La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LA LETTERATURA SI ESPRIME ATTRAVERSO I GENERI LETTERARI NARRATIVO ROMANZO/ NOVELLA / EPOS PAROLA RACCONTATA LIRICO = CANTO ACCOMPAGNATO CON LA LIRA DRAMMATICO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LA LETTERATURA SI ESPRIME ATTRAVERSO I GENERI LETTERARI NARRATIVO ROMANZO/ NOVELLA / EPOS PAROLA RACCONTATA LIRICO = CANTO ACCOMPAGNATO CON LA LIRA DRAMMATICO."— Transcript della presentazione:

1 LA LETTERATURA SI ESPRIME ATTRAVERSO I GENERI LETTERARI NARRATIVO ROMANZO/ NOVELLA / EPOS PAROLA RACCONTATA LIRICO = CANTO ACCOMPAGNATO CON LA LIRA DRAMMATICO TRAGEDIA /COMMEDIA DRAMA= AZIONE

2 DRAMMA: DRAMMA: RAPPRESENTAZIONE di una vicenda attraverso azioni e parole di personaggi DRAMMA da δρά (azione) àω(agisco) TEATRO da θεάομαι( vedo) IL GENERE DRAMMATICO La maschera (πρόσωπον) persona o larva nel mondo latino In uso nel mondo greco e, probabilmente dalla metà del II sec.a.C:,nel mondo latino N.B. tutte queste parole-chiave sono di origine greca

3

4 CHE COSE L A TRAGEDIA RAPPRESENTAZIONE DI UNA VICENDA SERIA che trae spunto dal mito A FINALE CRUENTO

5 s Rappresentazione DRAMA

6 La s: La tragedia è un inganno in cui il più saggio si fa ingannare (Gorgia)

7 La definizione di tragedia nella Poetica di Aristotele): La tragedia è limitazione ( s) di unazione a carattere elevato che, attraverso la rappresentazione di pietà e orrore, suscita la purificazione s) di questi stessi sentimenti

8 Per una valutazione critica della TRAGEDIA 2 OBIETTIVI 1) ricercare ciò che il DRAMA ci comunica direttamente. VALORI UNIVERSALI, COMUNI A TUTTE LE EPOCHE PERCHE INSITI NELLA NATURA UMANA (la morte, il destino, il dolore, la colpa etc…) 2)collocare le tragedia nel SUO CONTESTO STORICO quaestio:quale dei 2 obiettivi è il più difficile da raggiungere?

9 POLIS DEMOCRATICA E POTENZA EGEMONE (Maratona e Salamina) LE GUERRE PERSIANE COME TRAMPOLINO DI LANCIO DELLA POTENZA ATENIESE PENTECONTETIA ETA PERICLEA ca LA LEGA DELO-ATTICA COME STRUMENTO DI EGEMONIA SULLEGEO 404 GUERRA DEL PELOPONNESO E CROLLO DI ATENE ATENE NEL V SEC.A.C. (1)

10 LEGEO NEL V SEC.A.C.

11 la tragedia attica era una COSA PUBBLICA LA TRAGEDIA NEL SUO CONTESTO STORICO la tragedia è lideale punto di fusione di tre elementi: religioso, politico, agonistico La teoria di Dario Del Corno:

12 ELEMENTO RELIGIOSO LOCCASIONE: LE GRANDI DIONISIE I Greci sentivano non soltanto di assistere ad uno spettacolo, ma di partecipare ad un RITO (D. Del Corno)

13 durante le GRANDI DIONISIE o URBANE (fine marzo ) Pisistrato (535) istituisce gli agoni teatrali in 3 giorni: 3 tragici in gara ogni giorno: 3 tragedie + 1dramma satiresco)

14 DIONISO DIO DEL VINO DALLA SUA FUNZIONE DERIVA LA SUA NATURA DOPPIA, AMBIVALENTE ASPETTO SOCIALE RASSICURANTE (SESSO, FERTILITA, RINASCITA ) ASPETTO OSCURO DESTABILIZZANTE SCATENAMENTO DI FORZE IRRAZIONALI VINO

15 DIONISO il nato due volte, è una divinità doppia, ambivalente

16 Come dio del vino, ha un VOLTO GIOIOSO perché al vino è legata lebbrezza, leros la sessualità e quindi la fertilità Come dio del vino ha un volto gioioso: ebbrezza eros sessualità fecondità

17 e un VOLTO TERRIBILE: il vino scatena le pulsioni irrazionali

18

19 Kylix a fig.rosse (Vsec.a.C.) donne celebrano le Lenee

20

21 Per Nietzsche (La nascita della tragedia, 1871) la tragedia concilia il volto apollineo e quello dionisiaco della cultura greca

