La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IPOTIROIDISMO SUBCLINICO LE RAGIONI DI UNA GESTIONE PREVALENTE NELLA MEDICINA GENERALE Liberamente Tratto da dott.ssa Lina Bianconi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IPOTIROIDISMO SUBCLINICO LE RAGIONI DI UNA GESTIONE PREVALENTE NELLA MEDICINA GENERALE Liberamente Tratto da dott.ssa Lina Bianconi."— Transcript della presentazione:

1 IPOTIROIDISMO SUBCLINICO LE RAGIONI DI UNA GESTIONE PREVALENTE NELLA MEDICINA GENERALE Liberamente Tratto da dott.ssa Lina Bianconi

2 DIMENSIONI DEL PROBLEMA Dati della letteratura danno una prevalenza del 5% nelle donne e del 3% negli uomini che aumenta con letà. Dati della letteratura danno una prevalenza del 5% nelle donne e del 3% negli uomini che aumenta con letà.

3 Pazienti ipotiroidei Marcello Grifagni 2009

4

5 Definizione LIpotiroidismo subclinico è definito dallaumento del TSH < 10 uU/ml con fT4 e fT3 nella norma, con assenza di sintomi clinici LIpotiroidismo subclinico è definito dallaumento del TSH < 10 uU/ml con fT4 e fT3 nella norma, con assenza di sintomi clinici Quindi è utile uno screening sulla popolazione generale o no? Quindi è utile uno screening sulla popolazione generale o no?

6 PRO E CONTRO LUTILITA DELLO SCREENING Per poter dimostrare lutilità di uno screening sulla popolazione generale delle malattie tiroidee occorre avere evidenze chiare che un intervento sulle fasi precliniche della patologia offra dei vantaggi, altrimenti si ha solo una anticipazione diagnostica che ha anche i suoi lati negativi (impatto sulla qualità di vita, iter diagnostici che possono essere eccessivi e inappropriati) Per poter dimostrare lutilità di uno screening sulla popolazione generale delle malattie tiroidee occorre avere evidenze chiare che un intervento sulle fasi precliniche della patologia offra dei vantaggi, altrimenti si ha solo una anticipazione diagnostica che ha anche i suoi lati negativi (impatto sulla qualità di vita, iter diagnostici che possono essere eccessivi e inappropriati) Per lipotiroidismo subclinico solo in alcune categorie di pazienti queste evidenze ci sono Per lipotiroidismo subclinico solo in alcune categorie di pazienti queste evidenze ci sono

7 STORIA NATURALE DELLIPOTIROIDISMO SUBCLINICO Nella maggior parte dei casi lipotiroidismo subclinico rimane stabile nel tempo (70-80% a 10 anni), Nella maggior parte dei casi lipotiroidismo subclinico rimane stabile nel tempo (70-80% a 10 anni), in una piccola percentuale può regredire in una piccola percentuale può regredire ma in percentuali variabili evolve verso lipotiroidismo conclamato. E questa evolutività è più frequente nelle forme autoimmuni (AbTPO positivi) ma in percentuali variabili evolve verso lipotiroidismo conclamato. E questa evolutività è più frequente nelle forme autoimmuni (AbTPO positivi)

8 EZIOLOGIA DELLIPOTIROIDISMO SUBCLINICO La causa principale è la tireopatia autoimmune, La causa principale è la tireopatia autoimmune, pregressa terapia con radioiodio pregressa terapia con radioiodio cause iatrogene: cause iatrogene: sovradosaggio farmaci antitiroidei sovradosaggio farmaci antitiroidei Litio, Litio, Amiodarone Amiodarone Interferone alfa Interferone alfa

9 LE RISPOSTE DELLA LETTERATURA Le raccomandazioni se sono concordi nel raccomandare uno screening nella popolazione a maggior prevalenza di tireopatie, Le raccomandazioni se sono concordi nel raccomandare uno screening nella popolazione a maggior prevalenza di tireopatie, sulla utilità di uno screening sulla popolazione generale non cè accordo: sulla utilità di uno screening sulla popolazione generale non cè accordo: Tutti gli adulti dai 35 anni ogni 5 anni in assenza di sintomi o di fattori di rischio, in caso contrario con frequenze maggiori (Am. Thyroid Association 2000) Tutti gli adulti dai 35 anni ogni 5 anni in assenza di sintomi o di fattori di rischio, in caso contrario con frequenze maggiori (Am. Thyroid Association 2000) Mantenere una alta sorveglianza clinica e un alto indice di sospetto nelle donne in menopausa e entro 6 settimane dopo il parto (The Canadian Task Force) Mantenere una alta sorveglianza clinica e un alto indice di sospetto nelle donne in menopausa e entro 6 settimane dopo il parto (The Canadian Task Force) Tutte le donne dopo i 50 anni sintomatiche (Am. College of Physician1999) Tutte le donne dopo i 50 anni sintomatiche (Am. College of Physician1999) Uomini e donne dopo i 60 anni (Am Accademy di Family Physician) Uomini e donne dopo i 60 anni (Am Accademy di Family Physician)

