi normali Colore giallo: normale Colore verde: eccesso di DNA tumorale COMPARATIVE GENOMIC HYBRIDIZATION (analisi dellimmagine)

68 Vantaggi: Analisi dellintero genoma in un solo esperimento Elevata sensibilità per le amplificazioni geniche Svantaggi: Laboriosa. Rileva solo guadagni e perdite, no riarrangiamenti bilanciati Non è informativa sulla natura delle alterazioni cromosomiche. PROFILO:

69 CONCLUSIONI Le sue tecniche, sempre più perfezionate, hanno permesso non solo di ampliare le nostre conoscenze nel campo della patogenesi, ma anche di fornire uno strumento utile per un miglior inquadramento classificativo delle diverse forme morbose. La Citogenetica Molecolare è ormai entrata in tutti i campi della Medicina e, in particolare in quello Ematogico. Lelevata sensibilità di queste tecniche permette in tutti i pazienti con marcatore molecolare una migliore valutazione della risposta terapeutica.


Scaricare ppt "CITOGENETICA E APPLICAZIONI DIAGNOSTICHE La citogenetica classica e molecolare è associata alla diagnostica Morfologica, Fenotipica. Le malattie ematologiche."

Presentazioni simili


Annunci Google