22 Lo spirito apollineo è equilibrio, razionale armonia, serena compostezza si esprime massimamente attraverso le immagini Il classicismo ( fra XVIII e XIX secolo) ha visto, sbagliando, nellarte greca, manifestazione dello spirito apollineo In verità i due spiriti coesistono Lo spirito dionisiaco è ebbrezza, è linsieme delle pulsioni irrazionali di cui è fatto il nostro inconscio esso si esprime massimamente nella musica Nietzche afferma: In virtù di un miracolo metafisico della volontà ellenica. I due dei compaiono accoppiati luno nellaltro, e, in questo accoppiamento finale, generano unopera darte, altrettanto dionisiaca che apollinea, che è la tragedia attica (Nietzsche, La nascita della tragedia)

23 partecipavano alle rappresentazioni aristocratici, artigiani, mercanti, METECI e – probabilmente – persino le componenti più emarginate: le DONNE ELEMENTO POLITICO Lo Stato promuove e gestisce levento culturale: LARCONTE EPONIMO- lorganizzatore, scelto a sorte, era il RAPPRESENTANTE DELLUOMO DELLA STRADA (Beye) Il COREGO :ricco ateniese, desideroso di acquistare fama, finanzia Il coro PERICLE: il, il biglietto gratis ai meno abbienti partecipazione di tutte le componenti sociali della POLIS

24 Il senso di appartenenza alla grecità (si autodefinisce in rapporto al diverso= barbaro) Il senso di appartenenza alla polis (io sono Tucidide ateniese etc.) Aristotele, nell Etica Nicomachea definisce il greco un animale sociale Cosa caratterizza luomo greco?

25 La definizione di sé è una fatto individuale che avviene in ambito collettivo Attraverso la paideia, Leducazione Il greco viene istruito nel ginnasio, ma anche nel teatro Una città è tale se, oltre agli edifici pubblici e allagorà, ha anche un gymnasion e un qeatron (Pausania, La periegesi della Grecia) Larte ha valore educativo, scrive Aristotele nella Poetica Dove avviene il processo educativo?

26 le gare drammatiche ginniche, poetiche, rimandano ad una società democratica i duelli dei poemi omerici rimandano ad una società aristocratica lagonismo è insito nella mentalità delluomo greco: ELEMENTO AGONISTICO

27

28

29

30 L A TRAGEDIA: LA STRUTTURA (1) PARTI RECITATE in trimetro giambico (x lo +) (talvolta canto) ATTORI (2 con Eschilo 3 con Sofocle ) PARTI CANTATE in metri lirici (talvolta recitazione) CORO (DA 12 A 15) + CORIFEO

31 L A TRAGEDIA: LA STRUTTURA (2) PROLOGO introduzione (recitato) PARODO canto dingresso del coro EPISODI ( da 3 a 7 )recitazione ( talvolta canto) STASIMI canti del coro ESODO canto duscita del coro

32 LIBERTA :volontà di autodeterminarsi ->la scelta (volere decidere agire errare) NECESSITA : realtà che limita contrasta tale volontà di autodeterminarsi (destino, forze che sovrastano leroe le leggi della comunità, il fato avverso, o - in Euripide - forze oscure che si agitano dentro leroe CONFLITTO FRA IL CONCETTO DI TRAGICO: gli elementi il tragico si fonda su un conflitto inconciliabile (Goethe)

33 1) IL PATHOS Il dolore (ineluttabilità del). Concezione del dolore precristiana (George Steiner, la morte della tragedia) IL CONCETTO DI TRAGICO: gli elementi Catastrofe di un destino eroico (Teofrasto) 2) LA DI DIGNITA DELLA CADUTA 3) LA CONSAPEVOLEZZA

34 TRAGEDIA: LE ORIGINI (1) : CANTO DEL CAPRO (premio? Animale totemico? Vittima sacrificale?) Le fonti: La tragedia nasce dal ditirambo (canto lirico corale in onore di Dioniso), quando coloro che lo guidavano si opposero al resto del coro recitando (Aristotele, Poetica) Arione è linventore della tragedia, compositore di ditirambi ( da Erodoto, Storie) Nel Peloponneso si svolgono canti tragici che cantano i patimenti delleroe Adrasto ( da Erodoto, Le Storie)

35 TRAGEDIA: LE ORIGINI (2) la tragedia nasce da canti lirici(ditirambo?) Origini oscure molteplici le ipotesi formulate nelle linee generali possiamo supporre che: le parti recitate attingono al contenuto dei (lamenti per i patimenti di eroi (da canti lirici ? Riti misterici? Epos omerico?) tracce: argomento serio a finale cruen to) tracce: il coro

36 LIBERTA :volontà di autodeterminarsi ->la scelta (volere decidere agire errare) NECESSITA : realtà che limita contrasta tale volontà di autodeterminarsi (destino, forze che sovrastano leroe le leggi della comunità, il fato avverso, o - in Euripide - forze oscure che si agitano dentro leroe CONFLITTO FRA IL CONCETTO DI TRAGICO: gli elementi il tragico si fonda su un conflitto inconciliabile (Goethe)

