La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

empowernet - giugno 20041 Empowernet = occasione per migliorare lefficacia dellazione delle Associazioni a livello regionale e territoriale occasione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "empowernet - giugno 20041 Empowernet = occasione per migliorare lefficacia dellazione delle Associazioni a livello regionale e territoriale occasione."— Transcript della presentazione:

1

2 empowernet - giugno Empowernet = occasione per migliorare lefficacia dellazione delle Associazioni a livello regionale e territoriale occasione per precisare proposte, individuare e sperimentare strumenti e metodi, identificare priorità, strategie e piani di iniziativa

3 empowernet - giugno Tre nodi problematici 1) il processo di riforma dello Stato (livelli essenziali, principio di sussidiarietà orizzontale, federalismo fiscale) 2) lintegrazione sociosanitaria in relazione al processo di presa in carico (legislazione sanitaria/sociosanitaria/socioassistenziale, temi correlati - concorso alla spesa) 3) il progetto individuale

4 empowernet - giugno ONU 1993 regole standard Norma 1 – accrescimento della consapevolezza …coinvolgimento della persona, della sua famiglia e delle Organizzazioni…. Norma 2 – assistenza medica …realizzare programmi condotti da gruppi multidisciplinari per la diagnosi precoce, la diagnosi e il trattamento…..garantendo la piena partecipazione della persona e delle loro famiglie… Norma 3 – riabilitazione …le persone con disabilità dovrebbero potere partecipare nellideazione e nella organizzazione dei servizi di riabilitazione che li riguardano…

5 empowernet - giugno Onu 1993 introduzione Concetto di riabilitazione …è il processo attraverso il quale si vuole mettere le persone con disabilità in grado di raggiungere e mantenere il loro livello funzionale ottimale sia fisico che sensoriale, che intellettuale, psichiatrico e sociale, fornendo loro gli strumenti per cambiare le proprie vite attraverso un maggior grado di indipendenza…il processo di riabilitazione non implica delle cure mediche iniziali ….

6 empowernet - giugno Costituzione Italiana principi fondamentali Art. 3 - pari opportunità/non discriminazione Art.4 – diritto al lavoro Parte prima Titolo I° - rapporti civili Art.13 – libertà personale Titolo II° - rapporti etico-sociali Art.32 – tutela della salute Art. 34 – diritto allistruzione Titolo III° - rapporti economici Art. 35 – tutela del lavoro Art.38 – diritto allassistenza Titolo IV° - rapporti politici Art.51 – accesso alle cariche pubbliche Parte seconda Titolo I° - il Parlamento Titolo II° - il Presidente della Repubblica Titolo III° - il Governo Titolo IV° - la Magistratura Titolo V° Titolo V° - le Regioni, le Province, i Comuni

7 empowernet - giugno il processo di riforma dello Stato (livelli essenziali, principio di sussidiarietà orizzontale, federalismo fiscale)

8 empowernet - giugno art. 3 Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono uguali davanti alla legge, senza discriminazione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. E compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che, limitando di fatto la libertà e luguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e leffettiva partecipaizone di tutti i lavoratori allorganizzazione politica, economica e sociale del Paese –

9 empowernet - giugno Principio di non-discriminazione/Italia Recepimento Direttiva UE 78/2000 (D.Lgs n.216) Assenza di una norma generale sul principio di non-discriminazione

10 empowernet - giugno Art. 114 La Repubblica si riparte in Regioni, Province e Comuni Art. 114 La Repubblica è costituita dai Comuni, dalle Provincie, dalle Città Metropolitane, dalle Regioni e dallo Stato. I Comuni, le Provincie, le Città Metropolitane e le Regioni sono enti autonomi con propri statuti, poteri e funzioni secondo i principi fissati dalla Costituzione. L.3/2001 modifiche al titolo V° parte seconda Si rovescia la piramide Istituzionale della Repubblica …

