La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Letà adulta. Essere adulto Concetto di sviluppo riferito a tutto larco di vita dellindividuo Cosa significa essere adulto? Approccio sociologico Approccio.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Letà adulta. Essere adulto Concetto di sviluppo riferito a tutto larco di vita dellindividuo Cosa significa essere adulto? Approccio sociologico Approccio."— Transcript della presentazione:

1 Letà adulta

2 Essere adulto Concetto di sviluppo riferito a tutto larco di vita dellindividuo Cosa significa essere adulto? Approccio sociologico Approccio psicodinamico Approccio fenomenologico

3 Approccio sociologico Supera limpostazione organicistica in cui lessere adulto è subordinato a determinanti psico-biologiche e psicosociali, quali sul piano fisico: aver raggiunto una stabilità di sviluppo e laccettazione del proprio corpo Sul piano intellettuale, saper compensare la minor capacità di assimilazione con una maggior capacità dintegrazione delle informazioni Sul piano dello sviluppo della personalità, aver acquisito la capacità di controllare gli impulsi e di agire autonomamente su un piano di realtà Sul piano delle relazioni, il sapersi rapportare agli altri con disponibilità e saper costruire rapporti intimi di amore Sul piano professionale, esprimere la capacità di darsi mete e di perseguirle Lapproccio sociologico pone attenzione alla caratteristiche individuali dello sviluppo e alle influenze sociali (cultura dappartenenza, contesto, bisogno di individualità, ecc.) La fase di adulto è lespressione di un costrutto personale, che integra letà biologica con la sua storia personale, le norme e i ruoli assegnati nellambito sociale di appartenenza, ma anche con la scelta personale e con le risposte individuali

4 Approccio psicodinamico Freud: direttamente non si è mai occupato della vita adulta Attraverso la Teoria dello sviluppo, essere adulto vuol dire aver raggiunto la fase genitale ed essere in grado di direzionare le pulsioni da una dimensione istintiva ad una dimensione di integrazione sociale. Così come Freud anche altri Psicanalisti (M. Klein, Fornari) identificano le prime relazioni infantili come fondamentali per il successivo sviluppo dellindividuo Erikson integra i principali contributi psicanalitici con le teorie che si occupano delle influenze sociali.

5 Erikson Identifica un modello di progressione e sviluppo che vede integrarsi 3 sistemi: 1.Il processo biologico (soma) 2.Il processo psichico (psiche) 3.Il processo di organizzazione della cultura dappartenenza, regolatore delle relazioni interpersonali (ethos) La vita adulta, indicativamente tra i 40 e 60 anni, è identificata in concreto attraverso la funzione di generatività (figli, progetti, oggetti) e nella capacità di prendersi cura delle nuove generazioni e, quindi, di dimostrarsi responsabile della continuità personale e sociale

6 Erikson: stadi di sviluppo Fasi Ev. Stadio Psicosociale EtàAmbito dei rapporti significativi Risultati positiviRisultati negativi IFiducia di base/Sfiducia 1La madreSentimenti di bontà interiore, fiducia in se stessi e negli altri, ottimismo Senso di cattiveria, sfiducia in sé e negli altri IIAutonomia/Vergogna e dubbio 2-3I genitoriEsercizio della volontà, autocontrollo, capacità di fare scelte Rigidità, eccessiva coscienziosità, dubbio, vergogna, imbarazzo IIIIniziativa/senso di colpa 4-5La famigliaPiacere nelle azioni, attività direzione e scopo Senso di colpa per gli obiettivi considerati e le azioni avviate IVCompetenza/InferioritàLaten za La scuolaCapacità di farsi assorbire dal lavoro produttivo, orgoglio per il prodotto finito Senso di inadeguatezza e inferiorità, incapacità di portare a termine il lavoro VIdentità/dispersivitàAdole scenza I gruppiFiducia nellidentità e continuità interiore, progetti lavorativi Disagio nei ruoli, assenza di standard, senso di artificiosità VIIntimità/IsolamentoInizio età adulta Compagni (amicizia, amore, competizione, cooperazione) Reciprocità, condivisione dei pensieri, del lavoro, dei sentimenti Evitamento dellintimità, relazioni superficiali VIIProduttività/Stagnazio ne Età adulta Divisione del lavoro, condivisione della propria vita Capacità di immergersi nel lavoro e nei rapporti Perdita dinteresse per il lavoro, impoverimento dei rapporti VIIIIntegrità/DispersioneVecch iaia Lumanità La progenie Senso di ordine e di significato, conoscenza di sé e dei propri risultati Paura della morte, amarezza per la vita e per quel che si è avuto o per quel che non è accaduto

