La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il personale e gli incarichi

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il personale e gli incarichi"— Transcript della presentazione:

1 Il personale e gli incarichi
La Manovra 2009 per gli enti locali L 133 e Collegati alla Finanziaria Il personale e gli incarichi A cura di Roberto Mastrofini (Aggiornato febbraio 2009)

2 La programmazione della risorse umane
La Manovra Programmazione La programmazione della risorse umane La gestione delle risorse umane passa attraverso una serie di adempimenti che riguardano aspetti giuridici, amministrativi e fiscali. A inizio anno, insieme all'approvazione del bilancio di previsione, si gioca la partita della programmazione, con l'approvazione del fabbisogno triennale e il piano annuale delle assunzioni. Operazione quanto mai attuale, da reimpostare alla luce delle disposizioni contenute nella manovra d'estate confluita nella legge 133/2008. La programmazione non deve riguardare solo le nuove potenziali assunzioni, ma coinvolgere tutte le dinamiche gestionali dell'ente, compresa una prima eventuale quantificazione di risorse variabili del fondo delle risorse decentrate, cioè quelle derivanti dall'applicazione dell'articolo 15, comma 5 del contratto nazionale del 1° aprile 1999.

3 La programmazione della risorse umane: i principi
La Manovra Programmazione La programmazione della risorse umane: i principi Il principio contabile n.1 definisce la programmazione nel sistema di bilancio come “il processo di analisi e valutazione nel rispetto delle compatibilità economico - finanziarie, della possibile evoluzione della gestione dell’ente, che si conclude con la formalizzazione delle decisioni politiche e gestionali che danno contenuto ai piani o programmi futuri”. In particolare l’atto di programmazione del fabbisogno di personale (art. 91 del TUEL) deve assicurare le esigenze di funzionalità e di ottimizzazione delle risorse per il migliore funzionamento dei servizi , compatibilmente con le disponibilità finanziarie. Esso costituisce un allegato alla Relazione previsionale e programmatica.

4 La programmazione della risorse umane: i principi
La Manovra Programmazione La programmazione della risorse umane: i principi La rigorosa programmazione in materia di risorse umane, riferita sia ai contratti di lavoro autonomo sia ai rapporti di lavoro a tempo indeterminato, rappresenta elemento fondamentale e presupposto di legittimità della Relazione previsionale programmatica e dei suoi allegati. Il quadro normativo, delineato con la manovra di finanza pubblica per il triennio 2009/2011, richiede agli enti locali la redazione di strumenti di programmazione e di indirizzo veritieri, comprensibili e correttamente analizzati nelle conseguenze delle scelte d’indirizzo annuali e triennali sui saldi di finanza locale e di finanza pubblica (vedi vincoli del patto di stabilità interno).

5 La programmazione della risorse umane: i principi
La Manovra Programmazione La programmazione della risorse umane: i principi L’art. 19, comma 8, della legge 448/2001 ha stabilito che a decorrere dall’anno 2002 gli organi di revisione contabile devono accertare che i documenti di programmazione del fabbisogno del personale siano improntati al rispetto del principio di riduzione complessiva della spesa di personale di cui all’art. 39 della legge 27 dicembre 1997, n. 449 e successive modificazioni, concedendo la possibilità di derogare a tale principio, ma solo se tali deroghe sono analiticamente motivate (art. 1, commi 557 e 562 legge finanziaria 2007 e successive modifiche ed integrazioni).

6 La programmazione della risorse umane
La Manovra Programmazione La programmazione della risorse umane Quest'anno inoltre, sulla base dell'ultima versione dell'articolo 36 del Dlgs 165/2001, gli enti sono chiamati a identificare chiaramente quali sono le attività ordinarie per le quali vige il principio dell'assunzione a tempo indeterminato e quali sono invece le esigenze che possono essere ricoperte tramite il ricorso al lavoro flessibile. La deliberazione così approvata va allegata al preventivo per legittimarne gli stanziamenti e le successive azioni specificate nel Peg. Passo immediatamente successivo è la costituzione formale del fondo delle risorse decentrate: delimitare già ad inizio anno le regole e i paletti del gioco è certamente segno di virtuosità che può portare a contrattazioni più efficaci e accelerate per la nuova gestione.

7 Legge 133/08 (DL 112): Novità La Manovra 2009.
Novità riguardanti l’assetto ordinamentale e normativo: il legislatore ha rivisto la normativa dettata dalla Finanziaria 2008 in materia di ricorso agli incarichi esterni, introducendo importanti correttivi. è stata eliminata la nuova formulazione dell’ art. 36 del D. Lgs n. 165/2001 dettata dalla Finanziaria 2008, ed è stata, quindi, ripristinata la possibilità di utilizzare il lavoro flessibile secondo un ragionevole quadro di regole; 2. Novità riguardanti le regole per il contenimento della spesa per il personale: il legislatore ha introdotto un regime più restrittivo rispetto al quadro delineato dalla Finanziaria 2008.

8 Collegati alla Finanziaria (1441 bis e quater): Novità
La Manovra 2009. Collegati alla Finanziaria (1441 bis e quater): Novità il legislatore in materia di ricorso agli incarichi esterni introduce ulteriori correttivi. Correttivi alle nuove norme in tema di part time e assenze per malattia; Trasparenza sulle retribuzioni; Gestione associata dei servizi per i comuni al di sotto di ab Procedure concorsuali Abrogazione stabilizzazioni Mobilità Segretario Comunale

9 (Contenimento degli incarichi)
La Manovra Incarichi Articolo 46 (Contenimento degli incarichi) Il nuovo quadro normativo ha reso più stringenti i presupposti giuridici legittimanti l’affidamento degli incarichi , pertanto vi è un obbligo ulteriore di conformazione a tali nuove disposizioni di legge da parte di tutte gli enti locali , a prescindere dalla data di adozione delle norme regolamentari di che trattasi . L’obbligo esiste sia nell’ipotesi in cui non siano stati ancora deliberati detti regolamenti, sia nell’ipotesi in cui occorra modificare i regolamenti già adottati . Le Amministrazioni pertanto dovranno procedere a deliberare ex novo le disposizioni regolamentari concernenti “ i limiti , i criteri e le modalità per l’affidamento di incarichi di collaborazione autonoma, che si applicano a tutte le tipologie di prestazioni ”.

10 (Contenimento degli incarichi)
La Manovra Incarichi Articolo 46 (Contenimento degli incarichi) Per quanto concerne gli enti locali , la disciplina propria degli incarichi è contenuta negli artt. 7, commi 6, 6 bis e 6 ter del d.lgs. n. 165/2001 e 110, ultimo comma, del d. lgs. n. 267/2000 (T.U.E.L.). L’iter procedurale per l’ affidamento degli incarichi , prevede due distinti obblighi : 1. la previa definizione nell’ambito di un programma, approvato dal Consiglio dell’ente ai sensi dell’ art. 42, comma 2, lettera b), del T.U.E.L., della possibilità di attivazione di “incarichi di studio o di ricerca, ovvero di consulenze, a soggetti estranei all’amministrazione”; 2. l’inserimento, all’interno del regolamento sull’ordinamento degli uffici e dei servizi , di una specifica previsione determinativa dei limiti , criteri e modalità per l’affidamento di incarichi “di collaborazione, di studi o o di ricerca, ovvero di consulenze, a soggetti estranei all’amministrazione”, nonché, infine, del tetto annuo della spesa complessiva.

11 DIRIGENTE/RESPONSABILE DEL SERVIZIO
La Manovra Incarichi CONSIGLIO GIUNTA APPROVA PROGRAMMA INCARICHI - DETERMINA CRITERI X REG.- FISSA TETTO SPESA REGOLAMENTO ORDINAMENTO UFFICI E SERVIZI Finalità:disciplinare le procedure comparative ossia la procedura di selezione (art. 7 comma 6 bis e 6 ter e art. 3 c. 56 L. 244/2007) L'incarico deve corrispondere a obiettivi e progetti specif ici e determinati (art. 7 c.6 lett. a) PROGETTO INDAGINEINTERNA Finalità: accertare, preliminarmente, l’impossibilità oggettiva di utilizzare le risorse umane disponibili al suo interno (art. 7, comma 6 lettera b) SELEZIONE Le amministrazioni pubbliche disciplinano e rendono pubbliche, secondo i propri ordinamenti, procedure comparative per il conferimento degli incarichi di collaborazione (art. 7 . c. 6 bis e ter e art. 3 c. 56 L. 244/2007) CONTRATTO Devono essere preventivamente determinati durata, luogo, oggetto e compenso della collaborazione (art. 7. c. 6 lett. d) DIRIGENTE/RESPONSABILE DEL SERVIZIO PUBBLICAZIONE Pubblicazione sito w eb rende ef f icace il contratto (art. 3 c. 18 L. 244/2007) La mancata pubblicazione costituisce illecito disciplinare e responsabilità erariale (art. 3 c. 54 L. 244/2007) Pubblicazione sito w eb dipartimento funzione pubblica (art. 53 c. 14 D.Lgs.165/ 2001) GESTIONE DEL RAPPORTO

12 La Manovra Incarichi I casi di esclusione per gli incarichi disciplinati da specifiche leggi INCARICO LEGGE Incarichi di progettazione, direzione lavori, collaudi e prestazioni accessorie finalizzate alla realizzazione di opere pubbliche Art. 90 D.Lgs. 163/2006 (Codice dei contratti pubblici) Incarichi per l’attuazione della normativa in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro D.Lgs. 626/1994 Incarichi attuativi della normativa in materia di prevenzione antincendio Legge 818/1984 Incarichi di attuazione delle normativa in materia di accertamenti tecnici relativi a locali di pubblico spettacolo Dpr 293/2002 Rilevazioni previste per legge in materia ambientale, inquinamento acustico, acqua, elettrosmog, rifiuti Legge 203/2003 Incarichi per gli addetti stampa Art. 9 Legge 150/2000 Prestazioni specifiche richieste da programmi di ricerca Art. 51 c. 6 Legge 449/1997 Obblighi pubblicitari Il d.l. 112/2008 (art. 61 c. 4) aggiunge, all’art. 53 c. 14 del D.Lgs. 165/2001, un ulteriore periodo stabilendo che entro il 31 dicembre di ogni anno il Dipartimento della funzione pubblica trasmette alla Corte dei Conti l’elenco delle amministrazioni che hanno omesso di effettuare la comunicazione relativa ai nominativi dei collaboratori esterni e dei soggetti affidatari di incarichi di consulenza

13 Il sistema sanzionatorio
La Manovra Incarichi 61 c. 1,2,5, 6 e 15 Spese per studi, consulenze, pubblicità mostre e sponsorizzazioni: introdotte delle restrizioni di spesa non applicabili agli enti locali Il sistema sanzionatorio IL FATTO SANZIONABILE LA SANZIONE RIFERIMENTO NORMATIVO Affidamento di incarichi in violazione delle disposizioni regolamentari Illecito disciplinare + responsabilità erariale del dirigente preposto Art. 3 comma 56 finanziaria 2008 Omessa pubblicazione sul sito web dei provvedimenti con indicazione del soggetto, ragione incarico e ammontare erogato Illecito disciplinare + responsabilità erariale del dirigente preposto Art. 1 c. 127 L. 662/96 come modif icato dall'art. 3 comma 54 f inanziaria 2008 Affidamento incarichi di collaborazione coordinata e continuativa per funzioni ordinarie Responsabilità erariale per il dirigente che ha stipulato il Contratto Art. 7 c. 6 D.Lgs. 165/2001

14 (Contenimento degli incarichi)
La Manovra Incarichi Articolo 46 (Contenimento degli incarichi) La nuova normativa, specifica ulteriormente i due elementi sopra detti estendendoli a: tutti gli “ incarichi di collaborazione autonoma” cioè “indipendentemente dall’oggetto” o dalla “tipologia della prestazione”, nonché aggravando il relativo procedimento di ulteriori condizioni e requisiti di legittimità che qualificano sia sotto il profilo oggettivo che soggettivo l'affidamento di incarichi esterni .

15 (Contenimento degli incarichi)
La Manovra Incarichi Articolo 46 (Contenimento degli incarichi) Il decreto legge n.112 con l’art. 46, sostituisce il comma 6 dell’articolo 7 dlgs 165/01 e introduce significativi correttivi alla disciplina dettata dalla legge Finanziaria 2008. Innanzitutto la norma prevede che per l’affidamento degli incarichi esterni è necessario il possesso, da parte dell’affidatario, di una “particolare e comprovata specializzazione anche universitaria”. Gli Enti valuteranno caso per caso in relazione alla tipologia di incarico da affidare il tipo di formazione adeguata da richiedere, ferma restando l’assoluta inderogabilità del requisito della particolarità della specializzazione medesima.

16 (Contenimento degli incarichi)
La Manovra Incarichi Articolo 46 (Contenimento degli incarichi) Le amministrazioni pubbliche POSSONO procedere al conferimento di incarichi per pervenire alla stipulazione di contratti d’opera (art del codice civile; cfr. Consiglio di Stato, sez. IV, con la sentenza n. 263 del 29 gennaio 2008): a) con esperti dotati di rilevante background formativo-professionale, sintetizzato dalla comprovata specializzazione universitaria; b) con professionisti (anche privi di laurea specialistica), iscritti in ordini o albi (le c.d. professioni regolamentate, geometri, periti industriali, consulenti del lavoro, ecc.); c) con soggetti operanti nel campo dell’arte, dello spettacolo o dei mestieri artigianali (anch’essi non necessariamente in possesso di laurea specialistica). La valutazione delle capacità potenziali dei professionisti non laureati dovrà pertanto essere riferita sia all’abilitazione sia al percorso professionale, mentre quest’ultimo dato costituirà l’unico parametro sostanziale per artisti (e simili) ed artigiani, al fine di poter accertare per gli stessi l’esperienza maturata nel settore.

