La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

BLACKOUT MAGAZINE ANNO 3 – N° 22 (66) – 24 Aprile 2008 – blackoutbergamo.altervista.org Primo tempo da favola, secondo da farsa per via degli avversari.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "BLACKOUT MAGAZINE ANNO 3 – N° 22 (66) – 24 Aprile 2008 – blackoutbergamo.altervista.org Primo tempo da favola, secondo da farsa per via degli avversari."— Transcript della presentazione:

1 BLACKOUT MAGAZINE ANNO 3 – N° 22 (66) – 24 Aprile 2008 – blackoutbergamo.altervista.org Primo tempo da favola, secondo da farsa per via degli avversari. Cinquina Pennacchia, DallAra-gol Il Blackout se la ride: fine campionato, Osio umiliato Undici è il numero fortunato dellultima di campionato: come i gol segnati e i punti raggiunti BLACKOUT BG – OSIO SOPRA A 11-4 RETI: Pennacchia 5, Perla 3, Letorio, Mostosi, DallAra. BLACKOUT BERGAMO: 24 DallAra, 2 Letorio, 4 Mostosi, 10 Perla, 3 Pennacchia, 8 Suardi, 9 Spini, 11 Consonni. POL. OSIO SOPRA A: Carsana, Zanoli, Pinotti, Iavarone, Rotini, Fanizzi, Pelicioli. AZZANO – Più che un finale col sorriso, quella del Blackout è una chiusura di campionato da spanciarsi dalle risate, con il miglior risultato di sempre e unavversaria letteralmente umiliata. Al quarto tentativo in due anni, il tabù Osio Sopra viene sfatato e i lupi non usano le mezze misure, ma vincono in goleada grazie alla regola dellundici, numero dei gol segnati e dei punti raggiunti in tutto il campionato. Un bottino che permette a Spini e compagni di rafforzare la penultima posizione in classifica, con sette punti di margine sulle maglia nera Pantera Rosa e ad un tiro di schioppo dallo stesso Osio Sopra, totalmente inferiore allultimo appuntamento. Una partita senza storia che segna la grande festa del Blackout, capace di portarsi avanti di sei gol già nel primo tempo, grazie alla terza zampata stagionale di Letorio e allo show personale di un Pennacchia ormai eletto autentico uomo squadra, con cinque gol già nella prima frazione. Unumiliazione per gli ospiti che, a differenza degli allblacks, mostrano una cultura sportiva pari a zero, totalmente incapaci di perdere: per questo giocatori e portiere iniziano a mettere la gara sul piano della rissa e il secondo tempo è una grande farsa. Portiere avversario in attacco e padroni di casa a sbeffeggiarlo infilandolo da ogni posizione, con tiri dalla propria area che premiano la mira dei difensori, con un sigillo di Mostosi e tre di Perla (due dei quali da fondo campo), al passo daddio dopo tre anni in nero. La standing ovation il Blackout se la merita con lundicesimo centro, segnato niente di meno che da DallAra, che parte dalla propria porta e ridicolizza il penoso Carsana aspettandolo e battendolo sulla linea. E lundicesimo gol, è il trionfo del Blackout, che saluta un campionato tutto sommato ancora positivo, nonostante una classifica che non rispecchia quanto visto durante lanno. Da salvare, comunque, uno spogliatoio sempre più compatto, le magie di Pennacchia e i soliti gol di Spini. La squadra del 2009 partirà di nuovo da loro e conterà sulle conferme di Letorio, Mostosi, Falciano, Consonni e Zito. Suardi si farà un anno in prestito, Perla se ne andrà, nemmeno troppo rimpianto: il Blackout ha voltato pagina e vuole iniziare a stupire davvero. DALLARA 8 Sfrontato allinverosimile, quando si intestardisce a volere umiliare il ridicolo portiere avversario e decide di segnargli, nella maniera più infida. Quando è stato chiamato in causa ha risposto presente e, in questo caso, ha regalato una pagina inedita. LETORIO 8 Terzo sigillo stagionale, con il borsino che vede le reti nella porta giusta superare le altre. In più una partita sopra le righe: ormai è una certezza. MOSTOSI 8 Gol da centrocampo, approfittando del portiere fuori dai pali. La sua tecnica non può che ringraziare e il quinto gol dellanno è confezionato. PERLA 8 Voleva salutare il Blackout nel migliore dei modi e ce la fa, con una tripletta e due reti da fondo campo che tolgono ogni dubbio su una partita senza storia. Se ne andrà: mancheranno i suoi gol, non certo il suo egoismo esasperato. PENNACCHIA 8 Luomo del futuro. Entra in scena a metà stagione e, con umiltà e concretezza, trascina la squadra. Lultimo atto lo vede segnare la bellezza di cinque gol (è record). Il prossimo anno sarà in rosa a tutti gli effetti e ricoprirà un ruolo societario: ormai è un uomo Blackout. SUARDI 8 Lunico rammarico è il suo zero nella casella gol fatti. Ma si inserisce alla fine di una stagione spossante, in ritardo di condizione e non ce la fa a mettere la sua firma. Prima o poi tornerà. SPINI 8 Cercava la doppia cifra e lha trovata. Strano non vederlo a segno allultima, quando ricava soltanto un gol annullato, ma il giudizio non cambia. Quando serviva, cè sempre stato. CONSONNI 8 Non segna allOsio Sopra, ma chiude con una buona prestazione, metafora di un campionato avaro di soddisfazioni personali ma sinonimo di costanza. 22° GIORNATA - Risultato: Blackout Bergamo – Pol. Osio Sopra A Classifica : Bellini Pane 58, P.R. Zeta 56, San Paolo 50, Real Os 49, Marakaibo 34, Dominoni 32, Esse di Erre 30, Sità Olta 24, A. Polenta 17, Osio Sp. 16, Blackout Bg 11, Pantera Rosa 4. Gol : Perla 19, Pennacchia 15, Spini (2 rig.) 11, Consonni 6, Fantoni Falciano, Mostosi 5, Letorio 3, DallAra 1. Presenze : Spini 22, Perla 20, Letorio 18, Consonni, Mostosi 16, Falciano 13, Pennacchia 9, Zito 7, Cannella, Fantoni 5, Sbarra, Suardi, DallAra 4, Voltino, Camolese 2, Galeotti 1. Voti : Spini 6,77, Perla 6,75, Falciano 6,71,Letorio, Mostosi 6,59, Consonni 6,44. Scarpa doro (miglior realizzatore): Raffaele Perla (07: Falciano, 06: Spini) Pallone doro (miglior giocatore): Riccardo Pennacchia (07: Zanardi, 06: Perla) Blackout doro (miglior media): Matteo Spini (07: Murru, 06 Falciano) Il Blackout trionfatore allultima di campionato: 11-4 alla Pol. Osio Sopra A


Scaricare ppt "BLACKOUT MAGAZINE ANNO 3 – N° 22 (66) – 24 Aprile 2008 – blackoutbergamo.altervista.org Primo tempo da favola, secondo da farsa per via degli avversari."

Presentazioni simili


Annunci Google