11 empowernet - giugno Art. 117 La Regione emana per le seguenti materie norme legislative nei limiti dei principi fondamentali stabiliti dalle Leggi dello Stato semprechè le norme stesse non siano in contrasto con linteresse nazionale e con quello di altre Regioni: …..Beneficienza pubblica ed assistenza sanitaria ed ospedaliera Art. 117 ….lo Stato ha legislazione eslcusiva nelle seguenti materie …. m) Determinazione dei livelli essenziali concernenti i diritti civili e sociali che devono essere garantiti su tutto il territorio Nazionale ….. …sono materie di legislazione concorrente quelle relative a ….tutela della salute,….previdenza complementare e integrativa,…. …si ridefiniscono i compiti dello Stato, delle Regioni…… L.3/2001 modifiche al titolo V° parte seconda

12 empowernet - giugno Art.118 Le funzioni amministrative sono attribuite ai Comuni salvo che, per assicurarne lesercizio unitario, siano conferite a Province, Città Metropolitane Regioni e Stato, sulla base dei principi di sussidiarietà differenziazione ed adeguatezza. …. Stato, Regioni, Città Metropolitane, Province e Comuni favoriscono lautonoma iniziativa dei cittadini, singoli e associati, per lo svolgimento di attività di interesse generale, sulla base del principio di sussidiarietà. Art.118 Spettano alle Regioni le funzioni amministrative. Per le materie elencate nel precedente, salvo quelle di interesse esclusivamente locale, che possono essere attribuite dalle leggi della Repubblica alle Province, ai Comuni o ad altri Enti Locali. …dei Comuni …… …e delle formazioni sociali (principio di sussidiarietà orizzontale) L.3/2001 modifiche al titolo V° parte seconda

13 empowernet - giugno principio di sussidiarietà orizzontale (o principio di sussidiarietà circolare) Linee guida per lattuazione dellart.118 – Principi Generali Promozione della cittadinanza attiva lamministrazione deve costruire le proprie politiche insieme ai cittadini, capire cosa vogliono, cosa chiedono e cosa si aspettano…. Strategia ciò che importa non è quante pratiche sussidiarie unamministrazione persegue, ma quanto contano complessivamente nella sua attività Coerenza se la sussidiarietà circolare fa realmente parte del proprio programma politico e della propria strategia amministrativa ed è impegnativa, lamministrazione deve comportarsi in maniera coerente con questo approccio in tutti i campi della propria attività Trasparenza lamministrazione deve comunicare qual è la sua politica sulla sussidiarietà circolare e quali sono i criteri per selezionare le organizzazioni civiche che intende favorire Empowernet lamministrazione dovrebbe adottare un approccio catalitico agendo come facilitatore, rafforzando la comunità e aumentandone il livello di consapevolezza

14 empowernet - giugno D.Lgs.267/2000 cosa devono fare i Comuni per garantire i diritti di partecipazione Principio della partecipazione Art. 8 libere forme associative Organismi di partecipazione Forme di consultazione, petizioni, proposte Principio della trasparenza Art. 10 Tutti gli atti sono pubblici È assicurato laccesso alle strutture e ai servizi alle org.di volontariato e alle associazioni Principi della efficienza ed efficacia Art. 12 Assicurare la circolazione delle conoscenze e delle informazioni tra le amministrazioni

15 empowernet - giugno D.Lgs.267/2000 cosa possono fare i Comuni per garantire i diritti di accesso Principio della tutela Art. 11 Istituzione del Difensore Civico Lo statuto comunale e quello provinciale possono prevedere l'istituzione del difensore civico, con compiti di garanzia dell'imparzialità e del buon andamento della pubblica amministrazione comunale o provinciale, segnalando, anche di propria iniziativa, gli abusi, le disfunzioni, le carenze ed i ritardi dell'amministrazione nei confronti dei cittadini.