17 (Il requisito della specializzazione)
La Manovra Incarichi Articolo 46 (Il requisito della specializzazione) Pertanto, fatta eccezione per le ipotesi espressamente previste, per le quali la particolare e comprovata specializzazione può non essere supportata da un titolo universitario, ma può essere valutata facendo riferimento alla maturata esperienza nel settore, a parere della CdC Sezione Piemonte (Parere 27/08), ai fini del conferimento di incarichi esterni, un percorso formativo e professionale universitario resta un presupposto necessario. La specializzazione universitaria, da sola, ove di per sé espressione di una competenza specialistica e specifica rispetto all’oggetto dell’incarico, o per lo più unitamente ad altri fattori, deve dunque costituire un imprescindibile elemento di valutazione del livello di professionalità e della particolare specializzazione dell’incaricato.

18 (Il requisito della specializzazione)
La Manovra Incarichi Articolo 46 (Il requisito della specializzazione) Quando si tratta di conferire incarichi individuali nel campo dell’arte, dello spettacolo o dei mestieri il possesso del titolo di studio non è requisito necessario ma occorre accertarsi che il soggetto abbia maturato un’esperienza nel settore che possa garantire l’adempimento della prestazione richiesta. Non sono possibili interpretazioni estensive. Analogo discorso vale nei casi in cui un soggetto è iscritto in ordini o albi professionali. L’iscrizione all’albo attesta, ai fini del conferimento dell’incarico, una specializzazione di per sé idonea allo svolgimento dell’incarico medesimo consentendo di prescindere dal possesso tanto della laurea magistrale quanto di quella triennale, laddove è accertata la maturata esperienza nel settore. Al di fuori delle deroghe descritte riprende pienamente vigore il principio della specializzazione universitaria secondo cui, la sola laurea triennale non è sufficiente ad integrare il requisito. (Parere 51/08 Funzione Pubblica)

19 (Contenimento degli incarichi: presupposti legittimanti)
La Manovra Incarichi Articolo 46 (Contenimento degli incarichi: presupposti legittimanti) a) l’oggetto della prestazione deve corrispondere alle competenze attribuite dall’ordinamento all’amministrazione conferente, ad obiettivi e progetti specifici e determinati e deve risultare coerente con le esigenze di funzionalità dell’amministrazione conferente; b) l’amministrazione deve aver preliminarmente accertato l’impossibilità oggettiva di utilizzare le risorse umane disponibili al suo interno; c) la prestazione deve essere di natura temporanea e altamente qualificata; d) devono essere preventivamente determinati durata, luogo, oggetto e compenso della collaborazione.

20 (Contenimento degli incarichi)
La Manovra Incarichi Articolo 46 (Contenimento degli incarichi) La Finanziaria 2008 subito modifiche ed integrazioni ad opera del decreto legge n. 112 del 2008 : l’art. 3, comma 55: oggetto della disciplina legislativa diventano i contratti di collaborazione autonoma (non più solo <<l’affidamento da parte degli enti locali di incarichi di studio o di ricerca, ovvero di consulenze>>) indipendentemente dall’oggetto della prestazione (configurabile, quindi, anche come incarichi e consulenze) che possono essere stipulati solo con riferimento alle attività istituzionali stabilite dalla legge o previste nel programma dal Consiglio ai sensi dell’art. 42, comma 2, Tuel; l’art. 3, comma 56: prevede nella nuova versione che i limiti, i criteri e le modalità da fissare con il regolamento di cui all’art. 89 del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, riguardino –genericamente- l’affidamento di incarichi di collaborazione autonoma che si applicano a tutte le tipologie di prestazioni.

21 (Contenimento degli incarichi)
La Manovra Incarichi Articolo 46 (Contenimento degli incarichi) Dal punto di vista oggettivo, è essenziale che si tratti di esigenze istituzionali specifiche, definite e temporanee, cui le pubbliche amministrazioni non possano far fronte “con personale in servizio” . Obbligo dell’accertamento da parte dell’ente dell’impossibilità oggettiva di utilizzare le risorse umane disponibili al suo interno Prevalenza del principio dell'efficiente e razionale organizzazione delle risorse umane disponibili nell’ambito dell'ufficio su quello dell'affidamento all'esterno di compiti e mansioni eseguibili dal personale già in forza al singolo ente

22 (Contenimento degli incarichi: presupposti legittimanti)
La Manovra Incarichi Articolo 46 (Contenimento degli incarichi: presupposti legittimanti) È illegittimo l’affidamento di un incarico esterno che risulti privo di motivazione, senza riferimento alle ragioni per le quali l’Amministrazione ha ritenuto "necessario" avvalersi della consulenza esterna Secondo la Sezione Giurisdizionale della Corte dei Conti per la Regione Veneto con la Sentenza n. 1046/2008, non è sufficiente che la PA abbia "ritenuto opportuno" (e non necessario!) avvalersi di un apporto esterno senza nemmeno effettuare una previa disamina delle figure professionali interne all’ente e potenzialmente idonee a far fronte alle esigenze del caso specifico. L’affidamento avrebbe dovuto essere adeguatamente esplicitato con riferimento alle circostanze di fatto che rendevano impossibile (e non meramente "inopportuno") avvalersi dell’apparato interno.

23 (Contenimento degli incarichi: presupposti legittimanti)
La Manovra Incarichi Articolo 46 (Contenimento degli incarichi: presupposti legittimanti) CdC Sezione Veneto Del 72/2008 Non può farsi ricorso a incarichi esterni per far fronte a situazioni d’impossibilità oggettiva di utilizzo di personale interno all’ente sotto il profilo quantitativo, ossia per sopperire all’ingente mole di lavoro svolta dai dipendenti in servizio. Diversamente opinando, infatti, s’introdurrebbe attraverso gli incarichi esterni una surrettizia duplicazione del lavoro ordinariamente svolto dalle strutture amministrative - di cui costituirebbero un surrogato -, con conseguente rischio di degenerazione in patologiche forme di precariato.

24 (Conferimento incarichi: le linee guida della Corte dei conti)
La Manovra Incarichi Articolo 46 (Conferimento incarichi: le linee guida della Corte dei conti) A titolo esemplificativo si riportano i principali criteri generali di valutazione della legittimità dei suddetti incarichi desumibili dalla giurisprudenza contabile : i conferimenti di incarichi di consulenza a soggetti esterni possono essere attribuiti ove i problemi di pertinenza dell’amministrazione richiedano conoscenze ed esperienze eccedenti le normali competenze del personale dipendente e conseguentemente implichino conoscenze specifiche che non si possono, nella maniera più assoluta, riscontrare nell’apparato amministrativo; l’incarico stesso non deve implicare uno svolgimento di attività continuativa, bensì la soluzione di specifiche problematiche già individuate al momento del conferimento dell’incarico del quale debbono costituire l’oggetto espresso;

25 (Conferimento incarichi: le linee guida della Corte dei conti)
La Manovra Incarichi Articolo 46 (Conferimento incarichi: le linee guida della Corte dei conti) l’incarico si deve caratterizzare per la specificità e la temporaneità, dovendosi, altresì, dimostrare l’impossibilità di adeguato assolvimento dell’incarico da parte delle strutture dell’ente per mancanza di personale idoneo; l’incarico non deve rappresentare uno strumento per ampliare surrettiziamente compiti istituzionali e ruoli organici dell’ente al di fuori di quanto consentito dalla legge; il compenso connesso all’incarico deve essere proporzionato all’attività svolta e non liquidato in maniera forfettaria; l’atto di conferimento deve essere adeguatamente motivato al fine di consentire l’accertamento della sussistenza dei requisiti previsti;

26 (Conferimento incarichi: le linee guida della Corte dei conti)
La Manovra Incarichi Articolo 46 (Conferimento incarichi: le linee guida della Corte dei conti) l’organizzazione dell’amministrazione deve essere comunque caratterizzata dal rispetto dei principi di razionalizzazione (senza duplicazione di funzioni e senza sovrapposizione dell’incarico all’attività ed alla gestione amministrativa), dalla migliore possibile utilizzazione e flessibilità delle risorse umane, nonché per l’economicità, trasparenza ed efficacia dell’azione amministrativa e per il prioritario impiego delle risorse umane già esistenti all’interno dell’apparato;

27 (Conferimento incarichi: le linee guida della Corte dei conti)
La Manovra Incarichi Articolo 3, comma 76 (Conferimento incarichi: le linee guida della Corte dei conti) l’incarico non deve essere generico o indeterminato, al fine di evitare un evidente accrescimento delle competenze e degli organici dell’ente, il che presuppone la previa ricognizione e certificazione dell’assenza effettiva nei ruoli organici delle specifiche professionalità richieste; i criteri di conferimento non devono essere generici, perché la genericità non consente un controllo sulla legittimità dell’esercizio dell’attività amministrativa di attribuzione degli incarichi.

28 (Incarichi di co.co.co e di consulenza)
La Manovra Incarichi Articolo 3, comma (Incarichi di co.co.co e di consulenza) Il comma 54 reca una novella all’art. 1, co. 127 della L. 662/1996, in materia di pubblicità dei rapporti di collaborazione e di consulenza a titolo oneroso. Nel testo vigente il comma 127 stabilisce che le pubbliche amministrazioni che si avvalgono di collaboratori esterni o che affidano incarichi di consulenza per i quali è previsto un compenso debbano pubblicare elenchi nei quali sono indicati i soggetti percettori, la ragione dell’incarico e l’ammontare erogato e debbano trasmettere semestralmente copia di detti elenchi al Dipartimento della funzione pubblica della Presidenza del Consiglio dei ministri. In base alla modifica testuale apportata dal comma in esame, le amministrazioni non devono limitarsi alla pubblicazione (in forma libera) degli elenchi, ma devono pubblicare sul loro sito web i provvedimenti con cui hanno affidato gli incarichi, con l’indicazione dei soggetti beneficiari dei pagamenti, degli importi erogati e della ragione dell’affidamento dell’incarico.

29 (Incarichi di co.co.co e di consulenza)
La Manovra Incarichi Articolo 3, comma (Incarichi di co.co.co e di consulenza) In caso di omessa pubblicazione, si prevede che la liquidazione del corrispettivo per la collaborazione o l’incarico costituisca illecito disciplinare e determini l’insorgere della responsabilità amministrativa del dirigente preposto per il danno cagionato.

30 (Incarichi esterni: il programma )
La Manovra Incarichi Articolo 3, comma 55 (Incarichi esterni: il programma ) Nel novellato comma 55 è precisato che l’affidamento degli incarichi di collaborazione autonoma è comunque subordinato, sempre indipendentemente dall’oggetto della prestazione, all’esercizio di “attività istituzionali” stabilite dalla legge o previste nel programma approvato dal Consiglio dell’ente locale ai sensi dell’art.42, comma 2, del decreto legislativo n. 267/2000.

31 (Incarichi esterni: il programma )
La Manovra Incarichi Articolo 3, comma 55 (Incarichi esterni: il programma ) L’art. 42 comprende un’ampia tipologia di documenti programmatici di competenza del Consiglio; di conseguenza, gli incarichi, anche se non necessariamente predeterminati dal Consiglio nel loro specifico oggetto, devono trovare riferimento nei documenti programmatici, al fine di giustificare la necessità/opportunità di ricorrere all’incarico in relazione agli obiettivi ed ai programmi definiti dal Consiglio e quindi da attuare ad opera della Giunta (cfr. Sezione Autonomie, n. 6/2008, cit.). L'approvazione dei programmi, infatti, costituisce attività generale che rientra nella competenza del Consiglio; spetta, invece, alla Giunta attuare la presupposta volontà consiliare, verificando e controllando la sua concreta realizzazione come attività di governo dell'Ente locale. Infine, l’organo competente a conferire l’incarico (a stipulare il contratto) è ovviamente il dirigente preposto al settore.

32 (Incarichi esterni: il programma )
La Manovra Incarichi Articolo 3, comma 55 (Incarichi esterni: il programma ) La deliberazione consiliare costituisce atto di indirizzo e coordinamento estrinsecazione tipica del potere-dovere di direttiva spettante al Consiglio, consistente nella determinazione preventiva delle superiori linee generali ed astratte cui deve ispirarsi la compiuta disciplina organizzativa e di dettaglio in punto di regolamentazione degli uffici e dei servizi spettante propriamente alla Giunta dell’ente locale.

33 (Incarichi esterni: il programma )
La Manovra Incarichi Articolo 3, comma 55 (Incarichi esterni: il programma ) Poiché la definizione dei criteri generali in materia di ordinamento degli uffici e dei servizi è demandata alla competenza esclusiva del Consiglio, la Giunta non vi si può mai sostituire nemmeno in via d'urgenza. Il regolamento è subordinato, in ogni caso, all’intervento del presupposto imprescindibile costituito dalla deliberazione consiliare di determinazione dei criteri generali (sul punto v. pure delibera di Sezione Calabria n. 150/2008). Salvo esplicita contraria disposizione statutaria, l’organo esecutivo può predisporre proposte di provvedimenti contenenti linee di indirizzo da sottoporre alle determinazioni proprie del Consiglio, poiché tale attività di elaborazione propositiva resterebbe meramente strumentale

34 (Incarichi esterni: il programma )
La Manovra Incarichi Articolo 3, comma 55 (Incarichi esterni: il programma ) I contratti di collaborazione autonoma possono essere stipulati “solo con riferimento alle attività istituzionali” stabilite dalla legge o previste nel programma approvato dal Consiglio. Deve trattarsi sempre di attività comunque rientranti nei compiti istituzionali propri dell’amministrazione conferente, sia nel caso in cui dette attività risultino già specificamente individuate, cioè articolate in materie e/od oggetti specifici, direttamente dalla legge, sia nel caso in cui di siffatta articolazione delle attività istituzionali si faccia carico il programma consiliare

35 (Incarichi esterni: il regolamento)
La Manovra Incarichi Articolo 46 (Incarichi esterni: il regolamento) L’obbligo di darsi un regolamento in cui dettare le regole per il conferimento degli incarichi di collaborazione, sulla base di procedure di tipo comparativo, è stato già introdotto nel luglio del 2006 dal Decreto Legge n. 223, cd Bersani Visco. Tale regolamento, altro elemento di novità, deve essere inviato alla sezione regionale di controllo della Corte dei Conti entro 30 giorni dall’adozione (c. 57). La violazione di queste disposizioni determina il maturare di responsabilità sia disciplinare che amministrativa, può cioè determinare un danno erariale.