37 1) IL PATHOS Il dolore (ineluttabilità del). Concezione del dolore precristiana (George Steiner, la morte della tragedia) IL CONCETTO DI TRAGICO: gli elementi Catastrofe di un destino eroico (Teofrasto) 2) LA DI DIGNITA DELLA CADUTA 3) LA CONSAPEVOLEZZA

38 è in questo contesto che LEROE OPERA UNA SCELTA( IL CONFLITTO FRA VOLONTA DI AUTODETERMINAZIONE DELLEROE IL DESTINO CHE LO ABBATTE Si attua in un COSMO ordinato secondo una LEGGE DIVINA GIUSTA ma IMPERSCRUTABILE ESCHILO. Il mondo concettuale

39 SOFOCLE LEdipo re

40 La sua Eukolìa al servizio attivo della polis Ellenotamo Stratego a Samo (441/0) Accoglie il simulacro di Asclepio (dexìon) SOFOCLE LA VITA ( )

41 riportò 24 vittorie restano 7 tragedie: Aiace (450?) Antigone (442) Trachinie Edipo re (< 425) Elettra Filottete (409) Edipo a Colono (401) Innovazioni tecniche: 3 attori il coro da 12 a 15 SOFOCLE LOPERA

42 fra le certezze di Eschilo il cosmo retto da dei garanti di giustizia leroe paradigmatico e i dubbi di Euripide gli dei si sono allontanati dalluomo; leroe scende dal piedistallo: è un uomo di cui viene scandagliata la psiche) Sofocle si colloca

43 SOFOCLE a confronto con ESCHILO IL CONFLITTO TRAGICO LA TUXH LEROE

44 ESCHILOSOFOCLE IL CONFLITTO TRAGICO Nasce nel momento in cui leroe si rapporta con il fato. Il conflitto fra necessità ( e libertà è inconciliabile Il conflitto spesso si esprime nella domanda tì draso? (che farò?) La scelta (Oreste, Pelasgo, o cè chi, come Serse, ha già scelto la ubris e la tragedia mostra le conseguenze della sua scelta) La legge è quella del pathei mathos Nel primo coro dell Agamennone, il dolore viene offerto a Zeus che viene invocato Nasce nel momento in cui leroe si rapporta con il fato. Il conflitto fra necessità ( e libertà è inconciliabile Accanto al tì draso ? di Creonte Emerge l arti manthano (ora capisco) di Edipo. Ma, cosa capisce? 1) Trova se stesso questo giorno ti farà e ti distruggerà gli dice Tiresia 2) Capisce che non è dato agli uomini capire La legge è quella del pathei mathos Gli eroi continuano ad invocare gli dei, ma pongono domande che rimangono senza risposte Dio, cosa vuoi fare di me? dice Edipo

45 ESCHILOSOFOCLE Leroe si rapporta con la espressione di un cosmo governato da dei il cosmo ( ) è retto da una provvidenza che regola gli eventi umani secondo gli dei puniscono l delluomo scendono fra gli uomini (Atena siede nellAreopago per giudicare Oreste) Leroe si rapporta con la ma il cosmo non è retto da una provvidenza che regola gli eventi umani secondo d il volere degli dei è incomprensibile alluomo Eppure LA TRAGEDIA DI SOFOCLE È PROFONDAMENTE RELIGIOSA LA

46 ESCHILOSOFOCLE EROE larcaismo di Eschilo si manifesta nella creazione di eroi 1)monolitici 2) spesso statici 3) che parlano con un linguaggio ieratico. Sofocle crea leroe tragico eletto-emarginato diverso dagli altri complesso, in evoluzione nel corso dellazione tragica Quasi sempre presente sulla scena, la domina totalmente (es. Edipo, Medea). Lazione tragica ha in lui il suo centro

47 EDIPO RE IL MITO La vicenda di EDIPO, presente già in Omero, fa parte del ciclo tebano dei Lambdacidi LAMBDACO LAIO + GIOCASTA EDIPO + GIOCASTA ETEOCLE POLINICE È di Eschilo una trilogia perduta (Laio Edipo sette a Tebe). probabilmente il tema della nemesi

48 LEDIPO RE DI SOFOCLE Per Aristotele, la tragedia perfetta Il tema della conoscenza Il tema politico Il tema della crisi del razionalismo Dell Detective story (Schadewalt) attraverso la parola. la parola è un dominatore che con un corpo minuscolo invisibile compie le cose più divine (Gorgia, Enc.diEl.) Amfibolia del logos Larroganza del tiranno Edipo = Pericle? Edipo incarnaluomo misura di tutte le cose (Protagora,) della sofistica la sua caduta = crollo dellumanesimo sofistico

