La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LA PUBBLICAZIONE 3 novembre 2011 La grafica. La pubblicazione: la stampa Sulla scorta della collana cui è stato assegnato Graphic design Impaginazione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LA PUBBLICAZIONE 3 novembre 2011 La grafica. La pubblicazione: la stampa Sulla scorta della collana cui è stato assegnato Graphic design Impaginazione."— Transcript della presentazione:

1 LA PUBBLICAZIONE 3 novembre 2011 La grafica

2 La pubblicazione: la stampa Sulla scorta della collana cui è stato assegnato Graphic design Impaginazione del testo Correzione bozze Invio alla stampa

3 Struttura di una casa editrice Editore/publisher (proprietà) Amministratore delegato Direttore di collana / acquiring editor ScoutingRedazione Uff. legale Stampa Comunicazione e marketing Commerciale Capo-redattore Redattore (copy/line editor) Uff. tecnici Capo ufficio tecnico Grafico Impaginatore Correttore bozze Fotocompositore (Fotolito/CTP) Tipografo Legatore Direttore commerciale Agenti Distributori (magazzini) Responsabile marketing Capo ufficio stampa Addetti/Segreteria Agente letterario Scout Consulente editoriali Lettore Direttore letterario / content editor Proto Autore/Traduttore Uff. contratti Uff. diritti esteri Diritti sulle immagini e SIAE Direttore editoriale / editorial director Illustratore

4 Gabbie grafiche e formati Formato UNI Rapporto 5 a 7 Sezione aurea (a+b) : a = a : b = b : (a-b) Rapporto 5 a 8

5 Gabbie grafiche e formati Cataloghi darte Tascabili Fuori formato

6 Il modello dei manoscritti: gli incunaboli "Divina Commedia" col commento di Cristoforo Landino (Brescia, Bonino de Bonini, 1487) Codice 1080 di Firenze (1337) di Francesco di ser Nardo da Barberino Manoscritto di Cortona (primi anni del XIV sec.) Digestum novum di Giustiniano MS 219 – Ialia,

7 Caratteri: Francesco Griffo per Aldo Manuzio Caratteri greci per l Aristotele (Venezia, ) Caratteri corsivi per il Virgilio (Venezia, 1501) Caratteri tondi per il De Aetna di Pietro Bembo, (Venezia, 1496)

8 Nuovi Caratteri: Garamond, Baskerville, Bodoni John Baskerville ( ) Claude Garamond ( ) Giambattista Bodoni (1740 – 1813)

9 Caratteri: Serif (con grazie) o sans serif (bastoni) Baskerville Garamond Bodoni Times new Roman Arial Helvetica Franklin Gothic

10 Caratteri e (foglio di) stile: luniformazione

11

12 Responsabilità intellettuale: dal colophon ai frontespizi Colophon della Biblia Polyglotta (Academia Complutensi: Arnaldi Guillelmi de Brocario, )

13 De oboedientia, di G. Pontano (Napoli, Mattia Moravo, 1490) Responsabilità intellettuale: dal colophon ai frontespizi

14

15 Dialogo sopra i due massimi sistemi di Galileo Galilei (Firenze, 1632) Historia di Terni descritta da Francesco Angeloni (Roma: nella stamperia di Andrea Fei, 1646) Dal colophon ai frontespizi: lantiporta

16 Libro di consolato nouamente stampato et ricorretto, nel quale sono scritti capitoli & statuti & buone ordinationi, che li antichi ordinarono per li casi di mercantia & di mare & mercanti & marinari, & patroni di nauilii (Stampato in Vinegia : per Giouanni Padoanno : ad instantia de Giouan Battista Pedrezano, 1539). Dal colophon ai frontespizi: le marche tipografiche

17 Aldo Manuzio I Senneton Dal colophon ai frontespizi: le marche tipografiche I Sessa

18 Le marche tipografiche oggi: Einaudi Ereditato dalla rivista «La Cultura» di cui Giulio Einaudi fu l'ultimo editore, prima della soppressione nel Origine: Paolo Giovio (Dialogo delle imprese militari et amorose, 1574) per "l'impresa" di Girolamo Mattei Romano col motto «Spiritus durissima coquit». Giacomo Manzù nel 1961 per i Quarantun disegni Disegno donato da Picasso a Giulio Einaudi nel 1951 (da unillustrazione per un'edizione francese delle Storie naturali di Jules Renard.) Nell'ottobre 2000, in occasione della fiera di Francoforte, è stato presentato il nuovo struzzo d'artista realizzato da Giulio Paolini.

