La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

SCREENING MAMMOGRAFICO DElia Francesco Mammella. Delibera Regionale 3 febbraio 1998 n. 18 Delibera Istitutiva Screening ASL 8 n. 557 12 maggio 2000 screening.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "SCREENING MAMMOGRAFICO DElia Francesco Mammella. Delibera Regionale 3 febbraio 1998 n. 18 Delibera Istitutiva Screening ASL 8 n. 557 12 maggio 2000 screening."— Transcript della presentazione:

1 SCREENING MAMMOGRAFICO DElia Francesco Mammella

2 Delibera Regionale 3 febbraio 1998 n. 18 Delibera Istitutiva Screening ASL 8 n maggio 2000 screening mammografico

3 HIP Two counties Malmoe UK Edinburgh Nijmegen Utrecht Florence rischio relativo di mortalità per CM diminuzione rischio aumento rischio valore osservato limiti confidenza evidenza di efficacia dello screening in donne di oltre 50 anni metanalisi tutti gli studi mostrano una riduzione di mortalità, molti a livello significativo e la metanalisi riporta una riduzione del 40%

4 SMR, x 100,000 donne efficacia un andamento simile è rilevato anche da una recente survey OMS, con un effetto più spiccato negli USA ove la diffusione della mammografia è iniziata prima che in Europa

5 CSPO: 1455 carcinomi consecutivi Morrone et al, Radiol Med, 1994 una minore sensibilità nelle donne più giovani era già nota per la mammografia clinica: la spiegazione più convincente del fenomeno è la maggiore difficoltà a riconoscere neoplasie limitate per leffetto mascherante del parenchima funzionante, radiologicamente denso sensibilità 76% 78% 91% 94%

6 Aspetti positivi Organizzazione meticolosa Invito personalizzato delle donne Controlli di qualità costanti Diagnosi asservita ai vantaggi terapeutici Costi abbastanza controllati Diagnosi preclinica dei tumori Aspetti negativi Non rapporto medico-pz Ansia; lettura differita, richiamo dei casi dubbi Intervallo biennale; un certo tasso di K di intervallo. Un certo tasso di K non rilevati (10% circa). Donne anni Screening Mammografico

7 TARGET: donne ETA:50-69 anni MODELLO ORGANIZZATIVOterritoriale MMG MODALITAinvito e reinvito per lettera INTERVALLO24 mesi PARTECIPAZIONE70% N° ESAMI ROUND PESONALE SANITARIOMedico Radiologo, TSRM RISORSEUnità fissa, Unità mobile Screening Mammografico Arezzo Sede centrale lo sviluppo radiografico refertazione approfondimento diagnostico

8 DONNE RESIDENTI ENNI INVITO POSTALE EFFETTUAZIONE TEST NEGATIVI POSITIVI RISPOSTA POSTALE TERAPIA E FOLLOW-UP ACCETTAZIONE LETTURA 2 ANNI Diagramma di flusso dello screening mammografico APPROFONDIMENTI POSITIVI NEGATIVI

9

10

11 lo scenario migliore è dato da un unico centro di screening che gestisce in modo centralizzato: - invito attivo - esami di screening - approfondimenti - follow-up dei casi positivi - controllo di qualità - verifica di efficacia


Scaricare ppt "SCREENING MAMMOGRAFICO DElia Francesco Mammella. Delibera Regionale 3 febbraio 1998 n. 18 Delibera Istitutiva Screening ASL 8 n. 557 12 maggio 2000 screening."

Presentazioni simili


Annunci Google