49 Ma, soprattutto, Il tema della Abbatte o esalta luomo secondo un progetto imperscrutabile Forza immane a cui non è possibile sfuggire Ducunt volentem fata, nolentem trahunt (Seneca)

50 W.Propp : il mitema ibrido Frazer: il re= terra se il re si ammala il miasma contamina la terra. (v. Iliade o Parsifal) Soluzione: uccidere il re o il farmakos J. P. Vernant: il difetto fisico come segno di diversità delleletto che è anche il farmakos Il mito di Edipo nel folklore Vernant e Vidal Naquet,Mito e tragedia nella Grecia antica, Einaudi, 1975

51 Il mito di Edipo nella psicanalisi Per Sigmund Freud il mito trasfigura in chiave narrativa larchetipo universale del complesso edipico (il bambino desidera la madre e vede nel padre un rivale) il suo destino ci commuove perché sarebbe potuto diventare il nostro (dallInterpretazione dei sogni )

52 Edipo è un eroe che ha una natura doppia. E insieme eletto e farmakos (figura liminare che deve essere espulsa dalla comunità per la salvezza di questa) Al riguardo, Guido Guidorizzi: Edipo ha una nascita irregolare, vive lontano dalla comunità e poi vi ritorna trionfalmente salvandola dalla Sfinge. Fin qui il racconto riflette la tipica vicenda dei grandi fondatori di città ( Mosè, Romolo, Ciro il Grande). (…) Ma poi Edipo - e qui il meccanismo del mito si inceppa- non fonda nulla, non costruisce nulla, precipita anzi nellannientamento. … Anche fisicamente porta su di sé, come un marchio di Caino, i segni di una natura doppia, essendo zoppo e poi cieco.

53 La tragedia di un eroe doppio come Edipo ha nellambiguità il suo leitmotiv: (in tedesco motivo conduttore) Edipo è insieme cacciatore e preda di se stesso Anche le parole pronunciate assumono un doppio significato (ironia tragica) Es.: Edipo dice :Combatterò per Laio come se si trattasse di mio padre

54 Edipo re La trama

55 Edipo re Prologo: Edipo e il popolo; Edipo e Creonte I Episodio : Edipo dialoga con il corifeo. Scontro con Tiresia Tiresia reticente, Edipo lo accusa. Tiresia ; tu ti unisci con consanguinei, non vedi dove sei giunto. Lepisodio si basa 1. sullopposizione di coppie di significati ; es.: chi fu che mi generò? Questo giorno ti farà nascere e ti annienterà. Non vedi la moltitudine di mali che renderà te uguale a te stesso (saprai chi sei) e ai tuoi fratelli (saprai di essere fratello dei tuoi figli) 2.Sul valore amfibolico delle parole: a) le parole hanno per Edipo e per il pubblico un diverso significato. Edipo chiunque sappia parli, anche se lui stesso fosse il colpevole. Se fosse nella mia casa e non parlassi, io sia maledetto Edipo maledice lomicida = maledice se stesso; Edipo dice: combatterò come combattessi per mio padre = in effetti sta cercando lomicida di suo padre! b) in particolare va sottolineato luso della parola vedere nel suo doppio significato : quello letterale ( avere visione) e quello traslato (comprendere) es.: tu ora vedi (dedorka= hai la vista) e non vedi (blepeis =comprendi) fino a che punto di male sei giunto

56 la peste: La descrizione è intrisa di profonda religiosità Nel prologo: la città è piena di incensi e peana Nella parodos: strutturato secondo la struttura dellinno sacro: a)linvocazione agli dei, b)lelencazione degli attributi divini. c)la richiesta di soccorso, d) la menzione dellaiuto prestato in precedenti occasioni I colori sono splendenti e vividi. Nel prologo: Il bianco delle bende; il rosso del gorgo di sangue Nella parodos: limmagine delluccello di fuoco che precipita verso il tramonto lo splendore del peana; linvocazione ad Atena dorata la città è piena di incensi e di peana e di gemiti la città ondeggia né è in grado di sollevare il capo dal gorgo di sangue consumandosi nei calici fecondi della terra consumando nei parti delle mandrie dei buoi e nei parti sterili delle donne intanto il dio portatore di febbre irrompendo avanza peste odiosa si svuota la casa di Cadmo si riempie di pianti e lamenti lAde Parodo: Le peste la prole della terra generosa non aumenta e le donne si alzano dai parti dolorosi con figli uno sullaltro potresti vedere come uccello dalle belle ali più invincibile di fuoco pi precipitarsi verso la spiaggia del dio del tramonto LA PESTE La descrizione è intrisa di profonda religiosità Nel prologo: la città è piena di incensi e peana Nella parodos: articolato secondo la struttura dellinno sacro: a)linvocazione agli dei, b)lelencazione degli attributi divini. c)la richiesta di soccorso, d) la menzione dellaiuto prestato in precedenti occasioni vengono citate le donne e le bianche madri agli altari I colori sono splendenti e vividi. Nel prologo: Il bianco delle bende; il rosso del gorgo di sangue Nella parodos: limmagine delluccello di fuoco che precipita verso il tramonto lo splendore del peana; linvocazione ad Atena dorata la città è piena di incensi e di peana e di gemiti a città ondeggia né è in grado di sollevare il capo dal gorgo di sangue consumandosi nei calici fecondi della terra consumando nei parti delle mandrie dei buoi e nei parti sterili delle donne intanto il dio portatore di febbre irrompendo avanza peste odiosa si svuota la casa di Cadmo si riempie di pianti e lamenti lAde (Prologo) O immortale Atena Protettrice della terra Artemide Febo che lancia dardi aiutateci se mai in passato allontanaste il fuoco della pena La prole della terra generosa non aumenta né le donne si alzano dai parti dolorosi con figli uno sullaltro potresti vedere come uccello dalle belle ali più invincibile di fuoco pi precipitarsi verso la spiaggia del dio del tramonto… le spose e le bianche madri agli altari Risplende il Peana …o dorata figlia di Zeus, manda un rimedio benigno (Parodos)

