La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IL BUSINESS PLAN. Finalità del business plan fornire al finanziatore informazioni dettagliate su tutti gli aspetti dellazienda (storia dellazienda e sue.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IL BUSINESS PLAN. Finalità del business plan fornire al finanziatore informazioni dettagliate su tutti gli aspetti dellazienda (storia dellazienda e sue."— Transcript della presentazione:

1 IL BUSINESS PLAN

2 Finalità del business plan fornire al finanziatore informazioni dettagliate su tutti gli aspetti dellazienda (storia dellazienda e sue attività attuali), per poterne così valutare le prospettive future; sviluppare una guida da usare in tutto larco di vita dellattività economica.

3 Informazioni necessarie agli investitori il vostro passato debitorio, ovvero una documentazione sulla vostra affidabilità; garanzie collaterali offerte; il piano di rientro, ovvero la capacità dellazienda di rifondere il capitale prestato maggiorato degli interessi; la dimostrazione della richiesta dei vostri prodotti da parte del mercato-target;

4 Gli elementi del business plan Le diverse parti del business plan sono articolate come segue: - copertina; - dichiarazione degli intenti; - descrizione aziendale; - descrizione dellambiente esterno - il piano organizzativo; - il piano di marketing; - documentazione economico-finanziaria; - documentazione di supporto.

5 Struttura business plan dichiarazione degli intenti descrizione aziendale e SWOT descrizione del mercato (in generale) descrizione del mercato (in particolare) concorrenza e posizionamento Indagine di mercato (focus o quest.) segmentazione e scelta del target marketing mix: prodotto prezzo comunicazione distribuzione piano d'azione (Gantt, …) Piano degli investimenti valutazione dell'investimento calcolo del Breack even point calcolo del VAN, TIR

6 La copertina La copertina è la prima pagina del business plan e costituisce la vostra presentazione. Le informazioni che deve contenere sono: - nome dellazienda; - indirizzo dellazienda; - logo, se esiste; - nomi, titoli, indirizzi e numeri di telefono dei proprietari o degli amministratori della società; - mese e anno di elaborazione del piano; - numero della copia; - nome dellestensore.

7 La dichiarazione degli intenti Executive summary La dichiarazione degli intenti sintetizza gli assunti del business plan. Anche se viene posta allinizio del piano è consigliabile scriverla dopo che questo è stato completato, quando saranno disponibili tutte le informazioni ed i dati economico-finanziari necessari. E necessario essere concisi e chiari, limitando il contenuto della dichiarazione ad una pagina. Descrivere il progetto utilizzando un linguaggio comprensibile anche al personale non specializzato

8 Obiettivi del progetto Obiettivo principale del progetto Correlazione con altri progetti Scadenze da rispettare

9

10 La nostra impresa Punti di forza e di debolezza della nostra struttura: –Produttiva –Commerciale –Finanziaria

11 Il team imprenditoriale a) i componenti del gruppo; b) esperienze dei componenti del gruppo; c) ruoli chiave nel progetto/impresa; c1) soggetti preposti per i ruoli chiave; c2) prospettive future di assetto del team.

12 Il patrimonio tecnico-industriale a) politiche di acquisizione dei brevetti, know-how; b) accordi a livello produttivo; c) le scelte di produzione interna o di acquisizione presso terzi; d) le modalità di approvvigionamento; e) la struttura produttiva; f) i tempi, i modi e i costi per la predisposizione o per l'adeguamento della struttura produttiva;

13 Il patrimonio tecnico-industriale g) composizione e natura dei costi di produzione; h) la struttura di ricerca e sviluppo; i) accordi di ricerca e sviluppo; l) i tempi, i modi e i costi per la predisposizione o per l'adeguamento della struttura di ricerca e sviluppo; m) il controllo della qualità.

14 Network a) sintesi delle alleanze e degli accordi già raggiunti con altre aziende; b) identificazione di possibili alleanze future; c) le relazioni industriali poste in essere.

