La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

The LIVER the LIVER LE NEOPLASIE TUMORI MALIGNI PRIMITIVI TUMORI MALIGNI PRIMITIVI EPATOCARCINOMA (85%) EPATOCARCINOMA (85%) COLANGIOCARCINOMA (15%) COLANGIOCARCINOMA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "The LIVER the LIVER LE NEOPLASIE TUMORI MALIGNI PRIMITIVI TUMORI MALIGNI PRIMITIVI EPATOCARCINOMA (85%) EPATOCARCINOMA (85%) COLANGIOCARCINOMA (15%) COLANGIOCARCINOMA."— Transcript della presentazione:

1 the LIVER the LIVER LE NEOPLASIE TUMORI MALIGNI PRIMITIVI TUMORI MALIGNI PRIMITIVI EPATOCARCINOMA (85%) EPATOCARCINOMA (85%) COLANGIOCARCINOMA (15%) COLANGIOCARCINOMA (15%) TUMORI MALIGNI METASTATICI (METASTASI) TUMORI MALIGNI METASTATICI (METASTASI) da cancro del COLON da cancro del COLON da cancro dello STOMACO da cancro dello STOMACO da cancro del PANCREAS da cancro del PANCREAS

2 the LIVER the LIVER NEOPLASIE MALIGNE PRIMITIVE NEOPLASIE MALIGNE PRIMITIVE RAPPRESENTANO PROBABILMENTE LA NEOPLASIA MALIGNA PIÙ FREQUENTE NEL MONDO, E SICURAMENTE COSTITUISCONO LA PRIMA CAUSA DI MORTE PER CANCRO IN ALCUNE ZONE DELL ASIA E DELL AFRICA RAPPRESENTANO PROBABILMENTE LA NEOPLASIA MALIGNA PIÙ FREQUENTE NEL MONDO, E SICURAMENTE COSTITUISCONO LA PRIMA CAUSA DI MORTE PER CANCRO IN ALCUNE ZONE DELL ASIA E DELL AFRICA RELATIVAMENTE RARE IN EUROPA E NEL NORD AMERICA RELATIVAMENTE RARE IN EUROPA E NEL NORD AMERICA

3 CANCRO PRIMITIVO DEL FEGATO EZIOLOGIA EZIOLOGIA GLI STUDI EPIDEMIOLOGICI HANNO DIMOSTRATO UNA CORRELAZIONE DIRETTA TRA IL CANCRO E DUE PATOLOGIE DEL FEGATO DISTINTE MA INTERDIPENDENTI: GLI STUDI EPIDEMIOLOGICI HANNO DIMOSTRATO UNA CORRELAZIONE DIRETTA TRA IL CANCRO E DUE PATOLOGIE DEL FEGATO DISTINTE MA INTERDIPENDENTI: EPATITE CRONICA DA VIRUS B e C EPATITE CRONICA DA VIRUS B e C CIRROSI EPATICA CIRROSI EPATICA

4 CANCRO PRIMITIVO DEL FEGATO EZIOLOGIA EZIOLOGIA LEPATITE CRONICA DA VIRUS B e C e la CIRROSI EPATICA sono infatti associati al cancro nel 90% dei casi LEPATITE CRONICA DA VIRUS B e C e la CIRROSI EPATICA sono infatti associati al cancro nel 90% dei casi

5 CANCRO PRIMITIVO DEL FEGATO nCARCINOMA EPATOCELLULARE o EPATOCARCINOMA (85%) EPATOCARCINOMA (85%) nCARCINOMA COLANGIOCELLULARE o COLANGIOCARCINOMA COLANGIOCARCINOMA

6 EPATOCARCINOMAEPATOCARCINOMA EPIDEMIOLOGIA RAZZA: lincidenza è molto alta in Asia e Africa: 100 casi ogni abitanti; poco frequente in Europa: 7 casi ogni abitanti gli studi sulle popolazioni emigrate hanno confermato che lincidenza è legata alla razza e solo in parte allambiente: i bianchi del Sud Africa hanno bassa incidenza, i neri alta incidenza

7 EPATOCARCINOMAEPATOCARCINOMA Presentazione Macroscopica Massa singola di grosse dimensioni, spesso con necrosi ed emorragie al suo interno Massa singola di grosse dimensioni, spesso con necrosi ed emorragie al suo interno Forma multinodulare, difficile da differrenziare dai noduli di rigenerazione della cirrosi multinodulare Forma multinodulare, difficile da differrenziare dai noduli di rigenerazione della cirrosi multinodulare

8 COLANGIOCARCINOMACOLANGIOCARCINOMA differenze con l Epatocarcinoma massa singola di grosse dimensioni, spesso con necrosi ed emorragie al suo interno massa singola di grosse dimensioni, spesso con necrosi ed emorragie al suo interno non associato a cirrosi non associato a cirrosi maggiore malignità maggiore malignità origina dallepitelio dei dotti biliari intraepatici origina dallepitelio dei dotti biliari intraepatici resecabilità inferiore al 10% resecabilità inferiore al 10%

