La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La Grande Guerra. Lanalisi dei fatti Le cause della guerraLe cause della guerra Guerra di posizione: la trinceaGuerra di posizione: la trincea Guerra.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La Grande Guerra. Lanalisi dei fatti Le cause della guerraLe cause della guerra Guerra di posizione: la trinceaGuerra di posizione: la trincea Guerra."— Transcript della presentazione:

1 La Grande Guerra

2 Lanalisi dei fatti Le cause della guerraLe cause della guerra Guerra di posizione: la trinceaGuerra di posizione: la trincea Guerra di logoramento: le risorse impegnateGuerra di logoramento: le risorse impegnate La mobilitazione totaleLa mobilitazione totale Il primo genocidio: gli ArmeniIl primo genocidio: gli Armeni I gas asfissiantiI gas asfissianti Le nuove armiLe nuove armi Il bilancio della guerraIl bilancio della guerra

3 Poteva essere evitata la guerra? - le cause Le cause strutturali 1.Fine dellordine europeo 2.Nazionalismi - imperialismi 3.Militarismo tedesco 4.Peso degli stati- maggiori militari nella politica interna 5.Bellicismo di massa Minaccia tedesca allegemonia britannica revanchismo francese irredentismo italiano questione balcanica

4 Le guerre del passato gli eserciti prima dellintroduzione della coscrizione obbligatoria costituiscono una frazione marginale della popolazione Francia su 29 milioni – – battaglie relativamente rare comunque non tali da apparire come catastrofi nazionali per numero di morti diverse invece: –Borodino su –Waterloo su Napoleone su Wellington

5 La guerra totale (da Hobsbawm, Il secolo breve) Prima del ventesimo secolo, era un caso eccezionale che la guerra coinvolgesse tutta la società Il mostro novecentesco della guerra totale non nacque d'improvviso. Tuttavia, dal 1914 in poi, le guerre furono indubbiamente guerre di massa Nella prima guerra mondiale la Gran Bretagna mobilitò il 12,5 % della popolazione maschile, la Germania il 15,4 %, la Francia quasi il 17%

6 Linizio del massacro battaglia di Verdun (cinque mesi): –morirono: francesi e tedeschi offensiva sulla Somme: di morti di cui inglesi, solo il 1° giorno : più di di morti francesi inglesi tedeschi italiani Verdun

7 La prima guerra del 900 si svolge nell800 la guerra di secessione americana Importanza della tecnologia Navi corazzate, mitragliatrici, fucili a ripetizione Telegrafo, palloni aerostatici, ferrovie Centralità della produzione industriale Coinvolgimento della popolazione civile Guerra di logoramento (trincee).

8 Le novità della guerra di secessione soldati mobilitati (fra Nord e Sud) su una popolazione di 33 milioni (compresi gli schiavi) morti e invalidi Mobilitazione: –Confederazione uomini dai 17 ai 50 anni ( di leva obbligatoria), –Unione : soldati ( di leva). Produzione industriale del Nord: – cannoni, – proiettili di artiglieria, – chilogrammi di polvere, – fucili e –più di un miliardo di cartucce.

9 Le vittime della guerra di secessione Nord – morti – feriti e mutilati –su una popolazione di 22 milioni di abitanti; Sud (stime) – vittime – più di feriti – su 11 milioni di abitanti (compresi gli schiavi)

10 La modernità della guerra civile americana Tecnologia –Navi corazzate, mitragliatrici, fucili a ripetizione –Telegrafo palloni aerostatici –ruolo delle ferrovie Guerra di movimento, ma anche di posizione: compaiono le trincee. guerra di logoramento

11 La filosofia del generale Sheridan Nel corso della guerra civile il generale Sheridan dichiara: "è difficile piegare con le armi un popolo fiero, combattivo, coraggioso; ma mettete alla fame i suoi vecchi, i suoi bambini e le sue donne; distruggete sistematicamente le sue case: e vedrete i fucili cadere dalle mani dei combattenti". E sei anni più tardi lo stesso Sheridan, inviato come osservatore durante la guerra franco-prussiana del I870, suggerirà a Bismarck: "se volete domare i francesi, dovete fare come noi, che ai sudisti abbiamo lasciato solo gli occhi per piangere".

