La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Michele Petronici - Matteo Tarroni Francesco Criscio - Denis Hushi Lorenzo Cevoli …mai più!!! A.S. 2007/08 Classe IV Tec. Ind. Elettriche Enterprice Business.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Michele Petronici - Matteo Tarroni Francesco Criscio - Denis Hushi Lorenzo Cevoli …mai più!!! A.S. 2007/08 Classe IV Tec. Ind. Elettriche Enterprice Business."— Transcript della presentazione:

1 Michele Petronici - Matteo Tarroni Francesco Criscio - Denis Hushi Lorenzo Cevoli …mai più!!! A.S. 2007/08 Classe IV Tec. Ind. Elettriche Enterprice Business Game I.P.S.I.A Callegari Ravenna Via Umago 18 CROK!!

2 Spiegazione dellidea Spiegazione del nome e del logo Organigramma Mansioni Concorrenza Indagine di mercato-Grafici Scelta del tipo di società Ubicazione Pubblicità Accordi commerciali Iter burocratico Strategie di mercato Bilancio di previsione triennale Relazione al bilancio Fabbisogno finanziario Considerazioni e ringraziamenti

3 La nostra idea è quella di uno schiaccia bottiglie di plastica e lattine di alluminio vuote. Potrebbe sembrare un dispositivo banale ed inutile in quanto sembra semplice fare manualmente questa operazione. Proviamo però, a pensare se a schiacciare la bottiglia dovesse essere una persona anziana, forse per questo non sarebbe cosi semplice. Ecco da dove è nata la nostra idea. Spesso abbiamo visto in famiglia, specialmente i nonni, avere a volte difficoltà nelleseguire questo semplice gesto, e non raramente riporre la bottiglia vuota integra con ovvio ingombro di volume non sempre disponibile nelle moderne cucine. Oggi pensiamo sia indispensabile recuperare questi oggetti ai fini di un corretto riciclo dei materiali già utilizzati. Un semplice gesto di pressione potrebbe essere un toccasana per molte persone che schiaccerebbero gli oggetti facilmente con un semplice dispositivo sempre pronto in cucina e perché no un moderno elemento di arredamento mascherato fra i vari elettrodomestici. Lidea ci sembra innovatrice specialmente se abbinata anche ad un semplice apribottiglie oggi indispensabile per i nuovi tappi di plastica sempre più scivolosi e difficoltosi da aprire. Unidea vincente che opportunamente proposta, visto anche il costo adeguato potrebbe aiutare le persone a migliorare una raccolta differenziata di materiali da riciclare.

4

5 Una bottiglia in PET schiacciata da due mani… a fatica. La scelta della scritta.. Mai più!! Sta ad indicare che spesso per molte persone questo modo è molto difficoltoso. Usa il CROK!! Per schiacciare bottiglie di qualsiasi tipo. Il nome P.E.T CR.HU.CE è lacronimo dei nostri cognomi. P.E.T. è un materiale in plastica facilmente riciclabile, utilizzato per fare bottiglie e contenitori di liquidi. CR.HU.CE, sta a rappresentare in maniera fantastica il rumore che produce la bottiglia quando viene schiacciata con pressione.

6 Amministratore Unico Petronici Michele Resp. Amministrativo Hushi Denis Resp. Commerciale Criscio Francesco Resp. Marketing Tarroni Matteo Resp. Magazzino Cevoli Lorenzo Il nostro può essere visto in un grafo nel modo seguente:

7 Lamministratore unico, Michele Petronici, si occupa di sovrintendere il lavoro, è il responsabile della società, cura i rapporti con le banche e collabora con i soci. Il responsabile amministrativo, Hushi Denis, gestisce le finanze dellazienda e la contabilità e prepara i documenti relativi al bilancio. Il responsabile del magazzino, Cevoli Lorenzo, controlla gli inventari e il libro dei cespiti, segue gli acquisti e controlla i fabbisogni della produzione. Controlla inoltre merci in arrivo e in partenza. si occupa dei rapporti con i clienti, collabora con i responsabili del marketing e organizza la partecipazione alle fiere. Il responsabile del marketing, Tarroni Matteo, si occupa di pubblicizzare lazienda, di mantenere rapporti con lestero, di ricerca e analisi sul prodotto.

8 Come era necessario abbiamo iniziato ad interessarci riguardo le offerte già presenti sul mercato attraverso alcune indagini: facendo ricerche su internet per capire se esistevano già in commercio eventuali prodotti simili. Visionando in grandi centri commerciali, ferramente importanti, negozi di casalinghi, leventuale presenza di utensili uguali, abbiamo visto, che in commercio, al momento, non ci sono schiaccia bottiglie di plastica. Essendoci quindi una concorrenza pressoché inesistente abbiamo pensato di proseguire col nostro progetto..