36 (Incarichi esterni: il regolamento)
La Manovra Incarichi Articolo 46 (Incarichi esterni: il regolamento) Gli enti devono regolamentare gli incarichi indipendentemente dall’oggetto della prestazione, a prescindere da quale che sia la tipologia contrattuale. La disciplina regolamentare deve rispettare le innovazioni di cui all’art. 46 del d.l. n. 112/2008, nonché dell’art. 110, u.c., del 267/2000, fermo restando l’obbligo dell’osservanza di principi più generali anch’essi disciplinanti la materia, tra i quali: la trasparenza in sede di definizione dei criteri di affidamento degli incarichi; la correttezza e l’imparzialità dell’azione amministrativa l’adozione di idonee forme di pubblicità, il ricorso a procedure selettive comparative, la congrua motivazione dei provvedimenti il rispetto dei limiti di spesa discendenti dai vincoli imposti dal Patto di stabilità

37 (Incarichi esterni: il regolamento)
La Manovra Incarichi Articolo 46 (Incarichi esterni: il regolamento) Per quanto riguarda, infine, le materie escluse dalla disciplina de qua, la Sezione calabrese della Corte conti concorda con quella giurisprudenza (cfr. per tutte Sez. Autonomie, n.6/2008 cit. e rinvii ivi contenuti) secondo cui le disposizioni regolamentari non trovano applicazione nelle materie, come l’appalto di lavori o di beni o di servizi, di cui al d.lgs n. 163/2006 (cosiddetto codice dei contratti pubblici). In linea più generale, non dovrebbero rientrare nella previsione normativa gli incarichi conferiti per adempimenti obbligatori per legge, mancando qualsiasi facoltà discrezionale dell’amministrazione.

38 (Incarichi esterni: il limite di spesa e la responsabilità)
La Manovra Incarichi Articolo 46 (Incarichi esterni: il limite di spesa e la responsabilità) Il budget di spesa annua per gli incarichi, a seguito delle modifiche intervenute, non dovrà più essere indicato in sede regolamentare, bensì in sede di approvazione del bilancio di previsione, o di sua variazione (si ritiene sufficiente l’indicazione in delibera). Tale limite generale di spesa sarà poi articolato tra i vari centri di responsabilità tramite il PEG (o lo strumento a esso equipollente per i comuni di popolazione inferiore a abitanti). Questo, infatti, grazie alla sua struttura che prevede l’ulteriore suddivisione degli interventi in capitoli, a differenza del bilancio di previsione è idoneo a distinguere tale spesa (ove di parte corrente) da quella per altre prestazioni di servizi, e soprattutto costituisce la sede istituzionalmente più appropriata per l’affidamento dei budget finanziari - e dei correlati obiettivi -, ai responsabili dei servizi.

39 (Incarichi esterni: il limite di spesa e la responsabilità)
La Manovra Incarichi Articolo 46 (Incarichi esterni: il limite di spesa e la responsabilità) “La violazione delle disposizioni regolamentari richiamate costituisce illecito disciplinare e determina responsabilità erariale”.

40 (Incarichi esterni: il limite di spesa e la responsabilità)
La Manovra Incarichi Articolo 46 (Incarichi esterni: il limite di spesa e la responsabilità) Nella ipotesi in cui l’incarico di collaborazione dovesse in effetti sottendere un sostanziale rapporto di lavoro subordinato, si potrebbe dare ingresso all’ulteriore e distinto profilo di responsabilità civile nei confronti del prestatore d’opera di cui all’art cod. civ. . L'affidamento di incarichi in contrasto con i criteri di che trattasi potrebbe altresì configurare a carico del dirigente un’ipotesi di revoca dall’incarico anche per inosservanza di direttive, attesa la natura di obbligazione di risultato della responsabilità dirigenziale e considerata, comunque, la violazione dei principi fondamentali sanciti dall’art. 97 della Costituzione.

41 (Incarichi esterni: il limite di spesa e la responsabilità)
La Manovra Incarichi Articolo 46 (Incarichi esterni: il limite di spesa e la responsabilità) La sanzione gestionale disposta alla fine del comma 6 dell’articolo 36 del decreto legislativo n.165/2001, riguardante il divieto di assumere in caso di violazione delle disposizioni in materia di lavoro flessibile, opera anche nell’evenienza di utilizzo illegittimo dei contratti di collaborazione, quando questi ultimi siano stati stipulati in luogo dei contratti di lavoro subordinato a tempo determinato con l’intento di eludere i limiti imposti (cfr. Presidenza Cons. ministri - Dipartimento funzione pubblica, circolare 11 marzo 2008, n.2).

42 (Incarichi : nuovi adempimenti)
La Manovra Incarichi Articolo 3, comma (Incarichi : nuovi adempimenti) 1. approvare un programma,annuale o pluriennale, da parte del Consiglio comunale tramite la RPP o atto di indirizzo 2. aggiornare da parte della Giunta il Regolamento di organizzazione degli uffici e servizi, fissando i limiti, i criteri, le modalità, affidare l’incarico ad un soggetto di particolare e comprovata specializzazione universitaria, l'oggetto della prestazione deve corrispondere alle competenze attribuite dall'ordinamento all'Amministrazione conferente e ad obiettivi e progetti specifici e determinati, deve essere preliminarmente accertato l'impossibilità oggettiva di utilizzare le risorse umane disponibili all’interno, la prestazione deve essere di natura temporanea e altamente qualificata, devono essere preventivamente determinati durata,luogo,oggetto e compenso della collaborazione;

43 (Incarichi: nuovi adempimenti)
La Manovra Incarichi Articolo 3, comma (Incarichi: nuovi adempimenti) 3. inviare l’estratto del Regolamento sugli uffici e servizi, così aggiornato, entro trenta giorni dall’adozione, alla Sezione regionale della Corte dei Conti; 4. pubblicare i contratti di consulenza stipulati sul sito web dell’Ente, indicando: - nominativo del consulente, - oggetto dell'incarico e relativo compenso (efficacia dei contratti si produce a seguito della pubblicazione di tali indicazioni); 5. pubblicare sul sito web dell’Ente l’atto di affidamento dell’incarico di consulenza,con indicate tutte le caratteristiche e l’ammontare erogato.

44 (Incarichi : la comunicazione alla CdC)
La Manovra Incarichi Articolo 3, comma (Incarichi : la comunicazione alla CdC) Il comma 57 dell’art. 3 della legge n. 244/2007 obbliga gli enti locali a trasmettere alle Sezioni regionali di controllo della Corte dei conti , in un breve termine prefissato (30 giorni dall’ adozione), le disposizioni regolamentari di cui si tratta. L'intento della legge è quello di assicurare, tramite verifiche interne all’apparato (i revisori dei conti ) ed esterne (la Sezione regionale di controllo), la completezza e la conformità al dettato legislativo delle disposizioni regolamentari interne che vanno a integrare i l quadro organico della disciplina dell'attività dell'ente in un settore di spesa, come quello degli incarichi esterni , di notevole rilevanza ed impatto sugli equilibri di bilancio e sul rispetto del patto di stabilità .

45 (Incarichi : la comunicazione alla CdC)
La Manovra Incarichi Articolo 3, comma (Incarichi : la comunicazione alla CdC) Alla Corte dei conti è demandato un controllo di regolarità e la trasmissione dei regolamenti deve, pertanto, ritenersi strumentale al loro esame e ad una eventuale pronuncia della Sezione regionale di controllo. La Sezione regionale di controllo ha il potere di sindacare i l regolamento, trattandosi di un atto che, pur di carattere normativo, assume, siccome valenza ed incidenza finanziari a strutturale e funzionale per l'ente, tale da poterne condizionare l'intera operatività . L’obbligo di trasmissione vige anche per i Comuni con pop. inferiore ai 5000 abitanti . Il controllo della Corte dei conti, secondo l’orientamento costante della Corte Costituzionale (per tutte, sentenza n. 179/2007), è ascrivibile alla categoria del riesame di legalità e regolarità, in una prospettiva non più statica (come era il tradizionale controllo di legalità e regolarità), ma dinamica, volta a finalizzare il confronto tra fattispecie e parametro normativo all’adozione di effettive misure correttive.

46 (Incarichi : la comunicazione alla CdC)
La Manovra Incarichi Articolo 3, comma (Incarichi : la comunicazione alla CdC) Tutte le pubbliche amministrazioni dovranno continuare, ai sensi del comma 173 dell’art.1 della legge n.266/2005, a trasmettere tempestivamente alla Sezione regionale di controllo gli atti di spesa di cui ai commi 9, 10, 56 e 57 (spese per studi ed incarichi di consulenza a soggetti esterni nonché per relazioni pubbliche, convegni, mostre, pubblicità e rappresentanza) esclusivamente nel caso di superamento dell’importo di euro. La lettera di trasmissione di atti di conferimento di incarichi di collaborazione esterna o di consulenza successivi al dovrà, però, riportare anche l’indicazione del sito Web (e della data) ove si è provveduto alla pubblicazione dei dati richiesti dall’art. 3, comma 54, della legge n. 244/2007. (CdC Marche)

47 (Incarichi di co.co.co e di consulenza: la comunicazione alla CdC)
La Manovra Incarichi Articolo 3, comma (Incarichi di co.co.co e di consulenza: la comunicazione alla CdC) Pertanto, NON è possibile conferire legittimamente (pur nel rispetto - che deve sempre essere assicurato – delle disposizioni e dei principali criteri generali di valutazione della legittimità dell’affidamento) alcuno dei predetti incarichi prima dei prescritti adempimenti (approvazione del programma, o verifica della rispondenza ai compiti istituzionali e emanazione della modifica del regolamento sull’ordinamento degli uffici e dei servizi).

48 (Contenimento del lavoro flessibile)
DL 112. Lavoro flessibile Articolo 49 (Contenimento del lavoro flessibile) L’articolo 49 del DL riscrive nuovamente l’articolo 36 del D. Lgs n. 165/2001, cancellando le modifiche introdotte dalla Finanziaria 2008 in merito al regime del ricorso al lavoro flessibile e ripristinando, con qualche variazione, il previgente regime. La ratio seguita da quest’ultima novella persegue l’obiettivo di conciliare le esigenze di flessibilità delle amministrazioni, con: - i principi inderogabili posti a fondamento di una corretta e razionale organizzazione, riconducibili a quelli indicati dall’art. 1, comma 1, del d.lgs 165/2001, - le regole preordinate al reclutamento del personale di cui all’art. 97 della Costituzione declinate dall’art. 35 dello stesso decreto legislativo, - la necessità di prevenire il costituirsi di altre forme di precariato.

49 (Contenimento del lavoro flessibile)
DL 112. Lavoro flessibile Articolo 49 (Contenimento del lavoro flessibile) In particolare il nuovo articolo 36 dispone che le pubbliche amministrazioni effettuano assunzioni di personale utilizzando di regola il contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato e possono avvalersi delle forme contrattuali di lavoro flessibile subordinato per esigenze temporanee ed eccezionali (comma 1) e demandando ai CCNL l’individuazione dei contingenti di personale utilizzabile mediante il rapporto a tempo determinato, il contratto di formazione lavoro e la somministrazione di lavoro. Le esigenze di copertura della dotazione organica, intese come esigenze di carattere continuativo e duraturo e quindi permanente, devono trovare soddisfazione esclusivamente con le assunzioni a tempo indeterminato.

50 (Contenimento del lavoro flessibile)
DL 112. Lavoro flessibile Articolo 49 (Contenimento del lavoro flessibile) Pertanto, negli Enti Locali trova applicazione la disciplina prevista dal CCNL del , conformemente alle disposizioni dettate: - dal d.lgs n. 2001, n. 368/2001 e successive modifiche ed integrazioni per quanto riguarda il lavoro a termine; - dall'articolo 3 del del d.l. n. 726/1984, convertito, con modificazioni, dalla legge n. 863/1984 e art. 16 del d.l. n. 299/1994, convertito, con modificazioni, dalla legge n. 451/1994, per quanto riguarda il contratto di formazione lavoro; - dal d.lgs n. 276/2003 per quanto riguarda la somministrazione di lavoro, nonché ogni successiva modificazione o integrazione della relativa disciplina con riferimento alla individuazione dei contingenti di personale utilizzabile.

51 (Contenimento del lavoro flessibile)
DL 112. Lavoro flessibile Articolo 49 (Contenimento del lavoro flessibile) E’ senz’altro ammissibile la riconduzione di dette esigenze alle ragioni di carattere tecnico, produttivo, organizzativo o sostitutivo previste dall’art. 1 del D.lgs 368/2001, anche riferibili all’ordinaria attività e quindi al fabbisogno ordinario, purché caratterizzate dalla temporaneità. È invece escluso che le predette esigenze possano riferirsi ad un fabbisogno ordinario e permanente, anche in presenza di un regime restrittivo delle assunzioni a tempo indeterminato. Riguardo l’eccezionalità occorre precisare che va intesa in termini di straordinarietà e non imprevedibilità. Occorre dare specifica indicazione delle esigenze nel contratto individuale di lavoro a tempo determinato.

52 (Contenimento del lavoro flessibile)
DL 112. Lavoro flessibile Articolo 49 (Contenimento del lavoro flessibile) I contratti di formazione e lavoro si intende che per gli stessi, data la loro vocazione ad essere convertiti in rapporti di lavoro a tempo indeterminato, prescindono dall’esigenza temporanea ed eccezionale purché ciò emerga inequivocabilmente dalla programmazione triennale del fabbisogno che dovrà tenere conto della disponibilità delle risorse finanziarie necessarie per procedere a nuove assunzioni a tempo indeterminato.

53 (Contenimento del lavoro flessibile: contratti inclusi)
DL 112. Lavoro flessibile Articolo 49 (Contenimento del lavoro flessibile: contratti inclusi) contratti di lavoro a tempo determinato, contratti di formazione e lavoro somministrazione di lavoro a tempo determinato. Riguardo ai rapporti formativi che non costituiscono rapporti di lavoro la previsione si riferisce ai tirocini formativi e di orientamento disciplinati dall’art. 18, della legge 24 giungo1997, n E’ fatto salvo il disposto di cui all’art. 54, comma 2, del D.Lgs 276/2003, per quanto riguarda i contratti di inserimento. Salvo quanto sopra, rimane vigente anche l’art. 1, comma 2, dello stesso D.Lgs 276/2003. È esclusa dall’ambito della norma la disciplina del lavoro autonomo che trova una separata collocazione nell’art. 7, comma 6 e seguenti, dello stesso D.Lgs 165/2001.

