La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il Parto. Una donna che non ha avuto finora figli, cioè una nullipara, potrà avere un travaglio di 6 ore, vale a dire più lungo di quello di una pluripara.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il Parto. Una donna che non ha avuto finora figli, cioè una nullipara, potrà avere un travaglio di 6 ore, vale a dire più lungo di quello di una pluripara."— Transcript della presentazione:

1 Il Parto

2 Una donna che non ha avuto finora figli, cioè una nullipara, potrà avere un travaglio di 6 ore, vale a dire più lungo di quello di una pluripara che si aggira invece sulle 2-3 ore. I motivi di questo diverso comportamento vanno ricercati in una maggiore rigidità del canale del parto e in unattività uterina in molti casi inefficace.

3 Questultima causa, in particolare, può essere responsabile anche dei parti operativi, che si presentano con maggiore prevalenza nelle nullipare. Essi possono tuttavia essere in larga parte evitati con la somministrazione di ossitocina, lormone fisiologico in grado di aumentare le contrazioni uterine.

4 Sia le nullipare che le pluripare andranno incontro alla fase prodromica, cioè di preparazione al travaglio, che si annuncerà con contrazioni gravidiche, ritmiche e dolorose, della durata media di 2-3 ore. Esse si avvertono soprattutto nelle ore serali o notturne, possono presentarsi anche per qualche giorno e comportano a volte una perdita di muco dai genitali.

5 Le contrazioni dolorose fanno spesso precipitare la partoriente in ospedale. Da sole non sono però il segno inconfutabile che la futura mamma sia entrata in travaglio. Lo sarà infatti se ad esse si accompagna un appianamento completo della cervice uterina, cioè se il canale cervicale viene incluso nella parte inferiore dellutero formando un corpo unico e continuo. Inizio del travaglio di parto

6 uesto processo non va confuso con la dilatazione, che è indica unicamente lallargamento dellimboccatura dellutero. Lappianamento precede di solito la dilatazione, in quanto non sono due fenomeni simultanei ma consecutivi tra loro. Inizio del travaglio di parto

7 Allo stesso modo non si può porre diagnosi di travaglio, se il collo dellutero risulta appianato ma non è accompagnato da contrazioni dolorose. In questo caso si tratta di una dilatazione passiva, da non confondere con quella attiva che caratterizza linizio del travaglio. Inizio del travaglio di parto

8 Periodo dilatativo La partoriente entra nella I fase del travaglio quando la cervice uterina si è dilatata circa di 10 cm. A questo stadio di solito si rompono spontaneamente le acque. Se le membrane restano tuttavia ancora integre e il collo dellutero si è aperto di 4-5 cm, deve essere eseguita lamnioressi, cioè la rottura provocata delle acque.

9 Periodo dilatativo E infatti importante conoscere laspetto del liquido amniotico, che offre sempre una buona indicazione delle condizioni fetali per tutta la durata del travaglio. Non è trascurabile neppure lefficace azione uterina che lamnioressi assicura nel 60 per cento delle nullipare e nel 95 per cento delle pluripare.

10 Periodo dilatativo Se dopo tre ore dallamnioressi la dilatazione non procede di almeno 1 cm allora, il travaglio può essere accelerato dalla somministrazione di ossitocina. Questo ormone può essere dato con sicurezza ad una nullipara che ha in grembo un unico feto, il quale si presenta in posizione fisiologica nel canale del parto e in un contesto di membrane già rotte, liquido amniotico limpido o tinto con meconio a cui si associa però unecografia normale.

11 Periodo dilatativo Anche una donna che ha già avuto altri figli può tuttavia beneficiare di questo ormone. Deve però essere in procinto di un parto gemellare, avere avuto un precedente intervento allutero o stare per partorire un feto che si presenta di faccia. Luso dellossitocina è comunque controindicato quando il nascituro si presenta di fronte o in posizione podalica o quando le membrane sono ancora integre.

12 Periodo dilatativo A metà del periodo dilatante, vale a dire quando il collo dellutero si è aperto di 3-4 cm, si può eseguire lanestesia epidurale, che comporta lintroduzione di un anestetico locale nello spazio compreso tra le vertebre lombari.

