La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IL PROGRAMMA TEMPUS Roma, 05 dicembre 2011. Questa presentazione sarà suddivisa in 4 parti: 1.presentazione del programma TEMPUS in generale 2.condizioni.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IL PROGRAMMA TEMPUS Roma, 05 dicembre 2011. Questa presentazione sarà suddivisa in 4 parti: 1.presentazione del programma TEMPUS in generale 2.condizioni."— Transcript della presentazione:

1 IL PROGRAMMA TEMPUS Roma, 05 dicembre 2011

2 Questa presentazione sarà suddivisa in 4 parti: 1.presentazione del programma TEMPUS in generale 2.condizioni di partecipazione al programma 3.informazioni statistiche, processo di selezione, budget modalità di presentazione delle domande e procedure amministrative interne a Sapienza

3 1. Programma TEMPUS Capiamo le sigle per capire il programma Tempus IV Call 5 -Tempus IV significa che siamo alla 4°edizione del programma -Si tratta di uno dei programmi più longevi della Commissione europea -Il 4 indica la fase attuale di implementazione del programma – (programma attivo dal 1990) -La call 5 significa che siamo al 5°bando della 4°fase

4 Paesi ammessi a partecipare: i 27 Stati membri dellUnione europea 4 Paesi dei Balcani occidentali: Albania, Bosnia- Erzegovina, Montenegro, Serbia e Kosovo 17 Paesi che si trovano nella zona a sud e a est dellUnione europea: Algeria, Egitto, Israele, Giordania, Libano, Libia, Marocco, il territorio palestinese occupato, Siria, Tunisia, Armenia, Azerbaigian, Bielorussia, Georgia, Moldova, Federazione russa e Ucraina 5 repubbliche dellAsia centrale: Kazakistan, Kirghizistan, Tagikistan, Turkmenistan e Uzbekistan

5 Obiettivi del programma: Sostegno alla modernizzazione del sistema di istruzione superiore nei Paesi terzi dellarea mediterranea e dellAsia centrale Consolidamento di unarea di cooperazione tra lUE ed i Paesi terzi dellarea mediterranea e dellAsia centrale Supporto alla convergenza volontaria dei sistemi di istruzione superiore dei Paesi terzi dellarea mediterranea e dellAsia centrale verso il modello europeo (Processo di Bologna)

6 Approcci e strumenti: Cooperazione istituzionale Bottom-up con lintento di promuovere riforme nel sistema di educazione superiore dei Paesi terzi Forte coinvolgimento delle autorità nazionali Importanza della sostenibilità, disseminazione e diffusione dei risultati Forte integrazione con programmi complementari quali Erasmus Mundus (mobilità)

7 Supporto locale: Punti di contatto nazionale (NCP) nei Paesi UE National Tempus Offices (NTO) nei Paesi terzi

8 Joint Projects: si sviluppano a livello istituzionale con lobiettivo di introdurre curricula reform, migliorare la governance universitaria, stabilire legami più stretti con la società Structural Measures: si sviluppano a livello nazionale o regionale per lo sviluppo e la riforma delle strutture e dei sistemi di educazione superiore dei Paesi terzi Accompanying Measures: attività di disseminazione ed informazione quali conferenze, studi, scambio di buone pratiche e coinvolgimento dei NTO e di esperti della riforma del sistema di educazione superiore in Europa 3 TIPI DI AZIONE

9 Ammontare del finanziamento: da a sia per sia per Joint Projects sia per Structural Projects. Eccezione Montenegro e Kosovo 300,000, ammontare minimo per progetti nazionali Co-finanziamento minimo: 10% Durata progetti da 24 a 36 mesi

10 2. Condizioni di partecipazione PARTENARIATI ELIGGIBILI National projects: (1 solo Paese partner) Multi-country projects: (più Paesi partner) Minimo di 6 Istituzioni universitarie Minimo di 7 Istituzioni universitarie 3 istituzioni del Paese partner 2 istituzioni per ciascuno dei Paesi partner coinvolti (minimo 2 Paesi terzi) 3 istituzioni di 3 Paesi UE diversi 3 istituzioni di 3 Paesi UE diversi

11 COORDINATORI ELIGGIBILI COORDINATORI ELIGGIBILI Joint Projects: 1.Istituzioni universitarie statali o private (sia UE sia PT) 2.Associazioni, organizzazioni di reti di istituzioni universitarie Structural Measures: 1.Istituzioni universitarie statali o private (sia UE sia PT) 1.Associazioni, organizzazioni di reti di istituzioni universitarie 2.Organizzazioni di rettori/docenti/studenti