57 II stasimo: sulla profezia II Episodio: in 2 parti nettamente diverse 1) Edipo e Creonte (tiranno) 2) Edipo e Giocasta (figlio ). La parola –chiave; trivio II Stasimo: veridicità degli oracoli III Episodio: un messaggero annuncia la morte di Polibo. Edipo: gli oracoli mentono! Dicevano che avrei ucciso il padre. Ora temo solo di giacere con Merope. Giocasta: Non temere le nozze con la madre, molti si unirono con lei in sogno ma chi non crede alle ombre vive sereno. Il pastore: non temere le nozze con Merope. Ti raccolsi da un pastore di Laio. Corifeo: è lo stesso che aspetti. Giocasta capisce e, senza dire una parola, rientra a palazzo angosciata. crede che lei sia delusa perchè non è figlio di re Edipo (N.B. non volere vede il male per autodifesa è un meccanismo della mente noto alla psicologia moderna) : sono il figlio della anfibolia della parola: ironia tragica) E questo il passo da cui Freud prese spunto ne Linterpretazione dei sogni per le sue argomentazioni sul complesso di Edipo. Nel mondo antico il sogno di giacere con la madre era interpretato come celebrazione della dea Gea in cui la madre si identifica (Artemidoro,oneirkritikà, II d.C.)

58 III stasimo: da chi nascesti? Da ninfa o da Dioniso? IV episodio. Arriva il pastore. Il messaggero gli ricorda di avere avuto da lui il bambino. Il pastore parla, minacciato da Edipo: ahimè è cosa terribile da dire ciò che sto per dire. Edipo: e per me da ascoltare, Ma devo sapere. Edipo, eroe tragico, deve sapere, anche se sa che l lo annienterà. IV stasimo. La vita è nulla. Felicità è unombra.(…) Il fato ti condanna sposo non sposo eppure è per te che respiro ancora. (Edipo è un eroe, perché precipita?) Esodo: il messaggero annuncia la morte di Giocasta. Edipo esce e dialoga con il corifeo e poi con Creonte. Entrano le figlie. Edipo chiede pietà per loro a Creonte e gli comunica la sua decisione di allontanarsi in volontario esilio. Creonte terrà presso di sé le figlie di Edipo.

59 La sfinge Il tipo della sfinge (volto umano e corpo di leone) risale al mondo egizio già dal 3000 a.C. ma raffigura unentità maschile e simboleggia il potere (Sfinge probably= Kephren)

60 Nel mondo greco (1) la sfinge greca è di derivazione orientale Mesopotamica, probably. In Mesopotamia, accanto alla sfinge con volto maschile, compare quella con volto femminile e corpo di leonessa alata

61 Il tipo della sfinge è attestato dall epoca micenea (XVIII-XII sec.a.C.) e nella scultura e pittura vascolare fina dalletà arcaica (VIII sec.a.C.) Nel mondo greco (2) Pisside decorata con coppia di Sfingi (da una tomba micenea di Tebe, XIII secolo a.C

62 Sfinge acroteriale

63 LA SFINGE GRECA, da collegare alla Chera, demone della morte,

64 La sfinge greca ha caratteristiche simili alle sirene, anchesse 1.cantatrici (per Sofocle la Sfinge è la s ) 2.detentrici di conoscenza 3. portatrici di morte

65 Il mito rientra nella categoria dei racconti della tradizione folklorica noti come i racconti a indovinello Il Fazer raccolse, in una tribù dellAfrica centrale, una storia in cui il mostro propone lo stesso indovinello della sfinge greca