10 POPOLAZIONE A RISCHIO DA SORVEGLIARE Nel setting della Medicina Generale sembra ragionevole proporre di individuare una popolazione a maggior rischio in cui avere una sorveglianza maggiore: Nel setting della Medicina Generale sembra ragionevole proporre di individuare una popolazione a maggior rischio in cui avere una sorveglianza maggiore: pazienti affetti da Sindrome di Down, pazienti affetti da Sindrome di Down, donne nel post-partum (entro 6 mesi) donne nel post-partum (entro 6 mesi) donne in menopausa donne in menopausa pazienti con ipercolesterolemia specie se non sensibile alla dieta pazienti con ipercolesterolemia specie se non sensibile alla dieta pazienti con FA o scompenso cardiaco pazienti con FA o scompenso cardiaco pazienti con familiarità per tireopatie, specie se donne pazienti con familiarità per tireopatie, specie se donne Pazienti con altre malattie autoimmuni Pazienti con altre malattie autoimmuni pazienti anziani pazienti anziani pazienti con diabete mellito di tipo 1 pazienti con diabete mellito di tipo 1

11 LIPOTIROIDISMO E SEMPRE IL RESPONSABILE... Ci sono molte situazioni che si imputano a una carenza di ormone tiroideo: Ci sono molte situazioni che si imputano a una carenza di ormone tiroideo: aumento di peso, aumento di peso, depressione, depressione, deficit cognitivo negli anziani, deficit cognitivo negli anziani, astenia astenia ma se è vero che alcuni sintomi dellipotiroidismo franco possono esserci, non è stato dimostrato un legame certo tra ipotiroidismo subclinico e obesità, depressione o deficit cognitivi e lastenia è un sintomo molto aspecifico che è difficile attribuire alla carenza parziale di ormone tiroideo ma se è vero che alcuni sintomi dellipotiroidismo franco possono esserci, non è stato dimostrato un legame certo tra ipotiroidismo subclinico e obesità, depressione o deficit cognitivi e lastenia è un sintomo molto aspecifico che è difficile attribuire alla carenza parziale di ormone tiroideo

12 DIAGNOSI … COME? DOSAGGIO DEL TSH DOSAGGIO DEL TSH Se è nella norma, in pazienti asintomatici, sembra ragionevole ripeterlo dopo 5 anni, salvo cambiamenti nel quadro clinico. Se è nella norma, in pazienti asintomatici, sembra ragionevole ripeterlo dopo 5 anni, salvo cambiamenti nel quadro clinico. Se è < 10 uU/ml il completamento diagnostico prevede il dosaggio di fT4 e AbTPO. Se è < 10 uU/ml il completamento diagnostico prevede il dosaggio di fT4 e AbTPO. Il dosaggio dellfT4 serve alla definizione della condizione di ipotiroidismo subclinico Il dosaggio dellfT4 serve alla definizione della condizione di ipotiroidismo subclinico Il dosaggio degli AbTPO ha un significato prognostico anche se la loro negatività non esclude la patogenesi autoimmune Il dosaggio degli AbTPO ha un significato prognostico anche se la loro negatività non esclude la patogenesi autoimmune

13 COSA NON E APPROPRIATO CHIEDERE …. Come primo screening fT3, fT4 e TSH Come primo screening fT3, fT4 e TSH Anche in caso di TSH alterato in pazienti asintomatici un intervallo di tempo tra il dosaggio del TSH e il completamento diagnostico non comporta cambiamenti nel management Anche in caso di TSH alterato in pazienti asintomatici un intervallo di tempo tra il dosaggio del TSH e il completamento diagnostico non comporta cambiamenti nel management RIPETERE IL DOSAGGIO di AbTPO: RIPETERE IL DOSAGGIO di AbTPO: Anche se il loro titolo cambia questo non ha significato clinico Anche se il loro titolo cambia questo non ha significato clinico Il dosaggio di Ab anti-Microsomiali, e Ab Tg Il dosaggio di Ab anti-Microsomiali, e Ab Tg Gli anticorpi anti-TPO e anti-microsomiali sono la stessa cosa e gli anticorpi anti-Tireoglobulina servono solo in situazioni particolari (quando serve il dosaggio della Tireoglobulina per il follow up dei carcinomi differenziati per evidenziare falsi negativi) Gli anticorpi anti-TPO e anti-microsomiali sono la stessa cosa e gli anticorpi anti-Tireoglobulina servono solo in situazioni particolari (quando serve il dosaggio della Tireoglobulina per il follow up dei carcinomi differenziati per evidenziare falsi negativi)

14 Per concludere Gli AbTPO risultano positivi in oltre il 95% dei pazienti con m. Hashimoto e 85% m.Basedow Gli AbTPO risultano positivi in oltre il 95% dei pazienti con m. Hashimoto e 85% m.Basedow Soggetti positivi per TG-ab, ma negativi per TPO- ab sono raramente affetti da disfunzioni tiroidee Soggetti positivi per TG-ab, ma negativi per TPO- ab sono raramente affetti da disfunzioni tiroidee Dosare esclusivamente i TPO-ab nella diagnosi di malattia autoimmune della tiroide Dosare esclusivamente i TPO-ab nella diagnosi di malattia autoimmune della tiroide


Scaricare ppt "IPOTIROIDISMO SUBCLINICO LE RAGIONI DI UNA GESTIONE PREVALENTE NELLA MEDICINA GENERALE Liberamente Tratto da dott.ssa Lina Bianconi."

Presentazioni simili


Annunci Google