La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Laurea in Ingegneria dei Processi Industriali e dei Materiali (Indirizzo “Materiali”) e Laurea Magistrale in Ingegneria dei Materiali.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Laurea in Ingegneria dei Processi Industriali e dei Materiali (Indirizzo “Materiali”) e Laurea Magistrale in Ingegneria dei Materiali."— Transcript della presentazione:

1 Laurea in Ingegneria dei Processi Industriali e dei Materiali (Indirizzo “Materiali”) e Laurea Magistrale in Ingegneria dei Materiali

2 La Scienza e Ingegneria dei Materiali
Viene oggi considerata una delle tecnologie chiave nel futuro dei paesi sviluppati. E’ una disciplina che studia le relazioni esistenti tra la struttura del materiale, il processo che consente di realizzarla, le proprietà che ne derivano e le prestazioni del materiale nelle condizioni di utilizzo. La Scienza e Ingegneria dei Materiali

3 I materiali sono alla base di qualsiasi dispositivo o struttura.
Ecco alcuni esempi significativi Lo sviluppo di dispositivi e strutture con elevate e speciali prestazioni non può più prescindere dalla selezione consapevole, o dalla progettazione specifica, dei materiali necessari per la loro realizzazione. I materiali sono alla base di qualsiasi dispositivo o struttura.

4 Un lettore DVD è un concentrato di materiali high-tech:
Dal chip che controlla il sistema Al sistema di lettura laser Al supporto per la scrittura dei dati

5 L’automobile è uno degli esempi più significativi dell’applicazione di materiali innovativi:
Alla ricerca avanzata su veicoli ad ultrabassa emissione ( motori elettrici e celle a combustibile) Cella a combustibile Motore elettrico Dalle vernici protettive con effetti estetici PIGMENTI CANGIANTI Dai cerchi in lega leggera con rivestimenti anticorrosivi All’uso esteso dei materiali compositi Carrozzeria realizzata in composito con matrice polimerica rinforzata con fibre di vetro Dal parabrezza multifunzionale oscuramento controllato autosbrinamento Proiezione sul parabrezza del pannello strumentale Ai pneumatici ad alte prestazioni

6 I materiali nello sport
I materiali compositi e le leghe leggere hanno cambiato in modo drammatico l’attrezzatura sportiva tecnica. Ad esempio, una bicicletta da competizione è incredibilmente leggera grazie a: Tubazioni, telaio, pedivella, cerchioni e manubrio in resina epossidica rinforzata con fibre di carbonio Sella e reggisella in composito con fibre di carbonio Corone in lega d’alluminio Raggi in titanio

7 I materiali nello spazio: lo Space Shuttle
HRSI Serbatoio esterno lega Al-Li 2195 (1% Li, 4% Cu, 0.5% Ag, 0.5% Mg, 94% Al) Sistema di protezione termica dello Space Shuttle: piastrelle ultraleggere di fibre di silice amorfa (HRSI: high-temperature reusable surface insulation tiles )

8 Il ruolo dell’ingegnere dei materiali, che ne definisce la figura professionale, è quello di
selezionare ed eventualmente progettare o modificare i materiali per una specifica applicazione, controllare, ottimizzare, innovare i processi di fabbricazione, trasformazione e lavorazione dei materiali tradizionali e innovativi, prevedere e migliorare il comportamento dei materiali in esercizio, valutare l’impatto della produzione, dell’impiego e dello smaltimento dei materiali sull’ambiente.

9 Sbocchi professionali
Le possibilità di inserimento professionale sono negli ambiti della progettazione, della realizzazione, dello sviluppo di prodotti o processi in aziende che producono o utilizzano materiali.

10 La laurea in Ingegneria dei Materiali viene ormai riconosciuta ed apprezzata dalle aziende. La domanda di laureati in questa disciplina dell’ingegneria industriale è in continua crescita ed è comunque ancora largamente superiore all’offerta.

11 Alcune aziende ed istituti di ricerca presso cui sono impiegati i nostri laureati:
Acciaierie Beltrame Acciaierie Dalmine-Tenaris Acciaierie Venete Benetton Bormioli Bosch Ciscato FOC CIVEN Danieli ENI Ferrari (Reparto Corse) Fonderie Anselmi Fonderie Zanardo Forgital Georgia Institute of Technology Industrie Bitossi IVECO Legor Matech – Parco Scient. Tecn. Galilei Minigear Nuova Ompi Nuova Sirma Permasteelisa Pilkington Pirelli Cavi Pometon RTM – Breda SAES Getters Safilo Saint Gobain SIT Group SNAM Progetti Stazione Sperimentale del Vetro Università di Padova Viotto Elettromeccanica ecc

12 Ingegneria dei Materiali a Padova
Il corso di laurea in Ingegneria dei Materiali a Padova è organizzato in modo da formare un ingegnere che sia in grado di recepire e utilizzare gli aspetti distintivi della Scienza e Ingegneria dei Materiali e che sia orientato soprattutto al controllo, all’ottimizzazione ed all’innovazione nei settori produttivi che realizzano o utilizzano le diverse classi di materiali.