16 empowernet - giugno Principi sull'erogazione dei servizi pubblici (Direttiva PCM 27 gennaio 1994) Servizio Pubblico = anche quelli svolti in regime di concessione o mediante convenzione …volti a garantire il godimento dei diritti della persona costituzionalmente tutelati alla salute, allassistenza e previdenza sociale, allistruzione Principi Fondamentali = eguaglianza, imparzialità, continuità, diritto di scelta Strumenti = standard, semplificazione delle procedure, informazione e rapporti con gli utenti (rispetto/cortesia/agevolazione), dovere di valutare la qualità dei servizi (ricercando anche la valutazione da parte degli utenti)

17 empowernet - giugno art. 1 comma 6: …promuove la partecipazione attiva dei cittadini… Art.6 comma 1: …..i Comuni adottano su piano territoriale gli assetti più funzionali alla gestione, alla spesa e al rapporto con i cittadini…... art. 6 comma 3 lett.a):…I Comuni provvedono a promuovere risorse della comunità locale tramite forme innovative di collaborazione …per favorire la reciprocità dei cittadini … Art. 6 comma 3 lett.e): …garantire ai cittadini i diritti di partecipazione al controllo di qualità dei servizi, secondo le modalità previste dagli statuti comunali. I diritti di partecipazione nel sistema dei servizi sociali L.328/2000

18 empowernet - giugno I diritti di partecipazione nel sistema sanitario D.Lgs.502/1992 D.Lgs.502/92 - Titolo IV - partecipazione e tutela dei diritti dei cittadini art diritti dei cittadini sistema di indicatori della qualità del servizio sistema informativo e di orientamento dei cittadini partecipazione dei cittadini ruolo del volontariato e del privato sociale azioni a difesa del cittadino Partecipazione dei cittadini...le Regioni promuovono consultazioni con i cittadini e le loro organizzazioni anche sindacali ed in particolare con gli organismi di volontariato e di tutela dei diritti al fine di fornire e raccogliere informazioni sullorganizzazione dei servizi… (art.14 co.2) ulteriore coinvolgimento (obbligatorio) nellimpostazione della programmazione alla verifica dei risultati ogni volta che si discutono provvedimenti relativi alla programmazione e verifica dei risultati

19 empowernet - giugno Art.1 comma 2: nelle materie appartenenti alla legislazione concorrente, le Regioni esercitano la potestà legislativa nellambito dei principi fondamentali espressamente determinati dallo Stato ……… comma 4: …per orientare liniziativa legislativa dello Stato e delle Regioni fino allentrata in vigore delle leggi con le quali il Parlamento definirà i nuovi principi fondamentali, il Governo è delegato ad adottare, entro un anno dalla data di entrata in vigore della presente legge…..uno o più decreti legislativi meramente ricognitivi dei principi fondamentali comma 6: nella predisposizione dei decreti legislativi…il Governo si attiene ai seguenti criteri direttivi: … b) considerazione prioritaria…delle disposizioni statali rilevanti per garantire lunità giuridica ed economica, la tutela dei livelli essenziali delle prestazioni concernenti i diritti civili e sociali…………. L.131/2003 attuazione della L.3/2001

20 empowernet - giugno entro il 2014: autonomia regionale del finanziamento della spesa sanitaria. Si prevede quindi: abbandono il progressivo abbandono del finanziamento calcolato sulla spesa storica aumento il progressivo aumento della compartecipazione allIVA sino alla completa autonomia finanziaria regionale Fondo di Perequazione lintervento del Fondo di Perequazione D.Lgs.56/2000 federalismo fiscale

21 empowernet - giugno D.Lgs.56/2000 federalismo fiscale Alcune informazioni utili in materia di Federalismo Fiscale ACoFF - Alta Commissione di Studio per la definizione dei meccanismi strutturali del Federalismo Fiscale (DPCM ) SVIMEZ – Associazione per lo sviluppo dellindustria nel Mezzogiorno (Rapporto allACoFF sullapplicazione del D.Lgs.56/ ) ISAE – Istituto di Studi e Analisi Economica (ente pubblico non governativo - DPR 374/98 – II° rapporto annuale sul Federalismo Feb.04 )