12 PARTNER ELIGGIBILI -Istituzioni universitarie statali o private -Associazioni, organizzazioni di reti di istituzioni universitarie -Organizzazioni di rettori/docenti/studenti -Organizzazioni non governative -Aziende pubbliche e private -Istituti di ricerca -Amministrazioni pubbliche (ministeri o amministrazioni nazionali/regionali/locali ed organizzazioni governative, ma con condizioni di finanziamento diverse (rimborsabili solo costi di viaggio e di alloggio) + Structural Measures i ministeri dellinsegnamento superiore dei Paesi terzi devono essere coinvolti come partner (con specifiche condizioni di finanziamento)

13 AZIONI ELIGGIBILI/TEMI Obiettivi specifici nel quadro del piano di modernizzazione per listruzione superiore Joint projects Curriculum reform – Modernizzazione dei curricula accademici: ECTS, 3 cicli, riconoscimento dei diplomi Joint projects e Structural measures Governance reform – Management universitario e servizi agli studenti, introduzione del sistema di qualità, autonomia istituzionale e finanziaria, parità di accesso allistruzione superiore, sviluppo delle relazioni internazionali Higher Education and Society – Formazione di personale non docente, sviluppo di partenariati tra università e imprese, triangolo della conoscenza: istruzione/ricerca/innovazione, corsi di formazione per personale pubblico, sviluppo di modelli lifelong learning, qualificazione

14 PRIORITA NAZIONALI E REGIONALI Per i Progetti Nazionali, indirizzati ad 1 singolo Paese terzo Focus su priorità nazionali stabilite per quel Paese e definite dai singoli Ministeri dellistruzione superiore in collaborazione con le Delegazioni UE nei singoli Paesi

15 Per i Progetti Multi-country, indirizzati a più di un Paese Focus sulle priorità regionali comuni a tutti i Paesi terzi appartenenti ad una medesima regione Basati su documenti strategici della CE Focus su una priorità nazionale che sia comune a tutti i Paesi terzi partner PRIORITA NAZIONALI E REGIONALI

16 PRIORITA DATA A PROGETTI di impatto rilevante sulle istituzioni universitarie e sui sistemi di istruzione superiore nazionali che coinvolgono un numero rappresentativo di istituzioni universitarie dei Paesi terzi della categoria Structural Measures della categoria Multi-country projects, quando la cooperazione è considerevole e basata su analisi dettagliate di bisogni ed obiettivi comuni che coinvolgono attivamente studenti, donne, aziende, partner sociali, istituti di ricerca, ministeri delleducazione, ONG, …

17 3. Dati statistici, processo selettivo, budget NUMERO TOTALE DI PROPOSTE RICEVUTE Progetti ricevuti dalla CE 525 proposte 102 (19.5%) dai Paesi terzi

18 Panoramica sul processo di selezione REGIONE Proposte ricevute Proposte eliggibili Sopra la soglia del 50% Inoltrate per consultazione Raccomandate per finanziamento Balcani Occidentali Mediterraneo meridionale Federazione Russa Asia Centrale Multiregionali TOTALE % del totale ricevuto 70% delle candidature eliggibili 49%12% del totale 36,2% delle proposte inoltrate per consultazione Selezione 2010 TOTAL E % dei progetti inoltrati per consultazione

19 Conclusioni del processo di selezione proposte finanziate 13 proposte coordinate da Paesi terzi (21% dei progetti selezionati) 48 Joint Projects 15 Structural Measures (24% dei progetti selezionati) 33 Progetti Nazionali 30 Proposte Multi-country (48%) = media di finanziamento per progetto 12 membri = media dei consorziati

20 Progetti coordinati da Paesi membri dellUE

21 Progetti coordinati da Paesi terzi

22 Partecipazione di istituzioni di Paesi UE nei progetti selezionati

23 TEMPUS IV – budget 5°bando: 78,1 milioni (60% incremento rispetto al 2011 ed anche di più) Mediterraneo meridionale 22.8 milioni* * Più un importo addizionale di 6.25 milioni a condizione che la decisione di finanziamento sia adottata dalla CE Europa orientale e Caucaso (Russia non inclusa) 22.8 milioni* * Più un importo addizionale di 6.25 milioni a condizione che la decisione di finanziamento sia adottata dalla CE Allocazione bilaterale per la Russia 8.5 milioni Balcani occidentali 14.5 milioni Albania 1.9; Bosnia-Herzegovina 2.3; Montenegro 1.2; Serbia: 6.6; Kosovo 2.5 Asia centrale 9.5 milioni

24 Chiarimenti e novità: a.Facoltà, Dipartimenti e Centri, parte di unistituzione universitaria, anche se godono di autonomia legale e finanziaria, non possono contare come partner/coordinatori b.Presidi di Facoltà e Direttori di Dipartimenti possono firmare le dichiarazioni di onore, i LEF ed i mandati SOLO SE muniti di espressa delega, da allegare alla domanda c.Progetti coordinati da associazioni di istituzioni universitarie devono avere almeno due istituzioni universitarie non membri dellassociazione 4. Modalità di presentazione delle domande e procedure amministrative interne a Sapienza

