La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Lopera italiana più famosa del mondo … La Gioconda di Leonardo da Vinci.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Lopera italiana più famosa del mondo … La Gioconda di Leonardo da Vinci."— Transcript della presentazione:

1 Lopera italiana più famosa del mondo … La Gioconda di Leonardo da Vinci

2 Larte del ritratto La bocca Il collo La fronte Il naso Le labbra Le sopracciglia I capelli Il mento Gli occhi Il dito / le dita La guancia La mano / le mani Il petto

3 Introduzione La Gioconda, conosciuta anche come Monna Lisa, è un dipinto di Leonardo da Vinci che mostra una donna con un'espressione pensierosa e un leggero sorriso quasi enigmatico. Può essere considerato il dipinto più famoso del mondo. Rappresenta l'icona stessa della pittura, o delle arti visuali in generale. Poche altre opere sono così celebrate, ammirate, usate e riprodotte !

4 È stata eseguita tra il 1503 e il È proprietà dello Stato francese ed è esposta al Museo del Louvre di Parigi. Si tratta di un dipinto a olio su legno che misura 77×53 cm. L'identità della donna ritratta nel dipinto non è del tutto certa. Si riconosce però in Lisa Gherardini, moglie di Francesco Bartolomeo del Giocondo, la modella del celebre quadro. Il quadro di Leonardo fu uno dei primi ritratti a rappresentare il soggetto davanti a un panorama. Non è uniforme e si dice che è immaginario. Lo sfondo sembra non finire mai, da questo è possibile rendersi conto che nel dipinto, per la prima volta, è presente l'aria.

5 Descrizione Il ritratto mostra una donna seduta a mezza figura, girata a sinistra ma con il volto quasi frontale, volto verso lo spettatore. Le mani sono dolcemente adagiate in primo piano, mentre sullo sfondo, oltre una sorta di parapetto, si apre un vasto paesaggio fluviale, con picchi rocciosi e speroni. Indossa una pesante veste scollata, secondo la moda dell'epoca, con un ricamo lungo il petto e maniche in tessuto diverso; in testa ha un velo trasparente che tiene fermi i lunghi capelli sciolti, ricadendo poi sulla spalla dove si trova appoggiato anche un leggero drappo a mo' di sciarpa.

6 Analisi La figura si staglia davanti a un vasto paesaggio deserto con il quale costituisce un'unità totale: l'uomo sereno nel suo ambiente naturale. Questo fa della Gioconda una persona umana nella più alta accezione rinascimentale : luomo al centro della natura. Ciò spiega anche il sorriso, che esprime il rapporto d'amore tra persona e natura. La forma della persona ritratta è piramidale, il busto è tagliato al di sotto del gomito, in modo che le braccia conserte fungano da base. La Gioconda siede davanti a un parapetto sopra al quale si intravedono, ai due lati, due colonnette sagomate. Al di là del parapetto vi è lo spazio naturale : strade, ponte, acqua, pianure, montagne. È lespressione della serena tranquillità di chi domina tutto con la ragione.

7 Conclusione Se l'impostazione, con il paesaggio sullo sfondo, non è nuova, ma esisteva già nei ritratti umanistici del XIII° secolo (come il Doppio ritratto dei duchi d'Urbino di Piero della Francesca), la straordinaria naturalezza del personaggio (così diversa dalle pose ufficiali e statiche dei predecessori) ne fa unopera di grandissima importanza per larte del ritratto del Rinascimento e delle epoche successive. Doppio ritratto dei duchi d'UrbinoPiero della Francesca Nella Gioconda, l'individuo - una sorta di miracolosa creazione della natura - rappresenta al tempo stesso la specie : il ritratto, al-di-là dei limiti sociali, acquisisce un valore universale. Leonardo ha lavorato a quest'opera sia come ricercatore e pensatore sia come pittore e poeta. Leonardo ha creato con la Gioconda una formula nuova, più monumentale e al tempo stesso più animata, più concreta, e tuttavia più poetica di quella dei suoi predecessori. Prima di lui, nei ritratti manca il mistero; gli artisti non hanno raffigurato che forme esteriori senza l'anima. Solo nella Gioconda emana un enigma: l'anima è presente ma inaccessibile.

8 La sorella gemella della Gioconda … Non si tratta di unopera originale e ignota di un grande artista, ma della prima copia del più famoso quadro del mondo. La scoperta è stata fatta al Museo del Prado di Madrid dove, nei magazzini, è stato ritrovato, nel 2011, il dipinto realizzato a pochissima distanza dalloriginale. Lautore del falso potrebbe essere Andrea Salai, un allievo di Leonardo da Vinci.

9 La Gioconda nellarte moderna Nellarte, la Gioconda è stata molte volte usata e parodiata ! Gioconda in burro d'arachidi Gioconda in marmellata Il sacrilego e provocatorio artista brasiliano Vik Muniz

10 DUCHAMP Si tratta di una riproduzione fotografica dellariproduzione fotografica Gioconda di Leonardo da Vinci alla qualeGiocondaLeonardo da Vinci sono stati aggiunti provocatoriamente dei baffi e un pizzetto. L.H.O.O.Q. è un ready-made rettificatoready-made realizzato nel 1919 dall'artista Marcel Duchamp.1919Marcel Duchamp Il titolo è sostanzialmente un gioco di parole : infatti le lettere L.H.O.O.Q. pronunciate in francese danno origine alla frase Elle a chaud au cul !

