La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IDROSTATICA E IDRODINAMICA IL SANGUE COME LIQUIDO BIOLOGICO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IDROSTATICA E IDRODINAMICA IL SANGUE COME LIQUIDO BIOLOGICO."— Transcript della presentazione:

1 IDROSTATICA E IDRODINAMICA IL SANGUE COME LIQUIDO BIOLOGICO

2

3 PRESSIONE di superficiedi volume P = F S Idrostatica

4 Principio di Pascal

5 Legge di Stevino

6

7

8

9

10 SUPERFICIE : SUPERFICIE : E valido il Principio di Pascal, che tiene conto della pressione esercitata sulle pareti di un contenitore. VOLUME : VOLUME : E valida la Legge di Stevino, che tiene conto della differenza di profondità del liquido. Infatti, ad una data altezza, il fluido risente del peso del liquido che lo sovrasta. P H La pressione nel punto P sarà minore rispetto alla pressione nel punto P. Questo perché la quantità di liquido sopra il punto P è minore della quantità di liquido sopra il punto P P = ; ( p – p ) = h = d g h F S = peso specifico d = densità g = accelerazione di gravità

11 Principio di Archimede

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21 PV=nRT

22 TENSIONE SUPERFICIALE: TENSIONE SUPERFICIALE: Contrazione dello stato superficiale del LIQUIDO, che tende a comportarsi come una pellicola elastica. Contrazione dello stato superficiale del LIQUIDO, che tende a comportarsi come una pellicola elastica. Grazie a questo effetto, alcuni insetti riescono a muoversi sugli specchi dacqua senza affondare

23 DIFFUSIONE Il meccanismo della diffusione gioca un importante ruolo nel movimento di molte molecole e ioni. Un caso particolare di diffusione, in cui un liquido attraversa una particolare membrana che separa soluzioni di concentrazione differente, OSMOSI è detto OSMOSI.

24 Diffusione secondo gradiente Diffusione contro gradiente Equilibrio dinamico CARATTERISTICHE FONDAMENTALI DIFFUSIONE: - Ogni molecola o ione si muove indipendentemente dalle altre; - Questi movimenti sono casuali; - Il risultato netto della diffusione è che le sostanze che diffondono si distribuiscono uniformemente.

25 UN PARTICOLARE TIPO DI DIFFUSIONE:LOSMOSI Membrana selettivamente permeabile Il movimento di molecole dacqua attraverso una membrana semipermeabile è un caso speciale di diffusione detto OSMOSI

26 Isotonica le due soluzioni a confronto hanno la stessa pressione osmoticaIpertonica la soluzione in esame ha una pressione osmotica maggiore rispetto a quella con qui si effettua il confrontoIpotonica la soluzione in esame ha una pressione osmotica minore rispetto a quella con qui si effettua il confronto

27 FLUIDODINAMICA FLUIDI IDEALI: FLUIDI IDEALI: - Moto stazionario - Portata - Teorema di Bernoulli - - Applicazioni - Conseguenze : Teorema di Torricelli FLUIDI REALI: FLUIDI REALI: - Attrito interno e viscosità - Effetti dellattrito interno su un liquido in un condotto - Legge di Poiseuille - Resistenza del mezzo (attrito viscoso) - Legge di Stokes - Caduta dei corpi - Es: Caduta di un corpo in un mezzo viscoso

28 viscosità : Ogni fluido è caratterizzato da una propria viscosità : v se si trascina con velocità v un galleggiante posto in una bacinella contenente h un fluido di altezza h, questo provoca lo slittamento degli strati sottostanti. F La forza F che si trasmette di strato in strato e che si oppone al moto del galleggiante è detta forza di viscosità ed è calcolabile grazie alla formula: F = S dove è la viscosità dinamica V V hFLUIDIvF A h

29 Un fluido privo di viscosità, viene detto fluido ideale. I fluidi reali possono essere classificati come: - Newtoniani = - Newtoniani = viscosità costante - Non newtoniani = - Non newtoniani = viscosità non costante

30 - Incomprimibili - Privi di attrito interno FLUIDI IDEALI

31 MOTO STAZIONARIO - tutte le particelle di fluido hanno la stessa velocità quando passano in un determinato punto. - le traiettorie descritte dalle particelle si chiamano linee di corrente 1 2

32 TUBO DI FLUSSO Definiamo tubo di flusso un fascio di linee di corrente entro il quale il fluido scorre come in un condotto senza mescolarsi con l'esterno.

33 PORTATA - Il volume di fluido che attraversa una qualsiasi sezione del condotto nell'unità di tempo - Il volume di fluido che attraversa una qualsiasi sezione del condotto nell'unità di tempo Q = S x v unità di misura nel SI m / s. 3

34 Poiché la portata è identica in ogni parte del fluido, per l EQUAZIONE DI CONTINUITA S V = S V S S S S V V V V =

35 TEOREMA DI BERNOULLI Nel flusso stazionario di un fluido ideale di densità, la pressione p del fluido e la sua velocità v verificano in ogni punto, se h è laltezza del punto da un livello di riferimento arbitrario, lequazione : p + d g h + d v² = costante d = densità S e S = due sezioni qualsiasi h e h = altezze delle due sezioni rispetto a un piano di riferimento p e p = pressioni del fliudo v e v = velocità in corrispondenza delle sezioni s s s s 2 h h 1 2 x 1 x 2

