La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Modi o stili di apprendimento Vi sono differenze nel modo in cui percepiamo ed elaboriamo le informazioni.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Modi o stili di apprendimento Vi sono differenze nel modo in cui percepiamo ed elaboriamo le informazioni."— Transcript della presentazione:

1 Modi o stili di apprendimento Vi sono differenze nel modo in cui percepiamo ed elaboriamo le informazioni

2 SPERIMENTAZIONE Sentimento/Emozione Intuizione Concettualizzazione PENSIERO Intelletto Percepiamo attraverso…

3 Come assimiliamo/elaboriamo Azione diretta Fare Riflessione Osservare

4 Quattro stili/modi di apprendimento Apprend. Immaginativo Apprend. Analitico Apprend. Senso comune o pratico Apprend. Dinamico Azione diretta Fare Riflessione Osservare SPERIMENTAZIONE Sentimento/Emozione Intuizione Concettualizzazione PENSIERO Intelletto

5 CHE accadrebbe se… ? PERCHÈ devo studiarlo? CHE COSA dobbiamo sapere? COME funziona ciò per me? Una lezione efficace risponde a domande. Concettualizzazione PENSIERO Intelletto SPERIMENTAZIONE Sentimento/Emozione Intuizione Azione diretta Fare Riflessione Osservare

6 Stile immaginativo... Ha bisogno di: Opportunità di essere creativi. Atmosfera amichevole e piacevole. Insegnanti che ascoltano. Momenti di ascolto e di condivisione. Ama: Attività in piccoli gruppi. Mimo e giochi di ruolo. Progetti artistici. Trovare un rapporto tra la storia biblica e i sentimenti. Scrittura creativa. Collages. Disegni. Volantini creativi e decorazioni della classe. Non ama: Prove a tempo. Dibattiti. Incarichi dati velocemente. Conoscenza fine a se stessa.

7 Stile Analitico... Ha bisogno di: Informazioni utili. Tempo per comparare e analizzare le idee. Tempo per pensare. Apprendimento in sequenza logica. Risposte dirette e plausibili. Ama: Classe gestita in modo tradizionale. Letture ben organizzate. Dimostrazioni. Opportunità di ricercare. Domande che inducono a riflettere. Quiz, dibattiti. Studi biblici astratti. Giochi enigmistici. Non ama: Giochi di ruolo. Progetti di gruppo. Rapporti a cura dei compagni. Insegnanti che sforano.

8 Senso comune o senso pratico... Ha bisogno di: Puntualità. Molte attività pratiche. La possibilità di sperimentare quello che ha imparato. Avere un tempo definito per svolgere le attività, nelle quali poter spaziare. Clima amichevole e senso dello humor. Ama: Scoprire dove si vuole arrivare con le domande. Problemi, esperimenti. Dibattiti. Applicare le verità bibliche alla vita. Definire e risolvere problemi. Applicare nuove idee a nuove situazioni. Non ama: Memorizzare. Incarichi lunghi e complessi. Lavori di gruppo. Insegnanti che non arrivano al dunque.

9 Apprendimento Dinamico... Ha bisogno di: Apprendimento che coinvolga i cinque sensi. Possibilità di andare oltre quanto si è imparato. Flessibilità nelle situazioni di apprendimento. Insegnanti pazienti e flessibili. Possibilità di esprimersi (individualismo). Ama: Attività manuali (fare piuttosto che ascoltare). Simulazione di situazioni reali. Recite, drammatizzazioni. Elenchi, organizzazione, pianificazione di eventi. Testare le teorie. Raggiungere obiettivi, programmare. La possibilità di essere unici e creativi. Opzioni, occasioni. Non ama: Restare seduto. Routine. Insegnanti tradizionali. Attività svolte frettolose e impulsive. Incarichi prevedibili e banali.