13 Periodo dilatativo Durante questa fase, la partoriente può assumere la posizione che più gradisce. Può stare in piedi, se preferisce, o in decupito laterale, in modo da imprimere una maggiore efficacia al motore uterino. Il frequente cambio di posizione non crea infatti problemi al feto e aumenta invece il comfort materno.

14 Periodo espulsivo Questo stadio inizia quando ormai il collo dellutero si è dilatato completamente e ha il compito di far procedere il nascituro lungo il canale del parto. Una struttura muscolo-mucosa, questultima, composta dalle ossa del piccolo bacino, rappresentate davanti dal pube, di lato prevalentemente dallischio e dallileo e dietro dal sacro e dal coccige.

15 Periodo espulsivo Nella prima fase, che dura al massimo unora, la vagina non è ancora distesa e la partoriente non sente la necessità di spingere. Se il parto deve essere effettuato durgenza, è questo il momento di effettuare il cesareo.

16 Periodo espulsivo La seconda fase di questo stesso periodo comincia invece dal momento in cui la testa del feto raggiunge il pavimento pelvico e si conclude con la nascita. La madre di solito non avverte contrazioni dolorose, perché le fibre del collo dellutero si sono ormai dilatate.

17 Periodo espulsivo Ha invece voglia di espellere, perché la testa del feto, scendendo lungo il canale del parto, schiaccia lampolla rettale conferendole il cosidetto premito. Se la partoriente non avverte questa sensazione, può darsi che la testa del feto sia troppo grossa o messa in posizione non fisiologica. Questo inconveniente viene di solito evidenziato già durante la fase dilatativa.

18 Periodo espulsivo Lostetrica, introducendo un dito in vagina, determina infatti la posizione della testa fetale in base alla disposizione delle fontanelle e delle suture del cranio che avverte al tatto. In questo modo è al corrente se la testa del nascituro è girata a destra piuttosto che a sinistra, se è completamente flessa o perfettamente calibrata, cioè messa sul giusto piano per scendere lungo il canale del parto.

19 Periodo espulsivo In ogni caso lostetrica non inviterà la partoriente a spingere fintanto che la testa del feto non abbia raggiunto il pavimento pelvico. Dopo aver escluso una presentazione anomala del nascituro, si procederà tuttavia allinfusione di ossitocina se è trascorsa unora nelle nullipare, e mezzora nelle pluripare, dal momento in cui sono entrate nella fase di espulsione. Se nonostante la somministrazione dellormone la situazione rimane immutata, si renderà necessaria lesecuzione del taglio cesareo.

20 Periodo espulsivo In questa fase è controversa la posizione che può assumere la partoriente. Un buon compromesso è quello di lasciare alla donna tale scelta. Deciderà lei pertanto se stare in piedi, accovacciata, semiseduta, in posizione laterale o dorsale, fino al momento in cui la testa del feto non ha raggiunto il pavimento pelvico. A questo punto, per facilitare le manovre dellostetrica, è preferibile stendersi supine sul lettino.

21 Periodo espulsivo Quando la testa del feto è finalmente fuoriuscita, losterica provvederà subito ad aspirare il muco che esce dal naso del nascituro e a controllare se il funicolo ombelicale è attorcigliato intorno al collo. Se si presenta questo inconveniente, cercherà dapprima di srotolarlo e, se non fosse possibile perché troppo stretto, lo clamperà e lo reciderà prima di disimpegnare le spalle.

22 Periodo espulsivo In condizioni di normalità, dopo secondi dalla nascita, si clamperà e reciderà il funicolo ombelicale e si somministreranno 5 unità di ossitocina. Si completerà laspirazione del muco che fuoriesce dal naso del neonato che verrà coperto e posato in grembo alla madre.

23 Periodo del secondamento Questa fase, che comporta la fuoriuscita della placenta e lasportazione del funicolo ombelicale, è il momento più pericoloso di tutto il travaglio. Possono infatti insorgere delle complicazioni, come lavvento di unemorragia post-parto, il mancato distacco della placenta o linversione uterina.

24 Video Video Parto Video parto Vero


Scaricare ppt "Il Parto. Una donna che non ha avuto finora figli, cioè una nullipara, potrà avere un travaglio di 6 ore, vale a dire più lungo di quello di una pluripara."

Presentazioni simili


Annunci Google