13 Percorso formativo dal 2008/09
Laurea triennale Ingegneria dei Processi Industriali e dei Materiali Indirizzo “Materiali” Ind. “Processi” Laurea Magistrale Ingegneria dei Materiali L. Magistrale Ing. Chimica e dei Processi Dottorato di ricerca (Scuole in Scienza e Ingegneria dei Materiali e in Ingegneria Industriale)

14 La laurea triennale È un percorso con carattere prevalentemente formativo il cui sbocco naturale è la specializzazione nelle lauree magistrali naturalmente collegate. Il carattere formativo è evidente nel manifesto dei primi due anni. 1 Analisi matematica 1 Chimica generale e inorganica Economia ed org. aziendale 2 Fondamenti di Algebra lineare e geometria Fisica 1 Calcolo numerico Chimica organica 1 Fisica 2 Analisi matematica 2 Fondamenti dell’ingegneria del processo Lingua inglese 2 Cinetica chimica applicata Elettrochimica Fondamenti di scienza dei Materiali Meccanica dei solidi Termodinamica

15 Il terzo anno è differenziato in due curricula
Il terzo anno è differenziato in due curricula. Il curriculum “Materiali” prevede i seguenti insegnamenti: 1 Metallurgia Fisica Caratterizzazione dei materiali Scienza e tecnologia dei materiali polimerici 2 Corrosione e protezione dei materiali Esami a scelta triennale Tirocinio Prova finale Già al terzo anno, quindi, la formazione nel campo dei materiali è tale da consentire sbocchi professionali, soprattutto nel territorio.

16 La laurea Magistrale Il Corso di Laurea Magistrale riconosce integralmente i 180 crediti maturati nell’orientamento Ingegneria dei Materiali del Corso di Laurea di primo livello in Ingegneria dei Processi Industriali e dei Materiali. Il percorso formativo è strettamente collegato con quello del percorso di primo livello e mira a completare la formazione dello studente per quanto riguarda gli aspetti teorici, sia di base che ingegneristici, la conoscenza approfondita di tutte le classi di materiali, le tecnologie di trasformazione e di lavorazione dei materiali, la selezione e la gestione in esercizio dei materiali .

17 Anno/Semestre Insegnamento CFU 1/I Fisica dello stato solido 9 Scienza e tecnologia dei materiali compositi Tecnologia dei materiali metallici 12 1/II Meccanica applicata 6 Processi di trasformazione e riciclo delle materie plastiche Scienza e tecnologia dei materiali ceramici Scienza e tecnologia del vetro 2/I Costruzioni meccaniche Siderurgia A scelta (Materiali nanostrutturati / Tecnologie e processi elettrotermici / Biomateriali e tessuti biologici) 2/II Selezione e progettazione dei materiali Tecnologia Meccanica Prova finale 24

18 Il Corso di Laurea Magistrale persegue i seguenti obiettivi specifici:
Acquisizione della padronanza del metodo scientifico d’indagine e delle strumentazioni di laboratorio, di un’approfondita competenza nella scelta e nella realizzazione di materiali in funzione delle condizioni particolari d’impiego, nella messa a punto di nuovi materiali o combinazioni di materiali e nella ridefinizione ed estensione dei settori di utilizzazione dei materiali tradizionali. Acquisizione di una solida preparazione nel settore delle tecnologie tradizionali di produzione e lavorazione dei materiali e della capacità di ideare, pianificare, progettare e gestire processi complessi e/o innovativi. Consentire l’accesso al Dottorato di Ricerca in Scienza e Ingegneria dei Materiali o dottorati affini.

19 La tesi di laurea Un aspetto caratterizzante della laurea magistrale è la TESI. Il laureando verrà inserito in un Gruppo di Ricerca su un progetto specifico, che egli collaborerà a sviluppare, eventualmente in collaborazione con altri gruppi di ricerca nazionali od internazionali o con aziende. L’attività avrà una durata minima di sei mesi e comporterà lavoro sperimentale in laboratorio, elaborazione ed analisi dei dati, stesura della tesi. La prova finale consisterà nella presentazione del lavoro di tesi ad una Commissione, che attribuirà il voto di laurea.

20 Dottorato di Ricerca

21 Le due scuole di dottorato di principale riferimento per i laureati magistrali in Ingegneria dei Materiali sono: Scuola di Dottorato in Scienza e Ingegneria dei Materiali (Direttore Prof. G. Granozzi) Scuola di Dottorato in Ingegneria Industriale (indirizzo Ingegneria Metallurgica) (Direttore Prof. P. Bariani) Le attività di ricerca della Scuola in Scienza e Ingegneria dei Materiali sono condotte presso i tre Dipartimenti universitari promotori della stessa (Dipartimento di Scienze Chimiche, Dipartimento di Fisica e Dipartimento di Ingegneria Meccanica), presso i quali operano vari gruppi di ricerca attivi nel campo dei materiali avanzati. Molti dei ricercatori dei Dipartimenti proponenti sono fortemente coinvolti in attività di ricerca strettamente connesse con quelle del Distretto sulle Nanotecnologie del Veneto. Le attività di ricerca della Scuola in Ingegneria Industriale sono condotte presso il Dipartimento di Processi Chimici dell’Ingegneria e il Dipartimento e il Dipartimento di Innovazione Meccanica e Gestionale.

22 Per maggiori informazioni sull’ingegneria dei materiali visita il sito del Corso di Laurea all’indirizzo:


Scaricare ppt "Laurea in Ingegneria dei Processi Industriali e dei Materiali (Indirizzo “Materiali”) e Laurea Magistrale in Ingegneria dei Materiali."

Presentazioni simili


Annunci Google