7 Approccio fenomenologico SOPRAVVIVENZA AUTOREALIZZAZIONE APPARTENENZA STIMA SICUREZZA MOTIVAZIONE A. Maslow: la motivazione è la spinta per lo sviluppo e per la costruzione dellidentità. La struttura psichica della maturità si va costruendo su una spinta motivazionale verso lautorealizzazione

8 Adulti e genitorialità Essere genitore Cura e sostegno per la generazione più giovane = responsabilitàflessibilitàadattamento continuo

9 Essere genitore E un aspetto multidimensionale che si muove su due polarità, una individuale (esperienze fatte, autonomia personale, livello sociale) e laltra sociale (insieme delle attese e richieste determinate dalle trasformazioni economiche e sociali dellambiente). Attuale società: mancanza di schemi preordinati o tradizionali Ruoli parentali sono intercambiabili e poco delineati. Relazioni familiari hanno minor carattere di contenimento della fragilità e dellemotività.

10 Genitorialità Il termine indica una funzione dinamica attraverso la quale gli adulti si rendono capaci di prendersi cura in modo sufficientemente buono (Bettelheim, 1987) dei bisogni evolutivi dei figli nelle diverse fasi detà. Il passaggio da uno stadio a quello successivo rappresenta sempre un momento critico, che coinvolge lintero nucleo familiare e che deve essere superato per raggiungere una nuova situazione di equilibrio.

11 Genitorialità e ciclo di vita della famiglia Nascita di un figlio Ristrutturazione della coppia Incontro di due famiglie con rispettivi ruoli (nonni, zii) Modifica di ruoli e identità: da figlio a genitore del proprio figlio Adolescenza Ridefiniti i confini interpersonali per riconoscere le proprie competenze e autonomie individuali Ricerca di identità e di svincolo dalla famiglia Tendenze contrapposte: fuga/aggressività e rifugio/dipendenza dalla famiglia Emancipazione dai genitori Ridefinizione del rapporto in termini di parità Confronto tra due generazioni Nuovo senso alla coppia genitoriale Passaggi evoluti o normativi Eventi critici o passaggi paranormativi Malattie, disagi economici, handicap, separazioni, lutti, incidenti, allontanamento forzato di un membro della famiglia

12 Plurarizzazione di forme familiari Nuclei istituzionalizzati con figli (famiglie nucleari normocostituite) Famiglie affidatarie Famiglie adottive Famiglie monoparentali a conduzione paterna o materna Famiglie ricostituite in seguito a vedovanza o alla rottura di un legame coniugale o ad unioni libere Famiglie estese (con più nuclei familiari) Famiglie allargate (più generazioni sotto lo stesso tetto) Famiglie multietniche

13 Funzioni genitoriali La funzione genitoriale consiste nella capacità di attivare comportamenti allinterno di uno spazio mentale e relazionale, in cui convergono tutte le esperienze, le rappresentazioni, i ricordi, le convinzioni, i modelli comportamentali e relazionali, le fantasie, le angosce e i desideri vissuti nella storia familiare di provenienza. Si costruisce così limmagine di un genitore interno, da cui dipendono i giudizi e i modelli relazionali, che sono utilizzati in età adulta per rapportarsi con gli altri La genitorialità è una dimensione che si costruisce fin dallinfanzia e si basa su dei punti cardine appresi nella propria esperienza di figlio (Teoria dellattaccamento) Sapersi attaccare: saper costruire e stabilire una vicinanza ed una relazione con qualcuno; Cogliere lo stato della mente dellaltro: comprendere quello che pensa e sente laltro Riconoscere la soggettività dellaltro: come processo che contrasta il desiderio di vedere laltro come parte o derivato di se stesso Accettare il cambiamento dellaltro e la sua diversità: il non vedere che è passato il tempo è un elemento che favorisce il conflitto in ambito familiare La funzione fondamentale della genitorialità è saper riconoscere i segnali di bisogno dellaltro. Il genitore deve spostare lattenzione da sé e dal figlio che è stato, al figlio reale

