La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Lezione 21 LEuropa dalla ricostruzione alla crisi del comunismo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Lezione 21 LEuropa dalla ricostruzione alla crisi del comunismo."— Transcript della presentazione:

1 Lezione 21 LEuropa dalla ricostruzione alla crisi del comunismo

2 LEuropa degli anni 50

3 Le democrazie dellEuropa Occidentale fino agli anni 70 Politica struttura rappresentativa: –sovranità popolare esercitata attraverso il voto libero e uguale –partiti politici mediatori e interpreti di interessi diversificati –centralità della rappresentanza parlamentare pluralismo politico principio dellalternanza nel governo dello stato ECONOMIA Miracolo economico Sviluppo economico sostenuto dallo stato I diritti sociali: –incremento della spesa pubblica –piena occupazione –sicurezza sociale Stato sociale

4 La spesa per lo stato sociale: quota percentuale del Pil nel 1992 nei paesi dellUnione Europea Istruzione di base Assistenza sanitaria Sussidi per i bisognosi Assistenza di invalidità e vecchiaia Promozione risorse culturali Difesa dellambiente

5 Crisi degli anni 70 Crisi USA –Bilancia dei pagamenti in rosso –Politiche protezioniste –Indebolimento sul piano internazionale (Vietnam) Crisi mondiale Shock petrolifero (1973) Inflazione Diminuzione consumi Stagnazione produzione e crisi industriale Inizio sviluppo postindustriale: -Terziarizzazione - Rivoluzione informatica -Delocalizzazione

6 Il blocco comunista in Europa

7 Le democrazie popolari Economia Politica –regime a partito unico –o formalmente pluralista, però con legemonia del partito comunista –rigido controllo del partito sullelezione della rappresentanza politica –formalmente seguite le regole della democrazia –in realtà controllo totale della segreteria dei partiti comunisti identificazione dello stato con il partito Controllo statale della produzione Pianificazione Industria pesante sviluppo intenso: il reddito nazionale crebbe 4 volte produzione industriale 7 volte ma distorto: a favore dellUrss armamenti

8 La sovranità limitata Ungheria 1956: rinnovamento politico Cecoslovacchia 1968: primavera di Praga Iugoslavia: via autonoma al socialismo Rottura politica e isolamento economico Intervento militare URSS

9 Crisi del sistema ( ) ECONOMIA –Crisi economica –Crescita spese militari –Peggioramento condizioni di vita POLITICA E SOCIETà –Burocrazia sclerotizzata (Nomenklatura) –Crisi ideologica Risposte: -Espansione imperiale (Breznev) -Riforme (Gorbaciov)

10 LURSS alla vigilia del crollo

11 Lex-URSS

12 LEuropa dopo la fine dei regimi comunisti

13 La Iugoslavia di Tito: 1948 – 1974 tentativo di creare unidentità nazionale superiore, ideologica : –nazionalità viste come risultato di una storia capitalista e borghese, –il socialismo avrebbe creato un uomo nuovo, non definito etnicamente Il successo, finché visse Tito, fu dovuto –alla sua autorità che aveva vinto Hitler e si era ribellato a Stalin –leadership dei paesi non allineati –progetto di una via nuova al socialismo: autogestione

14 Le repubbliche iugoslave fino al 1991 (divisione e numero di abitanti)

15 "La Jugoslavia ha sei repubbliche, cinque nazioni, quattro lingue, tre religioni, due alfabeti e un solo partito". (J. Tito) Un dedalo di etnie

16 Il peso delle etnie nel 1981 Serbi Croati Musulmani Sloveni Albanesi Macedoni Montenegrini Ungheresi Romi Iugoslavi Più: austriaci, bulgari, cechi, greci, italiani, ebrei, tedeschi, polacchi, romeni, russi, ruteni, slovacchi, turchi, ucraini, aromuni e altri. Totale:

17 Fallimento del Stato nazionale di Tito Dopo morte di Tito (1980) –non vi è una personalità altrettanto autorevole –il processo di unità non è consolidato fallisce il progetto di autogestione –la crisi degli anni 70 ne rivela la debolezza riappaiono le differenze socio-economiche tra le parti dello stato –Slovenia e Croazia più vicine allEuropa –le altre regioni penalizzate dallarretratezza

18 La dissoluzione della Iugoslavia cronologia della guerra in Bosnia 1991Slovenia e Croazia dichiarano lindipendenza. 1992(gennaio) LUnione Europea riconosce le due repubbliche secessioniste (marzo) referendum in Bosnia: il 63% a favore dellindipendenza. Inizia la guerra in Bosnia intervento Onu per proteggere i civili Sarajevo e Zagabria firmano un accordo che prevede la formazione di una federazione croato- musulmana (agosto) azione Nato contro gli obiettivi serbi. 1995(novembre) a Dayton (in Ohio) viene raggiunto laccordo di pace, 1995 (dicembre) è firmata la pace a Parigi


Scaricare ppt "Lezione 21 LEuropa dalla ricostruzione alla crisi del comunismo."

Presentazioni simili


Annunci Google