La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Meriggiare pallido e assorto presso un rovente muro dorto, ascoltare tra i pruni e gli sterpi schiocchi di merli, frusci di serpi. Nelle crepe del suolo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Meriggiare pallido e assorto presso un rovente muro dorto, ascoltare tra i pruni e gli sterpi schiocchi di merli, frusci di serpi. Nelle crepe del suolo."— Transcript della presentazione:

1 Meriggiare pallido e assorto presso un rovente muro dorto, ascoltare tra i pruni e gli sterpi schiocchi di merli, frusci di serpi. Nelle crepe del suolo o su la veccia spiar le file di rosse formiche chora si rompono ed ora sintrecciano a sommo di minuscole biche. Osservare tra frondi il palpitare lontano di scaglie di mare mentre si levano tremuli scricchi di cicale dai calvi picchi. E andando nel sole che abbaglia sentire con triste meraviglia comè tutta la vita e il suo travaglio in questo seguitare una muraglia che ha in cima cocci aguzzi di bottiglia

2 Parafrasi Passare un pomeriggio molto caldo e pallido vicino a un caldissimo recinto di un giardino, ascoltare tra i pruni e le sterpi alcuni canti fastidiosi dei merli e fruscii dei serpenti. Nelle crepe del suolo o sulla pianta osservare delle file di formiche rosse, che ora si dividono e ora si riuniscono, in cima a piccolissimi mucchietti di terra. Guardare in lontananza delle onde che si accavallano ( si seguono ), mentre si alzano tremolanti friniti di cicale dalle alture che non possiedono vegetazione. E andando nel sole che gli abbaglia, sentire con tanta tristezza è realmente ( la natura ). in questo camminare di fianco a un muro che ha in cima cocci taglienti di bottiglia.

3 Commento Scritta da Eugenio montale nel 1916, il poeta descrive perfettamente il luogo in cui si trova, nella poesia si esplicita il contatto con la natura ma allo stesso momento esplicita una delle cose che alluomo viene difficile comprendere ossia la natura. Essa in questo caso viene vista nella stessa poesia, in due modi differenti il poeta tende a descrivere la bellezza della natura ( in cui lui si trova ) ma descrive allo stesso identico livello la solitudine che potrebbe provare un uomo in tutta quella bellezza.

4 Immagini


Scaricare ppt "Meriggiare pallido e assorto presso un rovente muro dorto, ascoltare tra i pruni e gli sterpi schiocchi di merli, frusci di serpi. Nelle crepe del suolo."

Presentazioni simili


Annunci Google