La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il processo di valutazione dei rischi. 2 la valutazione dei rischi è un procedimento di indagine ed analisi accurata del lavoro, che permette di 1. conoscere.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il processo di valutazione dei rischi. 2 la valutazione dei rischi è un procedimento di indagine ed analisi accurata del lavoro, che permette di 1. conoscere."— Transcript della presentazione:

1 Il processo di valutazione dei rischi

2 2 la valutazione dei rischi è un procedimento di indagine ed analisi accurata del lavoro, che permette di 1. conoscere i rischi presenti ed i fattori che li influenzano 2. individuare i provvedimenti effettivamente necessari per salvaguardare la sicurezza e la salute dei lavoratori 3. stabilire una priorità di intervento delle misure preventive e protettive e pianificarne l'attuazionepriorità 4. monitorare l'efficacia e l'efficienza delle misure adottate sulle condizioni di salute e sicurezza

3 3 la valutazione dei rischi obiettivi del processo di valutazione agire per il miglioramento progressivo e continuo eliminare o ridurre tutti i rischi prevenire la comparsa di danni conclamati, ma anche del malessere/disagio, con particolare riguardo alla suscettibilità di individui o categorie mantenere nel tempo i livelli di sicurezza confrontare a distanza di tempo i progressi compiuti

4 4 la valutazione dei rischi la valutazione dei rischi non e un mero adempimento formale, ma uno strumento in progress - di conoscenza - di intervento - di miglioramento

5 5 la valutazione dei rischi perché lRLS deve conoscere e saper leggere ed interpretare il documento di valutazione dei rischi?

6 6 la valutazione dei rischi Conoscenza del lavoratore Rischi ritenuti presenti Operazioni saltuarie/abituali Informazioni su incidenti/infortuni Soluzioni proposte

7 7 a. valutazione di tutti i rischi b. La programmazione della prevenzione ( fattori tecnico- organizzativo e procedurale c. Eliminazione dei rischi, riduzione al minimo d. Rispetto dei principi ergonomici e. riduzione dei rischi alla fonte f. Sostituzione di ciò che e pericoloso g. limitazione al minimo del numero di lavoratori esposti al rischio h. Utilizzo limitato di agenti chimici, fisici, biologici. i. Priorità misure di protezione collettiva l. controllo sanitario dei lavoratori esposti misure generali di tutela art.15

8 8 l. allontanamento degli esposti dal lavoro a rischio eventuale adibizione m. Informazione e formazione lavoratori n. Informazione e formazione per dirigenti e preposti o. Informazione e formazione rappresentanti dei lavoratori p. Istruzioni lavoratori q. Partecipazione e consultazione lavoratori r. Partecipazione e consultazione dei rappresentanti dei lavoratori s. Programmazione delle misure codici di condotta e buona prassi t. Misure di emergenza u. Luso di segnali di avvertimento e di sicurezza z. Regolare manutenzione misure generali di tutela art.15

9 9 condizioni tecniche elementi organizzativi fattori umani pericolo e rischio RIDUZIONE DEL RISCHIO misure generali e specifiche ELIMINAZIONE DEL RISCHIO

10 10 la valutazione dei rischi Decreto Legislativo 81/2008, art Il datore di lavoro non può delegare le seguenti attività: a) La valutazione di tutti rischi con la conseguente elaborazione del documento previsto dall art 28

11 11 la valutazione dei rischi Decreto Legislativo 81/2008, art. 28 OGGETTO DELLA VALUTAZIONE La valutazione di all art 17, anche nella: Scelta delle attrezzature da lavoro e delle sostanze o preparati chimici impiegati, sistemazione dei luoghi di lavoro

12 12 la valutazione dei rischi Decreto Legislativo 81/2008, art. 28 deve riguardare TUTTI I RISCHI compresi quelli riguardanti: Gruppi di lavoratori esposti a rischi particolari Stress lavoro-correlato Le lavoratrici in stato di gravidanza Differenze di genere, età, provenienza