66 La sfinge, mandata da Era (Apollodoro) o da Dioniso (Esiodo) o Ade (Euripide, Le Fenice) propone un enigma

67 FONTI:

68 Vernant e Vidal Naquet, Mito e tragedia nella Grecia antica, Einaudi nel 1975 Che cos è dunque Edipo? Come il suo discorso, come la parola delloracolo, Edipo è doppio, Enigmatico. Lo straniero di Corinto è in realtà nativo di Tebe; il decifratore di enigmi un enigma che egli non può decifrare; il giustiziere, un criminale; il chiaroveggente, un cieco; il salvatore della città, la sua perdizione La sua macchia, il suo agos, non è che il rovescio della potenza soprannaturale che si è concentrata in lui per perderlo: mentre è macchiato è anche sacro e santo, hieros ed eusebes. Alla città che l accoglierà, alla terra che conserverà il suo cadavere, egli apporterà il pegno delle più grandi benedizioni Persino il nome di Edipo si presta a questi effetti Di rovesciamento. Ambiguo, esso porta in sé lo stesso carattere enigmatico che contrassegna tutta la tragedia. Edipo è l uomo dal piede gonfio (oidos), infermità che ricorda il bambino maledetto, rifiutato dai genitori, esposto, per morirvi, alla natura selvaggia. Ma Edipo è anche l uomo che sa (oida) che riesce a decifrare, senza interpretarlo male, l oracolo della sinistra profetessa, della Sfinge dal canto oscuro Chi è, domanda la sinistra incantatrice, l essere che è al contempo dipus, tripus, tetrapus? Per Oi-dipus il mistero non è tale se non in apparenza:

69 Si tratta certamente di lui, si tratta dell uomo. Ma questa risposta non è un sapere che in apparenza; essa maschera il vero problema: che cos è allora l uomo, che cos è Edipo? La pseudo risposta di Edipo gli spalanca le porte di Tebe. Ma, installandolo alla testa dello Stato, essa realizza, nel dissimulargliela, la sua vera identità di parricida e di incestuoso. Penetrare il proprio mistero significa per edipo riconoscere nello straniero che regna a Tebe il bambino del paese, un tempo scacciato. Questa identificazione, anziché integrare definitivamente Edipo alla patria che è sua, anziché fissarlo al trono che occupa ormai non come un tiranno straniero ma come il figlio legittimo del re, ne fa un mostro che bisogna espellere per sempre dalla città, estromettere dal mondo umano Re-divino/pharmakos: ali sono dunque le due facce di Edipo, che gli conferisconoil suo aspetto di enigma, riunendo in lui, come in una formula a doppio senso, due figure l una l inverso dll altra E lo statuto stesso di Edipo, nel suo aspetto doppio e contraddittorio, che si trova così definito: al di sopra e al di sotto dell umano, eroe più potente dell uomo, uguale al dio, e allo stesso tempo bestia bruta ricacciata nella solitudine selvaggia delle montagne.

70 Edipo non fu un capro espiatorio. Tebe ebbe pieta' per il suo re l' originale lettura dell' Edipo Re di Sofocle condotta da Giuseppe Serra nel saggio " Edipo e la peste. politica e tragedia nell' " Edipo Re ", ed. marsilio 1994 Una originale interpretazione del mito classico TITOLO: Edipo non fu un capro espiatorio Tebe ebbe pieta' per il suo re – Non si deve confondere il mito di Edipo, quale si e' formato nei secoli da Omero fino a Freud, con la vicenda di Edipo quale e' narrata nell' Edipo re di Sofocle, che pure di quel mito costituisce la testimonianza e la fonte primaria. Nella tragedia sofoclea, la citta' di Tebe, appestata, chiede soccorso al proprio re, Edipo, gia' glorioso vincitore della Sfinge. L' oracolo, fatto interrogare da Edipo, risponde che la citta' e' colpita perche' accoglie inconsapevolmente l' assassino di Laio, predecessore di Edipo sul trono di Tebe. Edipo si mette alla ricerca: scoprira' con orrore non solo che l' assassino e' lui stesso, ma anche che Laio era suo padre e che la vedova regina Giocasta, sua moglie attuale, e' sua madre. Si attua in tal modo la profezia dell' oracolo che aveva raccomandato al giovane Edipo di guardarsi dai genitori, perche' si sarebbe macchiato del loro sangue. Edipo, accecatosi sul corpo di Giocasta suicida, chiede di essere eliminato dalla citta', ma i Tebani, compiangendo la precarieta' e la miseria del destino umano, preferiscono affidare lo sventurato alla cura pietosa della famiglia. Come si puo' forse intuire anche da questi scarni elementi, la tragedia riveste un carattere pubblico prima che privato, politico prima che psicologico: Edipo e' un re che vuole salvare la sua citta' e la situazione che determina lo svolgimento del dramma non e' costituita dal parricidio o dall' incesto, ma da un evento collettivo, la peste. Da tali premesse muove l' originale e illuminante lettura dell' Edipo re di Sofocle fornita da Giuseppe Serra in un volume, denso di riflessione, appena edito da Marsilio (Edipo e la peste. Politica e tragedia nell' "Edipo re", pagine 128, lire ). Ma l' autore mostra altresi' l ' inadeguatezza della tesi corrente. diffusa soprattutto dal fortunato libro di Vernant e Vidal Naquet Mito e tragedia nella Grecia antica, pubblicato a Parigi nel 1972 e tradotto da Einaudi nel che attribuisce all' Edipo sofocleo il ruolo del "capro espiatorio". La tragedia presenta infatti un interrogativo al quale la critica non ha mai saputo