54 (Contenimento del lavoro flessibile)
DL 112. Lavoro flessibile Articolo 49 (Contenimento del lavoro flessibile) Il ricorso alle forme contrattuali flessibili di assunzione deve avvenire nel rispetto delle procedure di reclutamento vigenti che sono quelle, ove compatibili, indicate dall’art. 35 dello stesso decreto legislativo. Gli enti non possono ricorrere all'utilizzo del medesimo lavoratore con più tipologie contrattuali per periodi di servizio superiori al triennio nell'arco dell'ultimo quinquennio. Il quinquennio va calcolato a ritroso rispetto alla data di stipula del nuovo contratto (per ciascun lavoratore - da assumere o assunto dopo il 25 giugno u.s. - occorre computare i periodi di lavoro svolti con contratti di lavoro flessibile nel precedente quinquennio presso l’Ente che intende assumere). Per il calcolo del triennio si prendono a riferimento i periodi di vigenza dei contratti e si sommano in termini di mesi. I resti di giorni concorrono a formare un mese se la sommatoria è pari a 30. Il raggiungimento di 12 mesi va a realizzare un anno.

55 DL 112. Lavoro flessibile I vincoli vecchi e nuovi dell’art. 36 D.Lgs. 165/2001 NATURA DEI VINCOLI Prima del d.l. 112/2008 Dopo il D.L. 112/2008 TEMPORALI 3 mesi 36 mesi nell’ultimo quinquennio Esigenza stagionale Esigenza temporanea ed eccezionale 6 mesi per il comando o distacco presso altri enti Non previsto INERENTI L’ATTIVITA’ Divieto di ricorrere alla somministrazione di lavoro per l’esercizio di funzioni direttive e Dirigenziali VINCOLI PROCEDURALI Divieto rinnovo Divieto utilizzo medesimo lavoratore con altra tipologia contrattuale Divieto utilizzo del medesimo lavoratore con più tipologie contrattuali per periodi di servizio superiori al triennio nell’arco dell’ultimo quinquennio

56 (Contenimento del lavoro flessibile)
DL 112. Lavoro flessibile Articolo 49 (Contenimento del lavoro flessibile) In caso di più tipologie contrattuali la sommatoria dei tempi non può superare il triennio nel quinquennio. Se detto periodo non sia stato completato la durata dell’ultimo contratto del quinquennio medesimo non potrà essere superiore al tempo residuo rispetto al triennio stesso, salvo che il soggetto non sia vincitore di un concorso pubblico. Quest’ultima eccezione non si applica ai concorsi banditi ai sensi dell’art. 1, commi 529 e 560, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 per i soggetti che usufruiscono di riserva

57 (Contenimento del lavoro flessibile)
DL 112. Lavoro flessibile Articolo 49 (Contenimento del lavoro flessibile) Non rientrano nel limite di cui al comma 3 gli incarichi conferiti ai sensi dell’art. 110 del D. Lgs n. 267/2000 nonché gli incarichi conferiti per la costituzione degli uffici di staff (ex art. 90 del TUEL). Tali incarichi, infatti, sono disciplinati da normativa speciale ed autonoma dettata nel testo unico delle leggi per gli enti locali; disciplina che non può essere implicitamente “compressa”, in quanto l’art. 1, comma 4, del medesimo d.lgs. n. 267/2000 espressamente sancisce che: “Ai sensi dell’articolo 128 della Costituzione le leggi della Repubblica non possono introdurre deroghe al presente testo unico se non mediante espressa modificazione delle sue disposizioni.”. In ogni caso si tratta di incarichi per loro stessa natura limitati nel tempo e caratterizzati da temporaneità.

58 DL 112. Lavoro flessibile. Le sanzioni
Il sistema sanzionatorio per la violazione dell’art. 36 TIPO DI RESPONSABILITÁ Prima del D.L. 112/2008 Dopo il D.L. AMMINISTRATIVA IN CAPO AI DIRIGENTI Danno erariale corrispondente al totale dei pagamenti degli emolumenti corrisposti ai lavoratori indebitamente assunti Danno erariale corrispondente al totale dei pagamenti degli lavoratori indebitamente assunti GESTIONALE IN CAPO AI DIRIGENTI Non prevista - Responsabilità disciplinare; - Impossibilità del rinnovo dello stesso incarico; - Recesso dal rapporto di lavoro nei casi di particolare gravità - Incidenza in sede di valutazione dell’operato del dirigente RESPONSABILITÁ IN CAPO ALL’ENTE Divieto di procedere ad assunzioni nel triennio successivo

59 Articolo 76 (Assunzioni di personale da parte degli enti locali)
DL 112. Assunzioni e spese di personale Articolo 76 (Assunzioni di personale da parte degli enti locali) Enti sottoposti al patto Il DL n. 112/2008 ha introdotto significative novità in materia di contenimento delle spese di personale negli Enti Locali, mantenendo tuttavia inalterata la distinzione tra gli Enti sottoposti e gli Enti non sottoposti al patto di stabilità. Per quanto riguarda gli Enti con popolazione superiore ai 5000 abitanti, ossia gli Enti tenuti al rispetto delle regole del patto di stabilità, resta in vigore quanto disposto dal comma 557, così come integrato dal comma 120 dell’art. 3 della legge n. 244/2007 (Finanziaria 2008), in virtù del quale è possibile derogare all’obbligo di riduzione della spesa del personale nel rispetto dei parametri ivi definiti.

60 Articolo 76 (Assunzioni di personale da parte degli enti locali)
DL 112. Assunzioni e spese di personale Articolo 76 (Assunzioni di personale da parte degli enti locali) Enti sottoposti al patto Ribadendo l’obiettivo del contenimento della spesa per il personale da perseguire anche tramite la razionalizzazione delle strutture amministrative, il comma 557 si limita ad indicare ai medesimi enti, come principi meramente orientativi, una serie di regole fissate per le amministrazioni dello Stato su cui possono far leva, nella loro autonomia, per ridurre la spesa per il personale in funzione del rispetto dei saldi finanziari fissati dalle regole del patto di stabilità interno. Lo stesso comma prevede quindi che le disposizioni volte a stabilire limiti alla possibilità di effettuare assunzioni e specifici obiettivi di riduzione della spesa per il personale di cui all’articolo 1, comma 98 della legge n. 311 del 2004 e all’articolo 1, commi da 198 a 206 della legge n. 266 del 2005 non si applicano più a decorrere dal 1° gennaio 2007 alle regioni e agli enti locali sottoposti al patto di stabilità, ferma restando la loro applicazione per gli anni 2005 e 2006.

61 DL 112. Assunzioni e spese di personale
Criteri per il calcolo delle spese del personale (comma 557 della L.F. 2007) La spesa per il personale prevista nel 2008 deve rientrare nei limiti di cui all’art.1, c.557, della legge finanziaria 2007, 27 dicembre 2006, n.296, come integrato dall’art.3, c.120, della legge finanziaria 2008, 24 dicembre 2007, n.244. (linee guida e relativi questionari per gli organi di revisione sul bilancio di previsione 2008, approvati con deliberazione della Corte dei Conti, Sezione autonomie, n.4 del 28 marzo 2008).

62 DL 112. Assunzioni e spese di personale
Criteri per il calcolo delle spese del personale (comma 557 della L.F. 2007) La Ragioneria Generale dello Stato, con nota n /2008, ha chiarito quali sono i criteri da considerare per il calcolo corretto dell'aggregato "spese di personale".   Ai fini della esatta applicazione dell'art.1, comma 557, della Legge finanziaria 2007 , così come modificato dall'art. 3, comma 120, della Legge finanziaria 2008 , la Ragioneria Generale dello Stato ha precisato che la definizione di spese di personale da tener presente è quella di cui alla circolare n. 9/2006 del Ministero dell'Economia e delle Finanze, poiché in questo modo si può avere una lettura omogenea dei dati del triennio con riguardo ad un aggregato, "costruito con le medesime voci di inclusione ed esclusione". La spesa per il personale 2008/2009 deve, quindi, essere ridotta rispetto a quella sostenuta nell’anno 2004 abbattuta dell’1%, che costituiva già il tetto di spesa per l’anno 2006.

63 Articolo 3, comma 120 Finanziaria 2008
DL 112. Assunzioni e spese di personale Articolo 3, comma 120 Finanziaria 2008 (Assunzioni di personale da parte degli enti locali) Enti sottoposti al patto Il comma condiziona le possibilità di assunzione di personale degli enti locali sottoposti al patto di stabilità interno, con una disposizione ulteriore rispetto al patto di stabilità, e fatto anzi salvo quanto previsto dal medesimo patto. In particolare il comma in esame introduce un periodo all’articolo 1, comma 557, della legge finanziaria 2007, precisando le condizioni a cui è subordinata l’eventuale deroga al principio di riduzione complessiva della spesa di cui all’articolo 19, comma 8, della legge 28 dicembre 2001, n. 448.  Si ricorda che tale disposizione prevede che, a decorrere dal 2002, gli organi di revisione contabile degli enti locali accertano che i documenti di programmazione del fabbisogno di personale siano improntati al rispetto del principio di riduzione complessiva della spesa di cui all'articolo 39 della L. 449 del 1997 (che reca disposizioni in materia di assunzioni di personale delle amministrazioni pubbliche tenute alla programmazione triennale) e che eventuali deroghe a tale principio siano analiticamente motivate.

64 Articolo 3, 120 (Assunzioni di personale da parte degli enti locali)
DL 112. Assunzioni e spese di personale Articolo 3, 120 (Assunzioni di personale da parte degli enti locali) Enti sottoposti al patto Il comma in esame dispone quindi che eventuali deroghe ai sensi dell’articolo 19, comma 8, della L. 448 del 2001, fermi restando i vincoli fissati dal patto di stabilità per l’esercizio in corso, devono comunque assicurare il rispetto delle seguenti ulteriori condizioni: a)      che l’ente abbia rispettato il patto di stabilità nell’ultimo triennio; b)      che il volume complessivo della spesa per il personale in servizio non sia superiore al parametro obiettivo valido ai fini dell’accertamento della condizione di ente strutturalmente deficitario;

65 (Assunzioni di personale da parte degli enti locali)
DL 112. Assunzioni e spese di personale Articolo 3, comma 120 (Assunzioni di personale da parte degli enti locali) Enti sottoposti al patto Si ricorda che con D.M. 10 giugno 2003, n. 217, è stato approvato il Regolamento concernente la definizione dei parametri obiettivi, validi per il triennio , ai fini dell'accertamento della condizione di ente strutturalmente deficitario, ai sensi dell'articolo 242 del Testo unico sull'ordinamento degli enti locali, il cui comma 1 prevede che sono da considerarsi in condizioni strutturalmente deficitarie gli enti locali che presentano gravi e incontrovertibili condizioni di squilibrio, rilevabili da una apposita tabella da allegare al certificato di rendiconto di gestione, contenente parametri obiettivi dei quali almeno la metà presentino valori deficitari. c)      che il rapporto medio tra dipendenti in servizio e popolazione residente non superi quello determinato per gli enti in condizioni di dissesto

66 Enti sottoposti al patto
DL 112. Assunzioni e spese di personale Articolo 3, comma 120 (Assunzioni di personale da parte degli enti locali: un caso di deroga) Enti sottoposti al patto La questione delle assunzioni va considerata in primo luogo sotto il profilo della legittimità costituzionale: trattandosi di dipendenti già inserite nei ruoli del comune, la loro assunzione, ove conseguente a forme pubbliche di selezione, deve presumersi conforme alla normativa, e pertanto il reintegro potrà avvenire in ossequio al principio costituzionale contenuto nell’art. 97 della Costituzione, che prevede il superamento di una procedura concorsuale per l’accesso all’impiego nelle pubbliche amministrazioni. Per quanto attiene al rapporto privatistico con le dipendenti, non vi è dubbio che il Comune possa e debba reintegrarle ai sensi dell’art del codice civile, avendo altresì assunto precisi impegni nei loro confronti, con la sottoscrizione di un patto con le loro rappresentanze sindacali.

67 (Assunzioni di personale da parte degli enti locali: un caso)
DL 112. Assunzioni e spese di personale Articolo 3, comma 120 (Assunzioni di personale da parte degli enti locali: un caso) Enti sottoposti al patto Inoltre il protocollo d’intesa aveva correttamente precisato che i posti lasciati liberi dalle dipendenti avrebbero dovuto essere lasciati vacanti per consentire il loro eventuale rientro nel ruolo e quindi, ove tale intento fosse stato rispettato dal Comune, non si porrebbe alcuna necessità di ampliare le piante organiche dell’ente per procedere alla riassunzione del personale interessato. Peraltro, l’art. 89 del TUEL al comma 5 riconosce l’autonomia degli EE.LL. nella determinazione delle piante organiche: “Gli enti locali, nel rispetto dei princìpi fissati dal presente testo unico, provvedono alla rideterminazione delle proprie dotazioni organiche, nonché all'organizzazione e gestione del personale nell'àmbito della propria autonomia normativa ed organizzativa con i soli limiti derivanti dalle proprie capacità di bilancio e dalle esigenze di esercizio delle funzioni, dei servizi e dei compiti loro attribuiti”. Pertanto, ove l’ente abbia correttamente lasciato vacanti i posti del personale trasferito (rectius: abbia ridotto il proprio organico e lo riespanda in conseguenza della gestione diretta del servizio), il ritorno del personale stesso nel proprio organico è conseguenza dell’art c.c.

68 (Assunzioni di personale da parte degli enti locali: un caso)
DL 112. Assunzioni e spese di personale Articolo 3, comma 120 (Assunzioni di personale da parte degli enti locali: un caso) Enti sottoposti al patto Premessa la necessità di una motivazione a supporto della deroga e l’esigenza che la stessa sia espressa analiticamente. E che le motivazioni debbano essere connesse con indifferibili esigenze di servizio di particolare rilevanza debitamente relazionate, nonché, eventualmente, con interventi di potenziamento di servizi all’utenza anch’essi opportunamente rappresentati. (Parere UPPA 6/08 del 28/1/2008, Corte dei Conti, sez. Regionale Basilicata, parere n.3/2008) Detta normativa va rapportata alla specifica evenienza di una riassunzione da parte del comune di un servizio esternalizzato, fatto cui consegue una nuova e diversa struttura amministrativa e una diversa dislocazione degli oneri di bilancio (CdC Lomb. Del 68/08).