14 Disfunzioni genitoriali Cause fallimenti relazionali o sociali incapacità di cogliere preventivamente e fronteggiare situazioni problematiche di crisi evolutive del figlio contingenze interne alla famiglia (malattia, lutto, povertà, separazioni, ecc) contingenze esterne alla famiglia (disoccupazione, sfratto, status sociale, contesto sociale, livello distruzione, ecc.) atteggiamento dei genitori di fronte allassunzione di ruolo e alla capacità di creare un legame significativo, di entrare in empatia, di saper cogliere i bisogni funzionali di sviluppo e le responsabilità, soprattutto negli eventi critici normativi e paranormativi, e di attivarsi anche nella possibilità di richiesta daiuto.

15 Schema per la valutazione delle competenze parentali (a cura di Di Blasio, 2005) Fattori di rischio distaliFattori prossimali di rischioFattori prossimali protettivi 1. povertà cronica 2. livello distruzione basso 3. giovane età della madre 4. carenza di relazioni interpersonali 5. carenza di reti e dintegrazione sociale 6. famiglia monoparentale 7. esperienze di rifiuto, violenza o abuso subite nellinfanzia 8. sfiducia verso le norma sociali e le istituzioni 9. accettazione della violenza e delle punizioni come pratiche educative 10. accettazione della pornografia infantile 11. scarse conoscenze e disinteresse per lo sviluppo del bambino 1. Fattori individuali - psicopatologia dei genitori - devianza sociale dei genitori - abuso di sostanze - debole o assenza capacità di assunzione di responsabilità - sindrome da risarcimento - mancanza di empatia e distorsione nella comprensione delle emozioni - impulsività - scarsa tolleranza alla frustrazione - ansia da separazione 2. Fattori familiari e sociali - gravidanza/maternità non desiderata - relazioni difficili intergenerazionali o con il partner - conflitti di coppia o violenza domestica 3. Caratteristiche del bambino - malattie o disturbi alla nascita - temperamento difficile 1. Fattori individuali - sentimento di inadeguatezza per la dipendenza dai Servizi - capacità di rielaborare il rifiuto e la violenza subiti nellinfanzia - capacità empatiche - assunzione di responsabilità - desiderio di cambiamento - autonomia personale - buon livello di stima 2. Fattori familiari e sociali -relazione soddisfacente con un componente della famiglia dorigine -rete di supporto parentale o amicale 3. Caratteristiche del bambino - temperamento facile

16 Sostegno alla genitorialità Per legge è riconosciuto al bambino e all'adolescente il diritto di cura per una crescita funzionale e alle istituzioni sociali il sostegno alle famiglie nel diritto di cura, attraverso percorsi differenziati di promozione del benessere, di facilitazione, di sostegno e di mediazione nelle situazioni in crisi familiari, legate ai mutamenti fisiologici della famiglia, alla pluralità delle forme familiari e agli eventi critici inattesi. Progetti per la famiglia in un'ottica di prevenzione. Il sostegno alla genitorialità da funzione di controllo si è caratterizzato come ambito di sviluppo dell'ascolto, dell'accoglienza e di supporto al contenimento delle complessità, delle crisi congiunturali o della malecura della coppia genitoriale o delle famiglia. I Centri per le Famiglie attuano due tipi di interventi: 1. supporto delle criticità del ciclo di vita 2. sostegno in situazioni di gravi conflitti o di incuria e maltrattamenti: la mediazione familiare e lo spazio neutro.

17 Adulti e lavoro Ha un ruolo fondamentale nella vita dell'adulto, sia quando è presente, sia quando è assente (per scelta o meno) E' fonte di reddito, di soddisfazione e di maturazione, ma può anche essere occasione di frustrazione e di traumi sia fisici che psicologici.