71 Edipo non fu un capro espiatorio. Tebe ebbe pieta' per il suo re l' originale lettura dell' Edipo Re di Sofocle condotta da Giuseppe Serra nel saggio " Edipo e la peste. politica e tragedia nell' " Edipo Re ", ed. marsilio PUBBLICATO ELZEVIRO Una originale interpretazione del mito classico TITOLO: Edipo non fu un capro espiatorio Tebe ebbe pieta' per il suo re Non si deve confondere il mito di Edipo, quale si e' formato nei secoli da Omero fino a Freud, con la vicenda di Edipo quale e' narrata nell' Edipo re di Sofocle, che pure di quel mito costituisce la testimonianza e la fonte primaria. Nella tragedia sofoclea, la citta' di Tebe, appestata, chiede soccorso al proprio re, Edipo, gia' glorioso vincitore della Sfinge. L' oracolo, fatto interrogare da Edipo, risponde che la citta' e' colpita perche' accoglie inconsapevolmente l' assassino di Laio, predecessore di Edipo sul trono di Tebe. Edipo si mette alla ricerca: scoprira' con orrore non solo c he l' assassino e' lui stesso, ma anche che Laio era suo padre e che la vedova regina Giocasta, sua moglie attuale, e' sua madre. Si attua in tal modo la profezia dell' oracolo che aveva raccomandato al giovane Edipo d i guardarsi dai genitori, perche' si sarebbe macchiato del loro sangue. Edipo, accecatosi sul corpo di Giocasta suicida, chiede di essere eliminato dalla citta', ma i Tebani, compiangendo la precarieta' e la miseria del destino umano, preferiscono affidare lo sventurato alla cura pietosa della famiglia. Come si puo' forse intuire anche da questi scarni elementi, la tragedia riveste un carattere pubblico prima che privato, politico prima che psicologico: Edipo e' un re che vuole salvare la sua citta' e la situazione che determina lo svolgimento del dramma non e' costituita dal parricidio o dall' incesto, ma da un evento collettivo, la peste. Da tali premesse muove l' originale e illuminante lettura dell' Edipo re di Sofocle fornita da Giuseppe Serra in un volume, denso di riflessione, appena edito da Marsilio (Edipo e la peste. Politica e tragedia nell' "Edipo re", pagine 128, lire ). Ma l' autore mostra altresi' l' inadeguatezza della tesi corrente. diffusa soprattutto dal fortunato libro di Vernant e Vidal Naquet Mito e tragedia nella Grecia antica, pubblicato a Parigi nel 1972 e tradotto da Einaudi nel che attribuisce all' Edipo sofocleo il ruolo del "capro espiatorio". La tragedia presenta infatti un interrogativo al quale la critica non ha mai saputo dare finora una risposta soddisfacente: per quale ragione i Tebani non cacciano il colpevole che, con la sua presenza impura, ha contaminato la citta' ? Perche' proprio la peste, dalla quale tutto aveva avuto inizio, risulta alla fine dimenticata? Serra ha trovato che Edipo e, con lui, la peste vengono allontanati dalla citta', secondo un rigoroso rituale del "capro espiatorio", non in Sofocle, ma in tutti i suoi imitatori, di cui esamina tre casi esemplari, ai quali dedica altrettanti capitoli: Seneca, Emanuele Tesauro e Corneille. La ragione della diversa conclusione del dramma, ipotizzata dallo studioso, e' che nell' impero romano, nel regno cristiano e nella monarchia assoluta la rappresentazione. e, prima ancora, la costituzione stessa. del potere e' radicalmente diversa da quella della democrazia ateniese e consente con la sua articolazione che la sventura o l' indegnita' del capo non metta a repentaglio la vita dello Stato. Sofocle, invece, sottrae a Edipo qualsiasi privilegio, compreso quello. negativo. di essere il capro espiatorio della citta', e dunque sottrae al dramma ogni soluzione che non sia la pieta', perche' la democrazia ateniese rifiuta tutte le differenze, cosi' come teme tutte le forme di hybris (o "dismisura") sia nel male sia nel bene. Edipo non puo' essere considerato ne' un dio ne', all' opposto, una v ittima sacrificale, ma soltanto "il piu' infelice degli uomini". La politica si sdoppia nella figura della tragedia, non solo come genere teatrale ma anche come categoria, tale da costituire ancora un' a lta lezione per noi: "Un mondo che s' illude di poter essere guarito dalla peste e' diverso da un mondo che sa di non poter espellere la propria "ferita" e tuttavia ha la forza e la dignita' di sopportare il male senza addossarne la colpa ad altri, o a se stesso; un mondo che ospita la violenza e tuttavia s' illude di poterne guarire come da una malattia passeggera e' diverso da un mondo che e' violento, come lo era la democrazia ateniese, e sa di esserlo. Ma solo in un mondo come questo. Platone lo sapeva, l' intuira' Nietzsche. un poeta puo' scrivere una tragedia". Tale conclusione generale non esclude, anzi implica, una sottile quanto suggestiva storicizzazione dell' Edipo re di Sofocle (fino a far balenare nel protagonista l' immagine di Pericle, scomparso soltanto qualche anno prima della composizione della tragedia): in questo modo l' analisi magistrale di Serra propone un metodo storiografico e critico che non ha paralleli in Italia e che, per certi aspetti, trova un equivalente e un modello soltanto nell' Amleto o Ecuba di Carl Schmitt, dedicato per l' appunto all' "irrompere del tempo nel gioco del dramma". Rigoni Mario Andrea

