La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

DOVE SI TROVA Il paese occupa circa i due terzi dellisola di Hyspaniola, che si trova al centro del Mar dei Carabi, (di cui è la seconda per estensione),

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "DOVE SI TROVA Il paese occupa circa i due terzi dellisola di Hyspaniola, che si trova al centro del Mar dei Carabi, (di cui è la seconda per estensione),"— Transcript della presentazione:

1

2 DOVE SI TROVA Il paese occupa circa i due terzi dellisola di Hyspaniola, che si trova al centro del Mar dei Carabi, (di cui è la seconda per estensione), a est di Cuba e della Giamaica e a sud delle Bahamas e confina con Haiti, che occupa laltro terzo dellisola.

3 SCHEDA GEOGRAFICA SUPERFICIE: km2 POPOLAZIONE: ab. CAPITALE: Santo Domingo de Guzmán LINGUA: spagnolo RELIGIONE: in maggioranza cattolica UNITA MONETARIA: peso CONFINI: Nord / Nord-est / Est Oceano Atlantico. Sud-est / Sud / Sud-ovest Mar dei Caraibi Ovest Haiti Nord-ovest Oceano Atlantico ORDINAMENTO: Repubblica presidenziale

4

5 CARTA POLITICA

6 Un'accentuata montuosità caratterizza il territorio dominicano di Hispaniola, che solo verso est si distende in vaste pianure. Le sezioni occidentale e centrale presentano una serie di allineamenti montuosi, orientati longitudinalmente e grosso modo paralleli tra loro, separati da più o meno ampie vallate. Le catene sono costituite da rocce sedimentarie, per lo più calcari; Domina il Paese la Cordillera Central (Cordigliera Centrale). La Cordillera Central raggiunge notevoli altezze (Pico Duarte 3175 m; Loma Rusilla, 3029 m). La catena è fronteggiata a nord dalla Cordillera Septentrional o Sierra de Monte Cristi. A sud della Cordillera Central invece, s'innalza la Sierra de Neiba (2262 m), imponente catena calcarea fronteggiata a sua volta a sud dalla Sierra de Bahoruco: tra le due catene si apre una profonda depressione, che è in parte occupata dal lago salato di Enriquillo, la cui superficie si trova a 46 m sotto il livello del mare. La sezione orientale della Repubblica Dominicana è costituita invece da una larga penisola pianeggiante, percorsa dalla Cordillera Oriental che in nessun punto supera i 1000 m d'altitudine. La catena corre anch'essa da ovest a est in prossimità della costa atlantica, lasciando a sud ampio spazio per una vasta pianura che, solcata da numerosi fiumi, termina sul Mar delle Antille con coste basse e sabbiose. Le coste si sviluppano per circa 1600 km. Numerose scogliere coralline fronteggiano il litorale mentre poche e di modesta estensione sono le formazioni insulari; tra queste la paneggiante isola Beata. TERRITORIO

7 CITTA PRINCIPALI SANTO DOMINGO: La città è situata sulla costa meridionale dell'isola di Hispaniola e conta con allincirca tre milioni di abitanti. Il centro mantiene l'aspetto di città coloniale, mentre in periferia si sono sviluppati quartieri residenziali moderni. E stata distrutta da un uragano nel Il centro della città, detto Zona Colonial, è stato dichiarato patrimonio dell'umanità dall'UNESCO nel Santo Domingo è il più antico insediamento europeo in America: risale infatti al La città è servita da modello per molte altre città edificate nel Nuovo Mondo e, nel primo secolo della sua esistenza, è stato il principale punto di partenza per le esplorazioni nel continente. Nel 1844, con l'indipendenza della Repubblica Dominicana, ne divenne capitale. Santo Domingo è soprattutto una città commerciale: è dotata di un attivo porto che controlla il 40% delle merci esportate e l'80% di quelle importate nel Paese. Le industrie, sono fiorenti anche nei settori tessile, chimico, del vetro e del legno. Una notevole importanza ha il turismo.

8 SANTIAGO: Ufficialmente Santiago è considerata la seconda città della Repubblica Dominicana e vanta lo sfarzoso nome di Santiago de los Caballeros vale a dire Santiago dei Gentiluomini. Il centro commerciale della Valle del Cibao in Santiago è considerato il deposito dell isola, ospita infatti industrie per la trasformazione dello zucchero in rum e del tabacco per la produzione di ottimi sigari; vanta inoltre un settore industriale in via di sviluppo e una delle migliori università del paese. PUERTO PLATA: Puerto Plata e' la maggiore città della costa settentrionale. Geograficamente fa parte della Cordillera Settentrionale, con un'altezza massima di 800 m sul livello del mare. In cima alla collina Isabel de La Torres si trova la grande statua del Cristo Redentore. La data più probabile della fondazione di Puerto Plata e' il Il nome Puerto Plata deve il suo nome a Cristoforo Colombo, che nel suo primo viaggio, chiamo' la montagna Monte de Plata per la parte superiore del monte, spesso nebbiosa, che sembrava argento. La citta' e' stata progettata dai fratelli Cristoforo e Bartolomeo Colombo nel 1496.