19 Responsabilità intellettuale: dal colophon ai frontespizi

20

21 Dalla responsabilità intellettuale alla captatio del lettore: dai frontespizi ai risvolti di copertina Buonafede Vanti, Gian Lorenzo Viaggio occidentale a S. Giacomo di Galizia, Nostra Signora della Barca e Finis Terrae: Per il Mare Mediterraneo, Oceano, Algarve, Portogallo, Spagna, e Francia / Fatto e descritto dal P.G.L.B.V. da Castel S. Pietro Minore Osservate di S. Francesco Bologna: Costantino Pisarri allinsegna di S. Michele, 1719 Cellini, Benvenuto Vita di B. Cellini orefice e scultore fiorentino / da lui medesimo scritta; nella quale molte curiose particolarità si toccano appartenenti alle arti ed allistoria del suo tempo, tratta da un ottimo manoscritto Colonia [i.e.Napoli]: per Pietro Martello, 1728 Griselini, Francesco Lettere odeporiche di F. G.: ove i suoi viaggi e le di lui osservazioni spettanti all'istoria naturale, ai costumi di varj popoli, e sopra più altri interessanti oggetti si descrivono Milano, 1780 Pirani di Cento, Giovanni convulsioni (Le) delle signore di bello spirito di quelle che affettan letteratura e dell'altre attaccate dalla dolce passione d'amore malattia di questo secolo; Con l'anatomia di alcuni cuori, e cervelli di esse Venezia: stamperia Graziosi a S. Apollinare, 1789

22 Dalla responsabilità intellettuale alla captatio del lettore: dai frontespizi ai risvolti di copertina Bianchi, GiovanniBreve storia della vita di Catterina Vizzani romana; Che per ottanni vestì abito da uomo in qualità di Servidore la quale dopo varj casi essendo infine stata uccisa fu trovata Pulcella nella sezzione del suo Cadavero Venezia: per Simone Occhi, 1744 Chiari, Pietro bella (La) tartara, ossia memorie ed avventure del celebre principe Zingis Condannato a perdere la sua preziosa Vita sopra un Patibolo Venezia: dalle stampe di Antonio Graziosi, 1778 Compagnoni, Giuseppe Corrispondenza segreta sulla vita pubblica, e privata del conte di Cagliostro; Con le sue Avventure e Viaggi in diverse parti del Mondo, e spezialmente in Roma, con lestratto del suo processo, e Sentenza; e gli arcani della setta deglilluminati e liberi muratori [Venezia:] a spese dellautore [presso Antonio Zatta], 1791 Chiari, PietroGiuocatrice (La) di lotto, o sia Memorie di Madama Tolot / scritte da lei medesima; Colle regole con cui fece al Lotto una fortuna considerabile, e pubblicate dallabate Pietro Chiari Venezia: Angelo Pasinelli, 1757

23 Dalla responsabilità intellettuale alla captatio del lettore: dai frontespizi ai risvolti di copertina La Fortelle, Mad. De Vita (La) militare, politica e privata della nobile zittella La Signora dEon conosciuta fino allanno MDCCLXXVII sotto il nome di Cavalier dEon, Firenze: a spese di Francesco Pisoni, impresso nella stamperia Allegrini, Pisoni, e Comp., 1779 Pubblicato, sempre nel 1779, anche da Colombani a Venezia come Vita Militare, Politica, e Privata della Signora D' Eon nata in Sciampagna l'anno 1728, o sia Memorie interessanti del Cav. D'Eon, dell'Ordine reale e militare di S. Luig, Capitano veterano de dragoni e dei volontari dell'armata, Aiutante di campo del maresciallo conte di Broglio, Dottore in Ius civile e canonico, Avvocato nel parlamento di Parigi, Censore reale per l'Istoria e per le Belle Lettere, ministro plenipotenziario alla corte di Londra, ecc., ecc.; scoperto femmina l'anno 1777, che vive ora in abito femminile in Francia.

