La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il percorso delle donne per il diritto di voto Le lotte delle donne per rivendicare gli stessi diritti degli uomini iniziano nel 1700. 1792: durante gli.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il percorso delle donne per il diritto di voto Le lotte delle donne per rivendicare gli stessi diritti degli uomini iniziano nel 1700. 1792: durante gli."— Transcript della presentazione:

1 Il percorso delle donne per il diritto di voto Le lotte delle donne per rivendicare gli stessi diritti degli uomini iniziano nel : durante gli anni della Rivoluzione Francese, Olympe de Gouges redige la Dichiarazione delle donne e delle cittadine, che ricalca la Dichiarazione dell'uomo e del cittadino dei rivoluzionari del Con la rivoluzione industriale le donne iniziano a lavorare fuori casa e iniziano prime battaglie per rivendicare il diritto di voto e l'accesso alle libere professioni (es. suffragette inglesi).

2 Il diritto di voto Il primo Stato al mondo a concedere il diritto di voto alle donne fu il Wyoming negli Stati Uniti, nel 1869, ma solo nel 1920 tutte le donne statunitensi poterono votare. Allo scoppio della prima guerra mondiale (1915), il suffragio femminile era riconosciuto a livello nazionale solo in Nuova Zelanda (1893), Australia (1903), Finlandia (1907 primo Paese europeo), Danimarca (1908), Norvegia ( ). Nel 1918 la Gran Bretagna estendeva il diritto di voto alle donne sopra i 30 anni che percepissero un reddito e nel 1928 le inglesi avrebbero potuto votare a 21 anni. In Francia, nonostante le rivendicazioni femminili che si intensificarono dopo il riconoscimento del suffragio universale maschile, le donne ottennero il voto solo nel 1944.

3 Il percorso verso luguaglianza in Italia 1902: prima legge a tutela delle lavoratrici: max 12 ore di lavoro, no ai lavori sotterranei, no al lavoro notturno per età inferiore 15 anni : inizia la guerra, gli uomini partono e le donne ricoprono i lavori lasciati liberi. Sperimentano l'indipendenza economica e l'autonomia personale e prendono maggiore coscienza e consapevolezza dei propri diritti. Alla fine della guerra, tornano i reduci e le donne rientrano tra le mure domestiche, ma più combattive 1919 legge che abolisce autorizzazione maritale, necessaria fino ad allora per qualsiasi atto, le donne sono ammesse all'esercizio di tutte le professioni e a molti impieghi pubblici. Con il fascismo le donne sono solo mogli e madri. Divieto di insegnare lettere classiche, storia e filosofia superiori, per le bambine tasse più alte per le scuole medie, nel 1927 i salari donne vengono dimezzati per decreto. I n Italia: la lotta per l'uguaglianza tra uomo e donna inizia più tardi rispetto al resto d'Europa

4 Il percorso delle donne per il diritto di voto

5 In questo il clima di difficoltà e di forte ritardo culturale in tema di diritti della donna, si arriva alla stesura della Costituzione, e al 1° febbraio 1945 con decreto viene riconosciuto il diritto di voto alle donne, ma non il diritto di essere elette (elettorato passivo). Si rimedierà solo lanno dopo. 1946: diritto di voto per le donne IN ITALIA SI VOTA CASTELGANDOLFO – Per la prima volta dopo ventiquattro anni si sono avute libere elezioni in Italia. Tanto nelle città come nei piccoli centri tutti hanno votato in un ambiente assolutamente calmo. In molti casi le donne, specialmente le contadine, sono state le prime a recarsi alle urne. LEuropeo, 25 marzo 1946 Decreto legislativo luogotenenziale 1° febbraio 1945, n. 237 Decreto legislativo luogotenenziale 10 marzo 1946, N. 74

6 LAssemblea Costituente AllAssemblea Costituente viene candidato il 7% di donne: partecipa l'89% delle donne aventi diritto e risultano elette in 21 su 556 membri. Alcune di loro divennero personaggi noti, come Nilde lotti, prima donna a diventare Presidente della Camera dei Deputati, altre rimasero a lungo nelle aule parlamentari o tornarono, prima o dopo, alle proprie occupazioni. A lavorare alla sua stesura 556 deputati eletti, per la prima volta da italiani e italiane, passati alla storia come padri costituenti. Ma la Carta fondamentale ebbe anche anche 21 "madri".