9 ECONOMIA SETTORE PRIMARIO: L agricoltura è praticata solo su un terzo del territorio. Da un lato, le grandi piantagioni, in cui si coltivano, con tecniche moderne e largo impiego di capitali, i prodotti destinati all'esportazione: canna da zucchero, caffè, cacao, tabacco, banane. Dall'altro, i prodotti destinati all'autoconsumo interno, coltivati in piccole e medie proprietà, tra cui spiccano i cereali (riso e mais), la manioca la patata dolce e vari ortaggi. Rivestono inoltre una certa importanza locale le noci di cocco, le arachidi, gli agrumi, il cotone, l'agave e il sesamo. Le foreste forniscono essenze pregiate (mogano, cedro), che alimentano un'elevata produzione annua di legname; si ricavano anche sostanze coloranti. Benché il Paese possegga ricchi pascoli (40% del territorio è ricoperto di prati), l'allevamento non è molto sviluppato, così come poco praticata è la pesca.

10 SETTORE SECONDARIO: Gli altissimi costi delle importazioni petrolifere hanno reso particolarmente difficile l'espansione del settore energetico e di conseguenza delle attività industriali. Prevalgono le aziende medie e piccole, spesso a livello artigianale. L'attività manifatturiera è quasi unicamente limitata alla trasformazione dei prodotti agricoli locali. Si hanno inoltre alcuni cementifici, piccoli stabilimenti chimici e fonderie, fabbriche di mobili, calzaturifici. Svariate e spesso abbondanti sono le risorse minerarie, ma attualmente vengono adeguatamente sfruttati solo i giacimenti di minerali nichel-ferrosi, oro e salgemma. Il settore è entrato in crisi a seguito della chiusura degli impianti dell'ALCOA (Aluminium Corporation of America), che fino al 1984 ha detenuto il monopolio dell'estrazione della bauxite, prima risorsa mineraria del Paese.

11 SETTORE TERZIARIO Il settore terziario rappresenta la principale risorsa economica del Paese. Nel commercio l 'interscambio si svolge principalmente con gli Stati Uniti, seguiti dal Venezuela, Colombo e Messico, per quanto riguarda le importazioni (petrolio, macchinari, generi alimentari). L esportazione invece, diretto per oltre i due terzi verso gli Stati Uniti, riguarda principalmente zucchero, ferro, nichel, colture da piantagione (caffè, cacao e tabacco, sigari in particolar modo) e metalli preziosi. La rete delle vie di comunicazione raggiunge un discreto livello, in particolare per il sistema stradale, che si sviluppa complessivamente per km; le ferrovie, il cui sviluppo raggiunge i 1743 km che provvedendo al trasporto dei prodotti agricoli, in particolare lo zucchero. Il maggiore sbocco marittimo del Paese è il porto di Santo Domingo, modernamente attrezzato, per il quale passa quasi tutto il movimento commerciale con l'estero; la capitale è inoltre servita dall'importante aeroporto internazionale di Punta Caucedo.

12 CLIMI E BIOMI il Paese è caratterizzato da un sclima tropicale, caldo e non eccessivamente umido, sul quale, oltre alla posizione geografica, esercitano un prevalente influsso gli alisei e l'altimetria. Le temperature sono piuttosto elevate nelle pianure costiere e nelle vallate interne, con medie annue di ºC (22 ºC in gennaio 29 ºC in luglio); sui rilievi le temperature sono più basse (a Constanza, situata nella Cordillera Central a 1110 m di quota, si hanno medie di 16 ºC in gennaio, di ºC in luglio) e sulle cime più elevate si possono raggiungere minimi invernali di 0 ºC. Le piogge variano sensibilmente da zona a zona in relazione soprattutto alla morfologia, ma che non raggiungono in nessun luogo valori eccessivi. Violenti cicloni investono frequentemente il territorio dominicano. L altimetria e le precipitazioni influiscono sull'ambiente vegetale, che si presenta piuttosto diversificato. Si hanno in prevalenza foreste tropicali sugli umidi versanti settentrionali delle catene montuose e nelle regioni orientali, mentre sui rilievi interni prevale la foresta di pini caraibici e non mancano terreni degradati a prato e utilizzati come pascolo; nelle zone più aride occidentali e meridionali si trova invece una savana povera. La fauna locale conta numerose specie di rettili, in particolare la lucertola Jaragua (il più piccolo rettile al mondo); uccelli come fregate, pellicani, aironi, sterne, picchi, corvi, uccelli delle palme. Oltre alle tartarughe, ai serpenti, ai piccoli quadrupedi che popolano anche le altre isole dei Caraibi sono presenti in grande quantità le megattere

13 L'abbattimento delle foreste per far posto alle piantagioni di caffè, cacao, banane e canna da zucchero e per lo sfruttamento del legname hanno causato la perdita di una grossa porzione del manto boschivo che ricopre ormai poco più di un quarto della superficie del Paese. La deforestazione ha provocato inoltre l'aumento dell'erosione del suolo; nel corso delle alluvioni seguite agli uragani, le colate di fango e di detriti, in mancanza delle dighe naturali costituite dai boschi, hanno travolto migliaia di abitazioni.. Le numerose strutture turistiche localizzate sulle coste e le imbarcazioni che attraversano queste acque sono una fonte di inquinamento e mettono in pericolo l'ecosistema e altri animali marini. La legge del 2000 sulle aree protette prevede la promozione della salvaguardia delle aree naturali di interesse locale e dei numerosi parchi (di cui 30 nazionali) che si trovano nella Repubblica Dominicana (25% della superficie del Paese).


Scaricare ppt "DOVE SI TROVA Il paese occupa circa i due terzi dellisola di Hyspaniola, che si trova al centro del Mar dei Carabi, (di cui è la seconda per estensione),"

Presentazioni simili


Annunci Google