La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Economia dellintegrazione europea Università di Padova Facoltà di Scienze Politiche A.A. 2002-2003 STRUTTURA ECONOMICA DEL TRATTATO DI ROMA AGGIUNTE DELLATTO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Economia dellintegrazione europea Università di Padova Facoltà di Scienze Politiche A.A. 2002-2003 STRUTTURA ECONOMICA DEL TRATTATO DI ROMA AGGIUNTE DELLATTO."— Transcript della presentazione:

1 Economia dellintegrazione europea Università di Padova Facoltà di Scienze Politiche A.A STRUTTURA ECONOMICA DEL TRATTATO DI ROMA AGGIUNTE DELLATTO UNICO EUROPEO STRUTTURA ECONOMICA DEL TRATTATO DI MAASTRICHT STRUTTURA ECONOMICA DEL TRATTATO DI AMSTERDAM

2 CARATTERISTICHE DI UNA COSTITUZIONE ECONOMICA 1) PRINCIPI GUIDA 2) FASI DEL PROCESSO INTEGRATIVO 3) OBIETTIVI 4) FUNZIONI ECONOMICHE PUBBLICHE 5) POTERI ECONOMICI ASSEGNATI (STRUMENTI) 6) ISTITUZIONI

3 PROPRIETA ISTITUZIONALI DI UN PROCESSO DI INTEGRAZIONE 1) TRATTATO CON REGOLE RIGIDE PER IL TRASFERIMENTO DEI POTERI 2) PRESENZA MINIMA DI CLAUSOLE DI SALVAGUARDIA 3) CONTROLLO COMUNE SULLAPPLICAZIONE DELLE CLAUSOLE DI SALVAGUARDIA ED AUTORIZZAZIONE PREVENTIVA 4) NESSUNA POSSIBILITA DI SOTTRARSI ALLE FUNZIONI PRINCIPALI TRASFERITE

4 5) DURATA ILLIMITATA DELLACCORDO 6) DESCRIZIONE PRECISA DELLE PROCEDURE E DEI PASSAGGI NEL PERIODO TRANSITORIO 7) REGOLAMENTAZIONI E NORMATIVE CODIFICATE E STRUMENTI PER APPLICARLE

5 STRUTTURA ECONOMICA DEL TRATTATO DI ROMA OBIETTIVI ECONOMICI STRUMENTI PRINCIPI CHIAVE STRUTTURA ISTITUZIONALE Sviluppo armonioso delle attività economiche Espansione continua ed equilibrata Aumento della stabilità Crescita accelerata standard della vita Lealtà comunitaria Non discriminazione rispetto alla nazionalità Allargamento dei poteri solo nellambito delle operazioni per il mercato comune Istituzioni comuni Revisione giuridica finale Commissione: guardiano del Trattato Bilancio comunitario Regole per le procedure di decisione MERCATO COMUNE APPROSSIMAZIONE DELLE POLITICHE ECONOMICHE Unione doganale Politica commerciale comune Politica agricola comune Politica comune della concorrenza Politica comune dei trasporti Libertà di movimento per: merci servizi persone capitali Ravvicinamento delle normative fiscali ed economiche Altri strumenti (deboli)

6 AGGIUNTE DELLATTO UNICO EUROPEO OBIETTIVI ECONOMICI STRUMENTI PRINCIPI CHIAVE STRUTTURA ISTITUZIONALE Invariato MERCATO COMUNE RAVVICINAMENTO POLITICHE ECONOMICHE Invariato Aggiungere Consiglio Europeo Votazione a magg. qualificata per le misure sul mercato interno Maggiore ruolo per il Parlamento Europeo InvariatoAggiungere Definizione di mercato interno: area senza frontiere, garanzia delle 4 libertà InvariatoAggiungere Mutuo riconoscimento come principio normativo Ricerca e sviluppo tecnologico Ambiente Coesione economica e sociale Fondi strutturali Salute e sicurezza sul luogo di lavoro SME

7 STRUTTURA ECONOMICA DEL TRATTATO DI MAASTRICHT OBIETTIVI ECONOMICI STRUMENTI PRINCIPI CHIAVE STRUTTURA ISTITUZIONALE Sviluppo armonioso e bilanciato delle attività economiche Crescita sostenibile e non inflazionistica, con rispetto per lambiente Un alto livello di convergenza delle performance economiche Un alto livello di occupazione e di protezione sociale La crescita dello standard e della qualità della vita Coesione economica e sociale e solidarietà tra gli Stati Membri Regole per le procedure di decisione: più votazioni a maggioranza, più poteri al Parlamento europeo Nuove istituzioni europee Precedente Sussidiarietà Acquis communitaire Mercato aperto con libera concorrenza Prezzi stabili Finanze pubbliche e condizioni monetarie sane Bilancia dei pagamenti sostenibile MERCATO COMUNE POLITICHE OD ATTIVITA COMUNI Precedente Divieto di restrizione sui capitali Precedente Strumenti nuovi o riformulati: tutti i nuovi deboli UEM Moneta unica Stabilità dei prezzi Banca Centrale Divieto di deficit eccessivi Parametri di entrata

