La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Copyright © 2006 Zanichelli editore La maggior parte degli animali possiede una cavità corporea, cioè uno spazio ripieno di liquido tra il tubo digerente.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Copyright © 2006 Zanichelli editore La maggior parte degli animali possiede una cavità corporea, cioè uno spazio ripieno di liquido tra il tubo digerente."— Transcript della presentazione:

1 Copyright © 2006 Zanichelli editore La maggior parte degli animali possiede una cavità corporea, cioè uno spazio ripieno di liquido tra il tubo digerente e la parete corporea. Si tratta di uno pseudoceloma oppure di un vero e proprio celoma. Rivestimento esterno Regione non cava riempita di tessuto Tubo digerente Rivestimento esterno Strato muscolare Tubo digerente Pseudoceloma Rivestimento esterno Strato di tessuto Celoma Tubo digerente Cavità gastrovascolare è lunico spazio presente allinterno del corpo Comparsa di una cavità corporea (spazio pieno di liquido posto tra il tubo digerente e la parete del corpo) PSEUDOCELOMA= FALSO CELOMA Spazio interno non è completamente rivestito dai tessuti del mesoderma CELOMA Spazio interno è completamente rivestito dai tessuti del mesoderma

2 Copyright © 2006 Zanichelli editore 1.rende più flessibile il corpo dellanimale e contribuisce al movimento (strisciare, scavare), funzionando da scheletro idrostatico 2.permette agli organi viscerali di crescere e muoversi indipendentemente dalla parete del corpo 3.protegge gli organi interni dagli urti, compressioni, colpi 4.favorisce la circolazione delle sostanze nutritive e dellossigeno in tutto il corpo 5.contribuisce alleliminazione delle sostanze di rifiuto VANTAGGI DERIVATI DALLA PRESENZA DEL CELOMA

3 Copyright © 2006 Zanichelli editore REGNO: ANIMALIA PHYLUM: Nematoda (vermi cilindrici) N° SPECIE: conosciute HABITAT: luoghi in cui ci sia sostanza organica in decomposizione (suolo, fondo dei laghi e degli oceani) Vita libera (decompositori), parassiti di piante e animali DIMENSIONI: 0,5mm cm CARATTERI MORFOLOGICI: cilindrica, coda sottile e affusolata e capo smussato, -presenza di una robusta cuticola di cellule morte che protegge lanimale da disidratazione e compressioni periodicamente sostituita con il processo di muta -presenza di uno PSEUDOCELOMA e di tubo digerente COMPLETO Colorizzata SEM 400 Bocca

4 Copyright © 2006 Zanichelli editore

5 Nematodi - vermi cilindrici - Nematodi - vermi cilindrici - MORFOLOGIA Sessi separati, con dimorfismo sessuale. maschio femmina La femmina in genere è di maggiori dimensioni. I nematodi sono ubiquitari, essendo presenti nelle regioni polari, nei tropici, nei deserti, montagne, grandi profondità marine. Alcuni occupano habitat acquatici particolari, che comprendono sorgenti calde

6 Copyright © 2006 Zanichelli editore MORFOLOGIA La cavità centrale Accoglie: 1.Lapparato digerente. 2.Lapparato genitale Accoglie: 1.Lapparato digerente. 2.Lapparato genitale

7 Copyright © 2006 Zanichelli editore ANATOMIA PRESENZA DI: 1.Sistema digerente. 2.Sistema riproduttore. 3.Sistema nervoso. 4.Scheletro idrostatico. 5.Sistema escretore. ASSENZA DI: 1.Sistema circolatorio. 2.Sistema respiratorio.

