La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Articolo 9 Legge 53/2000 Francesca Pelaia Presidenza del Consiglio dei Ministri Dirigente Uff. II - Dipartimento delle politiche per la famiglia Le opportunità

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Articolo 9 Legge 53/2000 Francesca Pelaia Presidenza del Consiglio dei Ministri Dirigente Uff. II - Dipartimento delle politiche per la famiglia Le opportunità"— Transcript della presentazione:

1 Articolo 9 Legge 53/2000 Francesca Pelaia Presidenza del Consiglio dei Ministri Dirigente Uff. II - Dipartimento delle politiche per la famiglia Le opportunità offerte dallart. 9 della legge 53/2000 ad un anno dalla riforma

2 La conciliazione lavoro/famiglia E lo strumento che, rendendo compatibili sfera lavorativa e vita familiare, consente a ciascun individuo di vivere al meglio i diversi ruoli che gioca allinterno della dimensione della produzione e della dimensione della riproduzione sociale Obiettivo: migliore qualità della vita

3 La conciliazione come politica pubblica La conciliazione è un problema di ciascun individuo MA NON E un problema individuale

4 Gli attori coinvolti AZIENDE e PARTI SOCIALI Organizzazione del lavoro (tempi e modalità) INDIVIDUO Manifesta il bisogno di conciliazione Attinge agli strumenti esistenti per soddisfarlo TERRITORIO Organizzazione lavoro di cura (servizi e tempi delle città)

5 Legge 8 marzo 2000, n. 53 Congedi parentali Riequilibrio delle responsabilità genitoriali INDIVIDUI Azioni positive per conciliazione Tempi delle città Contrattazione finalizzata alla sperimentazione AZIENDE PARTI SOCIALI Orari dei servizi e degli uffici pubblici TERRITORIO

6 Art. 9 Tipologie di progetti TIPOLOGIA DI PROGETTO AzioneProponentiDestinatariEsigenza Lettera A Flessibilità oraria Aziende ASL Az. Ospedaliere Lavoratori dipendenti Figli minori Lettera B Formazione Aziende ASL Az. Ospedaliere Lavoratori dipendenti al rientro da congedo Figli minori Lettera D Interventi diversi family friendly oriented Aziende ASL Az. Ospedaliere Lavoratori dipendenti * Figli minori Anziani n. a. Disabili Lettera C Sostituzione Titolari di aziende liberi professionisti lavoratori autonomi Figli minori Novità

7 Alcuni dati (1) Fonte: Elaborazione Isfol su dati del Dip. Politiche della famiglia, PCM, dicembre 2007 Distribuzione dei progetti presentati per tipologia di progetto e per scadenza di presentazione – anno 2007

8 Alcuni dati (2) Fonte: Elaborazione Isfol su dati del Dip. Politiche della famiglia, PCM, dicembre 2007 Distribuzione dei progetti presentati per regione e per scadenza di presentazione – anno 2007

9 Alcuni dati (3) Fonte: Elaborazione Isfol su dati del Dip. Politiche della famiglia, PCM, dicembre 2007 Tasso di successo dei progetti per tipologie di azione – scadenza Febbraio 2007

10 Alcuni dati (4) Percentuale di finanziamento concesso per tipologia di progetto- Febbraio 2007

11 Alcuni dati (5) Destinatari diretti per tipologia di progetto- Febbraio 2007 Fonte: Elaborazione Isfol su dati del Dip. Politiche della famiglia, PCM, dicembre 2007

12 Le linee di intervento Commissione di valutazione Continuità valutazione progetti Risoluzione delle criticità e correzione della chiave di lettura Ricerca di nuovi strumenti Proposte di riforma dellart. 9 e modifiche a lgs invariata Contesto nazionale Contesto europeo

13 Lipotesi di riforma dellart. 9 Allargamento dei proponenti (privati iscritti in registri o albi pubblici) Lett. A – sistemi innovativi di valutazione della produttività Lett. B – non solo formazione per agevolare il rientro Lett. C – possibilità di collaborazioni Lett. D – servizi innovativi e attivazione di reti con il territorio (tempi delle città e piani triennali di pari opportunità)

14 LAvviso di finanziamento Azioni ammissibili 2. Soggetti finanziabili 3. Accordo sindacale o intesa datoriale Sito internet Lett. D Ammissibili: voucher, servizi trasporto, centri estivi, spazi studio, gioco… Non ammissibili: costruzione nidi Lett. C – società di persone Lett. D – consorzi, gruppi di imprese e ATI Lett. C – lavoratori autonomi privi di albi: CONSIGLIERE di PARITA

15 LAvviso di finanziamento 2008 (2) 4.Destinatari 5. Criteri di valutazione Sito internet Lett. D Servizi anche per collaboratori (per durata del contratto) Innovatività – Concretezza – Efficacia Economicità Sostenibilità * Trasferibilità Mainstreaming


Scaricare ppt "Articolo 9 Legge 53/2000 Francesca Pelaia Presidenza del Consiglio dei Ministri Dirigente Uff. II - Dipartimento delle politiche per la famiglia Le opportunità"

Presentazioni simili


Annunci Google