La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ITALO SVEVO Ho eliminato dalla mia vita quella ridicola e dannosa cosa che si chiama letteratura Pagg. 604-616; 620-625; 641-646.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ITALO SVEVO Ho eliminato dalla mia vita quella ridicola e dannosa cosa che si chiama letteratura Pagg. 604-616; 620-625; 641-646."— Transcript della presentazione:

1 ITALO SVEVO Ho eliminato dalla mia vita quella ridicola e dannosa cosa che si chiama letteratura Pagg ; ;

2 DannunzioSvevo arte come vita arte come spettacolo vita tutta dentro svolgimento interiore letteratura per esibizionismo letteratura come artificio letteratura per scrittura letteratura come terapia sublimeumoristico registro altoregistro comico un vate con laureola un romanziere sovversivo Confronto

3 Biografia , Trieste: nato da agiata famiglia ebrea e studi commerciali 1880: crisi economica della azienda paterna e occupazione in banca : pubblicazione prima opera Una vita e Senilità 1905: amicizia con Joyce e prima conoscenza pensiero di Freud 1923: pubblicazione La coscienza di Zeno 1928: muore per un incidente dauto IS, pseudonimo di Aron Hector Schmitz, in ricordo della ebrea italiana e del padre ebreo austriaco Trieste (austriaca fino al 1919), città di origine multietnica perla compresenza etnie (italiana, austriaca, slava) e di conseguenza multiculturale Area geografica intensamente connessa allEuropa Introspezione interiore capace di percepire la crisi della borghesia

4 Freud e la psicoanalisi PRECONSCIO: ricordi che, pur essendo momentaneamente inconsci, possono divenire consci, in virtù di uno sforzo dellattenzione RIMOSSO: elementi psichici stabilmente inconsci che sono mantenuti tali da una forza specifica- la rimozione- che può venir superata solo in virtù di tecniche apposite. - ipnosi - libere associazioni - transfert Conoscenza dellinconscio Inconscio LInconscio costituisce la realtà abissale primaria di cui il conscio è solo la manifestazione visibile. LE TRE ISTANZE DELLA PSICHE Es: polo pulsionale della personalità Super-Io: linsieme delle proibizioni che sono instillate alluomo nei primi anni di vita e che poi lo accompagnano sempre Io: parte organizzata della personalità che si trova a dover equilibrare le pressioni e le esigenze dellEs, del Super-io e del mondo esterno NORMALITA NEVROSI I sogni come appagamento camuffato di un desiderio rimosso Lapsus, errori, dimenticanze quotidiane

5 Rappresentazione di personaggi capaci di riflettere con realismo, la mentalità, i vizi, le virtù e le nevrosi della borghesia di quel tempo Figura dellinetto del non-atto, colui che non agisce in assenza di capacità e volontà Linsoddisfazione perenne della propria vita La realtà come buffa commedia, indecifrabile caos, felicità e salute irrealizzabili Tramonto definitivo del mito positivo romantico e borghese, affermazione uomo privo di qualità Inettitudine e insuccesso sullo sfondo del male di vivere Ruolo dellantieroe dietro protagonisti dei tre romanzi: gli inetti Una vita, Senilità, La coscienza di Zeno: Alfonso Nitti, Emilio Brentani, Zeno Cosini Senso sconfitta, amarezza per fallimento, ambiguità rapporti società oppressiva, alienante, corrotta, priva di ideali, valori e significati utili per la vita delluomo Linettitudine

6 Il capolavoro Pubblicazione a distanza di 25 da Senilità Motivi dellimproduttività: reazioni negative di critica e pubblico, lavoro in banca, letterato non professionista Caratteri molto innovativi della prosa sveviana, gusto pubblico non in linea con tale produzione Amicizia con Joyce spinta a notorietà autore Coscienza morale e consapevolezza (acquisita o quasi) Romanzo psicoanalitico: Z. non racconta la propria vita (fatti esterni in ordine cronologico) ma la propria malattia (fatti interiori raggruppati per tematiche) Nel romanzo si parla spesso di sogni, lapsus, atti mancati, sensi di colpa Zeno Cosini, antieroe e inetto, triestino, borghese, giovinezza dagli studi universitari inconcludenti Rapporto conflittuale con il padre: il vizio del fumo Alla morte del padre, nuova figura paterna: Giovanni Malfenti