9 EPATOCARCINOMAEPATOCARCINOMA SINTOMATOLOGIA molto aspecifica (dolore addominale, calo ponderale, dispepsia, subittero) e sovrapponibile per molto tempo a quella della cirrosi molto aspecifica (dolore addominale, calo ponderale, dispepsia, subittero) e sovrapponibile per molto tempo a quella della cirrosi ittero, se vengono invasi I dotti biliari principali ittero, se vengono invasi I dotti biliari principali massa palpabile in ipocondrio destro massa palpabile in ipocondrio destro emoperitoneo per rottura della massa che affiora alla sierosa epatica emoperitoneo per rottura della massa che affiora alla sierosa epatica

10 EPATOCARCINOMAEPATOCARCINOMA DIAGNOSI STRUMENTALE ECOTOMOGRAFIA ECOTOMOGRAFIA TAC TAC RNM RNM ANGIOGRAFIA ANGIOGRAFIA BIOPSIA EPATICA BIOPSIA EPATICA

11 EPATOCARCINOMAEPATOCARCINOMA DIAGNOSI di LABORATORIO lALFA-FETO-PROTEINA, è lunico marker attendibile e specifico per la diagnosi di epatocarcinoma

12 CANCRO del FEGATO TERAPIA CHIRURGICA LE EPATECTOMIE

13 LE EPATECTOMIE LE EPATECTOMIE EPATECTOMIA DESTRA EPATECTOMIA DESTRA EPATECTOMIA SINISTRA EPATECTOMIA SINISTRA RESEZIONE EPATICA MEDIANA RESEZIONE EPATICA MEDIANA RESEZIONI ATIPICHE o A RICHIESTA RESEZIONI ATIPICHE o A RICHIESTA

14 LE EPATECTOMIE LE EPATECTOMIE la RESEZIONE EPATICA rappresenta il trattamento di scelta dell epatocarcinoma; ma la percentuale di resecabilità al momento della diagnosi è pari al 20-30%, una delle più basse tra tutti i tumori dell addome la RESEZIONE EPATICA rappresenta il trattamento di scelta dell epatocarcinoma; ma la percentuale di resecabilità al momento della diagnosi è pari al 20-30%, una delle più basse tra tutti i tumori dell addome deve essere valutata attentamente la funzionalità epatica, in quanto il fegato residuo (spesso cirrotico) potrebbe non essere in grado di funzionare a sufficienza deve essere valutata attentamente la funzionalità epatica, in quanto il fegato residuo (spesso cirrotico) potrebbe non essere in grado di funzionare a sufficienza

15 tecniche alternative alle EPATECTOMIE tecniche alternative alle EPATECTOMIE alcolizzazione per via percutanea sotto guida alcolizzazione per via percutanea sotto guida ecografica: provoca una necrosi intratumorale ecografica: provoca una necrosi intratumorale embolizzazione selettiva dellarteria epatica con Lipiodol (microsfere lipidiche): si viene a creare una ostruzione embolica dei vasi che nutrono il tumore embolizzazione selettiva dellarteria epatica con Lipiodol (microsfere lipidiche): si viene a creare una ostruzione embolica dei vasi che nutrono il tumore

16 TUMORI METASTATICI DEL FEGATO SONO IN ASSOLUTO I TUMORI PIU FREQUENTI DEL FEGATO SONO IN ASSOLUTO I TUMORI PIU FREQUENTI DEL FEGATO GLI ORGANI CHE DRENANO IL LORO SANGUE VENOSO NELLA VENA PORTA SONO I MAGGIORI RESPONSABILI DI METASTASI EPATICHE: STOMACO, PANCREAS, COLON E RETTO GLI ORGANI CHE DRENANO IL LORO SANGUE VENOSO NELLA VENA PORTA SONO I MAGGIORI RESPONSABILI DI METASTASI EPATICHE: STOMACO, PANCREAS, COLON E RETTO

17 TUMORI METASTATICI DEL FEGATO TERAPIA TERAPIA solo le metastasi uniche da neoplasia del colon, localizzate ad un solo lobo epatico e di piccole dimensioni sono resecabili chirurgicamente con buoni risultati solo le metastasi uniche da neoplasia del colon, localizzate ad un solo lobo epatico e di piccole dimensioni sono resecabili chirurgicamente con buoni risultati


Scaricare ppt "The LIVER the LIVER LE NEOPLASIE TUMORI MALIGNI PRIMITIVI TUMORI MALIGNI PRIMITIVI EPATOCARCINOMA (85%) EPATOCARCINOMA (85%) COLANGIOCARCINOMA (15%) COLANGIOCARCINOMA."

Presentazioni simili


Annunci Google