69 (Assunzioni di personale da parte degli enti locali)
DL 112. Assunzioni e spese di personale Articolo 76, comma 1 (Assunzioni di personale da parte degli enti locali) Enti sottoposti al patto Il legislatore puntualizza e chiarisce i criteri di computo delle spese di personale ai sensi del comma 557 della Finanziaria 2007. In particolare, al comma 1 dell’art. 76, il legislatore prevede che debbono essere considerate, tra le spese di personale, quelle sostenute per: - i rapporti di collaborazione coordinata e continuativa; - la somministrazione di lavoro; - il personale di cui all’articolo 110 del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267; - tutti i soggetti a vario titolo utilizzati, senza estinzione del rapporto di pubblico impiego, in strutture e organismi variamente denominati partecipati o comunque facenti capo all’ente.

70 (Assunzioni di personale da parte degli enti locali)
DL 112. Assunzioni e spese di personale Articolo 76, comma 1 (Assunzioni di personale da parte degli enti locali) Enti sottoposti al patto Si ritiene che in tutti i casi in cui non vi sia un definitivo trasferimento di personale (in mobilità) presso altre strutture ed organismi, connesso, evidentemente, al trasferimento di funzioni, l’Ente è tenuto a contabilizzare le spese sostenute per il personale assegnato ai suddetti organismi. Al fine di garantire l’omogeneità e quindi la confrontabilità dei dati di riferimento, occorre calcolare nuovamente la spesa per il personale, con riferimento ai criteri di cui al comma 1, non solo per il 2008/2009 ma anche relativamente alle precedenti annualità.

71 (Spese di personale e sanzioni) Enti sottoposti al patto
DL 112. Assunzioni e spese di personale Articolo 76, comma 1 (Spese di personale e sanzioni) Enti sottoposti al patto Relativamente ai criteri per il calcolo delle spese per il personale, sono confermate le indicazioni contenute nella circolare del ministero dell’economia e finanze, dipartimento ragioneria generale dello Stato, 17 febbraio 2006, n.9 (in suppl. ord. n.50 alla G.U. n.51 del 2 marzo 2006), sull’ammontare massimo della spesa sostenibile per il personale, che con riferimento alle voci descritte nei codici gestionali SIOPE (D.M. 18 febbraio 2005,in suppl. ord. n.33 alla G.U. n.57 del 10 marzo 2005) e relativo glossario, è la risultante del calcolo, su base 2004 (impegni):

72 (Spese di personale e sanzioni) Enti sottoposti al patto
DL 112. Assunzioni e spese di personale Articolo 76, comma 4 (Spese di personale e sanzioni) Enti sottoposti al patto “In caso di mancato rispetto del patto di stabilità interno nell'esercizio precedente è fatto divieto agli enti di procedere ad assunzioni di personale a qualsiasi titolo, con qualsivoglia tipologia contrattuale, ivi compresi i rapporti di collaborazione continuata e continuativa e di somministrazione, anche con riferimento ai processi di stabilizzazione in atto. È fatto altresì divieto agli enti di stipulare contratti di servizio con soggetti privati che si configurino come elusivi della presente disposizione.” La Sezione Veneto (Del 116/08) ritiene che l’efficacia di tale norma non sia circoscritta alla violazione degli obiettivi del Patto per il solo anno 2007 (anno precedente rispetto a quello di entrata in vigore della legge), ma si estenda sine die (fino, ovviamente, a sua abrogazione), in ragione sia dell’assenza di riferimenti temporali della violazione (a differenza dell’art. 1 comma 561 che faceva riferimento all’anno 2006), sia della valenza pluriennale della manovra economica varata col Dl 112.

73 (Spese di personale e sanzioni) Enti sottoposti al patto
DL 112. Assunzioni e spese di personale Articolo 76, comma 7 (Spese di personale e sanzioni) Enti sottoposti al patto L’altra ipotesi di blocco totale delle assunzioni è prevista dall’art. 76 comma 7 per i comuni che, in attesa del DPCM che definisca nuovi parametri di virtuosità, registrino un’incidenza delle spese di personale pari o superiore al 50% delle spese correnti. Si evidenzia invece che il mancato rispetto degli obiettivi previsti dal patto di stabilità per l’anno 2006 non comporta il blocco delle assunzioni per l’anno 2008.

74 (Spese di personale e sanzioni) Enti sottoposti al patto
DL 112. Assunzioni e spese di personale Articolo 76, comma 5 (Spese di personale e sanzioni) Enti sottoposti al patto In aggiunta all’obbligo di contenimento delle spese di personale, è introdotto l’obbligo di riduzione dell'incidenza percentuale di tali spese rispetto al complesso delle spese correnti, con prioritaria attenzione per le dinamiche di crescita della spesa per la contrattazione integrativa. I termini di tale riduzione saranno specificati dal già citato DPCM, che stabilirà anche parametri e criteri di virtuosità, con correlati obiettivi differenziati di risparmio, tenuto conto delle dimensioni demografiche degli enti, delle percentuali di incidenza delle spese di personale attualmente esistenti rispetto alla spesa corrente e dell'andamento di tale tipologia di spesa nel quinquennio precedente.

75 La Finanziaria 2009. Programmazione Economico-Finanziaria 2009-2013
I parametri su cui sarà determinato l’obiettivo di riduzione della spesa del personale ELEMENTI PARAMETRI Parametri e criteri di virtuosità con correlati obiettivi differenziati di risparmio - Dimensioni demografiche enti - % di incidenza delle spese di personale attualmente esistenti rispetto alla spesa corrente - Andamento di tale tipologia di spesa nel quinquennio precedente Criteri e modalità per estendere la norma anche agli enti non sottoposti al patto di stabilità Criteri e parametri con riferimento agli incarichi art. 90 e 110 tuel al fine di ridurre l’affidamento di incarichi a soggetti esterni e porre dei tetti retributivi ai singoli incarichi e tetti di spesa complessivi - Rapporto popolazione/n. dipendenti in servizio Criteri e parametri volti alla riduzion dell’incidenza % delle posizioni dirigenziali in organico - Rapporto tra n. dei dirigenti/dipendenti in servizio negli Enti

76 (Assunzioni di personale da parte degli enti locali)
DL 112. Assunzioni e spese di personale Articolo 76, comma 2 (Assunzioni di personale da parte degli enti locali) Enti non sottoposti al patto Per quanto riguarda gli Enti non sottoposti al Patto di stabilità, il comma 2 interviene apportando notevoli modifiche al quadro delineato dalla Finanziaria 2008. La disciplina attualmente vigente ed in commento sarà modificata dal DPCM previsto dal comma 6, articolo 76 della legge n. 133/2008. Il DPCM, infatti, da emanarsi previo accordo tra governo, regioni e autonomie locali da concludersi in sede di conferenza unificata, secondo quanto previsto dal comma 6, avrà ad oggetto “parametri e criteri di virtuosità, con correlati obiettivi differenziati di risparmio” e in tale sede saranno altresì definiti i “criteri e modalità per estendere la norma anche agli enti non sottoposti al patto di stabilità interno”. Gli Enti non sottoposti al patto di stabilità, dunque, applicheranno le disposizioni dettate dalla legge n. 133/2008 fino all’emanazione del DPCM.

77 (Assunzioni di personale da parte degli enti locali)
DL 112. Assunzioni e spese di personale Articolo 3, comma 120 e 121 (Assunzioni di personale da parte degli enti locali) Enti non sottoposti al patto Si rammenta che il comma 562 dell’articolo unico della legge n. 296/2006 (Finanziaria 2007) così recita: “Per gli enti non sottoposti alle regole del patto di stabilità interno, le spese di personale, al lordo degli oneri riflessi a carico delle amministrazioni e dell’IRAP, con esclusione degli oneri relativi ai rinnovi contrattuali, non devono superare il corrispondente ammontare dell’anno 2004. Gli enti di cui al primo periodo possono procedere all’assunzione di personale nel limite delle cessazioni di rapporti di lavoro a tempo indeterminato complessivamente intervenute nel precedente anno, ivi compreso il personale di cui al comma 558.”(stabilizzazioni)

78 (Assunzioni di personale da parte degli enti locali)
DL 112. Assunzioni e spese di personale Articolo 3, comma 121 (Assunzioni di personale da parte degli enti locali) Enti non sottoposti al patto Il comma in esame condiziona le possibilità di assunzione di personale degli enti locali non sottoposti al patto di stabilità interno. In particolare il comma in esame introduce un periodo all’articolo 1, comma 562, della legge finanziaria 2007, precisando che eventuali deroghe al principio di riduzione complessiva della spesa di cui all’articolo 19, comma 8, della L. 448 del 2001 (cfr. supra), devono comunque assicurare il rispetto delle seguenti condizioni: a)       che il volume complessivo della spesa per il personale in servizio non sia superiore al parametro obiettivo valido ai fini dell’accertamento della condizione di ente strutturalmente deficitario, ridotto del 15 per cento;

79 (Assunzioni di personale da parte degli enti locali)
DL 112. Assunzioni e spese di personale Articolo 3, comma 119 e 120 (Assunzioni di personale da parte degli enti locali) Enti non sottoposti al patto b)       che il rapporto medio tra dipendenti in servizio e popolazione residente non superi quello determinato per gli enti in condizioni di dissesto, ridotto del 20 per cento. Il comma 2 dell’art. 76, prevede che solo per gli Enti con un numero di dipendenti a tempo pieno pari o inferiore a 10 continui ad applicarsi il disposto di cui al comma 121 e dunque la relativa possibilità di derogare al comma 562. L’Anci ritiene che il numero dei dipendenti vada calcolato con riferimento ai posti coperti in dotazione organica, comprensivi, dunque, anche dei dipendenti a vario titolo assenti (es. in aspettativa, malattia, ecc.).

80 (Assunzioni di personale da parte degli enti locali)
DL 112. Assunzioni e spese di personale Articolo 3, comma 121 (Assunzioni di personale da parte degli enti locali) Enti non sottoposti al patto A fronte delle modifiche apportate, è bene evidenziare che il commi 121 introduce disposizioni speciali e derogatorie del comma 562, che, in quanto tali, non risultano suscettibili di interpretazione estensiva. La deroga consente di superare tanto il tetto di spesa del personale quanto il vincolo di subordinare le assunzioni alle cessazioni dell’anno precedente. Tuttavia è fondamentale il richiamo che il legislatore fa all’articolo 19, comma 8, della legge 28 dicembre 2001, n. 448. Il rinvio a tale disposizione, in armonia con la ratio del comma 562, ribadisce l’esigenza di improntare le scelte di politica del personale e quelle occupazionali, espresse nei documenti di programmazione triennale dei fabbisogni, ai principi di riduzione complessiva della spesa per il personale.

81 (Assunzioni di personale da parte degli enti locali)
DL 112. Assunzioni e spese di personale Articolo 3, comma 121 (Assunzioni di personale da parte degli enti locali) Enti non sottoposti al patto Due sono gli aspetti certamente qualificanti: la necessità di una motivazione a supporto della deroga e l’esigenza che la stessa sia espressa analiticamente per dare contezza all’esterno delle motivazioni sottese e consentire così ai competenti organi di controllo di esprimere le loro valutazioni al riguardo. Non può costituire motivazione a supporto della deroga il fatto stesso di non aver avuto cessazioni utili al fine di procedere a nuove assunzioni. Si ritiene che le motivazioni debbano essere connesse con indifferibili esigenze di servizio di particolare rilevanza debitamente relazionate, nonché, eventualmente, con interventi di potenziamento di servizi all’utenza anch’essi opportunamente rappresentati. (Parere UPPA 6/08 del 28/1/2008, Corte dei Conti, sez. Regionale Basilicata, parere n.3/2008)

82 (Assunzioni di personale da parte degli enti locali)
DL 112. Assunzioni e spese di personale Articolo 3, comma 121 (Assunzioni di personale da parte degli enti locali) Enti non sottoposti al patto Per tutti gli altri Enti, aventi più di 10 dipendenti a tempo pieno, è disapplicato il comma 121 e dunque gli stessi sono assoggettati alla disciplina di cui al comma 562. Non possono essere portate a compimento le procedure di assunzione mediante concorso esterno o mobilità - non terminate alla data di entrata in vigore del DL 112/ avviate in applicazione del comma 121. Modalità di calcolo delle spese di personale; occorre fare riferimento alle voci individuate nei questionari allegati alla Delibera della Corte dei Conti - Sezione delle Autonomie n. 3/AUT/2008, avente ad oggetto le “Linee guida cui devono attenersi, ai sensi dell’articolo 1, commi , della legge 23 dicembre 2005, n. 266 (finanziaria 2006) gli organi di revisione economico-finanziaria degli enti locali nella predisposizione del bilancio di previsione dell’esercizio 2008”.

83 (Assunzioni di personale da parte degli enti locali)
DL 112. Assunzioni e spese di personale Articolo 3, comma 121 (Assunzioni di personale da parte degli enti locali) Enti non sottoposti al patto In merito alle modalità di calcolo delle cessazioni, invece, si ritiene che l’Ente possa considerare complessivamente il numero delle cessazioni intervenute dal 2006 in poi (primo anno di riferimento ai sensi del comma 562) non ancora ricoperte. Ciò in considerazione del fatto che le relative assunzioni, anche se non ancora effettuate, sono comunque autorizzate ai sensi del comma 562 della Finanziaria 2007.