13 13 la valutazione dei rischi Decreto Legislativo 81/2008, art. 28 all'esito della valutazione dei rischi, il datore di lavoro elabora un documento avente data certa contenente: a) una relazione sulla valutazione di tutti i rischi per la sicurezza e la salute durante il lavoro, nella quale sono specificati icriteri adottati per la valutazione stessa; b) l'individuazione delle misure di prevenzione e protezione e dei dispositivi di protezione individuale, conseguente alla valutazione di cui alla lettera c) il programma delle misure ritenute opportune per garantire il miglioramento nel tempo dei livelli di sicurezza.

14 14 la valutazione dei rischi Decreto Legislativo 81/2008, art. 28 d) l individuazione delle procedure per lattuazione delle misure da realizzare, nonché dei ruoli dellorganizzazione aziendale che vi debbono provvedere, a cui devono essere assegnati unicamente soggetti in possesso di adeguate competenze e poteri e) lindicazione del nominativo del RSPP e del RLS/T e del MC che ha partecipato alla valutazione del rischio f) l individuazione delle mansioni che eventualmente espongono i lavoratori a rischi specifici che richiedono una riconosciuta capacità professionale, specifica esperienza, adeguata formazione e addestramento.

15 15 la valutazione dei rischi Decreto Legislativo 81/2008, art. 29 MODALITA DI EFFETTUAZIONE DELLA VALUTAZIONE DEL RISCHIO

16 16 la valutazione dei rischi Decreto Legislativo 81/2008, art In collaborazione con RSPP e Mc 2.Previa consultazione del RLS 3.Deve essere rielaborato in occasione di significative modifiche del processo produttivo o dellorganizzazione del lavoro o in relazione al grado di evoluzione della tecnica, della prevenzione e della protezione o a seguito di infortuni significativi o quando i risultati della sorveglianza sanitaria ne evidenzino la necessità

17 17 la valutazione dei rischi Decreto Legislativo 81/2008, art Custodito presso lunità produttiva 5. Fino a 10 lavoratori sulla base di procedure standardizzate possibilità di autocertificazione 6. Fino a 50 lavoratori sulla base di procedure standardizzate (art 6 comma 8 lettera f) 7. Esclusioni a) Aziende art 31 comma 6 lett a,b,c,d,e,f,g b) Rischio chimico, biologico, atmosfere esplosive, cancerogeni mutageni, amianto c) Titolo IV

18 18 1. analisi del processo di lavoro 2. individuazione dei pericoli 3. identificazione dei lavoratori esposti 4. stima della gravità degli effetti che ne possono derivare 5. stima della probabilità che tali effetti si manifestino 6. quantificazione del livello di rischio 7. verifica dell'idoneità delle misure in atto e della disponibilità di ulteriori misure 8. scelta delle misure necessarie 9. definizione di un piano per la messa in atto delle misure necessarie individuate 10. definizione di tempi e modi per la verifica e/o laggiornamento fasi della valutazione percorso di valutazione

19 19 dal generale al particolare lanalisi del processo di lavoro, preliminare alla valutazione vera e propria, consente di raggiungere una visione dinsieme delle attività e operazioni svolte nellambiente di lavoro anche in modo saltuario o accessorio di poter eseguire un esame analitico per la ricerca della presenza di fonti di rischio per la salute o la sicurezza delle persone 1. analisi del processo di lavoro

20 20 individuazione dei pericoli generati da Caratteristiche generali luoghi di lavoro Rapporto uomo- macchina Rapporto Uomo- ambiente Analisi dei posti di lavoro/mansioni Lanalisi del processo di lavoro

21 21 Esame situazione infortunistica aziendale Autodiagnosi Norme di buona tecnica Esperienza dei lavoratori Misurazioni strumentali 2. individuazione del rischio