18 Il lavoro nel ciclo di vita maxi-ciclo Fase della crescita (fino a 14 anni) Sé professionale ideale Fase dell'esplorazione (14-18 anni) il ragazzo si mette alla prova Fase della cristallizzazione (18-25 anni) formazione del Sé professionale Fase della stabilizzazione e del progresso (25-45 anni) stabilisce e consolida la posizione Fase del mantenimento e della stagnazione (45-65 anni) rimane nella situazione in cui è Fase del declino (dopo i 65 anni) pianifica la pensione micro- ciclo declino crescita esplorazione stabilizzazione Es. nascita di un figlio disoccupazione malattia, ecc

19 Identità professionale e motivazione Identità sociale Identità professionale È l'insieme delle auto-rappresentazioni che il soggetto sviluppa in rapporto all'attività lavorativa Valori professionali Atteggiamenti verso il lavoro Rappresentazioni sociali del lavoro

20 I lati positivi del lavoro Fattori igienici Fattori motivanti Condizioni fisiche: igiene, sicurezza, mansione, sovraccarico o sottocarico lavorativo Condizioni economiche: retribuzioni, politica del personale, controlli, relazioni con i superiori Successo, riconoscimento dei risultati raggiunti, contenuto del lavoro, livello di responsabilità, possibilità di promozione e di avanzamento, Se assenti creano insoddisfazione, se presenti non creano soddisfazione Se assenti non creano insoddisfazione, se presenti aumentano la soddisfazione Teoria bifattoriale della motivazione

21 I lati oscuri del lavoro Stress lavorativo Fattori intrinseci al job (comfort ambiente e mansione) Fattori intrinseci al job (comfort ambiente e mansione) Fattori contesto (ruolo organizzativo, difficoltà relazionali) Fattori contesto (ruolo organizzativo, difficoltà relazionali) Il burnout Esaurimento emozionale (sfinimento emotivo) Esaurimento emozionale (sfinimento emotivo) Depersonalizzazione (sentimenti negativi verso gli utenti) Depersonalizzazione (sentimenti negativi verso gli utenti) Ridotta realizzazione personale sul lavoro (inadeguatezza, fallimento, depressione) Ridotta realizzazione personale sul lavoro (inadeguatezza, fallimento, depressione)

22 I lati oscuri del lavoro La disoccupazione Benessere lavorativo (ansia, depressione, insoddisfazione) Benessere lavorativo (ansia, depressione, insoddisfazione) Sé ed identità (senso di fallimento e frustrazione) Sé ed identità (senso di fallimento e frustrazione) Rappresentazione del lavoro e della disoccupazione Abilità professionali e ricerca del lavoro Condotta (condotte a rischio per la salute) Condotta (condotte a rischio per la salute) Il mobbing In termini sanitari (malessere individuale suscettibile di diagnosi e cura) In termini sanitari (malessere individuale suscettibile di diagnosi e cura) In termini psicosociali (relazione organizzativa ed interindividuale problematica) In termini psicosociali (relazione organizzativa ed interindividuale problematica)

23 I lati oscuri del lavoro Stress lavorativo: fattori intrinseci al job (comfort dell'ambiente, la mansione) e fattori relativi al contesto (ruolo organizzativo, difficoltà relazionali, personalità dell'organizzazione) Il burnout, fenomeno psicosociale che riguarda le professioni d'aiuto (insegnanti, psicologi, infermieri, educatori, assistenti sociali, medici) e si caratterizza per l'esaurimento emozionale (sfinimento emotivo), depersonalizzazione (sentimenti negativi verso gli utenti) e ridotta realizzazione personale sul lavoro (la persona inizia a sentirsi inadeguata, fallita, depressa). La disoccupazione e gli esiti nelle seguenti aree psicologiche (Novara e Sarchielli, 1996): benessere lavorativo: ansia, depressione, insoddisfazione, aggressività sé ed identità: senso di fallimento e frustrazione personale rappresentazioni del lavoro e della disoccupazione: abilità professionali e ricerca del lavoro: diminuzione dell'impegno nella ricerca attiva del lavoro condotta: possibili condotte a rischio per la salute Il mobbing