15 Ambiente mercato Opportunità e rischi rilevati nellambiente esterno –Macroambiente –Domanda –Prodotti aziendali –Concorrenza

16 Analisi del mercato Descrizione delle caratteristiche della domanda Illustrazione delle principali indagini condotte Segmentazione proposta e motivazioni

17 Il prodotto/servizio a) descrizione del bisogno che sintende soddisfare; b) descrizione del prodotto/servizio; c) presenza di eventuali brevetti o licenze; d) modalità di utilizzo ed elementi di interesse; e) fase dello sviluppo in cui si trova (crescita, maturità, declino); f) tempi, modalità e costi per la messa a punto del prodotto/servizio nuovo (nel caso di avvio o di programmi di sviluppo).

18 Il mercato di sbocco a) descrizione del mercato e dei suoi segmenti; b) dimensioni e prospettive di sviluppo della domanda; c) risultati delle ricerche di mercato (se svolte); d) potere contrattuale dei clienti; e) dimensioni e prospettive di sviluppo del/i segmento/i di mercato in cui si opera (tasso di crescita, determinanti della crescita, stagionalità / ciclicità).

19 Analisi della concorrenza Società concorrenti –(se opportuno, inserire una diapositiva per ciascuna società concorrente) Punti di forza –punti di forza rispetto alla concorrenza Punti deboli –punti deboli rispetto alla concorrenza Posizionamento prescelto

20 La concorrenza a) descrizione della struttura dellofferta; b) situazione e grado di turbolenza tecnologica del settore; c) profilo dei principali concorrenti; d) grado di competitività del settore; e) perché i prodotti della concorrenza non soddisfano pienamente le esigenze del mercato

21 La concorrenza f) come si pensa di superare le barriere all'entrata del settore; g) definizione delle barriere all'uscita; h) barriere all'entrata nei confronti dei concorrenti potenziali; i) identificazione dei prodotti/servizi sostitutivi.

22 I mercati di approvvigionamento a) identificazione delle principali fonti di approvvigionamento; b) descrizione delle principali caratteristiche delle fonti di approvvigionamento (costanza dellofferta, affidabilità dei fornitori, …); c) fonti chiave di approvvigionamento; d) potere contrattuale dei fornitori.

23 La strategia aziendale (come risultato dellanalisi dei punti di forza e di debolezza dellimpresa e delle opportuntà e rischi dellambiente esterno) Obiettivi generali (aumento fatturato, riduzione/aumento degli investimenti, riduzione costi, ecc.) Stanziamenti finanziari previsti Tempi …… ….

24 Il piano di marketing Il piano di marketing è la seconda delle sezioni principali del business plan.Qui saranno riunite le informazioni relative al mercato nel suo insieme con unenfasi particolare sul vostro segmento specifico. Gli argomenti da affrontare saranno: - target o mercato di riferimento; - concorrenti; - metodi di distribuzione; - attività promozionale; - prezzi; - design del prodotto; - scelta dei tempi dingresso nel mercato; - ubicazione; - tendenze del settore.

25 Strategia di marketing Descrizione dei vincoli imposti dalla SA (budget, tempi, …) Analisi di segmentazione Analisi di posizionamento Definizione del marketing mix per segmento –Caratteristiche del prodotto oggetto SM (gamma,qualità,nome,confezione, …) –Prezzi (politiche di prezzo, tempi di pagamento, ecc.) –Comunicazione (strategie e mezzi di comunicazione) –Distribuzione (canali, provvigioni, ecc.)

26 Il programma dazione Le azioni chiave di successo e milestones Lorganizzazione aziendale richiesta (personale e macchinari) Il diagramma di Gantt delle operazioni previste

27 Le indagini di mercato (per approfondire specifici aspetti per la definizione del marketing mix) Indagini quantitative dirette con questionario Indagini qualitative tramite focus group

28 Il piano degli investimenti Costi Tempi Finanziamenti

29 Documentazione economico- finanziaria La documentazione economico-finanziaria comprende tutti i documenti usati per mostrare la situazione economico-finanziaria del passato, del presente e le previsioni per il futuro.I documenti saranno: - riepilogo delle esigenze finanziarie; - rapporto di allocazione del fondo prestiti; - rendiconto di cash flow (budget); - conto economico triennale; - analisi del punto di pareggio; - stato patrimoniale; - conto economico; - richiesta di finanziamento.

