La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 ATTI DEGLI APOSTOLI II lezione. 2 Capitolo 2 (1-47 ) Leggiamolo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 ATTI DEGLI APOSTOLI II lezione. 2 Capitolo 2 (1-47 ) Leggiamolo."— Transcript della presentazione:

1 1 ATTI DEGLI APOSTOLI II lezione

2 2 Capitolo 2 (1-47 ) Leggiamolo

3 3 CAPITOLO 2 La Pentecoste 1 Mentre il giorno di Pentecoste stava per finire, si trovavano tutti insieme nello stesso luogo. 2 Venne allimprovviso dal cielo un rombo, come di vento che si abbatte gagliardo, e riempì tutta la casa dove si trovavano. 3 Apparvero loro lingue come di fuoco che si dividevano e si posarono su ciascuno di loro; 4 ed essi furono tutti pieni di Spirito Santo e cominciarono a parlare in altre lingue come lo Spirito dava loro il potere desprimersi.

4 4 5 Si trovavano allora in Gerusalemme Giudei osservanti di ogni nazione che è sotto il cielo. 6 Venuto quel fragore, la folla si radunò e rimase sbigottita perché ciascuno li sentiva parlare la propria lingua. 7 Erano stupefatti e fuori di sé per lo stupore dicevano: Costoro che parlano non sono forse tutti Galilei? 8 E comè che li sentiamo ciascuno parlare la nostra lingua nativa? 9 Siamo Parti, Medi, Elamìti e abitanti della Mesopotamia, della Giudea, della Cappadòcia, del Ponto e dellAsia,

5 5 10 della Frigia e della Panfilia, dellEgitto e delle parti della Libia vicino a Cirène, stranieri di Roma, 11 Ebrei e prosèliti, Cretesi e Arabi e li udiamo annunziare nelle nostre lingue le grandi opere di Dio. 12 Tutti erano stupiti e perplessi, chiedendosi lun laltro: Che significa questo?. 13 Altri invece li deridevano e dicevano: Si sono ubriacati di mosto.

6 6 Dividiamo questo capitolo in: -Prima parte (2,1-13): EVENTO DELLA PENTECOSTE Seconda parte (2,14-41): DISCORSO DI PIETRO -Appendice (2,48-47): PRIMITIVA COMUNITA CRISTIANA DI GERUSALEMME

7 7 Prima parte PENTECOSTE (dal greco che significa cinquantesimo) Dagli Ebrei era chiamata FESTA DELLE SETTIMANE Settimana delle settimane 7x7+1

8 8 FESTA DELLE SETTIMANE In origine: concludeva i lavori agricoli per la mietitura: - Da Pasqua siniziava la raccolta dellorzo e poi si passava a quella del grano -La Pentecoste era quindi la festa del granaio pieno

9 9 In seguito: stette a significare la celebrazione della manifestazione sul Sinai Allora: PASQUA - Uscita dallEgitto PENTECOSTE - Manifestazione di Dio sul Sinai

10 10 Analogie (somiglianze) tra i due eventi Sul Sinai (Es.19,16-19) Leggiamolo Si hanno lampi, tuoni, nebbia, terremoto Nel Cenacolo (Att. 2,2ss) Abbiamo forte vento, lingue di fuoco, rumore

11 11 Seconda parte DISCORSO DI PIETRO (Att. 2,14-41) Nel racconto di Luca Pietro svolge un ruolo fondamentale (è la figura centrale e dominante fino al cap. 12) Questo ruolo è testimoniato da una serie di grandi discorsi (prima ai giudei e poi ai pagani) In questo capitolo Pietro parla con autorità e proclama la Risurrezione di Gesù

12 12 Appendice COMUNITA CRISTIANA DI GERUSALEMME (2,42-47) Vi si trovano 4 elementi che devono essere presenti in ogni comunità:

13 Confronto con la S.Scrittura interpretata dagli Apostoli e loro successori 2 - Vita comune 3 - Lo spezzare il pane 4 - Le preghiere

14 14 Ritorniamo alla prima parte Evento della Pentecoste GLI APOSTOLI GLI APOSTOLI: sentono in sé una forza e coraggio nuovi: La debolezza si è trasformata in potenza; La loro paura si è trasformata in coraggio di affrontare ogni cosa per il loro Maestro

15 15 GLI APOSTOLI - S i trovano a GERUSALEMME (centro vitale del mondo giudaico). E qui che devono testimoniare la presenza dello Spirito di Dio - Si trovano in mezzo ad una moltitudine che giunge da tutte le parti del mondo

16 16 Questa moltitudine è composta da:

17 17 GIUDEI DEVOTI: Uomini religiosi, uomini di fede,diremmo la chiesa di quel tempo: è lì che lo Spirito Santo vuole operare la prima conversione DIASPORA: Fin dal secolo VII a. C. il mondo giudaico è diviso e disperso in ogni parte del mondo allora conosciuto. Dovunque hanno fondato una Sinagoga. ALTRI:

18 18 Cosè LA FORZA DELLO SPIRITO SANTO?

19 19 Non è qualcosa di vago ed astratto – Bei pensieri -sentimentalismo E potenza operante (Una vera vita spirituale è una vita impegnata) La nostra testimonianza deve essere nel mondo: a)Nel sociale (politica-lavoro-famiglia) b) Nelle piccole scelte quotidiane (opere di bene- vita di tutti i giorni c) In una vita di preghiera intesa (Persone consacrate-Gruppi ecclesiali-Fedeli)

20 20 Con lascesa al cielo Gesù non lascia i suoi nella solitudine ma dà loro un nuovo INTERLOCUTORE. Tale Interlocutore accompagnerà la Chiesa fino alla seconda venuta del Cristo

21 21 FINE SECONDA LEZIONE


Scaricare ppt "1 ATTI DEGLI APOSTOLI II lezione. 2 Capitolo 2 (1-47 ) Leggiamolo."

Presentazioni simili


Annunci Google