La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Lesperienza motoria: un contributo essenziale alla maturazione delle competenze. 1. Uno sguardo e un metodo per lunità della persona 2. Laboratorio sul.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Lesperienza motoria: un contributo essenziale alla maturazione delle competenze. 1. Uno sguardo e un metodo per lunità della persona 2. Laboratorio sul."— Transcript della presentazione:

1

2 Lesperienza motoria: un contributo essenziale alla maturazione delle competenze. 1. Uno sguardo e un metodo per lunità della persona 2. Laboratorio sul concetto di competenza 3. La certificazione delle competenze

3 Il problema del corpo in sé non esiste Il problema del corpo è un problema di sguardo: 1. Guardo il corpo ( Abrahams) 2. Guardo la persona che è corpo ( Liddel) Film: Momenti di gloria

4 Guardo il corpo Prospettiva che riduce: Macchina/somaro Abilità Addestrame nto/sviluppo di funzioni Guardo la persona che è corpo Prospettiva integrale: 1. Unità 2. Unicità 3. Integralità 4. Relazionalità Azioni umane libere e responsabili

5 Ognuno di noi è corpo e con tale corpo ci poniamo nel mondo, ci esprimiamo, comunichiamo, amiamo,pensiamo, per questo leducazione alla corporeità rappresenta la stessa educazione della persona in tutto il suo essere (..) La coproreità può diventare allora una dimensione trasversale dellesperienza scolastica M. Tempesta, Non separiamo, in: A scuola con il corpo. Nè macchina,né somaro, Rivista Diesse n , pp2 -5.

6 Problema: nella squadra di pallacanestro d'Istituto devo rimpiazzare un play molto bravo che si è trasferito in un'altra città Con quali caratteristiche lo sostituisco?

7 Abilità un solo segnale di natura specifica competenza più segnali di diversa natura Abilità complessa esprime un livello basso di competenza (????)

8

9 Scheda di osservazione collegiale Indicatori/segnali di competenza Grado di competenza 1.Grado di personalizzazione /originalità/ senso/ motivazione allagire/attitudine 1,2,3,4,5 2.Grado di conoscenze e abilità presenti nel compito svolto 3.Grado di adeguatezza alla situazione ( efficacia dellagire; comprensione di tutti i fattori del problema) 4.Grado di responsabilità personale nellassumersi il compito, nel rispetto delle regole 5.Grado si autonomia nel risolvere i problemi, nel prendere decisioni adeguate, e autovalutazione

10 Qual è il percorso per progettare per competenze? a) condivisione collegiale del concetto di competenza - scelta delle competenza ( tratte dai documenti nazionali), e osservazione dei ragazzi per evidenziare eventuali bisogni/problematiche/risorse.

11 b) declinazione dei descrittori - consapevolezza che essi sono di due tipologie diverse ( quantitativi e qualitativi) e che necessitano di strumenti di osservazione diversi - questa fase va fatta in relazione al compito unitario su cui incentrare l'osservazione iniziale delle competenze; si tratta di una fase che corrisponde alla contestualizzazione della competenza. La competenza astratta ( collaborare) nel compito unitario diventa concreta, la posso descrivere attraverso i descrittori)

12 c)individuazione delle fasi del percorso in cui specifico: - le attività specifiche (esercizi) - la metodologia che utilizzo (cooperative learning, didattica per progetti, per compiti ecc)..... Tutto ciò che mi serve in prospettiva del compito finale in situazione....

13 d) valutazione della competenza mediante un compito unitario (possibilmente diverso dal precedente) in cui osservo se la competenza che avevo ipotizzato si è sviluppata e/o è progredita; consapevolezza che necessitano strumenti di osservazione diversificati.

14 TITOLO del percorso: A. Dati tecnici: Scuola Destinatari Soggetti coinvolti Discipline Tempi di attuazione

15 osservazione iniziale parto da quello che gli alunni conoscono e sanno fare Bisogni cerco di leggere i loro bisogni la competenza principale metto a fuoco la competenza su cui lavorare ( una o due al massimo) Le altre competenze implicate prendo atto delle altre competenze implicate

16 Indicazioni provinciali o Dlgs n del 2010 ( Licei-Tecnici o professionali) contestualizzo la competenza rispetto ai documenti nazionali (esterni) P.O.F. …. e a quelli interni

17 il racconto sintetico dellesperienza e/o del compito unitario (le Fasi principali: attività, metodologie......) come concretamente organizzo la prassi didattica quali sono le attività più rilevanti come organizzo i ragazzi ( metodi)

18 I segnali di competenza come osservo la competenza Criteri di valutazione della competenza come motivo il voto (giudizio) sulla competenza strumenti / mezzi/ prodotti utili al percorso cosa produco durante il percorso

19 SCIENZE MOTORIE

20 1.Non cè spazio per le SMS: ci si deve riferire solo ai 4 assi trasversali 2.Cè uno spazio minimo: si può aggiungere la competenza riportata nel profilo dei Tecnici 3. Cè ampio spazio: si possono dettagliare più competenze tratte dalle Indicazioni Nazionali dei Licei

21 Non cè spazio per le SMS: ci si deve riferire solo ai 4 assi trasversali

22 Marisa Vicini Parma 24 marzo 2011 Asse dei linguaggi: 1. competenza lingua italiana: padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire linterazione comunicativa verbale in vari contesti 2. competenza altri linguaggi:utilizzare e produrre testi multimediali Il docente di SMS può osservare: 1. come lallievo si esprime per sostenere una propria idea, gestire un conflitto verbale, presentare uno spettacolo, avanzare proposte nellambito delle SMS ecc. 2. la qualità di un testo multimediale che affronti contenuti specifici delle SMS