30 Le proiezioni economico- finanziarie a) conti economici previsionali; b) stati patrimoniali previsionali; c) flussi finanziari previsionali; d) indici di sviluppo, di redditività, liquidità e solidità e) analisi del punto di pareggio finanziario (Ricavi totali=Costi totali); f) i rischi finanziari connessi.

31 La valutazione economica Costi di investimento Costi di gestione Ricavi –Iniziali, per il periodo di transizione, a regime Calcolo del breack even point a regime per la conoscenza delle quantità vendute (prezzo) minime per conseguire reddito

32 Breack even point a regime

33 La valutazione dellinvestimento La scelta del saggio di interesse alternativo La valutazione dellinvestimento –Obiettivo –Costi e ricavi –Criteri di valutazione

34 Il budget CONTO ECONOMICO PREVISIVO –Ricavi previsti Previsioni sulla produzione vinicola Previsioni sulle altre produzioni Previsioni sui prezzi Budget delle vendite Rimanenze finali –Investimenti Costi di investimento Quote dammortamento Previsione dei costi diretti Oneri finanziari

35 IL BUDGET (2) –I COSTI COSTI DI PRODUZIONE –VINO –ALTRO COSTI DI VENDITA COSTI DI AMMINISTRAZIONE –GLI ONERI FINANZIARI (da situazione patrimoniale previsiva)

36 IL BUDGET (3) LA S.P. PREVISIVA –Le immobilizzazioni materiali Situazione preesistente + investimenti –Le disponibilità Rimanenze da CE Crediti da Ricavi + politiche di vendita Eventuale saldo a pareggio –Liquidità Banche da analisi del cash flow

37 IL BUDGET (4) –Le passività consolidate Mutui per investimenti –Passività a breve Quota capitale anno successivo Fornitori (costi di produzione + politiche commerciali) Eventuale saldo a pareggio –Poste rettificative Fondi imposte e fondi rischi coerenti con le altre voci previste –Capitale netto Utile o perdita da CE

38 Rapporto di allocazione del fondo prestiti I finanziatori richiederanno un documento che dichiari come verrà impiegato il denaro preso in prestito. Sarà pertanto necessario specificare: - come intendete impiegare il fondo prestiti; - supportare il documento con note informative.

39 Rendiconto di cash flow Esso stima quanto denaro entrerà o uscirà dalla azienda in un determinato periodo di tempo; esso identifica quando si prevede di incassare contante e quando deve essere speso per pagare fatture e debiti. Questo rendiconto considera solamente le transazioni reali di contante e non contempla deprezzamenti, ammortamenti…

40 Le voci del rendiconto di cash flow Previsione dei ricavi Acquisti di scorte Costi variabili Costi fissi ENTRATE USCITE

41 Riepilogo delle esigenze economico-finanziarie I vostri finanziatori e investitori analizzeranno i requisiti della vostra azienda distinguendo tra capitale circolante, capitale di sviluppo e capitale proprio. Il riepilogo delle esigenze finanziarie fornisce le seguenti informazioni: - perché state chiedendo un prestito; - di quanto avete bisogno.

42

43

44 Il sistema di controllo Stato di avanzamento del progetto rispetto al programma –Compiti terminati entro i termini previsti –Compiti terminati in ritardo –Compiti terminati in anticipo Problemi o ritardi imprevisti Verifiche tramite il diagramma di Gantt Analisi di sensitività sulle variabili critiche


Scaricare ppt "IL BUSINESS PLAN. Finalità del business plan fornire al finanziatore informazioni dettagliate su tutti gli aspetti dellazienda (storia dellazienda e sue."

Presentazioni simili


Annunci Google