84 (Assunzioni di personale da parte degli enti locali)
DL 112. Assunzioni e spese di personale Articolo 3, comma 121 (Assunzioni di personale da parte degli enti locali) Enti non sottoposti al patto La CdC Sezione Veneto considera che l’interpretazione delle norme conducono ad affermare che, per l’anno 2008, le spese di personale degli enti non sottoposti alle regole del patto non dovranno superare il corrispondente ammontare dell’anno 2004, tenendo comunque conto dell’obbligo per gli enti locali di programmazione triennale del fabbisogno di personale finalizzata alla riduzione programmata delle spese (art. 91, comma 1, del TUEL e art. 39, commi 19 e 20-bis, della legge 449/1997) e dell’obbligo, per gli organi di revisione contabile, ex art. 19, comma 8, della legge 448/2001, di accertare che i documenti di programmazione del fabbisogno siano improntati al rispetto del principio di riduzione complessiva della spesa, Entro detti limiti di spesa, secondo la Src Veneto, il comune istante potrebbe procedere a nuove assunzioni.

85 (Assunzioni di personale da parte degli enti locali)
DL 112. Assunzioni e spese di personale Articolo 3, comma 121 (Assunzioni di personale da parte degli enti locali) Enti non sottoposti al patto Il comma 562 della finanziaria 2007, nel testo vigente, composto da due parti: la prima, fa riferimento al precedente anno, è contenuta nella legge finanziaria per il 2007 ed ha decorrenza dal 1° gennaio 2007; la seconda, aggiunta dall’art. 3, co. 121, della legge finanziaria 2008, stabilisce due nuove condizioni per eventuali deroghe ai limiti fissati per le nuove assunzioni ed ha decorrenza del 1° gennaio 2008. La Sezione delle Autonomie ritiene che la disposizione che fa riferimento all’anno precedente, essendo contenuta nella legge finanziaria per il 2007, ha decorrenza dal 1° gennaio 2007, rispetto al quale è “precedente” l’anno 2006 (Del. 8/2008). Assunzioni 2008 = cessazioni

86 (Assunzioni di personale da parte degli enti locali)
DL 112. Assunzioni e spese di personale Articolo 3, comma 121 (Assunzioni di personale da parte degli enti locali) Enti non sottoposti al patto Nel computo delle cessazioni utili ai fini delle assunzioni dall’esterno, quindi, sono da computare anche le mobilità in uscita. La Corte dei Conti, in due distinti pareri (cfr. Corte dei Conti, sez. Reg. Piemonte, Parere n. 8/2008 e Corte dei Conti, Sez. Sardegna, parere n. 15/2007) ha espressamente affermato, in linea con quanto sostenuto dall’ANCI, come “… il citato comma 562 faccia riferimento alle cessazioni di rapporti di lavoro a tempo indeterminato “complessivamente” intervenute. Un’espressione che appare volutamente diretta a sostenere un’interpretazione estensiva della locuzione e dunque un superamento della rigidità del regime precedente. Sembra pertanto che, per lo meno per le finalità in esame, si possa ritenere sussistere una cessazione del rapporto del lavoro con un Ente non solo a seguito di estinzione del rapporto, ma anche nei casi di passaggio di personale ad altra amministrazione attraverso le procedure di mobilità (articolo 30 del D. L.vo 30 marzo 2001, n. 165)”.

87 (Assunzioni di personale da parte degli enti locali)
DL 112. Assunzioni e spese di personale Articolo 3, comma 121 (Assunzioni di personale da parte degli enti locali) Enti non sottoposti al patto Per quanto riguarda la mobilità in entrata, questa, ai sensi del tuttora vigente articolo 1, c. 47, della legge 30 dicembre 2004, n. 311 (Finanziaria 2005), è da considerarsi “neutra” e dunque può essere effettuata anche in assenza di preventiva cessazione, nel rispetto ovviamente del limite di spesa 2004, se il dipendente proviene da un Ente assoggettato a limitazioni alle assunzioni. Secondo l’orientamento del Dipartimento della Funzione Pubblica, espresso nella Circolare n. 4/2008, gli Enti locali tenuti al rispetto del patto di stabilità non sono sottoposti a limitazioni in materia di assunzioni, in quanto per gli stessi opera solo un vincolo di contenimento della spesa. Pertanto, il reclutamento mediante mobilità di un dipendente proveniente da Ente assoggettato al patto, potrà essere effettuato solo a copertura del turn over.

88 (Assunzioni di personale da parte degli enti locali)
DL 112. Assunzioni e spese di personale Articolo 3, comma 121 (Assunzioni di personale da parte degli enti locali) Enti non sottoposti al patto È ancora vigente il disposto di cui al comma 101 dell’articolo 3 della Finanziaria 2008, pertanto, dunque, in caso di assunzione di personale a tempo pieno l’Ente è tenuto a dare precedenza alla trasformazione del rapporto di lavoro per i dipendenti assunti a tempo parziale che ne abbiano fatto richiesta. Inoltre, sempre ai sensi del comma 101, per il personale assunto con contratto di lavoro a tempo parziale la trasformazione del rapporto a tempo pieno può avvenire nel rispetto delle modalità e dei limiti previsti dalle disposizioni vigenti in materia di assunzioni.

89 DL 112. Assunzioni e spese di personale
Le voci da considerare nella base di calcolo Voce Annotazioni Note + Retribuzioni lorde fisse del personale a tempo indeterminato e determinato S + SEGRETARIO COMUNALE PER LA QUOTA A CARICO DI OGNI ENTE (SE IN CONVENZIONE) Secondo il Ministero le spese per il segretario comunale sono da includere mentre A nci sostiene che debbano essere escluse. Le Sezioni Regionali di controllo della Corte dei Conti non si sono mai espresse. I diritti di segreteria, invece, vanno esclusi in quanto trovano copertura con i diritti di segreteria versati dai privati N + Retribuzioni lorde accessorie del personale a tempo Sono da conteggiare tutte le componenti il salario accessorio (straordinario, indennità, fondo produttività, fondi incentivanti derivanti ad esempio dal recupero evasione tributi, progettazione interna ecc.). Per l’incentivo derivante dalla progettazioni interne l’eventuale esclusione dal computo delle spese di personale può giustificarsi soltanto nel caso gli stessi siano a carico di finanziamenti comunitari e privati perchè non comportano in questa ipotesi alcun aggravio per l’Ente (parere n. 6 del Sezione regionale di controllo Piemonte e n. 9 del sezione regionale di controllo Puglia). Tali pareri, inoltre, hanno chiarito che resta comunque ferma l’allocazione contabile nel titolo II relativo alla spesa in conto capitale in quanto trattasi di somme che devono seguire gli stanziamenti previsti per le opere pubbliche + CO.CO.CO. + LAVORO INTERINALE + CONVENZIONI Per la quota di costo effettivamente sostenuto

90 DL 112. Assunzioni e spese di personale
+ LSU Per la quota di costo effettivamente sostenuto S + ONERI RIFLESSI (CPDEL, INADEL, INPS) + IRAP + ASSEGNI NUCLEI FAMILIARI + BUONI PASTO + EQUO INDENNIZZO + RIMBORSO PERSONALE IN COMANDO + ASSUNZIONI ART. 110 C. 1 e 2 TUEL + ASSUNZIONI ART. 90 TUEL - RINNOVI CONTRATTUALE N INTERVENUTO DOPO 2004 Parere n. 11 del Sezione Regionale di controllo Veneto: per gli enti soggetti al patto sono da includere gli aumenti contrattuali in quanto non sono stati oggetto di specifica esclusione come invece è espressamente previsto per i comuni con meno di 5.000 abitanti. Per l’anno 2004, si detrae la spesa per gli arretrati ante 2004 relativi all’anno N Con riferimento al 2008, per gli enti soggetti al patto, le spese che derivano dai maggiori oneri contrattuali, nei limiti di cui all’art. 3, comma 137, della legge 244/2007 come specificati nella circolare n. 8/32008 punto A.6 del Ministero dell’Economia e delle finanze- ragioneria generale dello Stato

91 DL 112. Assunzioni e spese di personale
- CATEGORIE PROTETTE S - CFL PROROGATI - RIMBORSO PERSONALE IN COMANDO -PERSONALE TOTALMENTE A CARICO DI FINANZIAMENTI COMUNITARI O DI PRIVATI -STRAORDINARIO ELETTORALE E ALTRI ONERI CONNESSI ALLE ATTIVITA’ ELETTORALE -PERSONALE TRASFERITO DALLE REGIONI PER L’ESERCIZIO DI FUNZIONI DELEGATE - ASSUNZIONI VIGILI STAGIONALI Parere n. 18 del Corte dei Conti Veneto: sono da escludere, per tutti gli enti locali, le spese per l’assunzione di vigili stagionali effettuate ai sensi dell’art. 1 c. 564 della L. 296/2006 e finanziati con i proventi del codice della strada. Per il Ministero dell’Interno (circolare n. FL 5/2007) e la Sezione Regionale di controllo della Lombardia (parere 32/2007) l’esclusione riguarderebbe invece solo gli enti non soggetti al patto N

92 DL 112. Assunzioni e spese di personale
-SPESA DEL PERSONALE A TEMPO DETERMINATO E CO.CO.CO. CON CONTRATTO DECORRENTE DAL 2005 E A PATTO CHE NELL’ULTIMO TRIENNIO L’ENTE ABBIA AVUTO AVANZO DI BILANCIO POSITIVO Ai sensi del comma 204 ter della L. 266/2005, per i soli enti non soggetti al patto (in quanto per gli enti soggetti al patto il comma 557 della L. 296/2006 disapplica i commi da 198 a 206 della L. 266/2005), che negli ultimi tre esercizi abbiano chiuso con un avanzo di bilancio positivo, le spese di personale riferite a contratti di lavoro a tempo determinato, anche in forma di collaborazione coordinata e continuativa, stipulati nel corso dell’anno 2005 sono da escludere dal computo delle spese del personale. I problemi interpretativi sono di due tipi: a) definizione di avanzo di bilancio in quanto esistono pareri diversi. In particolare, per la Sezione Ligure (parere n. 7 del 13/10/2006), e la sezione toscana (parere n. 28 del 16/01/2007) intendono per avanzo di bilancio l’avanzo di amministrazione mentre per la sezione lombarda (parere 17/2007) l’avanzo di bilancio deve farsi riferimento all’avanzo di gestione (accertamenti – impegni di competenza); b) se, per gli enti non soggetti al patto, i commi da 198 a 206 della legge 266/2005 sono effettivamente disapplicati. Infatti vi è una divergenza di opinioni laddove, ai fini delle sanzioni, il parere 12/2007 del Dipartimento Funzione pubblica sostiene che il comma 562 della legge 296/2006 ha di fatto disapplicato tali commi, mentre ai fini delle voci utili per il calcolo del tetto di spesa, i diversi pareri espressi dalle varie sezioni regionali di controllo della corte dei conti e lo stesso ministero dell’interno sostengono che valgono ancora le voci della circolare n. 9/2006 emessa ai fini dell’applicazione di tali commi. S/N

93 (Contrattazione integrativa)
DL 112. Assunzioni e spese di personale Articolo 67 (Contrattazione integrativa) Entro il 31 maggio di ogni anno, tramite la RGS, gli enti locali devono trasmettere alla Corte dei conti specifiche informazioni sulla contrattazione integrativa, certificate dall’organo di revisione. (art.67, c.8). Il modello di rilevazione dei costi, predisposto dal MEF, sarà integrato da scheda con le ulteriori informazione di interesse della Corte dei conti. (art.67, c.9). La documentazione in materia di contrattazione integrativa deve essere pubblicata sul sito web dell’ente, con modalità che garantiscano la piena visibilità e accessibilità delle informazioni ai cittadini. (art.67, c.11). Il mancato adempimento delle prescrizioni comporta la sospensione dei versamenti a carico del bilancio dello stato ed il divieto di procedere a qualsiasi adeguamento delle risorse destinate alla contrattazione integrativa. (art.67, c.12).

94 (Contrattazione integrativa)
DL 112. Assunzioni e spese di personale Articolo 67 (Contrattazione integrativa) E' stata diffusa la circolare della Ragioneria Generale dello Stato n. 1 del 20 gennaio 2009 "Monitoraggio della contrattazione integrativa (articolo 67, commi 8, 9, 10, 11 e 12 DL 112/2008). Novità delle rilevazioni previste dal titolo V del DLgs n. 165/2001. Anticipo del periodo di rilevazione della Relazione allegata al Conto Annuale (anno 2008)". Essa contiene, in modo anticipato rispetto al passato, le principali novità che sono dettate nel conto annuale del personale, sia alla luce delle novità previste dal citato DL 112 che della convenzione firmata con il Ministero dell'Interno.

95 (Contrattazione integrativa)
DL 112. Assunzioni e spese di personale Articolo 67 (Contrattazione integrativa) In primo luogo, le Pubbliche Amministrazioni possono apportare variazioni ai dati sui fondi per le risorse decentrate degli anni compresi tra il 2004 ed il 2007; nel conto annuale 2008 saranno comprese, per la prima volta, informazioni sulla situazione degli enti locali prima contenute nel censimento del personale disposto dal Ministero dell'Interno. Nell'anno 2009 la relazione allegata al conto annuale del personale dovrà essere trasmessa entro termini più brevi, che vengono dalla norma stabiliti per il periodo compreso tra i giorni 9 marzo e 30 aprile.

96 (Contrattazione integrativa)
DL 112. Assunzioni e spese di personale Articolo 67 (Contrattazione integrativa) Il Conto annuale Sulla base delle regole dettate dal DL 112/2008 è stata disposta l'acquisizione dei dati dei contratti decentrati integrativi per ciò che riguarda la costituzione del fondo, l'andamento dello stesso fondo nel corso degli anni e le disposizioni dettate per dare applicazione agli istituti contrattuali tesi alla valorizzazione del merito e della professionalità con criteri selettivi, in particolare alla produttività ed alle progressioni orizzontali.

97 (Contrattazione integrativa)
DL 112. Assunzioni e spese di personale Articolo 67 (Contrattazione integrativa) Con il nuovo conto annuale saranno apportate modifiche alle informazioni richieste in tema di contrattazione decentrata, sia per la scheda informativa che deve essere redatta da parte del collegio sindacale, sia per le informazioni quantitative, attualmente contenute nella tabella 15. Le sezioni riunite della Corte dei Conti in sede di controllo, vedi la deliberazione n. 43 del 15 dicembre 2008, hanno chiarito che a livello nazionale saranno svolte esclusivamente le attività di segnalazione al Parlamento, al Governo ed alla contrattazione nazionale. Mentre le sezioni regionali di controllo potranno, nell'ambito delle proprie iniziative di controllo collaborativo e delle iniziative programmate di verifica, utilizzare queste informazioni. La deliberazione ci ricorda anche che gli organi di controllo interno delle amministrazioni e, implicitamente, la Ragioneria Generale dello Stato sono responsabilizzati ad effettuare verifiche su questa materia.