72 dare finora una risposta soddisfacente: per quale ragione i Tebani non cacciano il colpevole che, con la sua presenza impura, ha contaminato la citta' ? Perche' proprio la peste, dalla quale tutto aveva avuto inizio, risulta alla fine dimenticata? Serra ha trovato che Edipo e, con lui, la peste vengono allontanati dalla citta', secondo un rigoroso rituale del "capro espiatorio", non in Sofocle, ma in tutti i suoi imitatori, di cui esamina tre casi esemplari, ai quali dedica altrettanti capitoli: Seneca, Emanuele Tesauro e Corneille. La ragione della diversa conclusione del dramma, ipotizzata dallo studioso, e' che nell' impero romano, nel regno cristiano e nella monarchia assoluta la rappresentazione. e, prima ancora, la costituzione stessa. del potere e' radicalmente diversa da quella della democrazia ateniese e consente con la sua articolazione che la sventura o l' indegnita' del capo non metta a repentaglio la vita dello Stato. Sofocle, invece, sottrae a Edipo qualsiasi privilegio, compreso quello. negativo. di essere il capro espiatorio della citta', e dunque sottrae al dramma ogni soluzione che non sia la pieta', perche' la democrazia ateniese rifiuta tutte le differenze, cosi' come teme tutte le forme di hybris (o "dismisura") sia nel male sia nel bene. Edipo non puo' essere considerato ne' un dio ne', all' opposto, una v ittima sacrificale, ma soltanto "il piu' infelice degli uomini".

73 La politica si sdoppia nella figura della tragedia, non solo come genere teatrale ma anche come categoria, tale da costituire ancora un' a lta lezione per noi: "Un mondo che s' illude di poter essere guarito dalla peste e' diverso da un mondo che sa di non poter espellere la propria "ferita" e tuttavia ha la forza e la dignita' di sopportare il male senza addossarne la colpa ad altri, o a se stesso; un mondo che ospita la violenza e tuttavia s' illude di poterne guarire come da una malattia passeggera e' diverso da un mondo che e' violento, come lo era la democrazia ateniese, e sa di esserlo. Ma solo in un mondo come questo. Platone lo sapeva, l' intuira' Nietzsche. un poeta puo' scrivere una tragedia". Tale conclusione generale non esclude, anzi implica, una sottile quanto suggestiva storicizzazione dell' Edipo re di Sofocle (fino a far balenare nel protagonista l' immagine di Pericle, scomparso soltanto qualche anno prima della composizione della tragedia): in questo modo l' analisi magistrale di Serra propone un metodo storiografico e critico che non ha paralleli in Italia e che, per certi aspetti, trova un equivalente e un modello soltanto nell' Amleto o Ecuba di Carl Schmitt, dedicato per l' appunto all' "irrompere del tempo nel gioco del dramma". Rigoni Mario Andrea Pagina 33 (18 ottobre 1994) - Corriere della Sera

74


Scaricare ppt "LA LETTERATURA SI ESPRIME ATTRAVERSO I GENERI LETTERARI NARRATIVO ROMANZO/ NOVELLA / EPOS PAROLA RACCONTATA LIRICO = CANTO ACCOMPAGNATO CON LA LIRA DRAMMATICO."

Presentazioni simili


Annunci Google