La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Che cosè il disturbo mentale ? un modello per conoscere Università degli Studi di Trieste Facoltà di Psicologia Corso di Psichiatria Sociale a.a. 2007/2008.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Che cosè il disturbo mentale ? un modello per conoscere Università degli Studi di Trieste Facoltà di Psicologia Corso di Psichiatria Sociale a.a. 2007/2008."— Transcript della presentazione:

1 che cosè il disturbo mentale ? un modello per conoscere Università degli Studi di Trieste Facoltà di Psicologia Corso di Psichiatria Sociale a.a. 2007/2008

2 scegliere e descrivere un modello che cerca di spiegare le possibili cause e il decorso del disturbo mentale considerando linterazione di fattori diversi

3 In sintesi può essere utile considerare tutte le molteplici variabili che concorrono a determinare le caratteristiche affettive, emotive, comportamentali delle persone e la loro maggiore o minore capacità di adattamento

4 Il modello medico - biologico considera come causa della malattia un danno, una lesione al cervello

5 Il modello psicologico concentra il suo interesse sui meccanismi di crescita dellindividuo, sullapprendimento, sul dipanarsi delle sue relazioni, sullo svolgersi della sua vita intima e privata, sul ricorrere degli eventi significativi

6 Il modello sociologico chiama in causa soprattutto il contesto, lambiente, gli squilibri e le disarmonie che accadono e talvolta irrompono nella vita di ogni individuo in conseguenza di grandi e piccoli fenomeni sociali

7 il passaggio dal benessere al disturbo mentale Benessere: soddisfazione dei bisogni e buona qualità di vita 4 condizioni non delimitate da confini netti: Disagio: sofferenza psichica nei momenti evolutivi critici e nelle situazioni ambientali difficili senza sintomi specifici Disturbo mentale: intensa sofferenza psichica che permane nel tempo ed è accompagnata da sintomi psichiatrici specifici Disturbo mentale stabilizzato: stato di disturbo protratto nel tempo e spesso complicato da cureimproprie

8 Predisposizione e vulnerabilità Esistono fattori di rischio e fattori di protezione per la salute mentale

9 modelli di malattia decorso ed esito

10 i fattori di rischio aumentano la probabilità che da una condizione di equilibrio si passi ad uno stato di sofferenza psichica

11 mentre i fattori di protezione aumentano la resistenza delle persone agli eventi stressanti e concorrono al mantenimento dello stato di benessere.

12 fattori di rischio i momenti critici del ciclo vitale ( i passaggi da unetà allaltra, in particolare ladolescenza) i momenti critici e di passaggio della vita familiare (fidanzamento, matrimonio, gravidanza, nascita dei figli, separazione, divorzio, allontanamento dei figli, presenza di anziani da sostenere, morte di uno dei coniugi)

13 eventi di vita stressanti disagio sociale (disoccupazione, emigrazione, difficoltà abitative, malfunzionamento dei sistemi scolastici ) assenza o malfunzionamento del servizio sanitario fattori di rischio

14 fattori di protezione presenza della rete sociale figure familiari di riferimento accesso allistruzione sistema sanitario funzionante capacità individuali di risposta allo stress

15 fattori di rischio per il disturbo psicotico (teorie biologiche) ipotesi virale (esposizione secondo trimestre di gravidanza) complicazioni e traumi perinatali vulnerabilità genetica (complessa)

16 traumi infantili stili delle relazioni familiari emigrazioni disoccupazione condizioni di svantaggio economico,sociale, culturale caratteristiche dellambiente nellinfanzia e adolescenza fattori di rischio per il disturbo psicotico (teorie psicosociali)

17 fattori di rischio per il disturbo psicotico (ambientali) vivere in aree urbane vs rurali difficoltà abitative malfunzionamento dei sistemi scolastici assenza o malfunzionamento del servizio sanitario

18 il modello vulnerabilità-stress

19 modello vulnerabilità stress probabilistico, non più deterministico vulnerabilità: differente disposizione di difese o abilità o di capacità ad orientarsi nelle situazioni più disparate singolarità: eventi uguali che assumono significati completamente diversi a seconda della persona che si trova a viverli tappe dello sviluppo: infanzia fanciullezza, adolescenza, maturità, senilità collegati al rischio di sviluppare malessere, squilibri, sofferenza

20 stress/vulnerabilità

21 decorso il decorso è soggetto a molteplici elementi, dovuti alla presenza o all'assenza di particolari esperienze, all'insieme dei fattori di rischio e dei fattori di protezione

22 esito lesito del disturbo mentale non è più una diffusa quanto ineluttabile cronicità, bensì il raggiungimento di tante singolari condizioni di vita più o meno soddisfacenti quante sono le persone che vivono queste esperienze.

23 Non voglio con questo dire che la malattia non esiste, ma che noi produciamo una sintomatologia - il modo di esprimersi della malattia - a seconda del modo col quale pensiamo di gestirla, perché la malattia si costruisce e si esprime sempre a immagine delle misure che si adottano per affrontarla. Il medico diventa gestore dei sintomi e crea un'ideologia su cui poi il manicomio si edifica e si sostiene. Solo così egli può dominare e reprimere le contraddizioni che la malattia esprime in Ideologia e pratica in tema di salute mentale, 1982


Scaricare ppt "Che cosè il disturbo mentale ? un modello per conoscere Università degli Studi di Trieste Facoltà di Psicologia Corso di Psichiatria Sociale a.a. 2007/2008."

Presentazioni simili


Annunci Google