La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ROMANIA Alcuni aspetti interessanti sulla Romania…

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ROMANIA Alcuni aspetti interessanti sulla Romania…"— Transcript della presentazione:

1 ROMANIA Alcuni aspetti interessanti sulla Romania…

2 Ricordo dopo il funerale La Chiesa insegna che la vita umana non si esaurisce con la morte del corpo. Pertanto, i cristiani non hanno dimenticato i loro morti dopo la loro sepoltura, ma si preoccupano per la preghiera in memoria di loro e dei loro nomi. Le date da ricordare per i defunti nella Chiesa Ortodossa sono i seguenti:

3

4 A 3 giorni dopo la morte (che coincide con il giorno della sepoltura) per rispetto della Trinità e della risurrezione dai morti il terzo giorno del Salvatore. A 9 giorni dopo la morte ", come tardi per essere degni di comunione con i nove cori degli angeli in memoria l'ora nona. 40 giorni (o sei settimane), in memoria dell'Ascensione del Signore, che ha avuto luogo 40 giorni dopo la Pasqua.

5

6 Tre, sei e nove mesi, in onore della Santissima Trinità Un anno dopo l'esempio dei cristiani antichi commemorato ogni anno la morte dei martiri e dei santi, la loro data di nascita per l'aldilà. Ogni anno fino a 7 anni dalla morte, ricorda la commemorazione annuale ultimi sette giorni della creazione.

7 Il Castello di Bran Il Castello di Bran (Törzburg in Lingua tedesca e Törcsvár in Lingua ungherese), presso il villaggio di Bran (vicino Braşov) è un monumento nazionale della Romania. La fortezza sorge sull'antico confine tra la Transilvania e la Valacchia.Lingua tedescaLingua unghereseBranBraşovRomania fortezza TransilvaniaValacchia Il Castello di Bran ha ispirato la descrizione del castello di Dracula nel romanzo di Bram Stoker, ma non è il vero maniero storicamente appartenuto al voivoda (principe) Vlad III di Valacchia. Il vero Castello Dracula è l'ormai distrutto Castello di Poenari. castelloDracularomanzoBram StokermanierovoivodaprincipeVlad III di ValacchiaCastello di Poenari

8

9 La prima menzione di un luogo fortificato sul sito ove sorge oggi il castello di Bran risale ai primordi del XIII secolo. In quel tempo i Cavalieri Teutonici iniziarono a costruire sulla cima nota come Dietrichstein un fortino in legno a guardia della valle che da secoli permetteva il transito dei mercanti dalla Valacchia alla Transilvania nell'allora Burzenland. Nel 1242 la primitiva struttura, non si sa fino a che punto rimaneggiata, venne distrutta dall'incursione dei Mongoli. Il 19 novembre del 1377 Luigi I d'Ungheria riconobbe alla popolazione sassone della città di Braşov la libertà di erigere a proprie spese una struttura fortificata in pietra che sarebbe poi divenuta il Castello di Bran; il limitrofo villaggio chiamato Bran sorse in concomitanza con l'erigenda. Sin dal 1378 la nuova rocca servì al Regno d'Ungheria come baluardo contro le incursioni dell'Impero ottomano. L'importanza strategica del castello ne fece uno strumento prezioso anche per i potentati cristiani che regnavano sui Principati danubiani: Bran venne infatti temporaneamente occupato ed utilizzato sia dal voivoda (principe) Mircea il Vecchio (Mircea Cel B ă trân) che da suo nipote, Vlad l'Impalatore (Vlad Ţepeş).Cavalieri TeutoniciValacchiaTransilvaniaBurzenlandMongoliLuigi I d'UngheriaBraşovBranRegno d'UngheriaImpero ottomano Principati danubiani voivodaprincipeMircea il VecchioVlad l'Impalatore

10 9WC3k

11 A partire dal 1920, il castello di Bran divenne residenza dei sovrani del Regno di Romania. Vi soggiornarono a lungo la regina Maria di Sassonia-Coburgo-Gotha, che ristrutturò massicciamente gli interni secondo l'allora gusto art and craft rumeno, e sua figlia, la principessa Ileana di Romania. Nel 1948, quando la famiglia reale rumena venne scacciata dalle forze d'occupazione comuniste, il castello venne occupato.Regno di RomaniareginaMaria di Sassonia-Coburgo-Gotha Ileana di Romania

12 Cucina Rumena La cucina rumena è una cucina legata alla campagna influenzata delle cucine russa, austroungarica e turca, offre sapori molto decisi dall'agrodolce, delle minestre di verdure chiamate Ciorb ă (con carote e patate e carne di vitello, agnello o tacchino) e delle Bors (queste ultime molto più acide delle ciorbe), ai sapori ricchi di spezie della cacciagione e del pesce.

13 mici

14 Il piatto nazionale rumeno, è la Mamaliga, un pasticcio di mais che assomiglia molto alla polenta e serve per accompagnare moltissimi piatti ma si mangia soprattutto con le uova, il formaggio fresco, il pesce salato o con la tochitur ă (polpettine di fegato di pollo e di carne di maiale). Gli antipasti, chiamati gustari, sono particolarmente gustosi, tra questi la Salata de vinete tocate (melanzane alla fiamma), e le icre negre (caviale in insalata), e vari altri tipi a base di formaggio, insaccati, prosciutto, acciughe, olive ed ortaggi. I formaggi più famosi sono la branza de burduf (formaggio di pecora), il cascaval (caciocavallo) e l'urda (formaggio di latte di pecora).

15 Cozonac e sarmale

16 Tra i secondi piatti sono popolari i mititei (salsicce di manzo aromatizzate e cotte alla griglia), le sarmale (involtini di polpette di carne trita avvolte in foglia di vite o di cavolo), il musacá (carne di maiale trita e speziata con aglio e peperoncino), la passatura (a base di lardo verze e cipolle), oltre alla carne di maiale, di montone, di vitello o di pollo cotta alla griglia. Il ghiveci è un piatto di verdure con bocconcini di maiale, cucinate al forno. Nelle località di mare vengono cucinati i pesci e i crostacei, soprattutto la carpa allo spiedo (crap la protzap), il nasello alla paprika e i gamberi che sono alla base anche di squisite zuppe. La Pl ă cinta è una pasta sfoglia di origine turca che può essere salata (con carne, formaggio ed erbette) o dolce (con marmellata di mele o con formaggio dolce e bianco).

17 Ciorba de burta (trippa)

18 Tra i dolci tipici della Romania sono le Cozonac (dolce simile al panettone con semi di papavero, canditi, uvetta e noci), la dulceata (mostarda dolce di frutta), il cataif, dolce di origine turca di pasta dolce farcita di mandorle tritate e caramellato di vaniglia. Tra i vini, la Romania offre ottimi vini sia bianchi che rossi, soprattutto quelli delle regioni di Murfatlar, Jidvei, Dealul Mare e Tirnave. La bevanda tradizionale rumena è la Zuica, un'acquavite che viene estratta dalle prugne.


Scaricare ppt "ROMANIA Alcuni aspetti interessanti sulla Romania…"

Presentazioni simili


Annunci Google