12 periodon. morti% vittime civili Rivolta dei contadini in Germania % Guerra di indipendenza olandese % Guerra dei trentanni % Guerra di successione spagnola n. d. Guerra dei sette anni % Rivoluzione francese e guerre napoleoniche % Guerra di Crimea % Guerra civile Usa % Paraguai contro Brasile e Argentina % Guerra franco-prussiana % Guerra Spagna – USA % Grande guerra % Seconda guerra mondiale % Laumento delle vittime e delle vittime civili

13 le guerre moderne rafforzarono l'organizzazione del lavoro e produssero una rivoluzione nell'impiego di personale femminile al di fuori delle faccende domestiche le guerre del ventesimo secolo furono guerre di massa nel senso che impiegarono e distrussero nel corso dei combattimenti una quantità fino ad allora inimmaginabile di materiali e di prodotti. Guerre di massa Cfr. l'espressione tedesca MaterialschIacht (battaglia di materiali) per descrivere le battaglie sul fronte occidentale nella guerra del

14 Napoleone poté vincere la battaglia di Jena nel 1806, e distruggere così la potenza prussiana, con non più di salve di artiglieria prima della guerra del la Francia aveva pianificato una produzione giornaliera di granate e alla fine del conflitto l'industria francese arrivò a produrne al giorno

15 Parlando in termini generali, la guerra totale fu la più grande impresa economica, coscientemente organizzata e diretta, che l'uomo avesse mai conosciuto gli eserciti e la guerra erano ben presto diventate industrie o attività economiche assai più vaste di qualunque iniziativa economica privata [Hobsbawm]

16

17 Un modello esplicativo sulle cause immediate a.strategia di rischio b.politica coercitiva c.dilemma della sicurezza d.disposizione strategico-militare offensiva [leggi testo]

18 La partenza per il fronte

19 Linterventismo italiano Carrà. Folla che palude alla guerra

20 La trincea Otto Dix

21 La guerra in trincea

22 Pronti allassalto… … a riposo

23 Liprite 22 aprile 1915, a Ypres i tedeschi impiegano per la prima volta il gas asfissiante che da allora fu detto iprite la guerra chimica richiede condizioni meteorologiche pricise gli effetti sulle persone e sulle cose sono devastanti

24 I gas: tanto atroci quanto inefficaci Luso dei gas produsse lunico caso di reazione umanitaria > Convenzione di Ginevra del 1925 [Nella II GM i gas non saranno usati da nessuno (ma gli italiani li usarono in Africa)]

25 Le armi Artiglieria portatile Mitragliatrici Cannoni queste sono le armi più usate nella I GM, e tutte erano state già usate in precedenza

26 Il carro armato Vengono introdotti veicoli corazzati a cingoli, ma il loro uso è limitato e poco efficace

27 Laeroplano Gli aeroplani hanno funzioni ricognitive e terroristiche Ancora scarsi e poco efficaci i bombardamenti Fokker inventa, per i tedeschi, una mitragliatrice sincronizzata con lelica dellaereo Il Barone rosso

28 Sono lunica nuova arma che abbia effetti rilevanti. Servono a colpire le forze militari (navi da guerra) e ad affamare la popolazione civile (blocco navale) I sottomarini

29 Il fronte interno dalla guerra di logoramento alla mobilitazione totale

30 La donna al lavoro Contadine di Poitou sostituiscono gli uomini mobilitati Nelle fabbriche Nelle campagne da esercito di riserva nel mondo del lavoro, le donne sostituiscono gli uomini al fronte

31 Nei servizi Nellindustria bellica

32 Alla fine della guerra le donne continueranno a sostituire nelle fabbriche gli uomini morti, mutilati o dispersi in battaglia