8 STRUTTURA ECONOMICA DEL TRATTATO DI AMSTERDAM OBIETTIVI ECONOMICI STRUMENTI PRINCIPI CHIAVE STRUTTURA ISTITUZIONALE Sviluppo armonioso equo e sostenibile delle attività economiche Un livello elevato di occupazione e di protezione sociale Pari opportunità Crescita sostenibile e non inflazionistica Un livello elevato di competitività e convergenza delle prestazioni economiche Un livello elevato di protezione e miglioramento della qualità dellambiente Crescita dello standard e della qualità della vita Coesione economica e sociale e solidarietà tra i paesi membri Acquis Regole sul decision making: più voti a maggioranza qualificata, più poteri al Parlamento Europeo Acquis Protocollo speciale su sussidiarietà e proporzionalità MERCATO COMUNE POLITICHE COMUNI O ATTIVITA Spostamento graduale verso il (completo) libero movimento di persone – legami complessi con Schengen & condizioni Strategia coordinata per loccupazione Acquis Protocollo sociale inserito nel trattato UME Patto di stabilità e sviluppo Acquis ERM 2 volontario Cooperazione più stretta o flessibilità, con condizioni molto più rigide nel secondo pilastro e meno condizioni negli altri Acquis

9 STRUTTURA ECONOMICA DEL TRATTATO DI AMSTERDAM OBIETTIVI ECONOMICI STRUMENTI PRINCIPI CHIAVE STRUTTURA ISTITUZIONALE Sviluppo armonioso equo e sostenibile delle attività economiche Un livello elevato di occupazione e di protezione sociale Pari opportunità Crescita sostenibile e non inflazionistica Un livello elevato di competitività e convergenza delle prestazioni economiche Un livello elevato di protezione e miglioramento della qualità dellambiente Crescita dello standard e della qualità della vita Coesione economica e sociale e solidarietà tra i paesi membri Acquis Regole sul decision making: più voti a maggioranza qualificata, più poteri al Parlamento Europeo Acquis Protocollo speciale su sussidiarietà e proporzionalità MERCATO COMUNE POLITICHE COMUNI O ATTIVITA Spostamento graduale verso il (completo) libero movimento di persone – legami complessi con Schengen & condizioni Strategia coordinata per loccupazione Acquis Protocollo sociale inserito nel trattato UME Patto di stabilità e sviluppo Acquis ERM 2 volontario Cooperazione più stretta o flessibilità, con condizioni molto più rigide nel secondo pilastro e meno condizioni negli altri Acquis

10 FORME E MODELLI ORGANIZZATIVI DELLINTEGRAZIONE ISTITUZIONALE _________________________________________________________________________ libero mercatomodello centralisticomodello federalista forme organizzativeconcorrenza/gerarchiacooperazione atomisticaproduzione di massaproduzione flessibile principi organizzativiiniziativaautoritàautogoverno responsabilitàdiritti legalisinergia efficienzaeconomie di scalaflessibilità logiche di interazioneconcorrenzaomogeneitàdifferenziazione scambio monetariocontrollo/dipendenzainfluenza/leadership interdipendenzacoordinamentonegoziazione struttura geograficaspazio omogeneounità amministrativesistemi di produzione territoriali

11 libero mercatomodello centralisticomodello federalista effetti negativiegoismoburocraziaconflitti economicismoassistenzialismoassemblearismo liberalismodirigismopotere di veto ideali politicilibertàuguaglianzafraternità relazioni/ libero commerciomercantilismocomplementarietà internazionali integrazione/ mercato unicoComunità/ Federazione/ europea sovranazionaleinterregionale sviluppi negativisquilibri politici/nazionalismo/confusione/ economiciseparatismoimpotenza


Scaricare ppt "Economia dellintegrazione europea Università di Padova Facoltà di Scienze Politiche A.A. 2002-2003 STRUTTURA ECONOMICA DEL TRATTATO DI ROMA AGGIUNTE DELLATTO."

Presentazioni simili


Annunci Google