98 (Contrattazione integrativa)
DL 112. Assunzioni e spese di personale Articolo 67 (Contrattazione integrativa) Le modifiche ai precedenti conti Tutte le Pubbliche Amministrazioni possono modificare i dati relativi alla costituzione del fondo per la contrattazione decentrata degli anni 2004, 2005, 2006 e 2007. Questa opportunità è messa a disposizione delle amministrazioni che hanno proceduto, successivamente alle precedenti trasmissioni, alla loro modifica, il che si è necessariamente registrato per gli enti che hanno subito accorpamenti o scorpori. Il periodo entro cui è consentito effettuare telematicamente tali modifiche è fissato dallo scorso 19 gennaio al 15 febbraio. Viene ricordato che gli importi devono essere calcolati al netto degli oneri riflessi a carico delle amministrazioni, quindi dei contributi previdenziali ed assistenziali, nonché dell'Irap. E che, essendo rimasta inalterata la struttura, si devono utilizzare le voci residuali, cioè "altre risorse" ed "altre destinazioni" solo nel caso in cui non vi siano voci idonee.

99 (Contrattazione integrativa)
DL 112. Assunzioni e spese di personale Articolo 67 (Contrattazione integrativa) Le nuove informazioni Il conto annuale 2009 chiederà agli enti locali una serie di informazioni inedite. Tale scelta è la conseguenza determinata dalla semplificazione introdotta attraverso il superamento del censimento del personale realizzato dal Ministero dell'Interno. Una specifica convenzione intercorsa tra Viminale e Ragioneria Generale dello Stato ha infatti determinato la unificazione dei 2 strumenti e la riduzione di un obbligo in capo agli enti locali.

100 (Contrattazione integrativa)
DL 112. Assunzioni e spese di personale Articolo 67 (Contrattazione integrativa) Vi sono novità sulle informazioni richieste in tema di formazione del personale, sui vincitori di concorso non ancora assunti, sui procedimenti disciplinari aperti e sulle relative sanzioni inflitte. E saranno previste due nuove schede.

101 (Contrattazione integrativa)
DL 112. Assunzioni e spese di personale Articolo 67 (Contrattazione integrativa) Una prima conterrà informazioni di carattere generale, quali la popolazione residente e la superficie del territorio. Ed ancora modalità di utilizzazione delle esternalizzazioni, in particolare per la adozione di un programma di razionalizzazione dei costi; uso della programmazione del fabbisogno di personale; uso delle convenzioni per la gestione associata, uso del sistema automatizzato di rilevazione delle presenze, incidenza di cassa della spesa per il personale sulle spese correnti, stabilizzazione di LSU, dipendenti appartenenti alle categorie protette etc. La seconda conterrà informazioni sulla attivazione della contrattazione decentrata integrativa a livello territoriale, sulla valutazione dei dipendenti e dei dirigenti (anche alla luce di esperienze realizzate in forma associata).

102 (Contrattazione integrativa)
DL 112. Assunzioni e spese di personale Articolo 67 (Contrattazione integrativa) La pubblicità della contrattazione Il DL 112 impone l'obbligo della pubblicazione sul sito internet dell'ente delle informazioni sulla contrattazione fornite alla Ragioneria Generale dello Stato. La mancata soddisfazione di questo vincolo determina la illegittimità di tutte le forme di impinguamento del fondo per le risorse decentrate. Questo obbligo è soddisfatto attraverso la pubblicazione dei contratti decentrati integrativi, della scheda informativa e della tabella 15 del conto annuale. Tali ultime informazioni vanno fornite una volta che sia avvenuto il "rilascio da parte del sistema SICO della avvenuta certificazione dell'invio del Conto annuale", cioè esse potranno essere messe in linea, orientativamente, solo intorno alla fine del mese di maggio, prima parte del mese di giugno.

103 I principali errori rilevati
sul fondo produttività nei controlli effettuati Anomalie sulle procedure di stipula dei CCDI 1. Mancato invio al Collegio dei revisori dell’ipotesi contrattuale, corredato della relazione illustrativa tecnico-finanziaria per la verifica sulla compatibilità degli oneri contrattuali con i vincoli di bilancio 2. Sottoscrizione del CCDI senza la preventiva effettuazione di un’approfondita analisi sulla spesa e sulla attendibilità degli stanziamenti di bilancio 3. Partecipazione di organi politici nell’ambito della delegazione di parte pubblica 4. Omesso invio all’ARAN dei CCDI 5. Omessa sottoscrizione del CCDI dopo la deliberazione di autorizzazione alla stipula adottata dalla giunta Anomalie sulla quantificazione delle risorse decentrata Irregolare imputazione al bilancio dell’ente delle risorse destinate alle progressioni economiche orizzontali senza riduzione del fondo Inclusione nel monte salari, ai fini della determinazione delle percentuali di incremento, di emolumenti non correlati ad effettive prestazioni lavorative (es. ANF, indennità di trasferimento, equo indennizzo ecc..) Integrazione delle risorse del fondo ex art. 15 c. 2 CCNL 1 aprile 1999 (1,2% Monte salari) in assenza di costituzione del nucleo di valutazione Omessa decurtazione del fondo a seguito del trasferimento del personale ATA allo Stato Irregolare utilizzazione di risorse proprie dell’Ente ulteriori rispetto a quelle previste dal fondo ex art. 15 per remunerare particolari progetti (esempio nel settore vigilanza) 6. Errata inclusione tra le risorse destinate alla contrattazione decentrata dei proventi derivanti dalle sanzioni amministrative pecuniarie per violazione del codice della strada, ai sensi dell’art. 208 del D.Lgs. 285/1992

104 Anomalie sulle modalità di utilizzo delle risorse decentrate
1. Erogazione degli incentivi in base a progetti riguardanti l’intera struttura o in base al solo numero delle presenze anziché in relazione al merito ed all’impegno di gruppo per centri di costo, e/o individuale, in modo selettivo 2. Illegittimo ricorso a forme generalizzate di progressioni economiche orizzontali 3. Attribuzione di plurime progressioni economiche orizzontali allo stesso dipendente in un arco temporale limitato da escludere ogni efficace processo di valutazione 4. Illegittimo incremento anticipato di progressione economica del personale collocato a riposo 5. Illegittima erogazione dell’indennità di rischio anche nei periodi di assenza dal servizio 6. Illegittima erogazione dell’indennità di turno in misura superiore a quella prevista dal CCNL 7. Illegittimo cumulo dell’indennità di turno con l’indennità di disagio 8. Illegittima erogazione dell’indennità di vigilanza al personale della polizia municipale che non assolve le funzioni di polizia giudiziaria, di polizia stradale e funzioni ausiliarie di pubblica sicurezza 9. Illegittimo cumulo dell’indennità di rischio con quella di disagio e di queste con l’indennità di vigilanza 10. Illegittimo utilizzo dei proventi derivanti dalle sanzioni amministrative pecuniarie di cui all’art. 208 del codice della strada per corrispondere compensi accessori ai vigili urbani 11. Illegittima corresponsione di ulteriori compensi accessori a titolari di posizione organizzativa 12. Illegittima previsione nei CCDI di compensi accessori non previsto dal CCNL (es. Comune di Roma per indennità di vestiario)

105 Articolo 73 (Part time) Part time
L'art. 73 modifica la disciplina del part time eliminando l'automatismo nella concessione del part time rimesso ora alla valutazione dell'Amministrazione sulla base del "pregiudizio" alla funzionalità dell'Amministrazione stessa. L'art. 1, comma 58, della Legge 662/1996 risulta infatti così modificato: " La trasformazione del rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale può essere concessa dall'amministrazione entro sessanta giorni dalla domanda, nella quale è indicata l'eventuale attività di lavoro subordinato o autonomo che il dipendente intende svolgere. L'amministrazione, entro il predetto termine, nega la trasformazione del rapporto nel caso in cui l'attività lavorativa di lavoro autonomo o subordinato comporti un conflitto di interessi con la specifica attività di servizio svolta dal dipendente ovvero, nel caso in cui la trasformazione comporti, in relazione alle mansioni e alla posizione organizzativa ricoperta dal dipendente, pregiudizio alla funzionalità dell'amministrazione stessa. La trasformazione non può essere comunque concessa qualora l'attività lavorativa di lavoro subordinato debba intercorrere con un'amministrazione pubblica. Il dipendente è tenuto, inoltre, a comunicare, entro quindici giorni, all'amministrazione nella quale presta servizio, l'eventuale successivo inizio o la variazione dell'attività lavorativa".

106 (Riduzione incentivi alla progettazione )
Articolo 61 (Riduzione incentivi alla progettazione ) L'art. 61, comma 8, che "a decorrere dal 1° gennaio 2009, la percentuale prevista dall'articolo 92, comma 5, del codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture, di cui al decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163, e' destinata nella misura dello 0,5 per cento alle finalità di cui alla medesima disposizione e, nella misura dell'1,5 per cento, e' versata ad apposito capitolo dell'entrata del bilancio dello Stato". Il comma 17 precisa che gli Enti Locali non sono tenuti al versamento al bilancio dello Stato e, quindi, mantengono dette risorse acquisite al proprio bilancio.

107 (Riduzione incentivi alla progettazione )
Articolo 61 (Riduzione incentivi alla progettazione ) “La riduzione del compenso incentivante, operante a partire dal 1° gennaio 2009, si ritiene debba trovare applicazione a tutti i compensi comunque erogati a decorrere dalla predetta data e non solo ai lavori avviati dopo l’entrata in vigore della nuova disciplina. Di conseguenza, la riduzione va applicata con riferimento a tutta l’attività progettuale non ancora remunerata a tale data, anche in presenza di contratti integrativi definiti secondo la previgente disciplina.” (Circolare RGS 36/2008) Quest’ultima interpretazione, tutt’altro che pacifica, darà senza dubbio luogo ad innumerevoli controversie sulle quali spetterà al competente giudice del lavoro pronunciarsi.

108 (Riduzione incentivi alla progettazione )
Articolo 61 (Riduzione incentivi alla progettazione ) Nel mese di dicembre il Parlamento ha deciso di tornare indietro, stabilendo che tale misura massima debba ritornare ad essere quella prevista tradizionalmente, e cioè il 2% dell'importo posto a base di gara, ponendo dei tetti massimi di compenso di fatto solo teorici (legge di conversione del DL 162/2008). Nel mese di gennaio il Parlamento ritorna sulla scelta e stabilisce che il tetto massimo di tale compenso debba essere non superiore allo 0,5% dell'importo posto a base di gara (disegno di legge di conversione del DL 185/2008 nel testo approvato in prima lettura dalla Camera dei Deputati). In altri termini, sembra che l'esecutivo abbia voluto porre rimedio ad una scelta legislativa probabilmente sfuggita dal suo controllo, quella di ripristinare il tetto massimo del 2%. Ed infine con la legge finanziaria 2009 consente di destinare questi risparmi alla contrattazione decentrata.

109 (Riduzione incentivi alla progettazione )
Articolo 61 (Riduzione incentivi alla progettazione ) L’istituto L'erogazione di un compenso per il personale degli uffici tecnici dei comuni e di tutte le altre Pubbliche Amministrazioni in caso di realizzazione di opere pubbliche è previsto dall'articolo 92, comma 5, del DLgs n. 163/2006, cioè dal cd codice sugli appalti. Esso stabilisce che una quota, non superiore al 2% dell'importo posto a base di gara, possa essere ripartito tra una serie di figure individuate esattamente nella norma, cioè tra il progettista, il direttore dei lavori, il responsabile della sicurezza, il collaudatore, il responsabile del procedimento ed i collaboratori di tali figure. La misura di tale compenso deve essere fissata in rapporto al rilievo che l'opera assume e la ripartizione dello stesso deve essere decisa in relazione alle "responsabilità professionali".

110 (Riduzione incentivi alla progettazione )
Articolo 61 (Riduzione incentivi alla progettazione ) La sede in cui operare tali scelte è la contrattazione decentrata integrativa e le sue indicazioni devono essere "assunte" in uno specifico regolamento che l'ente si deve dare. Viene inoltre stabilito con molta chiarezza che la misura massima del 2% deve essere calcolata comprendendo anche gli oneri previdenziali ed assistenziali a carico dell'ente. La norma stabilisce infine che le quote non utilizzate perché tali compiti vengono svolti da soggetti esterni all'ente costituiscono economie. Ricordiamo che tali somme devono entrare a far parte del fondo per la contrattazione decentrata integrativa, esattamente nell'ambito della parte variabile, ai sensi dell'articolo 15, comma 2, lettera k) del CCNL E che, pertanto, esse entrano nel calcolo della spesa per il personale, Anche se le amministrazioni le acquisiscono nel quadro economico, e cioè come risorse per finanziare gli investimenti.

111 (Riduzione incentivi alla progettazione )
Articolo 61 (Riduzione incentivi alla progettazione ) La conversione del Dl 162 Il Parlamento, in sede di conversione del DL 162/2008, ha stabilito di ripristinare il tetto massimo del 2% dell'importo posto a base di gara per i compensi spettanti ai dipendenti degli uffici tecnici direttamente coinvolti nella realizzazione di opere pubbliche. Ha confermato che in caso di risparmi che si realizzano nel caso in cui qualche attività è svolta da collaboratori esterni, cioè da personale non dipendente, si realizza una economia. Ed infine ha stabilito che ai dipendenti non possa essere corrisposto per le attività di progettazione un compenso annuo superiore al trattamento economico complessivo in loro godimento. Da sottolineare che il limite è posto solo ai compensi per le attività di progettazione, quindi escludendo tutte le altre voci, e la cifra di riferimento è il trattamento economico complessivo, quindi sia lo stipendio che le varie forme di compensi accessori.

