La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di laurea in ostetricia Presidente Chiar.mo Prof. Fabio Facchinetti.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di laurea in ostetricia Presidente Chiar.mo Prof. Fabio Facchinetti."— Transcript della presentazione:

1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di laurea in ostetricia Presidente Chiar.mo Prof. Fabio Facchinetti Esiti materno-fetali in gravidanze a basso rischio a termine. Travagli spontanei indotti e medici. Considerazioni statistiche RELATORE LAUREANDA Prof. Fabio Facchinetti Maria Maddalena Pennacchia CORRELATORE Dott. Francesco Martinez Anno Accademico 2011/2012

2 OBIETTIVO CONFRONTO TRA DATI DI TRAVAGLI SPONTANEI, INDOTTI E MEDICI E IDENTIFICAZIONE DI DIFFERENZE ANALIZZANDO I DATI RELATIVI A GRAVIDANZE A BASSO RISCHIO A TERMINE. MATERIALI E METODI PARTI ( DA GENNAIO A DICEMBRE 2011) - GRAVIDANZE A BASSO RISCHIO A TERMINE - TRAVAGLI SPONTANEI, INDOTTI E MEDICI

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23 Riguardo la durata della fase attiva del travaglio di parto osserviamo che sono l1,1% dei travagli spontanei ha avuto una durata superiore alle 10 ore, contro il 4,9% dei parti indotti e l11,8% dei parti medici con durate ben oltre le 10 ore. La durata del periodo espulsivo risulta più prolungata nei parti medici e indotti: in particolare,nel 5% dei parti medici troviamo una durata superiore alle 2 ore. Relativamente allo stato delle membrane possiamo affermare che lintegrità delle membrane determina un allungamento dei tempi del parto. Nel 9% dei casi di rexi in fase espulsiva abbiamo avuto lespletamento del parto oltre la 10° ora. 3.

24 Riguardo il tipo di parto : il parto vaginale spontaneo si realizza nel 95% dei travagli spontanei. La maggiore operatività è riscontrabile nei parti indotti e medici. Il parto vaginale è spontaneo nel 92% dei parti e in essi è più alto il numero di perinei integri e lepisiotomia viene utilizzata 10 volte meno Riguardo ai parti vaginali e al tipo di parto vediamo che la più alta operatività si riscontra nei parti medici e indotti

25 Le lesioni genitali,spontanee o provocate risultano essere maggiori nei travagli di parto indotti e medici. Minore è la durata totale del travaglio di parto e maggiore è lincidenza dellintegrità genitale e un basso ricorso allepisiotomia. Sulle posizioni fetali si può affermare che il maggior ricorso alla episiotomia si ritrova nelle posizioni posteriori (50 e 21 percento).e ciò verosimilmente legato allidea che gli Operatori Ostetrici hanno sempre avuto circa la pericolosità delle posizioni posteriori nel determinare lesioni di grado elevato delle parti molli.

26 Non interferiscono con il tempo del secondamento né il tipo di travaglio di parto e neppure la durata totale del travaglio parto ma con un piccolo aumento di interventismo nei parti indotti e medici e nei parti vaginali operativi. Una perdita ematica superiori a 1000 si ritrova nel 10% dei parti operativi e nei TC per fallimento di induzione,contro i bassi numeri per gli altri parti. La durata del travaglio di parto non incide significativamente sulla perdita ematica. I punteggi di Apgar non vengono influenzati dal tipo di travaglio che risultano essere sempre buoni al 1° min e ottimi al 5° minuto.

27 Da ultimo mi piace sottolineare che, pur non avendo potuto raccogliere precise informazioni per definire con esattezza il motivo del ricovero in TIN, dei 14 neon ricoverati si conosce che sono stati tutti dopo tempi variabili (entro i 20 giorni massimi) dimessi in buona salute.

28


Scaricare ppt "UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di laurea in ostetricia Presidente Chiar.mo Prof. Fabio Facchinetti."

Presentazioni simili


Annunci Google