23 Marisa Vicini Parma 24 marzo 2011 Asse matematico: 1. individuare le strategie appropriate per la soluzione di problemi 2. analizzare dati e interpretarli sviluppando deduzioni e ragionamenti Il docente di SMS può osservare: 1. come e quali strategie lallievo utilizza per risolvere problemi (motori, tattici, organizzativi ecc.) legati alle SMS 2. come lo studente interpreta dati, informazioni e percezioni relativi alle SMS: risultati di test, risultati di test,performance individuali o di gruppo,ecc

24 Marisa Vicini Parma 24 marzo 2011 Asse scientifico – tecnologico 1. analizzare qualitativamente e quantitativamente fenomeni legati alle trasformazioni di energia a partire dallesperienza 2. essere consapevole delle potenzialità e dei limiti delle tecnologie nel contesto culturale e sociale in cui vengono applicate Il docente di SMS può osservare: 1. come lallievo legge la sua esperienza e i messaggi corporei, legandoli a fenomeni fisiologici, quali lutilizzo delle riserve energetiche in funzione a uno sforzo fisico, la gestione della respirazione, della funzione cardiaca ecc. 2. come lallievo ragiona riguardo allutilizzo delle tecnologie nel contesto dellattività motoria e sportiva: riferite ai materiali (abbigliamento, costumi, scarpe ecc.), agli attrezzi (piste di atletica leggera, giavellotto, piscine, ecc.), ausili per lattività fisica e lo sport adattati (carrozzine per il basket o latletica leggera, protesi ecc

25 Marisa Vicini Parma 24 marzo 2011 Asse storico-sociale: collocare lesperienza personale in un sistema di regole fondato sul reciproco riconoscimento dei diritti garantiti dalla Costituzione a tutela della persona, della collettività e dellambiente Il docente di SMS può osservare: come lallievo si comporta nei confronti di se stesso, del gruppo e dellambiente manifestando consapevolezza dei diritti e dei doveri che ha in quanto cittadino italiano

26 Se si può inserire una sola competenza sintetica, si può utilizzare quella degli Istituti Tecnici presente nel Profilo: Riconoscere gli aspetti comunicativi, culturali e relazionali dellespressività corporea ed esercitare in modo efficace la pratica sportiva per il benessere individuale e collettivo

27 Se, al contrario, si può entrare nel dettaglio e specificare più di una competenza, ci si può orientare allinterno di una classificazione, che si può fare a partire dalle Indicazioni Nazionali dei Licei.

28 Marisa Vicini Parma 24 marzo 2011Marisa Vicini Milano 21 Marzo Percezione di sé e sviluppo funzionale delle capacità motorie ed espressive 2. Sport, regole e fair play 3. Salute, benessere e prevenzione 4. Relazione con lambiente naturale e tecnologico

29 Marisa Vicini Parma 24 marzo 2011

30

31

32

33 Alla fine del 1 °ciclo il ragazzo: Conosce il proprio corpo e, in maniera elementare, il suo funzionamento; Padroneggia le conoscenze e le abilità che a partire dalle modificazioni dellorganismo,consentono,mediante lesercizio fisico,lattività motorio – espressiva, il gioco organizzato e la pratica sportiva individuale e di squadra, un equilibrato ed armonico sviluppo della propria persona;

34 Marisa Vicini Parma 24 marzo 2011 Valuta criticamente le esperienze motorie e sportive vissute in proprio e testimoniate dagli altri; Impara ad utilizzare le competenze acquisite per svolgere funzioni di giuria ed arbitraggio in discipline sportive di base; Attraverso la pratica sportiva impara a relazionarsi e a coordinarsi con gli altri, rispettando le regole stabilite e scoprendo quanto il successo di squadra richieda anche limpegno e il sacrificio individuale.

35 Marisa Vicini Parma 24 marzo 2011 Fase di progettazione: Identificare le competenze Attivarle nella didattica Condividere gli indicatori Fase di osservazione: Valutazione/certificazione interna/esterna Scheda di certificazione biennio ( se necessaria) Fase di raccolta materiali Raccogliere i materiali/prodotti per la certificazione ( portfolio)

36 Documenti normativi: 1 ciclo: Indicazioni Provinciali di Bolzano 2 ciclo: D.Lgs n del 2010 ( Licei – Tecnici e Professionali) reperibili sul sito del MIUR. Guardare soprattutto le linee guida dei tecnici/professionali al punto 1.5. che tratta in modo particolare il tema progettare per competenze Commenti : Sec. 1°: M.Vicini, Il nuovo Scienze motorie e sportive, ed.Bruno Mondadori,Milano 2009 Sec.2°: M. Vicini, Il diario di Scienze motorie e sportive, Ed.Archimede,Milano Ai testi sono allegate le guide per i docenti sulle quali si trovano griglie, strumenti di osservazione, commenti e proposte per la progettazione/valutazione/certificazione per competenze,oltre ad un registro informatico interattivo per la raccolta dei dati.


Scaricare ppt "Lesperienza motoria: un contributo essenziale alla maturazione delle competenze. 1. Uno sguardo e un metodo per lunità della persona 2. Laboratorio sul."

Presentazioni simili


Annunci Google