24 MBI e personale infermieristico ULSS 12 Indagine eseguita nel 2008 allUmberto I su un campione di 140 infermieri (dott.ssa M. Bottacin) Indagine eseguita nel 2009 allAngelo su un campione di 139 infermieri (dott.ssa L. Foltea)

25 Confronto MBI

26 Psicologia delletà anziana

27 Nata negli ultimi decenni con obiettivi per lo più descrittivi. Scopo: orientare i servizi sociosanitari Studio degli aspetti psicologici per prendere decisioni relative alla qualità della vita degli anziani. Importanti i processi cognitivi le strategie di adattamento

28 Gli anziani Secondo lISTAT (2001) le persone sopra i 60 anni rappresentano il 23.5% della popolazione. Tra 50 anni gli ultrasessantenni saranno quasi la metà dellintera popolazione Circa ¼ di persone con più di 85 anni vive in case di lungodegenza Politiche sociosanitarie: investimenti nel campo della prevenzione e della riabilitazione per ridurre la cronicizzazione delle malattie e linvalidità.

29 Definizione di anziano: criterio cronologico Letà anziana o terza età è il periodo di vita che va dai 65 agli 80 anni La quarta età o longevità inizia a partire dagli 80 anni Il confine dei 65 anni è ritenuto indicativo dal momento in cui i fenomeni regressivi e distruttivi a carico dei vari organi e tessuti prendono quantitativamente e qualitativamente il sopravvento su quelli costruttivi, sia dal punto di vista anatomico che fisiologico

30 Definizione di anziano: criterio psicologico e sociologico Criterio psicologico: è anziano colui che mostra i segni di un deterioramento mentale senile (riduzione risorse mnestiche, delle capacità logiche e attentive, della velocità di elaborazione e risposta, ricorso a strategie compensative) Criterio sociologico: è anziano colui che entra nella fase di pensionamento in base alle leggi vigenti (perdita di ruolo, modifica delle relazioni familiari, utilizzo del tempo, capacità di spesa)

31 Definizione bio psico sociale Necessità di considerare il fitto intreccio tra aspetti fisiologici, psichici e sociologici Necessità di distinguere tra invecchiamento e patologia. Invecchiamento primario: è considerato fisiologico e implica il mutamento dellautoregolazione delle capacità biologiche, psicologiche e sociali Invecchiamento secondario: quando la diminuita funzionalità di parte del sistema-persona si traduce nella comparsa di malattie croniche e invalidanti (es. cataratta, arteriosclerosi, ecc) Invecchiamento terziario: deterioramento significativo rispetto ai livelli di performance precedenti

32 Teoria dellinvecchiamento Metafora dellalbero o del fiume Teoria dellottimizzazione selettiva con compensazione Selezione: concentrarsi sulle attività che si svolgono meglio Ottimizzazione: mantenere un alto livello attraverso la pratica Compensazione: le abilità carenti vengono controbilanciate da strategie alternative, spesso basate sullesperienza

33 Cambiamenti che influenzano il comportamento Cambiamenti nel Sistema Nervoso Centrale -Modificazioni delle capacità cognitive Cambiamenti dei sistemi sensoriali

34 Cambiamenti cognitivi negli anziani Alla base dellefficienza cognitiva dellanziano vi sono 4 meccanismi (Laicardi, 1999) 1.Velocità di elaborazione dellinformazione 2.Funzionamento della memoria di lavoro 3.Capacità di inibire le informazioni irrilevanti durante processi di attenzione selettiva 4.Efficienza sensoriale Rallentamenti e riduzione di capacità in uno o più di questi aspetti sono in grado di acuire, se non determinare, le difficoltà cognitive degli anziani

35 Le funzioni principali Attenzione Memoria Linguaggio Ragionamento

36 Attenzione Risultati SelettivaAnziani hanno t.r. più lunghi dei giovani Sono influenzati dalla natura del compito (con stimolo semplice prestazione simile ai giovani) DivisaIn compiti di tipo complesso cè una correlazione diretta tra età e deficit di a. divisa, questo perché nei compiti di tipo complesso è coinvolta anche la memoria di lavoro SostenutaSi riduce con letà Compito complesso che implica: percezione segnale, memorizzazione di un segnale o di una regola, capacità di discriminazione o selezione degli eventi