8 Copyright © 2006 Zanichelli editore NUTRIMENTO Tubo digerente completo, cilindrico e lineare con due aperture 1.Il tubo ha regioni specializzate per compiere funzioni specifiche - triturazione e rimescolamento del cibo con enzimi (parte anteriore) -assorbimento molecole nutritive e eliminazione sostanze di rifiuto Il fluido contenuto nello pseudoceloma distribuisce a tutto il corpo le sostanze nutritive assorbite dal tubo digerente 2Lalimentazione può essere continua Lesofago contribuisce ai processi digestivi grazie alla presenza di ghiandole che secernono enzimi idrolitici

9 Copyright © 2006 Zanichelli editore Parassiti Fitofagi Predatori La forma della cavità boccale è legata al tipo di alimentazione MOVIMENTO Lo pseudoceloma funge anche da idroscheletro contrazione dei muscoli longitudinali andatura trascinata

10 Copyright © 2006 Zanichelli editore

11 SISTEMA RIPRODUTTORE

12 Copyright © 2006 Zanichelli editore SISTEMA RIPRODUTTORE FEMMINILE Costituito da: 1.Due ovaie allungate. 2.Un ovidutto per ciascun ovario. 3.Gli ovidutti confluiscono in una vagina che si apre allesterno con un orifizio vulvare. Le femmine dei nematodi possono essere: 1.Ovipare: depongono le uova. 2.Ovovivipare: depongono uova contenenti unembrione. 3.Vivipare: depongono una larva libera.

13 Copyright © 2006 Zanichelli editore SISTEMA RIPRODUTTORE MASCHILE Costituito da: 1.Un testicolo. 2.Dotto deferente. 3.Dotto eiaculatore che sbocca nella cloaca. 4.Presenza di organi copulatori chitinosi: gli spicoli.

14 Copyright © 2006 Zanichelli editore Dalluovo si schiude una forma larvale giovanile. Le larve subiscono quattro mute prima di raggiungere la maturità. CICLO EVOLUTIVO

15 Copyright © 2006 Zanichelli editore SISTEMA NERVOSO Costituito da gangli e da un anello di tessuto nervoso intorno alla faringe danno origine a piccoli nervi diretti verso l'estremità anteriore ed a due cordoni nervosi più grandi, uno dorsale ed uno ventrale.

16 Copyright © 2006 Zanichelli editore Forme di resistenza alle condizioni avverse della microfauna Ad esempio temperatura, mancanza di ossigeno o umidità CRIPTOBIOSI (vita latente): assumono una forma a spirale o a botticella. Sintetizzano degli zuccheri (trealosio) che proteggono le membrane cellulari Nematodi

17 Copyright © 2006 Zanichelli editore Questi animali rappresentano uno dei principali componenti della microfauna del suolo dove svolgono un ruolo fondamentale nei processi di decomposizione della sostanza organica. IMPORTANZA ECOLOGICA Molte specie sono nocive per lagricoltura: attaccano lapparato radicale delle piante coltivate tramite stiletti boccali con cui suggono la linfa. in un ettaro di terreno coltivato ve ne sono molti miliardi. Sostanze organiche in decomposizione ne contengono a miriadi ( solo in una mela marcia).

18 Copyright © 2006 Zanichelli editore Le specie parassite delluomo e degli animali causano numerose patologie, soprattutto in aree tropicali. IMPORTANZA ECOLOGICA 1.Istofagi: si nutrono di frammenti di tessuto dellospite. 2.Ematofagi: si nutrono di sangue. 3.Chimivori: si trovano nel digerente nutrendosi di chimo.

19 Copyright © 2006 Zanichelli editore NEMATODI PARASSITI azioni patogene 1.Azione spoliatrice: privano lospite di principi nutritivi. 2.Azione tossica: possibile produzione di sostanze tossiche. 3.Azione meccanica: i parassiti se presenti in numero elevato possono provocare ostruzioni intestinali, vascolari o delle vie respiratorie. 4.Azione traumatica: per la penetrazione del parassita. 5.Azione inoculatrice: possibile trasmissione di germi patogeni. 1.Azione spoliatrice: privano lospite di principi nutritivi. 2.Azione tossica: possibile produzione di sostanze tossiche. 3.Azione meccanica: i parassiti se presenti in numero elevato possono provocare ostruzioni intestinali, vascolari o delle vie respiratorie. 4.Azione traumatica: per la penetrazione del parassita. 5.Azione inoculatrice: possibile trasmissione di germi patogeni.