36 FLUIDI REALI REGIME LAMINARE REGIME LAMINARE Nel moto dei fluidi abbiamo trascurato lattrito interno. F = Tale equazione è valida quando: - La velocità è costante - I diversi strati di fluido scorrono gli uni sugli altri senza mescolarsi (le linee di corrente non si intersecano) S V h REGIME LAMINARE Tale moto si verifica con corpi piccoli e con velocità di alcuni cm/s

37 CADUTA DEI CORPI NEL REGIME LAMINARE Il corpo è soggetto a due forze: Forza peso P = m g Forza attrito viscoso F = - k v VELOCITA LIMITE VELOCITA LIMITE: m g = k v V = m g k 1 1 1

38 REGIME TURBOLENTO Le linee di corrente si intersecano Dietro al corpo, in movimento, si formano dei vortici I corpi hanno dimensioni non troppo piccole La velocità è di alcuni m/s

39 FORZA ATTRITO VISCOSO F = - k v v 2

40 CADUTA DEI CORPI NEL REGIME TURBOLENTO Dopo una fase iniziale, come nel regime laminare, laccelerazione decresce Dopo una fase iniziale, come nel regime laminare, laccelerazione decresce VELOCITA LIMITE: VELOCITA LIMITE: V = m g k 2

41 Lapparato cardio-circolatorio è un sistema idraulico composto da una pompa (cuore), una rete di tubi (vasi sanguigni) e un liquido che vi scorre (sangue). Funzioni: Funzioni: Trasportare a tutte le cellule dellorganismo (attraverso il sangue) lossigeno necessario per lutilizzo delle sostanze nutritive frutto della digestione; Trasportare gli ormoni che svolgono funzioni regolatrici, allontanando i prodotti di rifiuto che se accumulati diventano tossici. Funzione vitale per lorganismo

42 IL SANGUE È UNA SOSPENSIONE COMPOSTA DA : Fase acquosa : Plasma Fase dispersa : Eritrociti Leucociti PiastrineIDRODINAMICA

43 Gli esseri umani e tutti i vertebrati sono provvisti di un sistema che permette al sangue di circolare senza fuoriuscire dai vasi sanguigni: sistema circolatorio chiuso Il sangue scorre in due circuiti distinti: - in uno va dal cuore ai polmoni per poi tornare al cuore, - nellaltro dal cuore raggiunge i tessuti e torna poi al cuore.

44 Durante il percorso del sangue, vediamo che le vene, avvicinandosi al cuore destro, diventano di calibro sempre maggiore e confluiscono tra loro formando due grandi vene, la cava superiore e la cava inferiore portano il sangue proveniente dai distretti sopradiaframmici e sottodiaframmici allatrio destro da qui il sangue passa nel ventricolo destro, poi viene spinto tramite le arterie polmonari nei polmoni cede lanidride carbonica e si carica dossigeno. Diviene così sangue arterioso, torna allatrio sinistro attraverso le vene polmonari, poi passa nel ventricolo sinistro e, attraverso larteria aorta, raggiunge tutti i distretti corporei. Il percorso del sangue dal ventricolo destro del cuore ai polmoni -> piccola circolazione Il percorso dal ventricolo sinistro allatrio destro passante per tutto lorganismo -> grande circolazione LA CIRCOLAZIONE

45 LA PRESSIONE ARTERIOSA E la tensione esercitata dal sangue sulla parete delle arterie Si misura con lo sfigmomanometro Si rivelano due valori: - la pressione sistolica valore più alto prodotto dalla contrazione cardiaca [indice della forza con cui il ventricolo sinistro si contrae per mandare il sangue in circolo vincendo la resistenza delle arterie] - la pressione diastolica valore più basso prodotto dalla diastole [indica la pressione residua che permette al sangue, con laiuto dellelasticità delle pareti muscolari delle arterie, di superare la resistenza offerta dai vasi più piccoli senza che questi si svuotino completamente] Lunità di misura della pressione arteriosa è il millimetro di mercurio. Normalmente durante lattività fisica, la pressione aumenta per effetto di un aumentata gittata, ma si normalizza al termine dello sforzo. Quando la pressione diastolica supera i 90 mm di Hg e la sistolica i 140 mm Hg si parla di ipertensione arteriosa : può provocare danni molto gravi a livello cardiaco, cerebrale, renale e oculare. Anche una pressione troppo bassa (inferiore a 80 mm Hg, detta ipotensione) può essere dannosa : si osserva più frequentemente in corso di emorragia, collasso, insufficienza cardiaca.

46

47 La viscosità del sangue, h, resistenza che si oppone al flusso del liquido e che si misura in poise,è direttamente proporzionale allematocrito,volum e in percentuale occupato dagli eritrociti. La relazione non è lineare, infatti la viscosità cresce rapidamente per valori di ematocrito superiori al 45 %. LA VISCOSITA DEL SANGUE DIPENDE DALLEMATOCRITO

48 RELAZIONI EMATOCRITO – VISCOSITA RELAZIONI EMATOCRITO – VISCOSITA Anemia : - Basso ematocrito - Bassa viscosità - Alta portata Policitemia : - Alto ematocrito ( 70 %) - Alta viscosità - Bassa portata

49 . Con laumentare della sezione trasversa, la velocità del sangue diminuisce. Essa pertanto sarà minima a livello dei capillari. Questo favorisce i processi di scambio.


Scaricare ppt "IDROSTATICA E IDRODINAMICA IL SANGUE COME LIQUIDO BIOLOGICO."

Presentazioni simili


Annunci Google