La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

MICROPIPETTE In commercio sono disponibili micropipette manuali, elettroniche, monocanale o multicanale.Quelle manuali sono le più utilizzate allinterno.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "MICROPIPETTE In commercio sono disponibili micropipette manuali, elettroniche, monocanale o multicanale.Quelle manuali sono le più utilizzate allinterno."— Transcript della presentazione:

1 MICROPIPETTE In commercio sono disponibili micropipette manuali, elettroniche, monocanale o multicanale.Quelle manuali sono le più utilizzate allinterno dei laboratori. Si consiglia lutilizzo di puntali monouso; inoltre è opportuno mantenere la pipetta a temperatura ambiente, evitare che subisca urti, tenerla in posizione verticale e procedere ad una regolare pulizia, manutenzione e taratura.

2 AGITATORI MECCANICI, ROTANTI, VIBRANTI (VORTEX) Quando si utilizzano gli agitatori per agitare/mescolare un campione, prima di avviare lapparecchio occorre verificare che: - la velocità di rotazione, od in generale di movimento, sia adatto a non provocare schizzi o rotture dei contenitori; - il contenitore del campione sia integro e sia possibile chiuderlo in modo ermetico e stabile per evitare schizzi; - in caso sia necessario trattenere con le mani il contenitore o il coperchio assicurarsi di poter garantire una buona presa (contenitore e guanti ben asciutti e non unti); - aprire i contenitori sotto cappa attendendo qualche minuto prima di sollevare il coperchio per permettere agli aerosol di depositarsi. Indossare DPI (dispositivi protezione individuale) durante le operazioni: guanti, protezione per il viso, camice monouso. È importante che la centrifuga sia dotata di una regolazione del freno, dato che è importante evitare che il rotore venga frenato bruscamente se si sta effettuando la separazione di cellule su gradiente.

3 BAGNI TERMOSTATATI Sono apparecchi costituiti da vasche che possono contenere anche notevoli quantità di acqua che viene riscaldata da resistenze elettriche immerse, utilizzate per scopi diversi (inattivazione di sieri, incubazione di reazioni biochimiche, colture batteriche, ecc.). Per rendere omogenea la temperatura nella vasca è installato un sistema di ricircolo o agitazione dell'acqua, oppure può essere necessario un movimento controllato del materiale in incubazione; in ogni caso occorre verificare che non vengano prodotti schizzi o fuoriuscite accidentali di liquido o dei campioni. Sono da preferirsi bagni termostatati con coperchio inclinato che impedisce la caduta delle gocce di vapore condensato sui campioni in esame. Dopo l'apertura del bagno termostatato non appoggiare mai il coperchio in vicinanza di cavi, prese, apparecchi elettrici sotto tensione. Si consiglia inoltre di: - installare il bagno termostatato lontano da qualsiasi derivazione elettrica sotto tensione (prese, cavi, apparecchi). - riempire il bagno termostatato con acqua distillata meglio se con l'aggiunta di un antimuffa o antimicrobico (non utilizzare azide sodica poiché può formare composti altamente esplosivi a contatto con ottone, piombo, rame). - sostituire l'acqua almeno 1 volta alla settimana e ogni volta che appare sporca o si contamina (es. rovesciamento di campioni di siero) e in tal caso smaltirla come rifiuto biologico. - periodicamente procedere ad una pulizia approfondita del bagno indossando i guanti. - evitare di immergere nell'acqua le mani nude. - verificare sempre, prima di procedere ad una incubazione, la termoresistenza dei contenitori che si intendono impiegare: ciò permette di evitare la dispersione di materiale biologico potenzialmente infetto. - verificare anche le caratteristiche chimico-fisiche della sostanza impiegata (punto di ebollizione, d'infiammabilità ecc.).

4 FRIGORIFERI, CONGELATORI, CONTENITORI PER CAMPIONI IN AZOTO LIQUIDO I frigoriferi, i congelatori, i contenitori per campioni in azoto liquido sono utilizzati in laboratorio per conservare campioni biologici, reagenti. Occorre osservare corrette procedure di installazione (lontano da fonti di calore, staccati dalle pareti) ed utilizzo (non aprirli di frequente e inutilmente, non conservare prodotti infiammabili). I contenitori devono essere adatti a sopportare le basse temperature richieste per la conservazione del materiale ed è necessario seguire alcune precauzioni: - evitare di riempire eccessivamente i contenitori destinati al congelamento; - tutti i contenitori conservati nei frigoriferi, congelatori, bomboloni di azoto devono essere chiaramente etichettati, il materiale privo di etichetta dovrebbe essere eliminato, previa sterilizzazione. In aggiunta ai guanti per la protezione biologica, indossare i guanti di protezione da basse temperature per estrarre e manipolare i campioni conservati a -80°C e in azoto liquido per evitare ustioni da freddo. È buona norma pulire i frigoriferi e i congelatori, scongelarli periodicamente e verificarne il buono stato del contenuto, ed eliminare i contenitori rotti. Durante la pulizia si devono indossare guanti di gomma pesante ed utilizzare pinze per asportare frammenti di vetro o plastica. Dopo la pulizia procedere alla disinfezione delle superfici del frigorifero/congelatore.