7 Tratto da: L'altra metà del voto Le donne italiane votano da sessant'anni - Commissione pari opportunità del Comune di Mirano (VE)6: Il percorso delle donne per il diritto di voto

8 I DIRITTI FONDAMENTALI PREVISTI DALLA COSTITUZIONE Parità La Costituzione stabilisce, per la prima volta, l'uguaglianza morale e giuridica tra donna e uomo. Art. 3: uguaglianza formale e sostanziale lo scopo è di superare le secolari disparità. Famiglia L'art. 29 della Costituzione stabilisce l'uguaglianza morale e giuridica dei coniugi, con i limiti stabiliti dalla legge a garanzia dell'unità familiare". Come madre, insieme al padre, la donna ha il diritto-dovere di mantenere, istruire, educare i figli anche se nati fuori dal matrimonio (art. 30 Cost.).

9 La riforma del diritto di famiglia (1975) Famiglia L'uguaglianza morale e giuridica dei coniugi, ha trovato piena applicazione nella riforma del diritto di famiglia (legge 19 maggio 1975, n. 151), dove sono state introdotte importanti innovazioni ispirate al valore della parità e dell'uguaglianza nei rapporti tra donna e uomo considerati sotto il duplice ruolo di coniugi e di genitori. Con il matrimonio i coniugi acquistano gli stessi diritti e assumono gli stessi doveri. Entrambi sono tenuti a contribuire ai bisogni della famiglia e concordano tra loro l'indirizzo della vita familiare. La potestà esercitata sui figli spetta ad entrambi i genitori. Comunione legale dei beni fra i coniugi -> riconosciuto il contributo della donna alla famiglia anche con il suo lavoro svolto fra le mura domestiche.

10 IL LAVORO Lavoro La Costituzione afferma l'uguaglianza dei diritti tra uomo e donna e, a parità di lavoro, le stesse retribuzioni che spettano al lavoratore (art. 37). Il principio della parità ha ispirato la legge n. 903 del 1977 sulla parità di trattamento fra donne e uomini in materia di lavoro, che ha eliminato una serie di discriminazioni che limitavano i diritti delle lavoratrici. La legge vieta qualsiasi discriminazione fondata sul sesso per quanto riguarda l'accesso al lavoro, indipendentemente dalle modalità di assunzione e qualunque sia il settore d'attività, vieta discriminazioni nel trattamento retributivo e nelle attribuzioni di qualifica. E vietato il lavoro notturno con alcune eccezioni per determinate attività.

11 IL LAVORO Lavoratrice madre Legge n.53 del 2000 DISPOSIZIONI PER IL SOSTEGNO DELLA MATERNITA' E DELLA PATERNITA La donna incinta non può essere licenziata nel periodo compreso tra l'inizio della gravidanza e il compimento del primo anno di età del bambino, salvo che per colpa grave (ad esempio furto), cessazione dell'azienda, scadenza del contratto a termine. Dall'inizio della gravidanza fino a sette mesi dopo il parto non può essere adibita al trasporto e al sollevamento di pesi o a lavori pericolosi. Le dimissioni volontarie della madre lavoratrice devono essere comunicate all'Ispettore del lavoro, che deve dare la propria approvazione per renderle efficaci per scoraggiare la pratica di far firmare alle lavoratrici appena assunte una lettera di dimissioni con la data in bianco, da utilizzare in caso di maternità.

12 IL LAVORO Lavoro Tutti i cittadini dell'uno e dell'altro sesso possono accedere agli uffici pubblici e alle cariche elettive in condizioni di uguaglianza secondo i requisiti stabiliti dalla legge (art. 51 Cost.). Questo principio ha trovato piena attuazione solo con la legge 9 gennaio 1963 n. 7, che ha aperto alle donne carriere prima precluse, tra cui la carriera diplomatica e la magistratura (recentemente anche l'ingresso nelle forze armate). Solo nel 2003 si è aggiunto all'art. 51 della Costituzione: la Repubblica promuove con appositi provvedimenti le pari opportunità tra uomini e donne.