10 E SE POI…? PERCHÈ ? COSA? COME? Come gli insegnanti facilitano lapprendimento... Collegandosi allesperienza Concettualizzando le informazioni Creando nuove possibilità Personalizzando le informazioni

11 Gesù ci parla attraverso gli stili di apprendimento

12 COLLEGAMENTI E RELAZIONI Gesù disse: Venite a me, voi tutti che siete affaticati e oppressi, e io vi darò riposo. Matteo 11:28

13 CAPIRE LA SUA PAROLA Poi venite, e discutiamo, dice il SIGNORE: Anche se i vostri peccati fossero come scarlatto, diventeranno bianchi come la neve; anche se fossero rossi come porpora, diventeranno come la lana. Isaia 1:18

14 APPLICARE LA SUA PAROLA Provate e vedrete quanto il SIGNORE è buono! Beato l'uomo che confida in lui. Salmo 34:8

15 CONDIVIDERE LA SUA PAROLA CON ALTRI Andate dunque e fate miei discepoli tutti i popoli battezzandoli nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo Matteo 28:19

16 Attivo e Sempre pronto a imparare

17 Counsels on Sabbath School Work, p. 99 La Scuola del Sabato non è un luogo in cui intrattenere e divertire i bambini. Anche se, fatta nel modo giusto, essa può essere anche questo… Che ogni insegnante senta di dover imparare di più. Deve conoscere bene coloro con cui ha a che fare e conoscere a fondo il metodo migliore con cui impartire le conoscenze

18 Counsels on Sabbath School Work, pp. 116, 117 Non è la cosa migliore che gli insegnanti parlino continuamente, ma dovrebbero condurre la classe a esprimere quello che essi già sanno. A quel punto linsegnante, con brevi e precise note o illustrazioni, imprimerà la lezione nella loro mente. In nessuna circostanza linsegnante dovrebbe insegnare meccanicamente.

19 Counsels on Sabbath School Work, pp. 116, 117 e poi sedetevi, lasciando che I bambini osservino, o sussurrino e giochino, come li abbiamo visti fare… la mente attiva dei bambini dovrebbe essere costantemente impegnata. Le loro idee dovrebbero essere espresse e corrette o approvate, secondo la situazione.

20 Il ciclo del Discepolato Il ciclo di apprendimento è molto simile al ciclo a spirale che porta i discepoli da un patto iniziale a un discepolato maturo.

21 Patto iniziale Discepolato maturo Connettersi: Crescere in una relazoine sempre più profonda con Dio, con se stessi e con gli altri. Comprensione: Crescere nella conoscenza di Gesù e dei suoi insegnamenti. Equipaggiare: Crescere nellabilità rispetto ai propri doni sprituali Servire: Crescere partecipando alla missione di Dio. Processi del Discepolato

22 DINAMICO Chiede E se… ? RELAZIONALE Chiede Perchè? ANALITICO Chiede Che cosa? PRATICO Chiede Come? Riflessione Osser vare Azione diretta Fare 4 stili di apprendimento e 4 domande SPERIMENTAZIONE Sentimento/Emozione Intuizione Concettualizzazione PENSIERO Intelletto

23 Collegare Relazioni con Dio, con se stessi e con gli altri Equipaggiare le abilità di chi possiede talenti e lapplicazione Riflessione Osservare Capire Conoscenza di Gesù e dei suoi insegnamenti Servire la missione di rivelazione e riconciliazion e di Dio In che modo conosciamo Dio? I processi ciclici del Discepolato First the Blade 2007 Concettualizzazione PENSIERO Intelletto SPERIMENTAZIONE Sentimento/Emozione Intuizione Azione diretta Fare

24 41 32 Grescere in una continua e sempre più profonda relazione con Dio, con il prossimo e con se stessi. Imparare a identifcare, apprezzare, e usare I doni che Dio ci ha dato attraverso la sua Parola e il suo Spirito. Serviire gli altri come lo fece Cristo, pregando che essi possano scegliere di unirsi a lui. ServireCollegare EquipaggiareCapire Essere un discepolo significa vivere in un ciclo continuo di... Grescere in una continua e sempre più profonda comprensione di Dio attraverso la sua Parola. Esperienza concreta Concettualizzazione astratta First the Blade 2007

25 E SE POI…? PERCHÈ ? COSA? COME? Gli stili di apprendimento facilitano il discepolato a tutte le età... Collegandosi allesperienza Concettualizzando le informazioni Creando nuove possibilità Personalizzando le informazioni

26 Risorse I Processi del Discepolato sono basati su idee di Jeffrey D. Jones in Traveling Together: A Guide for Disciple-forming Congregations, 2006, e successivamente sviluppate dalla Dr. Jane Thayer del Seminario Teologico Avventista presso la Andrews University, e sono concepiti per iniziative specificamente evangelistiche del Ministries Committee della Conferenza Generale della Chiesa Cristiana Avventista del 7° Giorno.


Scaricare ppt "Modi o stili di apprendimento Vi sono differenze nel modo in cui percepiamo ed elaboriamo le informazioni."

Presentazioni simili


Annunci Google