5 AZOTO LIQUIDO (1) Indicazioni per l'uso in sicurezza di azoto liquido Negli ambienti ospedalieri e nei laboratori universitari l'azoto è stoccato e utilizzato allo stato liquido e viene adoperato essenzialmente per usi criogenici. In tale condizione i rischi dovuti all'utilizzo dell'azoto liquido sono: Rischi derivanti dall'utilizzo dell'azoto liquido Possibilità di formazione di atmosfere sotto ossigenate: dai recipienti chiusi in pressione possono scaricarsi quantità di fluido dalle valvole di sicurezza per il verificarsi di improvvise sovrapressioni; dai recipienti a cielo aperto (non in pressione) si ha continua evaporazione del liquido; quando vengono introdotti nel liquido materiali a temperatura ambiente si ha l'ebollizione del liquido con emissione di notevoli quantità di vapori; durante le operazioni di travaso di azoto liquido si ha la formazione di grandi quantità di vapori; spandimenti accidentali di azoto liquido sul pavimento o su altre superfici danno origine alla formazione di vapori oltre che al congelamento delle superfici interessate. Contatto con il liquido o vapori freddi dovuti a : spruzzi sul viso o altre parti del corpo di liquido durante le operazioni di travaso o riempimento di un contenitore caldo (a temperatura ambiente); contatto accidentale delle mani o altre parti del corpo con tubazioni fredde non isolate (la pelle può incollarsi alla tubazione e lacerarsi nel tentativo di staccarsi dalla tubazione); penetrazione del liquido all'interno delle calzature.

6 AZOTO LIQUIDO (2) Misure preventive da attuare Di tipo ambientale: il deposito e/o l'utilizzazione dell'azoto liquido devono avvenire in locali NON confinati (possibilmente all'aperto); in ogni caso non sono idonee le camere fredde o le stanze frigo; i locali devono essere provvisti di aperture, prive di serramenti, atte ad assicurare il necessario numero orario di ricambi d'aria (in ogni caso devono essere presenti almeno le aperture previste per l'uso del gas); il mantenere le finestre aperte non è ritenuto sufficiente; devono essere presenti aperture fisse protette da griglie; se la ventilazione naturale (aperture) non risulta sufficiente, i locali devono essere provvisti di idonei mezzi di ventilazione meccanica ubicati a livello pavimento o delle parti più basse del locale in grado di eliminare i vapori di azoto che si formano sia in caso di normale funzionamento delle apparecchiature sia in caso di funzionamento anomalo o di spandimento accidentale; i locali per deposito e/o utilizzo dell'azoto liquido non devono essere sotterranei; nei locali di deposito e/o utilizzazione dell'azoto liquido non devono essere presenti tombini, fosse, cunicoli e altro. non imprigionare l'azoto liquido in una tubazione delimitazione delimitata da due valvole senza aver intercalato tra di esse una valvola di spurgo o una valvola di sicurezza.

7 AZOTO LIQUIDO (3) Misure preventive da attuare di tipo personale (Dispositivi di Protezione Individuali): usare occhiali a tenuta con visiera durante le operazioni per le quali si prevedono spruzzi di liquido (travasi e altro); indossare guanti antiustione molto larghi in modo da poterli sfilare facilmente; indossare pantaloni lunghi o tuta contro gli spruzzi alle gambe o altre parti del corpo; se le operazioni di manipolazione o utilizzo di azoto dovessero avvenire, anche temporaneamente, in ambienti con ventilazione naturale e/o meccanica potenzialmete insufficienti, l'attività deve essere svolta allertando almeno un altro operatore e necessariamente deve essere utilizzato un opportuno analizzatore (ossimetro) anche portatile, con segnalatore acustico-luminoso in grado di avvisare l'operatore se nel locale la concentrazione di ossigeno e inferiore al 18%; in caso di segnalazione di pericolo di sottossigenazione è necessario allontanarsi immediatamente dal locale ed avvisare i preposti; è necessario astenersi da qualsiasi attività in locali in cui vi sia una sottossigenazione, a meno che non si disponga di un idoneo resporatore autonomo per il quale si sia stati addestrati all'uso, che deve essere indossato fino a quando nel locale la concentrazione di ossigeno non superi il 18%.