112 (Riduzione incentivi alla progettazione )
Articolo 61 (Riduzione incentivi alla progettazione ) La legge di conversione del Dl 185 Con la legge di conversione del DL 185/2008, cd anti crisi, il governo ha deciso di ripristinare le scelte compiute nel DL 112. Quindi, il tetto massimo dei compensi che possono essere erogati al personale degli uffici tecnici per la realizzazione di opere pubbliche viene di nuovo portato allo 0,5% dell'importo posto a base di gara. Ovviamente tale misura è comprensiva degli oneri previdenziali ed assistenziali posti a carico delle amministrazioni. La quota residua, cioè fino allo 1,5%, sarà acquisita dagli enti e versata al bilancio dello Stato, tranne che per gli enti locali e le regioni. Infatti tali livelli istituzionali potranno trattenere queste somme nelle proprie disponibilità. Tale disposizione opera a partire dallo 1 gennaio 2009, quindi retroattivamente rispetto alla entrata in vigore della norma di legge.

113 (Riduzione incentivi alla progettazione )
Articolo 61 (Riduzione incentivi alla progettazione ) La Finanziaria 2009 L'articolo 2, comma 32 della legge finanziaria 2009 dispone che le risorse finanziarie di cui all'articolo 61, comma 17, del DL n. 112/2008 siano utilizzate nell'ambito dei fondi per le risorse decentrate. Si deve considerare che le risorse provenienti dai risparmi sulla incentivazione per la realizzazione di opere pubbliche sono da considerare comprese in tale ambito, al pari di quelle che provengono dai tagli ai compensi per i componenti le commissioni ed i segretari dei collegi arbitrali e, per le amministrazioni statali, dai risparmi connessi ai limiti posti alle collaborazioni, alle spese per le relazioni pubbliche e per le sponsorizzazioni.

114 (Personale prossimo al pensionamento)
Manovra Pensionamento Articolo 72 (Personale prossimo al pensionamento) E' stata emanata nei giorni scorsi, nel suo testo definitivo, la circolare del Dipartimento della Funzione Pubblica n. 10/2008, "DL 112/2008, articolo 72, personale prossimo al compimento dei limiti di età per il collocamento a riposo". La circolare raccomanda soprattutto le seguenti due scelte: 1) si suggerisce l'approvazione preventiva di norme per disciplinare le autorizzazioni al trattenimento in servizio dei dipendenti che hanno raggiunto i 65 anni di età e per disporre l'eventuale collocamento in pensione del personale che ha versato 40 anni di contributi; 2) le amministrazioni devono evitare di assumere scelte contraddittorie.

115 (Personale prossimo al pensionamento)
Manovra Pensionamento Articolo 72 (Personale prossimo al pensionamento) Ricordiamo che sono tre le disposizioni per lo svecchiamento contenute nell'articolo: possibilità di esonerare dal servizio il personale negli ultimi 5 anni prima della pensione, trasformazione in possibilità dell'obbligo a trattenere per un biennio in servizio i dipendenti che hanno raggiunto i 65 anni di età, possibilità per tutte le PA di collocare in pensione d'autorità i dipendenti che hanno raggiunto 40 anni di anzianità contributiva. Ricordiamo ancora che la possibilità di esonero dal servizio si applica solamente ai dipendenti dello Stato, mentre le altre due novità si applicano a tutti i dipendenti pubblici.

116 (Personale prossimo al pensionamento)
Manovra Pensionamento Articolo 72 (Personale prossimo al pensionamento) Il biennio di trattenimento in servizio I commi da 7 al 10 dell'articolo 72 del DL 112 dispongono che il rimanere in servizio fino a 2 anni dopo il raggiungimento dei limiti di età per essere collocati in quiescenza è subordinato alla autorizzazione da parte dell'ente. Le nuove disposizioni prevedono che la scelta discrezionale da parte degli enti non abbia carattere arbitrario, ma sia collegata ad una valutazione delle "proprie esigenze organizzative e funzionali .. in relazione alla particolare esperienza professionale acquisita dal richiedente in determinati o specifici ambiti ed in funzione dell'efficiente andamento dei servizi".

117 (Personale prossimo al pensionamento)
Manovra Pensionamento Articolo 72 (Personale prossimo al pensionamento) Sulla base di queste disposizioni la Funzione Pubblica ci ricorda che la scelta dell'ente pubblico deve fare riferimento a condizioni oggettive. La circolare suggerisce perciò la preventiva adozione da parte dell'ente di criteri di carattere generale, che vanno approvati dall'organo politico, nei comuni da parte della giunta, e che possono anche essere contenute nel programma delle assunzioni. La norma prevede la durata massima biennale: da qui la conseguenza che l'autorizzazione può essere concessa anche per un periodo più breve. La norma, deve essere ricordato, ha inoltre regolamentato il periodo transitorio: gli enti riesaminano alla luce delle nuove disposizioni le autorizzazioni al trattenimento in servizio già concesse che decorrono dal 2009, mentre decadono quelle già concesse con decorrenza iniziale dal 2010 ed i soggetti interessati devono ripresentare tali istanze.

118 (Personale prossimo al pensionamento)
Manovra Pensionamento Articolo 72 (Personale prossimo al pensionamento) La concessione di questa autorizzazione deve essere raccordata con le disposizioni sul collocamento in pensione del personale che ha raggiunto 40 anni di anzianità contributiva: non si può, quindi, prima concedere questo beneficio e poi, al compimento di tale tetto, collocare in quiescenza il dipendente che non ha finito il periodo di autorizzazione alla permanenza in servizio. Il secondo vincolo è quello di concedere comunque la autorizzazione ai dipendenti che al compimento dei 65 anni di età non hanno ancora raggiunto il diritto alla pensione. Esso deriva dalla sentenza n. 282/1991 della Corte Costituzionale.

119 (Personale prossimo al pensionamento)
Manovra Pensionamento Articolo 72 (Personale prossimo al pensionamento) IL COLLOCAMENTO IN PENSIONE PER ANZIANITA' CONTRIBUTIVA Per la prima volta viene concessa alle PA la possibilità di collocare in pensione i dipendenti pubblici che hanno raggiunto 40 anni di anzianità contributiva nel rispetto dei 6 mesi di preavviso. La norma non distingue tra anzianità raggiunta con contributi versati a seguito dello svolgimento di prestazioni lavorative ed i cd contributi volontari. Viene infine ricordato che il dipendente deve potere in ogni caso passare, senza interruzione, dallo stipendio alla erogazione della pensione; quindi l'effettivo collocamento in pensione deve essere raccordato con le regole previdenziali. Queste disposizioni sono contenute nell'articolo, comma 11. Questa norma si applica negli enti locali a dipendenti, dirigenti e segretari.

120 (Personale prossimo al pensionamento)
Manovra Pensionamento Articolo 72 (Personale prossimo al pensionamento) Anche per questa possibilità viene suggerito che gli enti si diano in via preventiva criteri generali. Ne vengono espressamente suggeriti tre: la scelta di attuare progetti innovativi, la necessità di fronteggiare situazioni di esubero di personale; la razionalizzazione della struttura organizzativa. Oltre alla necessità di raccordo con le disposizioni sul trattenimento in servizio viene suggerito di evitare l'utilizzazione di questo strumento nel periodo di durata degli incarichi dirigenziali. Ed infine si suggerisce di evitare, più in generale, scelte contraddittorie. Ciò determina infatti una violazione dei principi della correttezza e della buona fede, il che può provocare l'eventuale censura in sede di contenzioso.

121 I principali adempimenti
La Manovra Scadenzario I principali adempimenti Scatta per gli enti locali una serie di obblighi sull'invio di certificazioni sull'attività del 2008 in riferimento alla gestione di tutte le risorse umane. Una prima novità è la trasmissione della denuncia dei disabili che deve avvenire in via telematica alla Provincia. Con lo stesso sistema usato per le comunicazioni di assunzione e cessazione, andranno comunicati il numero dei lavoratori su cui si calcola la quota di riserva e di quelli computabili nella quota di riserva suddivisi per le tipologie del lavoro. Le scadenze sono due: 31 gennaio per i datori con più di 15 dipendenti i cui dati occupazionali sono variati o che presentano il prospetto per la prima volta; 28 febbraio per gli altri.

122 I principali adempimenti
La Manovra Scadenzario I principali adempimenti Sono già state diffuse sul sito dell'Aran le schede per la rilevazione delle deleghe sindacali. Suddivise per comparto vanno inviate all'Agenzia in forma cartacea entro il 28 febbraio, e devono raccogliere l'elenco e l'importo medio delle deleghe sindacali trattenuto ai dipendenti e risultanti a dicembre 2008. L'adempimento non va confuso con la trasmissione dell'elenco dei permessi e delle aspettative sindacali, che dovrebbe invece seguire la solita scadenza del 31 maggio attraverso l'applicativo Gedap. Sugli incarichi esterni rimangono vigenti gli obblighi di monitoraggio con il sistema dell'anagrafe delle prestazioni presso la Funzione pubblica.

123 I principali adempimenti
La Manovra Scadenzario I principali adempimenti Scade il il 31 marzo il modello 770 ovvero la denuncia di tutti i compensi erogati nel corso dell'anno precedente a dipendenti, collaboratori e professionisti. Il 28 febbraio, è la data ultima per l'invio ai professionisti delle certificazioni delle ritenute d'acconto avvenute sui compensi erogati nell'anno 2008.

124 Emendamento all’art. 37 del DDL 1441-quater – art 37 bis
La Manovra Stabilizzazioni Articolo 37 bis (Stabilizzazioni) Emendamento all’art. 37 del DDL 1441-quater – art 37 bis A decorrere dal 1 luglio 2009 sono abrogati l’articolo 1, commi 417, 418, 419, 420, 519, 529, 558, 560 e 644 della legge 27 dicembre 2006, n. 296 e l’art. 3, commi 90, 92, 94, 95, 96 e 97 della legge 24 dicembre 2007, n. 244, relativi ai processi di stabilizzazione del personale precario.

125 Emendamento all’art. 37 del DDL 1441-quater – art 37 bis
La Manovra Stabilizzazioni Articolo 37 bis (Stabilizzazioni) Emendamento all’art. 37 del DDL 1441-quater – art 37 bis Alla data di scadenza dei relativi contratti le PA non possono in alcun caso proseguire i rapporti di collaborazione coordinata e continuativa e quelli di lavoro subordinato a tempo determinato in contrasto con la disciplina di cui agli articoli 7, comma 6, e 36 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165. Il divieto di cui al presente comma si applica anche ai contratti prorogati ai sensi dell’art. 1, comma 519, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 e dell’art. 3, commi 92 e 95, della legge 24 dicembre 2007, n. 244; tali contratti sono risolti alla data di scadenza oppure, ove manchi il termine finale del contratto, entro 90 giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge.

126 Emendamento all’art. 37 del DDL 1441-quater – art 37 bis
La Manovra Stabilizzazioni Articolo 37 bis (Stabilizzazioni) Emendamento all’art. 37 del DDL 1441-quater – art 37 bis Il Ministro Brunetta ha presentato una riformulazione dell'emendamento sui precari. Tale emendamento sposta al 1° luglio 2009 l'abrogazione delle norme sulla stabilizzazione. Ciò al fine di avviare un monitoraggio capillare su tutte le tipologie dei contratti a tempo determinato vigenti e le relative modalità di assunzione adottate dalle singole amministrazioni, nonché il numero di vincitori di concorso in attesa di assunzione. Le amministrazioni comunicheranno alla Funzione Pubblica tali dati ed entro il mese di maggio il Governo emanerà un decreto che stabilirà le regole per una eventuale prosecuzione dei contratti fino all'espletamento delle procedure concorsuali riservate previste dallo stesso emendamento.

127 Emendamento all’art. 37 del DDL 1441-quater – art 37 bis
La Manovra Stabilizzazioni Articolo 37 bis (Stabilizzazioni) Emendamento all’art. 37 del DDL 1441-quater – art 37 bis Nel triennio le amministrazioni, nel rispetto della programmazione triennale del fabbisogno e previa autorizzazione ai sensi dell’articolo 35, comma 4 del decreto legislativo n. 165 del 2001, possono bandire concorsi per le assunzioni a tempo indeterminato con una riserva di posti non superiore al 40 per cento dei posti messi a concorso per il personale non dirigenziale in servizio al 1° gennaio 2007 con contratto di lavoro a tempo determinato da almeno tre anni, anche non continuativi, o che consegua tale requisito in virtù di contratti stipulati anteriormente alla data del 29 settembre 2006 o che sia stato in servizio per almeno tre anni, anche non continuativi, nel quinquennio anteriore al 1° gennaio 2007 e per il personale non dirigenziale in servizio al primo gennaio 2008 con contratto di lavoro a tempo determinato che consegua i tre anni di anzianità di servizio in virtù di contratti stipulati anteriormente alla data del 28 settembre 2007.

128 Emendamento all’art. 37 del DDL 1441-quater – art 37 bis
La Manovra Stabilizzazioni Articolo 37 bis (Stabilizzazioni) Emendamento all’art. 37 del DDL 1441-quater – art 37 bis Per il triennio le amministrazioni, nel rispetto dei vincoli finanziari previsti in materia di assunzioni, possono assumere, limitatamente alle qualifiche di cui all’ art. 16 della legge 28 febbraio 1987, n. 56, il personale in possesso dei requisiti di anzianità previsti dal comma 3 maturati nelle medesime qualifiche e nella stessa amministrazione. Sono a tal fine predisposte da ciascuna amministrazione apposite graduatorie, previa prova di idoneità ove non già svolta all’atto dell’assunzione. Le predette graduatorie potranno avere efficacia non oltre il 31 dicembre 2011.

129 Emendamento all’art. 37 del DDL 1441-quater – art 37 bis
La Manovra Stabilizzazioni Articolo 37 bis (Stabilizzazioni) Emendamento all’art. 37 del DDL 1441-quater – art 37 bis Nella programmazione triennale del fabbisogno rideterminata ai sensi di queste disposizioni e delle norme in materia di organici contenute nel decreto legge 25 giugno 2008, n. 112, le amministrazioni prevedono: le procedure di mobilità, i concorsi da bandire le assunzioni da effettuare compatibilmente con i vincoli finanziari scaturenti dal regime assunzionale e con quelli relativi al contenimento della spesa del personale.


Scaricare ppt "Il personale e gli incarichi"

Presentazioni simili


Annunci Google