La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

A cura di Emilio Rocchi Settore ARTE E CATECHESI Ufficio Catechistico Diocesano

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "A cura di Emilio Rocchi Settore ARTE E CATECHESI Ufficio Catechistico Diocesano"— Transcript della presentazione:

1 a cura di Emilio Rocchi Settore ARTE E CATECHESI Ufficio Catechistico Diocesano

2 Primo Concilio di Costantinopoli 381 Papa: Damaso I ( ) Convocato dall'imperatore Teodosio I Simbolo Niceno-Costantinopolitano Divinità dello Spirito santo Crediamo anche nello Spirito Santo, che è signore e dà vita, che procede dal Padre; che col Padre e col Figlio deve essere adorato e glorificato, ed ha parlato per mezzo dei Profeti…

3

4 S.Vitale Ravenna, VI Sec. La tradizione orientale per rappresentare Dio-Trinità non ricorre direttamente alla raffigurazione del Padre, del Figlio e dello Spirito, ma raffigurando un evento biblico in cui è possibile intravedere qualcosa del mistero di Dio (Gn,18)

5

6

7 Lo Spirito Santo: Persona

8 Andrej Rublëv, l'icona delle icone (come la definì il Concilio dei Cento Capitoli), dipinta dal santo iconografo in memoria di S. Sergio, nella chiesa della Trinità tra il 1411 e il Dal 1929 presso la Galleria Tret'jacov di Mosca.

9 La tradizione cristiana ha visto in quei tre uomini (angeli) un riferimento dellAntico Testamento alla Trinità: perché ogni visita di Dio deriva dal suo essere Trinità… cioè relazione in se stesso… amore che è portato ad uscire fuori di sé. La natura intima di Dio si rivela nel suo visitare luomo… non è la trinità a-temporale e lontana che viene raffigurata nellicona, ma la Trinità allopera nella storia della salvezza Gen.18, 1-15

10 Unità: - colore azzurro in ciascuno - somiglianza assoluta - sguardi («In verità, in verità vi dico, il Figlio da sé non può fare nulla se non ciò che vede fare dal Padre; quello che egli fa, anche il Figlio lo fa» (Gv 5, 19).

11 - Cerchio - Calice - Altare - Cerchio - Calice - Altare

12

13 Lo Spirito Santo: Relazione di Amore

14 Basilica di Santa Maria Novella

15 Masaccio (San Giovanni Valdarno Roma 1428), La Trinità ( ); affresco; 667x317 cm. Firenze, Basilica di Santa Maria Novella Masaccio (San Giovanni Valdarno Roma 1428), La Trinità ( ); affresco; 667x317 cm. Firenze, Basilica di Santa Maria Novella "Io fui già quel che voi siete e quel che son voi ancor sarete"

16

17 Vasari, descrive puntualmente labilità unica che Masaccio dimostra nelluso della prospettiva: "fece molto meglio gli scorti, e per ogni sorte di veduta, che niun altro che insino allora fusse stato… senza cogliere altro…

18

19

20

21

22

23 Lorenzo Monaco 1400, Trinità e committenti (N.Y.Metr.Mus of Art)

24 Lo Spirito Santo: Azione

25

26 Battesimo di Cristo (Piero della Francesca) Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Vai a: Navigazione, cerca Bat tesi mo di Cri sto Pier o dell a Fra nce sca Pier o dell a Fra nce sca, Tem per a su tav olaTem per a su tav ola, 168 × 116 cm Lon dra, Nati ona l Gall ery Nati ona l Gall ery "Battesimo di Cristo" è un dipinto realizzato tra il 1448 ed il 1450 dal pittore italiano Piero della Francesca, conservato alla National Gallery di Londra Piero della FrancescaNational GalleryLondra Tavola commissionata dalla badia camaldolese di Bornio, formata da due quadrati sovrapposti sormontata da un semicerchio il cui centro è occupato dalla colomba (simbolo dello Spirito Santo), dalla coppa sostenuta dal Battista e dalla figura di Cristo, questo asse mediano genera una partizione calibrata ma non simmetrica infatti l'albero a sinistra che divide la tavola in rapporto aureo, ha maggior valore di cesura che non il gruppo centrale. La luce zenitale annulla le ombre rendendo omogenea tutta la composizione. I tre angeli, vestiti di colori differenti, diversamente dalla norma iconografica non reggono i vestiti di Cristo ma si tengono per mano, in segno di concordia: molti critici vedono in loro la celebrazione tenutosi in quegli anni a Firenze per l'unificazione della chiesa occidentale con quella orientale( tra di esse uno dei temi maggiormente discussi fu quello della Trinità, in cui aveva avuto un ruolo di spicco il camaldolese Ambrogio Traversi). Tale simbolismo sembra essere testimoniato anche dalla presenza, subito dietro il neofita, di personaggi vestiti all'orientale. La composizione manifesta l'idea di appartenenza dei soggetti al tutto: la colomba dello Spirito Santo è accostabile alle nuvole sullo sfondo, Gesù è assimilabile al bianco tronco d'albero che ha accanto a sé. Alcune note: gli alberi quanto più sono lontani dal Cristo, tanto più sono scuri; il motivo della linea curva si ripropone nelle anse del fiume Giordano e nella postura del giovane battezzando sulla destra; a testimonianza della sintesi geometrica tanto cara a Piero, Giovanni Battista forma con il braccio destro e con la gamba sinistra due angoli della stessa ampiezza.BornioSpirito SantoBattistaCristorapporto aureoFirenzeTrinitàAmbrogio TraversiSpirito SantoGesùCristoGiovanni Battista Battesimo di Cristo Piero della FrancescaPiero della Francesca, Tempera su tavolaTempera su tavola, 168 × 116 cm Londra, National GalleryNational Gallery

27

28

29 [5] … Ogni burrone sarà riempito, ogni monte e ogni colle sarà abbassato; le vie tortuose diverranno diritte e quelle impervie, spianate. Luca 3

30 già la scure è posta alla radice degli alberi: ogni albero che non produce frutti buoni viene tagliato e gettato nel fuoco (Mt,3)

31 Antifona d'Ingresso Is 45,8 Stillate dall'alto, o cieli, la vostra rugiada e dalle nubi scenda a noi il Giusto; si apra la terra e germogli il Salvatore.

32 [16] Appena battezzato, Gesù uscì dall'acqua: ed ecco, si aprirono i cieli ed egli vide lo Spirito di Dio scendere come una colomba e venire su di lui.

33 Nel nome della santa Trinità, Padre, Figlio e Spirito santo, con l'approvazione di questo sacro ed universale concilio fiorentino, definiamo che questa verità di fede debba essere creduta e accettata da tutti i cristiani; e così tutti debbono professare che lo Spirito santo è eternamente dal Padre e dal Figlio, che ha la sua essenza e l'essere sussistente ad un tempo dal Padre e dal Figlio, e che dall'eternità procede dall'uno e dall'altro come da un unico principio e da un'unica spirazione; e dichiariamo che quello che affermano i santi dottori e padri - che lo Spirito santo procede dal Padre per mezzo del Figlio, - tende a far comprendere che anche il Figlio come il Padre è causa, secondo i Greci, principio, secondo i Latini, della sussistenza dello Spirito santo. Concilio di Basilea-Ferrara-Firenze- SESSIONE VI (6 luglio 1439) [Firenze]

34

35


Scaricare ppt "A cura di Emilio Rocchi Settore ARTE E CATECHESI Ufficio Catechistico Diocesano"

Presentazioni simili


Annunci Google