La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Piergiuseppe Ellerani C Università degli Studi di Urbino Linsegnante ricercatore nella scuola laboratorio. Bressanone, 27 – 28 – 29 agosto.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Piergiuseppe Ellerani C Università degli Studi di Urbino Linsegnante ricercatore nella scuola laboratorio. Bressanone, 27 – 28 – 29 agosto."— Transcript della presentazione:

1 1 Piergiuseppe Ellerani C Università degli Studi di Urbino Linsegnante ricercatore nella scuola laboratorio. Bressanone, 27 – 28 – 29 agosto

2 2 Piergiuseppe Ellerani C Università degli Studi di Urbino ARIAC: Finalità - dal 1996 al 2003… - una pedagogia dei gruppi attraverso la comunità di apprendimento; - dallinsegnamento allapprendimento sostenendo linsegnante… - sostegno allinsegnante e allinnovazione, per lo sviluppo delle intelligenze e per un bambino/a studente/studentessa irrinunciabile, irripetibile, inviolabile…

3 3 Piergiuseppe Ellerani C Università degli Studi di Urbino Fonte: Memorandum sullistruzione e la formazione permanente, UE, 2000 ARIAC: Perché… 1.LEuropa di oggi è alle prese con una trasformazione di portata comparabile a quella della rivoluzione industriale. 2. La tecnologia digitale sta trasformando la nostra vita sotto tutti i punti di vista e la biotecnologia cambierà forse un giorno la vita stessa. 3. Le società europee si stanno trasformando in mosaici pluriculturali.

4 4 Piergiuseppe Ellerani C Università degli Studi di Urbino a) Gli studenti, sempre di più oggi, arrivano in classe con pre-cognizioni su come il mondo funziona. b)Fare esperienza di applicazioni reali - di conoscenze, fatti e abilità – avvicina la scuola al mondo reale. c) Un approccio metacognitivo, può aiutare gli studenti adimparare ad imparare, abituandoli a controllare i propri apprendimenti. (How people learn, J.D. Bransford, 2000) E cambiato il modo di apprendere

5 5 Piergiuseppe Ellerani C Università degli Studi di Urbino Gli studenti non ricevono e non elaborano passivamente le informazioni: sono partecipanti attivi nel processo di apprendimento (P.I.S.A, 2001) (How people learn, J.D. Bransford, 2000) E cambiato il modo di apprendere

6 6 Piergiuseppe Ellerani C Università degli Studi di Urbino Una competenza intellettuale umana deve comportare un insieme di abilità di soluzione di problemi, consentendo allindividuo di risolvere genuini problemi o difficoltà in cui si sia imbattuto e, nel caso, di creare un prodotto efficace; inoltre deve comportare la capacità di trovare o creare problemi, preparando in tal modo il terreno allacquisizione di nuova conoscenza. (Formae mentis, H. Gardner, 1985) E cambiato il concetto di intelligenza

7 7 Piergiuseppe Ellerani C Università degli Studi di Urbino (Formae mentis, H. Gardner, 1985) E cambiato il concetto di intelligenza Le intelligenze sono come un insieme di procedimenti di know-how per fare le cose. Per questo Gardner attribuisce ad ogni intelligenza un nucleo computazionale, in grado di elaborare le informazioni in modo altamente specifico, connotando i linguaggi attraverso i quali organizzare gli output. La mente è competente in questa organizzazione e può essere educata.

8 8 Piergiuseppe Ellerani C Università degli Studi di Urbino 2. La comprensione è più sottile. E un modo di essere capace di fare una varietà di cose, pensate dallinsegnante per provocare, attraverso un certo argomento... come spiegare, trovare evidenze ed esempi, generalizzare, applicare, analizzare e rappresentare largomento in modi nuovi… (Teaching for Understanding, D. Perkins, 1998) E cambiato il concetto di comprensione 1.Tutti abbiamo un concetto ragionevole di cosè la conoscenza: quando uno studente conosce qualche cosa, sa rispondere a delle domande, parlandoci delle sue conoscenze o dimostrandoci delle abilità;

9 9 Piergiuseppe Ellerani C Università degli Studi di Urbino 2 E la pedagogia? Novità o ricorsività?

10 10 Piergiuseppe Ellerani C Università degli Studi di Urbino a) Il criterio per unazione di riforma che non voglia essere solo riformistica deve partire prima di tutto dalla FUNZIONE che viene assegnata alla scuola dalla società civile nella sua fase di trasformazione e cambiamento. b)La scuola quindi deve contribuire, con gli strumenti che le sono propri - realizzandosi innanzitutto come comunità educativa – alla maturazione della personalità dello studente, considerata nellintegralità dei suoi aspetti. (G.M. Bertin, 1973) Educazione e alienazione Casa Italia: il Problematicismo

11 11 Piergiuseppe Ellerani C Università degli Studi di Urbino c) La scuola non deve limitarsi a trasmettere e a partecipare generiche abilità, ma tecniche e metodi per conoscere e individuare aspetti della realtà naturale, tecnologica e umana, secondo un processo di acquisizione che va continuato al di là del periodo scolastico. b)Occorre quindi permettere allo studente – già durante il periodo scolastico – di apprendere ad orientarsi nelle problematiche effettive del nostro tempo. (G.M. Bertin, 1973) Educazione e alienazione Casa Italia: il Problematicismo

12 12 Piergiuseppe Ellerani C Università degli Studi di Urbino QUALE SISTEMA PER AFFRONTARE IL CAMBIAMENTO?

13 13 Piergiuseppe Ellerani C Università degli Studi di Urbino 1.Cooperazione; 2.Relazione; 3.Democrazia; 4.Partecipazione; 5.Impegno Un sistema scuola generatore di capitale scolastico:

14 14 Piergiuseppe Ellerani C Università degli Studi di Urbino Preparare per oggi e per domani Elliot Eisner Cosa la scuola dovrebbe insegnare attraverso i curricoli DeSeCo – Quali competenze Per il XXI Secolo a.Abilità di giudizio, fornire di senso le scelte che si fanno; b. Abilità di pensare in modo critico; c. Apprendimenti significativi e profondi d. Collaborazione; e. Interdipendenza con la comunità. a.Elaborare e condurre piani di vita e progetti personali; b.Cooperare; c. Usare conoscenza e informazioni attivamente; d. Amministrare e risolvere conflitti; e. Usare la tecnologia attivamente.

15 Piergiuseppe Ellerani C Università degli Studi di Urbino Cooperative Learning: elementi caratteristici Interdipendenza positiva Interazione promozionale faccia a faccia Responsabilità individuale Insegnamento diretto abilità sociale Revisione e valutazione autentica Interazione simultanea Eterogeneità e controllo status Contesto Prodotto complesso Equa partecipazione Apprendimento Cooperativo

16 16 Piergiuseppe Ellerani C Università degli Studi di Urbino Linsegnante ricercatore nella scuola laboratorio. Bressanone, 27 – 28 – 29 agosto


Scaricare ppt "1 Piergiuseppe Ellerani C Università degli Studi di Urbino Linsegnante ricercatore nella scuola laboratorio. Bressanone, 27 – 28 – 29 agosto."

Presentazioni simili


Annunci Google