33 Mobilitazione interna La mobilitazione totale I manifesti

34 … per la patria in pericolo

35 contro lodiato straniero

36 La mobilitazione delle colonie Francia e Inghilterra poterono contare sullimpero coloniale Duplice effetto –Constatazione carneficina –Promessa di autonomia (non mantenuta)

37 La mobilitazione dellimpero britannico

38 Il genocidio armeno

39 Il primo genocidio del 900 Armenia: territorio compreso tra il Caucaso e lEufrate Armeni: popolazione unita da millenni per la lingua (ceppo indoeuropeo) e religione (cristianesimo autocefalo dal VI secolo)

40 Gli armeni prima del 1914: i primi massacri nella fase di dissoluzione dellImpero, gli armeni, come altri popoli, avanzano rivendicazioni di autonomia Abdul - Hamid, sultano dal 1876, di fronte alle rivolte dei curdi, organizza questi ultimi contro gli armeni : primi massacri per mano di turchi e curdi; 200/ 300 mila morti, decine di migliaia di conversioni forzate la rivoluzione dei Giovani Turchi dà un indirizzo nazionalista alla politica dellimpero allo sfascio 1909: secondo massacro in Cilicia: morti

41 Il genocidio 1913: dittatura militare dei Giovani Turchi 1914: è costituita una Organizzazione Speciale Nel 1915 furono uccisi armeni

42 Gorizia: al bivio dellidentità nazionale «O Gorizia tu sei maledetta per ogni cuore che sente coscienza!» Dolorosa ci fu la partenza e il ritorno per molti non fu. O vigliacchi voi che ve ne state con le mogli sui letti di lana, schernitori di noi carne umana questa guerra ci insegna a punir, Voi chiamate il campo d'onore questa terra di là dei confini,- qui si muore gridando: «Assassini!» Maledetti sarete un dì. Sei nostra! Sembra gridare l'assalto. La Città è apparsa, apparsa a tutti nel piano, dalle vette raggiunte: e tende le braccia, e chiama, li, prossima, tutta rivelata, nuda e pura nel sole di ferragosto, e libera! libera! (V. Locchi, La Sagra di Santa Gorizia, L'Eroica ed.,Milano1956, pag )

43 Il bilancio della guerra Max forze mobilitate CadutiFeriti Prigionieri o dispersi Perdite sulla forza mobilitata Tot. Intesa ,3% Tot. Alleanza ,4% Totale ,6%

44 uno sguardo retrospettivo e lucidamente profetico Vi è qualcuno che ricordi ancora lEuropa nei mesi prima del 1914? e che ricordi gli anni che precedettero questi anni di guerra? Pare che gran tempo sia trascorso, che si tratti di unepoca lontana, tanto le condizioni della vita sono mutate e tanto è mutata la concezione della Vita. Forse trenta milioni di morti separano due età. Molti uomini ha ucciso la guerra, molti più ancora la malattia, ma assai più ha ucciso la fame. Sono i morti una grande barriera tra lEuropa di ieri e lEuropa di oggi. Abbiamo vissuto due epoche storiche, non due periodi differenti: lEuropa che era lieta e prospera, dopo limmensa guerra, è minacciata da una decadenza e da un abrutimento, che fa ricordare la caduta dellImpero romano. Noi stessi non ci rendiamo conto di ciò che avviene. Oltre due terzi dellEuropa sono in fermento e vi è in tutti un senso vago dinquietudine... F. S. Nitti, LEuropa senza pace, 1921, citato in Sasso Gennaro, Tramonto di un mito, Lidea di progresso fra Ottocento e Novecento, Il Mulino, Bologna, 1984, pag. 43

45 LEuropa al termine della guerra


Scaricare ppt "La Grande Guerra. Lanalisi dei fatti Le cause della guerraLe cause della guerra Guerra di posizione: la trinceaGuerra di posizione: la trincea Guerra."

Presentazioni simili


Annunci Google