La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN OSTETRICIA Presidente Chiar.mo Prof. Fabio Facchinetti.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN OSTETRICIA Presidente Chiar.mo Prof. Fabio Facchinetti."— Transcript della presentazione:

1 1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN OSTETRICIA Presidente Chiar.mo Prof. Fabio Facchinetti ALESSITIMIA E PARTO: ANALISI DEGLI OUTCOME MATERNI E DELLA PERCEZIONE DEL DOLORE RELATORE: Dr. Paolo Accorsi LAUREANDA: Margherita Bergamini CORRELATORI: Dott.ssa Simona Mortilla Dott.ssa Francesca Irina Moretti Anno accademico 2011/2012

2 2 IL COSTRUTTO DELLALESSITIMIA Il primo a coniare il termine ALESSITIMIA fu lo psicoanalista Peter Sifnèos, nel Tale termine tradotto letteralmente significa : mancanza di parole per le emozioni.

3 3 I soggetti alessitimici presentano alcune caratteristiche: difficoltà nellidentificare, descrivere e comunicare le emozioni; povertà dei processi immaginativi; stile cognitivo orientato verso il fattuale e la realtà esterna; adattamento sociale di tipo conformistico. LALESSITIMIA non è definita una patologia e nemmeno un fenomeno categoriale del tipo tutto o nulla, ma è un costrutto dimensionale o tratto stabile di personalità che interagisce con gli eventi stressanti predisponendo verso la somatizzazione e lo sviluppo di malattie.

4 4 Sono stati eseguiti, e sono tuttora in corso, studi che mettono in relazione lalessitimia e la somatizzazione, ed è emerso che la presenza di tratti alessitimici si configura come uno dei principali fattori di rischio verso lo sviluppo di malattie, in particolare quelle psicosomatiche classiche (patologie gastrointestinali, respiratorie, dermatologiche, etc...). Non esistono invece studi in letteratura che si siano proposti di analizzare la relazione tra la tendenza allalessitimia e la sfera gravidanza- parto.

5 5 1.ASSENZA di dati in letteratura a riguardo. 2.La PRESENZA, presso lOspedale Ramazzini di Carpi dove ho svolto il tirocinio del III° anno di laurea, della figura di una PSICOLOGA disponibile ad accompagnare le gravide che manifestano il bisogno durante il percorso della gravidanza e\o nei mesi successivi al parto. Questo approccio multidisciplinare, di collaborazione tra psicologa, ostetriche e ginecologi ha permesso il mio avvicinamento agli argomenti trattati in questo elaborato.

6 6 Verificare le possibili relazioni dinfluenza tra lalessitimia, ossia la tendenza ad avere difficoltà a riconoscere e/o esprimere i propri sentimenti e: -la rievocazione delle percezioni e dei vissuti correlati al dolore in travaglio/parto; - alcuni outcome materni: durata del travaglio, durata del periodo espulsivo, tempo di secondamento, PROM (rottura prematura delle membrane), travaglio indotto e lacerazioni.

7 7 nazionalità italiana; previsione di un parto spontaneo per via vaginale; EG >=37a settimana sottoscrizione di un consenso informato e compilazione dei questionari proposti

8 8 COMPILAZIONE QUESTIONARI PRESSO LAMBULATORIO CTG : - COMPILAZIONE SQ1 DURANTE LA DEGENZA, dopo il parto : - COMPILAZIONE SQ3 -COMPILAZIONE TAS-20 -COMPILAZIONE QDTP raccolta dei DATI OSTETRICI scheda Per la raccolta dei DATI OSTETRICI è stata utilizzata una scheda compilata di volta in volta per ogni gravida inclusa nello studio. QUESTIONARIO per la valutazione dei vissuti e degli stati emozionali della donna in riferimento alla settimana appena trascorsa. QUESTIONARIO per la valutazione dei vissuti e degli stati emozionali della donna in riferimento alla giornata in corso. QUESTIONARIO per la misurazione della tendenza al costrutto dellalessitimia QUESTIONARIO rievocativo del dolore

9 9 Studio Prospettico Osservazionale La raccolta dati è stata effettuata presso lUnità Operativa di Ostetricia e Ginecologia dellOspedale Ramazzini di Carpi, nel periodo Marzo - Maggio POPOLAZIONE: 113 donne di nazionalità italiana Per lanalisi di alcune variabili è stata utilizzata la suddivisione nei due sottogruppi PRIMI-PLURIPARE e NULLIPARE, per altre invece quando non sono emerse differenze significative è stato considerato il CAMPIONE TOTALE.

10 10

11 11 DURATA PERIODO ESPULSIVO ALESSITIMIA FATTORE PROTETTIVO Nel sottogruppo delle NULLIPARE sono emerse differenze significative per quanto riguarda il tempo del periodo espulsivo. Le nullipare con una maggior tendenza alla ALESSITIMIA hanno tempi più BREVI rispetto alle NON alessitimiche.

12 12 AlessitimicheNon alessitimiche N%N% Tipo di parto Nullipare vaginale6 66,7 3186,1 operativo3 33,3 5 13,9 TIPO DI PARTO ALESSITIMIA FATTORE DI RISCHIO Le NULLIPARE con una maggior tendenza allALESSITIMIA incorrono più facilmente in un parto OPERATIVO (comprendente T.C emergenti\ urgenti, parti con ventosa e kristeller) Di conseguenza sono sottoposte maggiormente ad EPISIOTOMIA

13 13 RIEVOCAZIONE DEL DOLORE ALESSITIMIA FATTORE DI RISCHIO Le donne con una maggior tendenza allALESSITIMIA: - vivono il dolore in travaglio di parto come più INGESTIBILE - lo riferiscono come PIU INTENSO - lo descrivono più su un piano VALUTATIVO\ SENSORIALE piuttosto che cognitivo\ affettivo

14 14 Per quanto riguarda le altre variabili ostetriche: -Durata del travaglio -Tempo del secondamento -PROM -Induzione NON sono emerse differenze significative nei sottogruppi alessitimiche si vs alessitimiche no.

15 15 Ciò che emerge dai dati ci fa concludere che: 1.gravide poco inclini a riconoscere e a descrivere i propri sentimenti e di conseguenza più focalizzate sulle sensazioni e i sintomi fisici, sembra che siano facilitate nella fisiologia e favorite negli aspetti più istintivi del parto, infatti per loro si riduce il tempo del periodo espulsivo; 2.la tendenza allalessitimia sembra influire sulla relazione fra loperatore e la gravida e di conseguenza sullagire clinico: la gravida che comunica meno e/o con maggior difficoltà con loperatore è più a rischio di parto operativo; 3.lalessitimia correla con il ricordo del dolore in travaglio/parto: Alessitimia intensità e ingestibilità del dolore Alessitimia dimensione sensoriale/fisica del dolore

16 16


Scaricare ppt "1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN OSTETRICIA Presidente Chiar.mo Prof. Fabio Facchinetti."

Presentazioni simili


Annunci Google