24 Dalla responsabilità intellettuale alla captatio del lettore: dai frontespizi ai risvolti di copertina

25 Dai frontespizi ai risvolti: il prière dinsérer

26 : segnalibri di Leo Longanesi per la collana Grande Biblioteca

27 Anni Quaranta > collana Corona di Bompiani > risvolti Dai frontespizi ai risvolti: attorno alla copertina 1947 > collana Medusa degli Italiani di Mondadori > libro sulla II e biografia autore sulla III > collana Gettoni di Einaudi > risvolti di Vittorini Anni Cinquanta> ricorso alla Quarta di Copertina

28 Il genere del risvolto e della quarta G. Genette, Soglie …un primo paragrafo descrittivo il più fattuale possibile, un paragrafo di commento tematico e tecnico, e alla fine un apprezzamento ricco di elogi…

29 Il genere del risvolto e della quarta Il Seicento italiano non è certo un secolo in cui si possa ragionevolmente sperare d'imbattersi in romanzi divertenti. Eppure, ecco che anche di lí salta fuori un libretto che si presenta all'insegna della comicità dal principio alla fine, e che può ben essere detto italiano per autore e per tema anche se nasce in terra e in lingua di Francia. Diciamo subito che il mondo da cui nasce è quello - quanto mai italiano e quanto mai «d'esportazione» - della Commedia dell'Arte, delle cui bricconesche trovate e dei cui lazzi sembra voler fornire un equivalente narrativo. Scritta da un comico (veronese di nascita, 1654?-1729), Angelo Costantini, famoso Mezzettino a Parigi, La vie de Scaramouche (1695), racconta la vita d'un famoso comico napoletano, Tiberio Fiorilli (1608?-1694), trasformata in un picaresco seguito di episodi buffi. Episodi inventati, s'intende, o meglio di repertorio, ma che ripercorrono, con una fedeltà di fondo, le tappe della carriera dell'attore. Ma tutti i dati sul libro, sul protagonista e sull'autore s'imbrogliano, perché la trama di truffe e ribalderie che sostiene il testo s'estende alla sua genesi controversa, in mezzo alle perpetue beghe tra attori, che Guido Davico Bonino ricostruisce, presentando questa sua scoperta nella traduzione di Mario Bonfantini. La narrazione, secondo i modelli del genere picaresco, da poco trapiantato di Spagna in Francia, va di capitoletto in capitoletto snocciolando un seguito di disavventure e gherminelle da strada maestra e locanda. Si sfiora anche il romanzo d'avventure propriamente detto, con rapide vicissitudini marinare e brigantesche. E non manca qualche autentico sapore documentario nelle sequenze d'una traversata delle Alpi un po' a dorso di mulo, un po' in lettiga, un po' in slitta. Finché Scaramuccia non arriva alla Corte di Francia, ed ecco che sugli scambi di botte e risposte tra la maschera napoletana e il Re Sole in persona si proietta l'ombra di Bertoldo e Re Alboino. Un'«aura di stralunato balletto comico» pervade il libro, la cui elementare narratività non si distacca di molto dagli «scenari» della Commedia delle maschere. O addirittura precorre il susseguirsi di gags delle «comiche finali» cinematografiche: non manca neppure la torta in faccia, cioè un grosso pasticcio che si sfonda sulla testa di Scaramuccia e gli s'adagia attorno al collo «come una bella gorgiera alla spagnola». Italo Calvino

30 Il genere del risvolto e della quarta Nuova Corona/26 Collana diretta da Maria Corti Le due sceneggiature di Verga che si offrono al lettore rivestono una eccezionale importanza non solo in quanto inedite, ma perché Carla Riccardi, specialista negli studi verghiani a livello internazionale e quindi curatrice ideale, ha voluto chiaramente inquadrare entro il cinema italiano delle origini il lavoro di Verga, teso a usare meccanismi narrativi in funzione del nuovo mezzo, il cinema, e ad elevarlo a forma d'arte. Ecco che il testo Cavalleria rusticana, passato per la sua stessa spettacolare tematica dalla novellistica al teatro, segnò nel 1909 l'inizio del rapporto complesso, a volte drammatico, di Verga col cinema durato sino al 1920 e caratterizzato dalla presa di posizione entro l'area del cinema verista. Il lettore si diletterà a imbattersi, nella ricca Prefazione della curatrice, in particolari momenti della storia del suggestivo cammino del nostro cinema e in altrettanti mirabili momenti della storia dello scrittore alle prese corL le varie questioni tecniche, quella dell'estrazione di funzioni narrative per creare il soggetto filmico e quella del "trattamento" e della vera sceneggiatura o copione. Si vedrà come Verga soffra in quanto troppo innovatore, in anticipo sui tempi e, come tale, violentato dalla regia. Non meno allettante la Postfazione sulle specifiche sceneggiature di Verga, redazioni, riduzioni, interventi stilistici sulle varie sequenze, amori e odii della critica oltre che sul travaglio dell'artista quale risulta dall'epistolario. E non parliamo della precisa documentazione filologica negli Apparati e Nota ai testi, cosa rara in Italia nella stampa di sceneggiature, sicché si vorrebbe sperare che questa ricerca operi da modello e stimolo per i futuri prodotti di storia del cinema nel nostro Paese. M.C