7 Proposta fidanzamento ad Ada Malfenti : primo fallimento Seconda proposta alla sorella Alberta: rifiuto e nozze con la sgraziata Augusta Relazione extra-coniugale Carla, che lo abbandonerà per un altro uomo Attività lavorativa: società con Speier, marito di Ada Fallimento società: suicidio di Guido e inizio percorso psicologico per Zeno La terapia ai sensi di colpa e dolori psicosomatici: la scrittura di memoriale Fallimento cura, disturbi acuiti e abbandono dottor S. (vendicativa pubblicazione memorie) Autoconvincimento di Zeno della propria guarigione: la riflessione sulluomo Rapporto ambivalente fra Zeno e il padre: odio-amore reciproca mancanza di fiducia Svalutazione di Zeno da parte del padre: affidamento patrimonio famigliare a Olivi Vizio fumo, strategia per adottare la impositiva forza virile del padre da cui si discosta Schiaffo del padre in punto di morte a Zeno: evento tragico e ricordo doloroso continuo Matrimonio con Augusta Malfenti: scelta inconscia (figura madre Zeno dietro Augusta) Fragilità sistema di idee delluniverso di Zeno Giudizio impietoso su Augusta: ottusa, sempliciotta e ignorante Affetto sincero anche durante la relazione extraconiugale

8 Ambiguità rapporto padre-amante: ruolo pater familias e amante di Carla Relazione fisica e passionale, nonostante gli scripoli verso Augusta Le autogiustificazioni di Z. e la fine del rapporto extraconiugale Rapporto difficolto con Guido: il nuovo rapporto di amicizia con Ada Il segreto piacere nellassistere alla sua rovina e al tradimento della moglie Dopo il suicidio di Guido, miglioramento economico di Zeno: la rivalsa La critica impietosa psicanalisi e il transfert freudiano La psicoanalisi come fonte di ispirazione per la letteratura Innovativo impianto narrativo: abbandono narrazione in terza persona Romanzo come memoriale del protagonista stesso, dietro input psicologo Narrazione in 1° persona, scritta dal protagonista stesso (narrazione autodiegetico) Largo uso di flashback e base umoristica Doppio tempo narrativo (Zeno narratore – Zeno personaggio) Stile non elegante e antiletterario (Svevo ebbe sempre difficoltà con la lingua italiana), ricco di espressioni in dialetto triestino e di tedeschismi

9 Inaffidabilità testimonianza Zeno in quanto colpito da nevrosi Autobiografia caratterizzata da tentativi di autogiustificazione del protagonista Menzogne dalla radice inconscia: autoinganni per tacitare il senso di colpa Tempo storia: misto, impostazione soggettiva, continuo mescolarsi ricordi protagonista Memorie divise per temi associati alle porzioni di vita di Zeno in intreccio con altre Narrazione tra analessi e prolessi Inettitudine di Zeno non del tutto negativa: straniamento dal mondo Intenzionalità di sfuggire alla società del tempo, vera patologica Malattia di Zeno, modalità di reazione alla cristallizzazione e alla necrosi spirituale Funzione positiva dellinettitudine, non come marchio di inferiorità La coscienza di Zeno, capolavoro della letteratura - romanzo psicanalitico Racconto narrato in prima persona (assenza del narratore oggettivo) Uso del monologo interiore (il protagonista analizza se stesso) Struttura aperta: vicende ad orientamento tematico, non cronologico Ambiguità dei contenuti: la verità dissimulata Complessità del rapporto fra sanità e malattia Nuova considerazione dellinetto

10

11

12

13 Una vita (1892) Narrazione oggettiva capace di descrivere il grigiore della vita impiegatizia Elemento di novità: analisi psicologica Inettitudine come categoria dellesistenza, caratterizzata da inadeguatezza, malattia, rinuncia alla volontà (noluntas) Autobiografismo e intreccio con gli altri romanzi Alfonso fratello di Emilio e di Zeno Gli uomini sani: vittoriosi ma inconsapevoli dellunica vincitrice, la Natura Gli uomini malati: perdenti ma privilegiati dalla coscienza dotati di libertà morale (fino al suicidio) e capacità di sogno, voli pindarici, ironia

14

15

16 Senilità (1898) Protagonista, il triestino Emilio Brentani (35 anni), impiegato vile dalle velleità letterarie Figura materna rappresentata dalla sorella Amalia Importante figura di Stefano Balli, amico scultore Angiolina: figura di popolana, spregiudicata e vitale, disinvolta Morte di Amalia e il distacco da Angiolina Senilità come condizione psicologica Emilio come Alfonso è un inetto, diviso tra laspettativa del successo mondano e letterario Incapacità di scegliere tra due donne antagoniste e investimenti nelle costruzioni mentali Lautoinganno: la teoria per i malati e la salute per i sani Focalizzazione interna fissa

17

18 I protagonisti dei romanzi Sono vinti da uno status psicologico che li rende incapaci di vivere Sentono il disagio nel rapporto con gli uomini e con la società Non oppongono valori ideali o alternative, se non la passività, lestraneità, linganno a se stessi e agli altri Capovolgimento del rapporto tra sanità e malattia


Scaricare ppt "ITALO SVEVO Ho eliminato dalla mia vita quella ridicola e dannosa cosa che si chiama letteratura Pagg. 604-616; 620-625; 641-646."

Presentazioni simili


Annunci Google