La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Riflessione e contributo della 5°A RISTORAZIONE 2010 IL GIORNO DELLA MEMORIA Docente Referente Lorenza Masala.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Riflessione e contributo della 5°A RISTORAZIONE 2010 IL GIORNO DELLA MEMORIA Docente Referente Lorenza Masala."— Transcript della presentazione:

1

2 Riflessione e contributo della 5°A RISTORAZIONE 2010 IL GIORNO DELLA MEMORIA Docente Referente Lorenza Masala

3 ART 1 La repubblica italiana riconosce il giorno 27 Gennaio,data dellabbattimento dei cancelli di Auschwitz Giorno della Memoriaal fine di ricordare la shoah (sterminio del popolo ebraico),le leggi razziali,la persecuzione italiana dei cittadini ebrei,gli italiani che hanno subito la deportazione,la prigionia,la morte nonché coloro,anche in campi e schieramenti diversi si sono opposti al progetto di sterminio e a rischi della propria vita hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati. ART 2 In eccezione del giorno Giorno della Memoria in ricordo dello sterminio e delle persecuzioni di cui allart 1 sono organizzati cerimonie e iniziative incontri e momenti come dei patti e di riflessione,in modo particolare nelle scuole di ogni ordine e grado,su quanto è accaduto al popolo di Israele e ai deportati militari e politici italiani nei campi nazisti. In modo da conservare nel futuro dell italia la memoria di un tragico e oscuro periodo della storia del nostro paese e in Europa,e affinché fatti simili non possano più accadere.

4 Nel Marzo del 1945 dopo aver liberato il Belgio e lOlanda, le forze americane penetrarono in Germania da occidente, mentre quelle sovietiche vi entrarono da oriente, stringendo i nazisti in una tenaglia. Il 30 Aprile del 1945 i sovietici entrarono a Berlino. LA FINE ERA ARRIVATA.

5 Hitler si suicidò nel bunker con Eva Brown e Goebbels. Il 25 Aprile 1945 gli alleati avevano liberato lItalia. Il 7 Maggio 1945 la Germania firmò la resa senza condizioni. LA GUERRA IN EUROPA ERA FINITA.

6 Attraverso gli occhi dei soldati russi, americani e inglesi il mondo ha saputo.… il mondo scopre….... l ORRORE …

7 Da A lettera iniziale a Z lettera finale, Auschwitz, si scandisce lalfabeto dellorrore. Sono uomini quelli che vengono uccisi! Sono uomini quelli che hanno concepito tutto questo? AuschwitZ

8 Il prigioniero distrutto dalla fatica, dalle percosse, dalle privazioni era chiamato MUSELMANN cioè individuo solo biologicamente, ormai privo di emozioni, di pensiero e di coscienza. Primo Levi scrive: la loro vita è breve ma il loro numero è sterminato, sono loro i Muselmanner, il nerbo del campo, loro la massa anonima. Si esita a chiamarli vivi, si esita a chiamarla morte la loro morte perché sono troppo stanchi per comprenderla.

9 Isaac B Singer: uomini e donne torturati nel corpo e nello spirito, costretti a vivere nel perenne ricordo di aver dovuto assistere impotenti alluccisione dei propri cari, relegati in condizioni umilianti. Vivi nella carne ma morti dentro.

10 Denudata, rasata a zero, marchiata per lidentificazione. Per i nazisti infatti i prigionieri sono soltanto pezzi per la macchina di sterminio del terzo Reich.

11 Primo Levi da Se questo è un uomo: >.

12 Binjamin Wilkomirski: << A Majadanek non si poteva essere tristi: chi era triste anche solo per un momento si mostrava debole e chi era debole non poteva sopravvivere>>.

13 La La Chiesa, silente, durante tutto il periodo delle deportazioni e dellolocausto oggi riconosce pienamente le proprie radici nel popolo dIsraele chiamato da Dio allAlleanza. Questo concetto è stato pubblicamente ribadito da Papa Giovanni Paolo II il 12 aprile del 1986 compiendo un gesto carico di significato, visitando a Roma la Sinagoga e abbracciando il Rabbino Elio Toaff. In questa occasione il Papa ha riconosciuto negli ebrei I fratelli maggiori dei cristiani.

14 Il dovere della testimonianza e del ricordo diventa un dovere morale, nella speranza che tali spaventosi eventi non accadano mai più. E LA MEMORIA E LO STRUMENTO MIGLIORE. La QUINTA A RISTORAZIONE vuole portare, in nome di quanto appena pronunciato la propria riflessione e ricordo con questo contributo, RIBADENDO LA CONDANNA, COME PERSONE CIVILE E DEMOCRATICHE VERSO OGNI FORMA DI VIOLENZA, ANTISEMITISMO E RAZZISMO NEI CONFRONTI DELLUOMO.

15 Istituto Alberghiero Sassari Istituto Alberghiero Sassari Classe 5 A Ristorazione Viviana Carboni Alessio Casu Roberto Billi Loredana Gavinelli Valentina Marras Luigi Mura Fabio Nuvoli Federico Penna Carla Pisano Silvia Sechi Simone Seddaiu Virginia Virdis Docente referente Lorenza Masala Docente referente Lorenza Masala Il Giorno della Memoria


Scaricare ppt "Riflessione e contributo della 5°A RISTORAZIONE 2010 IL GIORNO DELLA MEMORIA Docente Referente Lorenza Masala."

Presentazioni simili


Annunci Google