9 Per verificare linteresse che avrebbero avuto i clienti nei confronti del nostro prodotto abbiamo condotto alcune indagini di mercato intervistando la gente comune in vari luoghi pubblici di Ravenna (piazza,ipermercati...) Dopo una breve descrizione di chi eravamo e in cosa consisteva il nostro progetto, abbiamo intervistato un campione di circa 80 persone di età compresa tra i 20 e i 70 anni. Alla domanda: trova interessante la nostra idea? Hanno risposto: SI 74,4% (58) NO 10,3% (8) NON SO 15,3% (12)

10 Mentre alla domanda: Se il prodotto fosse davvero circolante sul mercato ad un prezzo opportuno crede che sarebbe interessata ad acquistarlo? Le risposte sono state: Si 54% (42) No 19% (15)(15) Non so 27% (((21)

11 Lorganizzazione è estremamente semplice rispetto ad altre forme di società. Ha una buona autonomia patrimoniale. Non chiede cospicui capitali iniziali. Dato che i soci rispondono personalmente con il proprio capitale,gode di una maggiore fiducia da parte dei clienti. La forma legale della s.n.c. è adatta alle esigenze di una società di piccole dimensioni. Ci siamo recati dal notaio, abbiamo sottoscritto latto costitutivo della società che abbiamo chiamato P.E.T CR.HU.CE ed abbiamo nominato responsabile il sig. Michele Petronici. Ogni socio provvederà a versare ,00 e quindi la società avrà un capitale di ,00

12 Il nostro edifico è situato in Via Romagnoli 7 nella zona bassette a nord di Ravenna. Questa costruzione labbiamo trovata attraverso un annuncio apparso su un giornaletto locale,chiamato la Pulce. Il locale è di circa 400mt quadrati dei quali 70mt ad suo uffici e servizi e circa 330mt a magazzino e laboratorio. Abbiamo preso contatto con il proprietario dellimmobile Sig. Rossi Antonio ed abbiamo stipulato un contratto di affitto con un canone annuo di ,00 per i primi tre anni. Il locale è gia predisposto ad uso commerciale e industriale e quindi non necessità di alcun tipo di lavoro e di manutenzione. Abbiamo scelto questa zona in quanto è la zona industriale di Ravenna ed è ben servita dai trasporti pubblici ed è facile accesso per chi viene da fuori provincia.

13 Per quanto riguarda la pubblicità abbiamo pensato di contattare alcune reti televisive locali per acquistare qualche spazio pubblicitario,inoltre abbiamo pensato di creare un sito internet accessibile da tutti, in cui verrà presentata la nostra azienda e i nostri prodotti. Oltre alla pubblicità di tipo informatico abbiamo pensato anche di stampare cartelloni pubblicitari e volantini,in modo che tutte le persone possano mettersi in contatto con noi e li distribuiremo soprattutto nei luoghi di servizio ai cittadini.

14 Abbiamo calcolato che il nostro prodotto è composto da: 1.Profilato in tubo di acciaio a due sezioni 17 2.Coperchio e base in acciaio 4 3.Verniciatura a forno 6 4.Mano dopera 13 Il prodotto ci viene così a costare 40 e possiamo venderlo sul mercato ad un prezzo concorrenziale di 60. Riteniamo che per poter coprire lintero mercato nazionale dobbiamo ricercare dei grossisti in ogni regione; dalle ricerche fatte in internet infatti abbiamo visto che ce ne sono molti. Il nostro obbiettivo è quello di vendere grossi quantitativi, di non curare la vendita al dettaglio alla quale penseranno i grossisti.

15

16 In base ai costi illustrati nel primo anno di bilancio di previsione abbiamo la necessità di poter disporre di una liquidità pari a ,00. Poiché disponiamo di un capitale di ,00 per la differenza ci siamo recati presso una banca locale dalla quale abbiamo ottenuto: Lapertura di un c/c bancario con un fido di ,00 Un prestito tramite la cooperativa fidi di ,00 da restituire in 10 anni con rate mensili. In questo modo abbiamo trovato la somma necessaria per poter avviare la nostra attività.

17 La società P.E.T CR.HU.CE. S.n.c è nata in data 1/02/2008 stipulando latto costitutivo presso lo studio di un notaio di Ravenna.Successivamente ci siamo iscritti alla camera di commercio di Ravenna. Abbiamo poi richiesto la partiva I.V.A e allufficio dellagenzia delle entrate abbiamo consegnato la dichiarazione dellinizio attività.Si e anche stipulato un contratto di affitto per il locale con il sig.Rossi Antonio secondo la normativa vigente 6 più 6 ufficialmente registrato. Si sono inoltre fatte le relative denuncie agli istituti INPS e INAIL. Per lutilizzo del capannone industriale abbiamo siglato i contratti per lenergia elettrica, gas, acqua e linea telefonica oltre alla richiesta di smaltimento rifiuti per la relativa tassa.ottemperato questi doveri si e potuto dare inizio ai lavori.

18 Quando ci è stato proposto di partecipare a questo concorso di simulazione di impresa, abbiamo subito accolto con grande interesse e curiosità questa opportunità e ci ha lentamente introdotto nellaffascinante mondo imprenditoriale. E stata una bella occasione per approfondire conoscenze di livello teorico, ma soprattutto, in particolare per noi ragazzi di un istituto tecnico professionale, avventurarci a livello pratico in ambiti prima sconosciuti che senzaltro ci serviranno nel nostro futuro lavorativo. Vorremmo perciò ringraziare tutti coloro che hanno reso possibile questa esperienza: Il nostro Dirigente scolastico Dr. Guido Vellar Il nostro insegnante prof. Mario Gaeti che ci ha seguito con pazienza. Tutti coloro che ci hanno dato una mano per concludere questo progetto. Non da ultimo il pubblico e la giuria che ci ha ascoltato.


Scaricare ppt "Michele Petronici - Matteo Tarroni Francesco Criscio - Denis Hushi Lorenzo Cevoli …mai più!!! A.S. 2007/08 Classe IV Tec. Ind. Elettriche Enterprice Business."

Presentazioni simili


Annunci Google