13 I diritti delle donne, oggi Leggi ordinarie 1991 Approvata la legge sulle azioni positive, che ha lo scopo di superare le discriminazioni che bloccano o rallentano gli avanzamenti professionali o di carriera e di inserire le donne, con programmi ad hoc, in attività professionali nelle quali sono sotto rappresentate. Le azioni positive consistono in particolari strategie o misure adottate per valorizzare la differenza positiva di atteggiamenti culturali e di comportamento delle donne, e per contrastare gli ostacoli che si frappongono ad un'effettiva eguaglianza tra uomini e donne nella società e nelle opportunità di lavoro.

14 I diritti delle donne, oggi Leggi ordinarie Azioni positive vengono considerate tutte le misure che eliminano le disparità nella formazione scolastica e professionale, nellaccesso al lavoro, nella progressione e nello svolgimento della attività lavorativa. Azioni positive vengono considerate quelle che favoriscono la diversificazione delle scelte professionali delle donne, il loro accesso al lavoro autonomo, linserimento delle donne nelle attività in cui sono meno presenti e ai livelli di responsabilità lequilibrio fra responsabilità familiari e professionali e una loro migliore ripartizione fra i sessi.

15 Codice per le pari opportunità dlg 198/2006. Art. 1 - Divieto di discriminazione tra uomo e donna. Le disposizioni del presente decreto hanno ad oggetto le misure volte ad eliminare ogni distinzione, esclusione o limitazione basata sul sesso, che abbia come conseguenza, o come scopo, di compromettere o di impedire il riconoscimento, il godimento o l'esercizio dei diritti umani e delle libertà fondamentali in campo politico, economico, sociale, culturale e civile o in ogni altro campo. La legge 53 dell8 marzo 2000 sui congedi parentali tenta di anticipare, o meglio incentivare, un percorso nuovo, che era già iniziato con la legge 903/77, sulla parità nel lavoro tra uomini e donne anche sul piano della condivisione, principio assai disatteso nella sua applicazione. Ora i padri, finalmente loro, possono scegliere di utilizzare un congedo dal lavoro, parzialmente retribuito, per accudire il figlio/a fino al compimento dellottavo anno. Conciliazione tempi. I diritti delle donne, oggi Legislazione nazionale

16 I diritti delle donne, oggi Alcuni dati su cui riflettere... Fonte: L'Italia in cifre, Istat 2008

17 I diritti delle donne, oggi Alcuni dati su cui riflettere... Fonte: L'Italia in cifre, Istat Indicatori del lavoro per sesso e area geografica - anno 2007, valori %

18 I diritti delle donne, oggi Alcuni dati su cui riflettere... Stesso lavoro, stessa qualifica, diverso stipendio* in media le donne guadagnano circa il 23% in meno (¾ dello stipendio), sia nel settore pubblico che privato, ad ogni livello. Le differenze aumentano in caso di donne in carriera (- 37%) ai livelli dirigenziali e lavoratrici autonome. Il tasso di occupazione delle donne è comunque aumentato negli ultimi anni. Oggi è del 46,6% (31% al Sud), ma tra i 20 e i 49 anni la % si abbassa in caso di figli, mentre quella degli uomini aumenta. Le richieste crescenti di flessibilità della manodopera pesano maggiormente sulle donne, poiché quasi un terzo delle donne lavora a tempo parziale (32,9% nel 2006 rispetto al 7,7% degli uomini) e il 14,8% ha un contratto a tempo determinato. L'aumento dell'occupazione femminile, quasi 4 lavoratrici su 10, ha luogo principalmente nell'amministrazione pubblica**, nell'istruzione, nel settore sanitario e sociale, mentre la metà delle lavoratrici sono impiegate amministrative, commesse o lavoratrici poco qualificate. Le differenze si ritrovano anche nell'istruzione: l'insegnamento, le facoltà umanistiche, artistiche e il settore sanitario concentrano quasi la metà delle laureate, mentre le facoltà scientifiche attirano solo una donna su dieci. Sono aumentate le donne manager, passate dal 18% del 2001 al 32% del 2007, mentre in politica le quote rosa continuano a scarseggiare