37 Memoria Deterioramento della memoria episodica ed esplicita, cioè della capacità di ricordare nomi, fatti, tempi e luoghi che caratterizzano gli eventi ed eseguire compiti di richiamo libero. Stabilità della memoria semantica e procedurale, cioè la capacità di ricordare il significato delle parole, di effettuare riconoscimenti di stimoli già osservati e di mettere in atto, in modo automatizzato, sequenze apprese in passato

38 Memoria episodica E preposta alla conservazione e recupero di eventi storicamente avvenuti e delle loro caratteristiche temporali. Eventi tipo: Il farmaco x è stato oppure no assunto? Eventi con forte connotazione emotiva sono più facilmente ricordati

39 Memoria procedurale e rischi Si attiva quando il soggetto mette in atto una sequenza di azioni appresa in passato e automatizzata. Indica il sapere come si fa una cosa (es. guidare lauto, attivare la lavatrice, utilizzare il bancomat) Rischi potenziali per azioni come lassunzione dei farmaci o lutilizzo della cucina a gas dove oltre ad azioni automatizzate e necessario unire atti consapevoli (es. memoria episodica)

40 Memoria semantica Conserva e rende disponibile nel tempo i concetti, i significati, le regole, le proprietà e le relazioni tra le cose. E linsieme delle conoscenze. E relativamente intatta nellinvecchiamento, si deteriora nella demenza

41 Esempi Sapere che Il dottor Rossi visita allambulatorio n. 53 riguarda la memoria semantica Sapere che Il sig. Bianchi il giorno 4 dicembre alle ore è andato alla visita dal dott. Rossi riguarda la memoria episodica

42 Altri tipi di memoria Memoria a breve termine: di capacità limitata serve per mantenere delle informazioni per breve tempo (es. numero di telefono). Normale negli anziani Memoria di lavoro: contenuto a BT che subisce una breve elaborazione (es. risposta a più alternative). Compromessa Memoria a lungo termine: informazione elaborata entra in modo stabile tra le conoscenze del soggetto. Normale

43 Linguaggio Comprensione: può esserci una riduzione, specie per frasi lunghe e con subordinate a causa dei deficit della m di lavoro. Può esserci interferenza con riduzione dellacuità uditiva Produzione: solitamente nella norma, anche se lalta frequenza di contenuti relativi al proprio stato personale, ai loro problemi ed emozioni può allontanare linterlocutore

44 Ragionamento Non diminuiscono le capacità di sviluppare analogie, definire vocaboli, utilizzare conoscenze generali. Restano intatte le competenze (o expertise) cioè luso delle proprie abilità (incluse quelle relazionali) per affrontare con successo i reali contesti di vita. (es. Rubenstein) Mostrano un declino il ragionamento astratto, i confronti, le categorizzazioni e le inferenze.

45 Le emozioni Ogni emozione comporta: attivazione sistema fisiologico, capacità di valutazione e categorizzazione, confronto con le regole di esibizione sociale e si traduce in comportamenti osservabili. Gli anziani hanno una minor attivazione e una minor espressività soggettiva e fisiologica. Non emerge una relazione diretta tra età e depressione. In situazione di stress: maggior attivazione e più tempo per tornare al livello di partenza.

46 Le relazioni sociali Importanza delle relazioni sociali per mantenere il senso di coerenza interna. Inevitabili perdite di familiari, colleghi, a volte del coniuge, dei figli che si allontanano. Il rapporto di coppia tende a rafforzarsi con il passare del tempo. Importante la presenza di fratelli: la sola consapevolezza che esistano dà un senso di sicurezza

47 Situazione stressanti La paura maggiore è linvalidità e la dipendenza Situazioni di stress sono, in ordine di importanza la perdita del coniuge o di una persona intima la propria malattia o della persona che si ama il ricovero in casa di riposo


Scaricare ppt "Letà adulta. Essere adulto Concetto di sviluppo riferito a tutto larco di vita dellindividuo Cosa significa essere adulto? Approccio sociologico Approccio."

Presentazioni simili


Annunci Google