22 22 nella singola mansione/reparto/fase di lavoro è ora possibile individuare il profilo di rischio di ogni operatore risulta molto utile raggruppare i lavoratori esposti in Gruppi Omogenei di Esposizione (GOE) FASE/ REPARTO/ MANSIONE PERICOLI PERSONE ESPOSTE 3. identificazione degli esposti

23 23 1a esercitazione analizzare il processo di lavoro scomporre in fasi costruire flow-chart del processo individuare i GOE

24 24 utilizzo delle informazioni ricavabili dalla letteratura tecnica e scientifica specializzata valutazione diretta delle situazioni, delle condizioni e delle modalità di lavoro coinvolgimento diretto dei soggetti interessati alle attività lavorative misura della diffusione del rischio tra la popolazione lavorativa confronto con le indicazioni legislative e di buona tecnica criteri di valutazione

25 25 può essere effettuata attraverso diversi step: a) una verifica formale delle condizioni di sicurezza e igiene mediante lacquisizione di documentazione b) una verifica oggettiva dellaccettabilità delle condizioni di lavoro esaminate in relazione a standard tecnici conosciuti c) una misura dei parametri che caratterizzano i fattori di rischio che consenta la loro quantificazione oggettiva e la conseguente valutazione attraverso il confronto di quanto misurato con indici di riferimento stabiliti da leggi o norme di buona tecnica 4. stima dellesposizione

26 26 stima del rischio R = P x G stimare = attribuire un valore indicativo 1. che tipo di danno è associato a quel pericolo 2. quanto è probabile che quel danno si verifichi

27 27 si effettua incrociando (tramite un ragionamento, un percorso guidato, un modello matematico) i fattori di probabilità e gravità degli effetti dannosi ipotizzati in conseguenza della presenza dei pericoli il rischio che rilevo in questa fase è quello residuo : tiene già conto dellefficacia degli interventi di prevenzione e protezione attualmente adottati 7. stima del livello di rischio

28 28 altamente probabile probabile poco probabile improbabile lieve 2 medio 3 grave 4 gravissimo la Matrice del Rischio SCALA DELLENTITA DEL DANNO G SCALA DELLE PROBABILITA P

29 29 livello 4 = gravissimo Infortunio con invalidità permanente di grado > 16% tab. INAIL livello 3 = grave Infortunio con invalidità permanente di grado < 16% tab. INAIL livello 2 = medio Infortunio che comporta assenza > 3 giorni livello 1 = lieve Infortunio che comporta assenza < 3 giorni 5. stima della gravità

30 30 livello 4 = altamente probabile sono noti più di un episodio a settimana o più del 75% della operatività annua livello 3 = probabile sono noti più di un episodio al mese o tra il 10% e il 75% della operatività annua livello 2 = poco probabile sono noti meno di un episodio al mese o meno del 10% della operatività annua livello 1 = improbabile non sono noti episodi già verificatisi 6. stima della probabilità

31 31 R > 8 Rischio fuori controllo: lattività deve essere sospesa in attesa di definire e attuare con urgenza le misure necessarie 4 < R < 8 Non accettabile: definire ed attuare le misure necessarie 2 < R < 3 sotto controllo: definire misure di miglioramento R = 1 Accettabile: non si dovrà procedere 8. definizione degli interventi necessari

32 32 8. definizione degli interventi necessari

33 33 9. programma degli interventi le ulteriori misure di prevenzione e protezione evidenziate come necessarie per migliorare i livelli di salute e sicurezza devono essere adottate mediante un programma di attuazione, che considererà i livelli di rischio e le priorità di riduzione emerse gli elementi tecnici, organizzativi, produttivi ed economici dellazienda fermo restando il principio della riduzione dei rischi

34 34 2a esercitazione sui GOE selezionati dalla 1a esercitazione valutare i rischi individuare i criteri di intervento individuare 3 interventi di prevenzione e protezione


Scaricare ppt "Il processo di valutazione dei rischi. 2 la valutazione dei rischi è un procedimento di indagine ed analisi accurata del lavoro, che permette di 1. conoscere."

Presentazioni simili


Annunci Google