19 I diritti delle donne, oggi Alcuni dati su cui riflettere... Cosa sono le quote rosa? Una quota di posti riservati alle donne nelle liste elettorali, ossia almeno un terzo dei candidati. La prima introduzione risale al 1993, provvedimento abrogato nel 1995 da una sentenza della Corte Costituzionale. Una legge dellaprile 2004 ha reintrodotto le quote rosa nellelezione dei membri del Parlamento europeo. Nonostante ciò non esiste ancora, in Italia, una legge che garantisca una reale uguaglianza rappresentativa. Attualmente le donne sono 134 alla Camera (21,2%) e 59 in Senato (18,3%).

20 I diritti delle donne, oggi Alcuni dati su cui riflettere... [...] Paradossalmente, il paese con maggiore presenza femminile in parlamento è il Rwanda con il 48,8% di donne elette (39 su 80 eletti). La nazione africana si aggiudica il podio grazie a regole rigidissime in fatto di quote rosa. Seguono a ruota la nordica Svezia (45% di deputate, 157 su 349), mentre al terzo posto della classifica si colloca un paese sudamericano, il Costa Rica, che vanta un 38,6% di donne sedute in parlamento superando la Norvegia che ha 'solo' il 37,7% di presenze femminili (64 su 169). La Spagna è al sesto posto (126 parlamentari donne su 350 totali). Per trovare l'Italia, invece, bisogna scorrere molti paesi dei più diversi continenti. Persino l'Iraq, percentualmente, sta meglio di noi con 70 donne elette su 275 seggi disponibili in parlamento (25,5%). Dopo l'Italia si trovano, invece, abbastanza clamorosamente, i cugini francesi che vantano solo 70 deputate su 577 (12,1%). E questo nonostante una legislazione tesa a penalizzare finanziariamente i partiti che non garantiscono un equo accesso al parlamento. Dopo, in classifica, ci sono paesi come il Sudan, l'Ungheria, il Nepal e, ultimo, l'Egitto dove le donne in parlamento sono 9. Su 454 deputati. Tratto da: articolo di Clotilde Veltri, 6 luglio 2006) Ancora sulle quote rosa

21 Tratto da: Il Sole 24 ore del totale

22 I diritti delle donne, oggi Libero non è colui che ha un diritto astratto senza il potere di esercitarlo, bensì colui che oltre al diritto ha anche il potere di esercizio. [N.Bobbio – Politica e cultura] LE DONNE ITALIANE SONO QUELLE CHE LAVORANO DI PIU: INTESO COME LAVORO FUORI CASA (TRA I PIU BASSI IN EUROPA) PIU' IL LAVORO DI CURA (casa, figli, mariti, anziani). E QUANTIFICATO NEL 28% IN PIU DEGLI UOMINI, IL DATO PIU ALTO DEI PAESI INDUSTRIALIZZATI. LUGUAGLIANZA, NELLA MENTALITA COMUNE, NON E ANCORA DEL TUTTO ACCETTATA!

23 Nel settore privato PROGETTISTA DI AUTOMAZIONE Cerchiamo un progettista di automazione industriale. Il candidato ideale ha max 35 anni, conosce ed utilizza con una buona padronanza i linguaggi di programmazione PLC e CNC. E' richiesta la capacità di lavorare per progetti, la conoscenza della lingua inglese e la disponibilità ad effettuare frequenti trasferte in Italia ed all'estero. Si offre un rapporto di lavoro dipendente con un inquadramento adeguato al livello di esperienza acquisito. La sede di impiego è Limidi di Soliera (MO). La ricerca è rivolta ad ambo i sessi - Legge 903/77 Invitiamo chi fosse interessato ad inviare la propria candidatura, autorizzando il trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03 (Legge sulla Privacy), ad uno dei seguenti indirizzi, citando il Rif. PLC/MO: [...] Esempio offerta di lavoro Nel settore pubblico


Scaricare ppt "Il percorso delle donne per il diritto di voto Le lotte delle donne per rivendicare gli stessi diritti degli uomini iniziano nel 1700. 1792: durante gli."

Presentazioni simili


Annunci Google