11 Come nel caso di altri ready-made, Duchamp ne ha realizzato diverse versioni, tra le quali anche L.H.O.O.Q. Shaved del 1965 nella quale appare la Gioconda senza baffi e la scritta in francese "rasée L.H.O.O.Q.". L'opera può essere considerata, in pieno spirito dadaista, un atto di dissacrazione nei confronti dell'arte. Non a caso l'artista, o come amava definirsi con un suo neologismo, anartista, ha scelto per questa sua azione l'emblema dell'arte, il simbolo della pittura per eccellenza: la Gioconda.

12 LEGER Dipinta nel 1927, la « Gioconda alle chiavi » fa entrare Mona Lisa nella modernità : non più idola sacra, ma oggetto qualsiasi, simile ad una scatola di sardine, che può venir buttata in pattumiera, appena usata.

13 DALI Il celebre artista spagnolo ha fatto nel 1954 il suo autoritratto in Monna Lisa. È una fotografia surrealista. Ma perché ha messo tanti soldi nella mano della Gioconda ? Cosa sembra di dire lo sguardo dellartista ?

14 BOTERO Fernando Botero, pittore e scultore colombiano, rappresenta nel 1959 la celebre Gioconda, non nelletà adulta ma a dodici anni, e la trasforma facendole assumere un aspetto bizzarro e dilatato, tipico dei personaggi del Botero. La Monna Lisa si mostra panciuta e fiera, sicura di se stessa, ma lo sguardo è ancora incerto e il sorriso è segno di una fanciullesca timidezza. Ma che significato assumono i personaggi gonfi di Botero? Saranno solo comici, avranno un significato simbolico, oppure saranno il frutto di una visione allargata della realtà, attraverso gli occhi di un bambino?

15 MAGRITTE In maniera simbolica, in questo dipinto molto poetico degli anni 60, la Gioconda stessa è scomparsa : rimane sul palcoscenico del teatro rappresentato un pezzo di cielo…. La realtà è ridotta ad un pensiero astratto e il dipinto non riproduce più un oggetto reale, ma lazione del pensiero del pittore su questoggetto.

16 Lartista, esponente della pop art, riprodusse il dipinto in serie, come poster. WARHOL Il volto perde ogni forma di identità e diventa semplice proiezione di uno stereotipo di massa, un oggetto di consumo. LArte diventa banale e lopera non è più unica, ma è riproducibile ed accessibile a tutti grazie alla pubblicità. Thirty are better than one (1963).

17 FILLIOU Quest' installazione del 1969, col bigliettino sulla scopa : La Gioconda è sulle scale, mira a fare riflettere sulla museografia. Se larte contempora- nea entra nei musei, i vecchi capolavori verranno spostati nei corridoi : in maniera metaforica, questa scopa pulirà le idee e i dipinti dellarte del passato. Nellopera darte, non conta più loggetto, ma lo sguardo posto sulloggetto.

18 BASQUIAT Jean Michel Basquiat, metà haitiano e metà portoricano, vissuto a New York e lì morto di droga nel 1988 a solo 27 anni, è oggi considerato unanimamente uno dei graffitisti maggiormente dotati di una sensibilità pittorica ricercata. La sua Gioconda del 1983 rappresenta bene gli anni '80, che chiedevano agli artisti di produrre in quantità abnormi opere da smerciare sul mercato euforico dei nuovi ricchi, e il capitalismo ottuso che voleva investire in arte e che alimentava innanzi tutto il benessere dei galleristi. Basquiat riversa nelle sue opere la crudeltà di quella stessa realtà che lo ha alienato e emarginato : urla la sua rabbia contro la società.

19 Asbjorn Lonvig Opere del 2003 dellartista danese contemporaneo, prima informatico, poi pittore, amante dei colori vivaci. Mona Lisa VIII

20 PEI-MING Realizzata nel 2008 ed esposta nel 2009 a Parigi nel museo Le Louvres questopera fa parte di un insieme di 5 tele e rappresenta « Le funerali di Monna Lisa ». Questopera originale fatta per il museo vuole portare larte contemporanea faccia a faccia con i capolavori del passato. Al centro cé la Gioconda con il suo eterno sorriso, dipinta sui toni del grigio, il volto solcato di lacrime e sfocato, con la pittura che sembra colare. È morta larte del passato ?

21 GUPTA Lartista indiano ha esposto nel 2012, in occasione della mostra « Elogio del dubbio» alla Punta della Dogana di Venezia, la sua scultura omaggio « E tu, Duchamp ? » (2009). Si tratta di una rielaborazione tridimensionale in bronzo della Monna Lisa baffuta del maestro del ready made.Il linguaggio dell'arte è uguale in tutto il mondo, spiega l'artista

22 La Gioconda nella pubblicità

23 La Gioconda nei fumetti e nei cartoni

24 DIVERTIAMOCi UN PO… sciences.fr/francais/ala_cite/expo/explora/im age/mona/it.php

25 La Gioconda parodiata da alunni artisti

26 Comè la tua Gioconda ? Ora tocca a te !


Scaricare ppt "Lopera italiana più famosa del mondo … La Gioconda di Leonardo da Vinci."

Presentazioni simili


Annunci Google