31 Il genere del risvolto e della quarta Il libretto che qui si presenta è, propriamente, un trattatello, un manualetto teoricopratico; e, come tale, ben si sarebbe schierato a fianco di un Dizionarietto del vinattiere di Borgogna, e di un Manuale del floricultore: testi, insomma, nati da lunga e affettuosa frequentazione della materia, compilati con diligente pietas da studiosi di provincia, socievoli misantropi, mitemente fanatici ed astratti; e segretamente dedicati alle anime fraterne, appunto ai capziosi delibatori, ai visionari botanici o, come in questo caso, ai rari ma costanti cultori della levitazione discenditiva. L'autore, umile pedagogo, ambisce alla didattica gloria di aver, se non colmato, almeno indicato una lacuna della recente manualistica pratica; parendogli cosa stravagante, che, tra tanti completi e dilettosi do it yourself, quello appunto si sia trascurato, che ha attinenza con la propria morte, variamente intesa. Come usa, e non senza peritosa compunzione, si additano qui taluni modesti pregi del volumetto, che forse lo differenziano da altri consimili trattati, anche più solenni: la definizione di concetti dati troppo spesso per noti, come balistica interna ed esterna, angosciastico, adediretto; l'aver proposto una nuova, e a nostro avviso, pratica e maneggevole classificazione delle angosce; arricchita, inoltre, di un Inserto sugli addii, che a noi pare non infima novità della opericciuola; l'inclusione nel discorso di cervi e amebe, a sottolineare il carattere più che semplicemente umanistico dell'impostazione; e, soprattutto, aver raccolto e presentato alcune diligenti e non esigue documentazioni, non senza abbozzo di commento, che consentiranno di verificare le enunciazioni della parte teoretica; giacché il libro si divide appunto in due parti, che potremmo denominare Morfologia ed Esercizi. E se taluno troverà codesti documenti inconditi e affatto notarili, non dimentichi che il loro pregio è da ricercare nella minuziosa, accanita fedeltà al vero; e pertanto, essi vengono qui proposti come esempi di quel realismo, moralmente e socialmente significativo, di cui il raccoglitore vuol essere ossequioso seguace. GIORGIO MANGANELLI

32 Copertine: sperimentazioni sui materiali

33 Copertine: Munari e la sperimentazione sulle forme

34 Collana Grandi Libri Garzanti Copertine: il codice colore

35 Copertine: nuove copertine per nuovi pubblici

36 Copertine: nuove copertine per pubblici diversi copertine di Damir Jellici e Gianluigi Toccafondo per Fandango, 2005

37 Titoli: descrivere o alludere? Prime impressioni di Jane AustenOrgoglio e pregiudizio Il cuoco di mare di Robert Louis StevensonL'isola del tesoro La balena di Herman MelvilleMoby Dick Giuda: una storia di Cristo di Lew WallaceBen Hur L'ultimo uomo d'Europa di George Orwell 1984 II regno vicino al mare di Vladimir NabokovLolita Prima di questa rabbia di Arthur HaileyRadici Gli uccelli e le api di Woody AllenTutto quello che avreste voluto sapere sul sesso (ma non avete mai osato chiedere)... Pansy di Margaret MitchellVia col ventoTote the weary loadDomani è un altro giorno John Thomas e Lady Jane di David Herbert LawrenceL'amante di Lady Chatterley Labbazia del delitto di Umberto EcoIl nome della rosaAdso da Melk

38 Titoli: descrivere o alludere?

39 Titoli: traduzione bella e infedele? The catcher in the rye di David SalingerVita da uomo, 1952 Il giovane Holden, 1961 Lattrapecoeurs The evolution man di Roy LewisIl più grande uomo scimmia del Pleistocene The daydreamer di Ian McEwanLinventore di sogni No et moi di Delphine de ViganGli effetti secondari dei sogni To kill a mockingbird di Harper LeeIl buio oltre la siepe

40 Titoli: traduzione bella e infedele?

41


Scaricare ppt "LA PUBBLICAZIONE 3 novembre 2011 La grafica. La pubblicazione: la stampa Sulla scorta della collana cui è stato assegnato Graphic design Impaginazione."

Presentazioni simili


Annunci Google