20 Copyright © 2006 Zanichelli editore NEMATODI PARASSITI Elefantiasi Filaria Parassita del cane Vettore: le zanzare Può colpire anche gli esseri umani Effetti: elefantiasi Le femmine del parassita rilasciano nel sangue e nel sistema linfatico piccole larve dette microfilarie. Le microfilarie vengono aspirate dalle zanzare con il sangue e le piccole larve si sviluppano nelle zanzare sino a quando raggiungono lo stadio infettivo, quindi abbandonano la zanzara quando questa si nutre di nuovo su un altro ospite e penetrano tramite la ferita prodotta dalla puntura della zanzara stessa. Vive nei dotti linfatici e blocca il flusso della linfa; infatti i sintomi della malattia sono spesso associati con l'infiammazione e l'occlusione del sistema linfatico.

21 Copyright © 2006 Zanichelli editore Le drammatiche manifestazioni di elefantiasi si creano occasionalmente dopo una lunga e ripetuta esposizione ai vermi. Questa patologia è dovuta ad un eccessivo sviluppo del tessuto connettivo e ad un enorme rigonfiamento delle parti colpite, quali scroto, gambe, braccia.

22 Copyright © 2006 Zanichelli editore Stadio giovanile di Trichinella LM 350 Tessuto muscolare Trichinella spiralis Parassita di una grande varietà di mammiferi uomo compreso Si contrae con consumo di carni suine poco cotte che contengono lo stadio giovanile del verme Effetti: nausea (mortale se i parassiti entrano nel muscolo cardiaco) Luomo si infetta ingerendo carne contenente larve incistate nella muscolatura dellospite. Le larve si attivano nellintestino aggredendo la parete intestinale di cui si nutrono Successivamente le larve perforano lintestino e penetrano nel torrente sanguigno, vengono trasportate così nella muscolatura delluomo dove formano nuove cisti. Quando il numero di cisti è elevato la malattia diventa dolorosa e perfino mortale se lorgano parassitato è il cuore

23 Copyright © 2006 Zanichelli editore Ascaris Viene di solito utilizzato in zoologia come materiale di studio, come pure nella ricerca sperimentale. Di conseguenza si conosce probabilmente meglio la struttura, la fisiologia, e la biochimica di Ascaris di quanto non si sappia per qualsiasi altro nematode. Ascaris lumbricoidesAscaris lumbricoides: è uno dei parassiti più comuni presenti nell'uomo. Il maschio è più piccolo della femmina ed ha l'estremità della coda con una caratteristica forma ricurva. Le femmine di questo grande nematode possono essere lunghe oltre 30 cm.

24 Copyright © 2006 Zanichelli editore Una femmina di Ascaris può deporre uova al giorno; queste vengono espulse con le feci dell'ospite. Le uova presentano una straordinaria resistenza all'essiccamento, alla mancanza di ossigeno e non all'elevata temperatura e alla luce diretta del sole. Le uova possono essere vitali per molti mesi o spesso anche anni. L'infestazione di solito avviene quando le uova vengono ingerite con vegetali non cotti o quando i bambini si mettono in bocca dita o giocattoli sporchi di terra. Se inghiottite dall'ospite, schiudono piccole larve che penetrano attraverso la parete intestinale entro le vene ed entro i vasi linfatici e vengono trasportate attraverso il cuore fino ai polmoni. Dai polmoni per rottura degli alveoli, passano nella trachea (l'infestazione è massiva in questo stadio possono provocare una grave polmonite) e quando raggiungono la faringe le larve vengono inghiottite, fatte passare attraverso lo stomaco e alla fine maturano (circa due mesi dopo l'ingestione delle uova). Giunte nell'intestino, i vermi si nutrono del contenuto intestinale causando sintomi addominali e reazioni allergiche e, quando sono presenti in gran numero, possono provocare un blocco intestinale. La perforazione dell'intestino, con conseguente peritonite, non è rara, e vermi vaganti possono occasionalmente uscire dall'ano o dalla bocca o possono entrare nella trachea, nelle tube di Eustachio e nell'orecchio medio.

25 Copyright © 2006 Zanichelli editore


Scaricare ppt "Copyright © 2006 Zanichelli editore La maggior parte degli animali possiede una cavità corporea, cioè uno spazio ripieno di liquido tra il tubo digerente."

Presentazioni simili


Annunci Google