La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il proemio dellEneide. Canta, o dea, lira di Achille Pelide, rovinosa, che infiniti dolori inflisse agli Achei, gettò in preda allAde molte vite gagliarde.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il proemio dellEneide. Canta, o dea, lira di Achille Pelide, rovinosa, che infiniti dolori inflisse agli Achei, gettò in preda allAde molte vite gagliarde."— Transcript della presentazione:

1 Il proemio dellEneide

2 Canta, o dea, lira di Achille Pelide, rovinosa, che infiniti dolori inflisse agli Achei, gettò in preda allAde molte vite gagliarde deroi, ne fece il bottino dei cani, di tutti gli uccelli – consiglio di Zeus si compiva- da quando prima si divisero contendendo lAtride signore deroi e Achille glorioso. Canta, o dea, lira di Achille Pelide, rovinosa, che infiniti dolori inflisse agli Achei, gettò in preda allAde molte vite gagliarde deroi, ne fece il bottino dei cani, di tutti gli uccelli – consiglio di Zeus si compiva- da quando prima si divisero contendendo lAtride signore deroi e Achille glorioso. o. Luomo multiforme raccontami, o Musa, che a lungo errò dopo chebbe distrutto la rocca sacra di Troia; di molti uomini le città vide e conobbe la mente, molti dolori patì in cuore sul mare, lottando per la sua vita e per il ritorno dei suoi. Ma non li salvò, benché tanto volesse, per loro propria follia si perdettero, pazzi! che mangiarono i buoi del Sole Iperìone, e il Sole distrusse il giorno del loro ritorno. Anche a noi di qualcosa di queste avventure, o dea, figlia di Zeus. Luomo multiforme raccontami, o Musa, che a lungo errò dopo chebbe distrutto la rocca sacra di Troia; di molti uomini le città vide e conobbe la mente, molti dolori patì in cuore sul mare, lottando per la sua vita e per il ritorno dei suoi. Ma non li salvò, benché tanto volesse, per loro propria follia si perdettero, pazzi! che mangiarono i buoi del Sole Iperìone, e il Sole distrusse il giorno del loro ritorno. Anche a noi di qualcosa di queste avventure, o dea, figlia di Zeus.

3 Individua il proemio dellEneide (a p. 115 di Trame C) 1.Identifica le due figure maschili. Di chi si tratta? Da quali elementi è possibile identificarli con relativa sicurezza? 2.Cosa rappresenta la scena? 3.Perché una delle figure femminili è accasciata sulla poltrona ed è sorretta da unaltra figura? Quale effetto ha prodotto la declamazione del poema?

4 1Canto le armi, canto luomo che primo da Troia Venne in Italia, profugo per volere del fato sui lidi di Lavinio. A lungo travagliato e per terra e per mare dalla potenza divina 5a causa dellira di Giunone, molto soffrì anche in guerra: finché fondò una città e stabilì nel Lazio i Penati di Troia, origine gloriosa della razza latina e albana e delle mura della superba Roma. 10Musa, ricordami tu le ragioni di tanto doloroso penare: ricordami loffesa e il rancore per cui la regina del cielo costrinse un uomo famoso per la propria pietà a soffrire così, ad affrontare tali 15fatiche. Di tanta ira sono capaci i Celesti? 1Canto le armi, canto luomo che primo da Troia Venne in Italia, profugo per volere del fato sui lidi di Lavinio. A lungo travagliato e per terra e per mare dalla potenza divina 5a causa dellira di Giunone, molto soffrì anche in guerra: finché fondò una città e stabilì nel Lazio i Penati di Troia, origine gloriosa della razza latina e albana e delle mura della superba Roma. 10Musa, ricordami tu le ragioni di tanto doloroso penare: ricordami loffesa e il rancore per cui la regina del cielo costrinse un uomo famoso per la propria pietà a soffrire così, ad affrontare tali 15fatiche. Di tanta ira sono capaci i Celesti? 1.Individua linvocazione alla Musa e la protasi. Virgilio segue la tradizione omerica o la modifica? 2.Individua le analogie e le differenze rispetto ai proemi dei poemi omerici. 3.Chi è che canta le vicende di Enea? 4.Quale funzione è riservata alla Musa?

5

6 1 Canto le armi, canto luomo che primo da Troia Venne in Italia, profugo per volere del fato sui lidi di Lavinio. A lungo travagliato e per terra e per mare dalla potenza divina 5a causa dellira di Giunone, molto soffrì anche in guerra: finché fondò una città e stabilì nel Lazio i Penati di Troia, origine gloriosa della razza latina e albana e delle mura della superba Roma. 10Musa, ricordami tu le ragioni di tanto doloroso penare: ricordami loffesa e il rancore per cui la regina del cielo costrinse un uomo famoso per la propria pietà a soffrire così, ad affrontare tali 15fatiche. Di tanta ira sono capaci i Celesti? 1 Canto le armi, canto luomo che primo da Troia Venne in Italia, profugo per volere del fato sui lidi di Lavinio. A lungo travagliato e per terra e per mare dalla potenza divina 5a causa dellira di Giunone, molto soffrì anche in guerra: finché fondò una città e stabilì nel Lazio i Penati di Troia, origine gloriosa della razza latina e albana e delle mura della superba Roma. 10Musa, ricordami tu le ragioni di tanto doloroso penare: ricordami loffesa e il rancore per cui la regina del cielo costrinse un uomo famoso per la propria pietà a soffrire così, ad affrontare tali 15fatiche. Di tanta ira sono capaci i Celesti? 4.Quali sono gli argomenti del poema?

7 1 Canto le armi, canto luomo che primo da Troia Venne in Italia, profugo per volere del fato sui lidi di Lavinio. A lungo travagliato e per terra e per mare dalla potenza divina 5a causa dellira di Giunone, molto soffrì anche in guerra: finché fondò una città e stabilì nel Lazio i Penati di Troia, origine gloriosa della razza latina e albana e delle mura della superba Roma. 10Musa, ricordami tu le ragioni di tanto doloroso penare: ricordami loffesa e il rancore per cui la regina del cielo costrinse un uomo famoso per la propria pietà a soffrire così, ad affrontare tali 15fatiche. Di tanta ira sono capaci i Celesti? 1 Canto le armi, canto luomo che primo da Troia Venne in Italia, profugo per volere del fato sui lidi di Lavinio. A lungo travagliato e per terra e per mare dalla potenza divina 5a causa dellira di Giunone, molto soffrì anche in guerra: finché fondò una città e stabilì nel Lazio i Penati di Troia, origine gloriosa della razza latina e albana e delle mura della superba Roma. 10Musa, ricordami tu le ragioni di tanto doloroso penare: ricordami loffesa e il rancore per cui la regina del cielo costrinse un uomo famoso per la propria pietà a soffrire così, ad affrontare tali 15fatiche. Di tanta ira sono capaci i Celesti? 5.Quali sono le caratteristiche principali delleroe protagonista del poema? 6.Quali sono le differenze tra Enea e gli eroi omerici di Iliade e Odissea (Achille e Ulisse)?

8 Next time (sabato 12/05) 1.Studia il proemio dellEneide. 2.Rispondi al questionario in fotocopia (studia le risposte alle domande).


Scaricare ppt "Il proemio dellEneide. Canta, o dea, lira di Achille Pelide, rovinosa, che infiniti dolori inflisse agli Achei, gettò in preda allAde molte vite gagliarde."

Presentazioni simili


Annunci Google