8 INCUBATORI (1) Molti tipi di cellule animali richiedono per una crescita ottimale una temperatura di circa 37°C ed un terreno ad un pH compreso tra 7.0 e 7.2. Vengono quindi mantenute alla temperatura ottimale o negli incubatori oppure in apposite camere termostatiche. La natura dei prodotti secondari del metabolismo cellulare è tale da rendere il medium piuttosto acido. Data la scarsa tolleranza delle cellule a cambiamenti eccessivi di pH è necessario tamponare. Un sistema molto usato è il tampone bicarbonato\CO 2, che richiede un apporto di CO 2 nellincubatore e bicarbonato nel medium. Per questo tipo di colture sono quindi necessari incubatori in grado di controllare sia la temperatura che la miscela di gas: di solito si opera a 37°C con il 95% di aria e il 5% di CO 2, mentre nella maggior parte dei casi lumidità viene mantenuta da una vaschetta dacqua posta sul fondo dellincubatore.

9 INCUBATORI (2) Le normali indicazioni duso prevedono la protezione delle pareti dellincubatore dalla luce solare diretta. È da evitare inoltre lintroduzione di grandi quantità di materiale lasciando spazi per permettere la circolazione dellaria. La normale manutenzione prevede pulizia, decontaminazione e rimozione della polvere dal sistema di ventilazione. Occorre inoltre controllare giornalmente la temperatura dellincubatore con un termometro il cui bulbo sia immerso in glicerolo contenuto in una bottiglia sigillata, oppure, qualora ne siano dotati, controllando la temperatura indicata dal termometro permanente installato sullapparecchiatura. La deviazione tra la temperatura impostata e quella rilevata non dovrà essere superiore a ±1° per i termostati/frigotermostati impostati a 20°, a 37° e a 44°. Per la taratura, e quindi per il controllo del termometro permanente, utilizzare un termometro di riferimento certificato (fatto tarare annualmente da un centro SIT) inserito nella camera del termostato e registrare i valori di temperatura per un intervallo di tempo di almeno 4 ore con frequenze di 30 min avendo cura di non aprire lo sportello del termostato durante lesecuzione del controllo. È bene annotare gli esiti del controllo di taratura su apposito registro, riportando per ogni rilevamento: lora in cui il rilevamento è stato effettuato; il valore di temperatura letto sul termometro campione di riferimento; il valore di temperatura letto sul termometro permanente installato sullapparecchiatura; la deviazione evidenziata; la deviazione massima ammissibile; la data di effettuazione, la data del successivo controllo di taratura. Si consiglia, per avere un buon funzionamento dell'incubatore, di farlo controllare da tecnici esperti.

10 INCUBATORI (3) Gli incubatori umidificati sono una fonte di contaminazione molto alta sia per i campioni biologici che per l'ambiente circostante, dovrebbero quindi essere puliti rgolarmente. Prima della pulizia rimuovere il contenuto (fiasche, piastre, ripiani, vassoi etc...) dall'incubatore, pulire poi la parte interna con un detergente non tossico e rimuovere le tracce di detergente con alcol al 70% che dovrebbe essere fatto evaporare completamente prima di riporre ripiani (anch'essi puliti), vassoi, fiasche e piastre. Se si lavora con cellule che possono essere pericolose si consiglia di riporre le fiasche o le piastre in contenitori di plastica trasparente con coperchio sigillabile. In caso di versamento delle colture cellulari autoclavare l'acqua contenuta nell'incubatore prima di eliminarla. Per operazioni con microrganismi di classe 4 o di classe 3 trasmissibili per via aerea sono consigliati incubatori con sistema di aspirazione dell'aria e relativa espulsione esterna attraverso filtri HEPA oppure posizionare gli incubatori sotto sistemi aspirati con filtrazione dell'aria attravero filtri HEPA. Per operazioni con microrganismi di classe 4 o di classe 3 trasmissibili per via aerea sono consigliati incubatori con sistema di aspirazione dellaria e relativa espulsione esterna attraverso filtri HEPA oppure posizionare gli incubatori sotto sistemi aspirati con filtrazione dellaria attraverso filtri HEPA.

11 ESTRAZIONE RNA MEDIANTE KIT QIAGEN Buffer RTL contiene guanidina tiocianato: nocivo. Frasi di rischio: - R20/21/22 nocivo per inalazione, a contatto con la pelle e se ingerito; - R32 a contatto con acidi libera gas molto tossici; - S13 tenere lontano dal cibo, bevande e foraggi per animali; - S26 in caso di contatto con gli occhi risciacquare immediatamente con abbondante acqua e contattare un medico; - S36 vestiario adatto di protezione; - S46 se ingerito contattare subito il medico e mostrare il contenitore o letichetta. 2-mercaptoetanolo Buffer RW1 contiene etanolo R10 infiammabile e guanidina tiocinato. I buffer RTL e RW1 contengono un sale guanidina e perciò non compatibile con reagenti disinfettanti contenenti candeggina. La guanidina è un irritante per occhi e pelle. Prendere appropriate misure di sicurezza e maneggiare con i guanti.


Scaricare ppt "MICROPIPETTE In commercio sono disponibili micropipette manuali, elettroniche, monocanale o multicanale.Quelle manuali sono le più utilizzate allinterno."

Presentazioni simili


Annunci Google