25 Continua d.le proposte progettuali vanno inviate SOLO in formato elettronico (E-Form) e.i documenti amministrativi da inviare per posta possono essere copie o versioni scansionate f.incremento degli importi per costi di vitto ed alloggio per lo staff dei Paesi terzi in mobilità nel loro stesso Paese e per le mensilità per gli studenti nei Paesi UE e nei Paesi terzi g.istituzione universitaria – livello 5 e 6 ISCED richiesto

26 Procedure di domanda Data di scadenza per la presentazione delle domande: 23 febbraio FASI 1.Invio in formato elettronico dellE-Form inclusi i 3 allegati obbligatori: Declaration of Honour, Workplan e Budget su file excel e Logical Framework Matrix 2.Documenti amministrativi e legali via posta, senza lE-Form

27 a. invio on line dellE-Form b. dopo aver validato lE-Form ed avere corretto eventuali errori evidenziati dal sistema, allegare Declaration of Honour Workplan e Budget su file excel Logical Framework Matrix c. Cliccare sul bottone SUBMIT dellE-Form d. arriva una notifica automatica con il Reference number del progetto Cosa accade nella fase 1

28 Cosa accade nella fase 2 a.copiare il Reference number del progetto su ciascuno dei documenti da inviare per posta: Declaration of honour firmata dal legale rappresentante dellistituzione universitaria coordinatrice Legal entity form Bank identification form Bilanci, se applicabile Mandati b. inviare tutti i documenti, scansioni o copie, entro il 23 febbraio 2012 (fa fede il timbro postale) tramite posta raccomandata c. gli originali devono essere custoditi dal coordinatore

29 Fasi e tempi del processo selettivo Fasi Tempi Pubblicazione del Tempus IV 5°bandoInizi di novembre 2011 Data di scadenza per la presentazione delle domande23 febbraio 2012 Valutazione degli espertiMarzo-aprile 2012 Consultazione dei ministeri delleducazione nei Paesi terzi, delle Delegazioni UE e dei NTO Maggio 2012 Decisioni di finanziamento e pubblicazione dei risultatiLuglio 2012 Preparazione e firma dei Grant AgreementLuglio-settembre 2012 Inizio dei periodi di attività15 ottobre 2012

30 Criteri di attribuzione dei finanziamenti Sono 5 i criteri di attribuzione definiti nel bando, cui gli esperti esterni si attengono nel valutare i progetti: Rilevanza, chiarezza e coerenza degli obiettivi del progetto (25%) Qualità del partenariato, adeguata distribuzione dei compiti, efficacia di comunicazione e cooperazione (20%) Qualità del contenuto e della metodologia applicata conformemente allo scopo e agli obiettivi del progetto (25%) Sostenibilità, divulgazione e valorizzazione dei risultati delle attività e del progetto (15%) Bilancio ed efficacia dei costi (15%)

31 Selezione degli esperti esterni 400 esperti di nazionalità UE e dei Paesi terzi Tempus sono attualmente nel database dellAgenzia 30% ricambio annuale, di cui 10% esperti nuovi 1 esperto valuta progetti Tempus per un massimo di 3 anni consecutivi attenzione massima al conflitto di interessi Criteri di selezione: Esperienza professionale nelle aree tematiche del programma Competenze linguistiche: EN, FR, DE Provata esperienza in project cycle management, Tempus e cooperazione con i Paesi terzi Tempus Conoscenza dellagenda di modernizzazione del sistema di istruzione universitario Bando aperto fino al 30 giugno 2013

32 Ripartizione IX Relazioni Internazionali Fornisce supporto nella predisposizione delle domande Fornisce indicazioni nella ricerca partner Fornisce dati utili per la corretta compilazione delle domande Predispone la documentazione amministrativa Si occupa delle procedure per la firma della documentazione ad opera del rettore: Declaration of Honour Legal Entity Form (il Financial Identification Form può essere a firma del Direttore di Dipartimento) Mandato Per permettere che la documentazione richiesta possa essere predisposta in tempi utili per la presentazione delle proposte progettuali entro la scadenza prevista dal bando, si consiglia di mettersi in contatto con la nostra Ripartizione almeno due settimane prima della scadenza.

33 Sito internet di riferimento: Per ulteriori informazioni, contattare la Ripartizione IX Relazioni Internazionali Graziella Gaglione


Scaricare ppt "IL PROGRAMMA TEMPUS Roma, 05 dicembre 2011. Questa presentazione sarà suddivisa in 4 parti: 1.presentazione del programma TEMPUS in generale 2.condizioni."

Presentazioni simili


Annunci Google