22 empowernet - giugno D.Lgs.56/2000 federalismo fiscale Rapporto SVIMEZ ( ) Anno 2013 – disavanzo delle Regioni del SUD pari a Mln …la perequazione è sempre compito peculiare del Governo centrale, che deve assicurare a ciascun livello di governo inferiore un ammontare di risorse sufficiente a finanziare perlomeno i servizi pubblici essenziali….. ….un altro punto che merita di essere messo in rilievo è che la legislazione non può non prevedere che i LEA siano garantiti esclusivamente con risorse pubbliche, pena la loro vanificazione di fatto…. 2° Rapporto Annuale ISAE ( ) ….la spesa sanitaria risente meno di squilibri territoriali rispetto ad altre voci del capitolo welfare… …la lezione del mancato decollo del D.Lgs.56/2000 non sembra vada solo ricercata nella rigidità dei meccanismi di finanziamento e di perequazione….quello che sembra avere reso difficile lapplicazione è un problema più strutturale e assai preoccupante …(dato) il contesto di profonde differenze territoriali sul piano della capacità fiscale per abitante

23 empowernet - giugno LA SITUAZIONE DAL PUNTO DI VISTA DELLE REGIONI prorogare per lanno 2004 il Fondo di Garanzia previsto dal D.Lgs.56/2000 prorogare per lanno 2004 il regime di trasferimenti per il trasferimento delle funzioni attribuite alle Regioni prorogare per lanno 2004 della definitiva compartecipazione allIVA copertura degli oneri di assistenza sanitaria per gli immigrati regolarizzati stipula di un nuovo accordo in materia sanitaria, in concomitanza con la presentazione del DPEF, per superare i problemi derivanti dalla sottostima dei fabbisogni finanziari necessari a garantire i LEA

24 empowernet - giugno Alcune conclusioni 1) a livello nazionale mantenere una stretta vigilanza sul processo di riforma dello Stato, con particolare attenzione ai provvedimenti attuativi della L.3/2001 e al federalismo fiscale 2) a livello regionale e territoriale a partire dagli spazi di democrazia, partecipazione e coinvolgimento previsti dalla normativa (Costituzione, L.328/2000, D.Lgs.267/2000, norme in materia di funzionamento di servizi pubblici) approfondire i temi della partecipazione e del principio di sussidiarietà in chiave niente su di noi senza di noi

25 empowernet - giugno lintegrazione sociosanitaria in relazione al processo di presa in carico (legislazione sanitaria/sociosanitaria/socioassistenziale, temi correlati - concorso alla spesa)

26 empowernet - giugno Strategia di attenzione che, attraverso lofferta di servizi pubblici o privati, in interventi coordinati e con la continuità necessaria, abbia la finalità di valorizzare le capacità e abilità delle persone con disabilità, operando con risorse e competenze adeguate, per il conseguimento di una pari opportunità di condizione tra i cittadini, eliminando le discriminazioni sociali e culturali, le limitazioni e gli ostacoli nella fruizione di diritti e nellautonomia personale. PROPOSTA DI DEFINIZIONE

27 empowernet - giugno D.Lgs.502/92 (e succ.m.e int.) Art. 1 comma 3: contestualità definizione dei LEA e delle risorse Art. 2 comma 2/3 bis: conferenza regionale permanente per la programmazione sanitaria e sociosanitaria ruolo degli EE.LL. art. 3 comma 13: programmazione regionale conferenza regionale Art. 3 bis comma 7: attività del Direttore Generale dellASL Art. 3 septies - Integrazione sociosanitaria prestazioni sanitarie a rilievo sociale prestazioni sociali a rilievo sanitario prestazioni sociosanitarie a elevata integrazione sanitaria Art. 9: fondi integrativi del servizio sanitario nazionale

28 empowernet - giugno Art. 2 comma 2/3 bis: conferenza regionale permanente per la programmazione sanitaria e sociosanitaria il Sindaco del Comune - nel caso in cui lambito territoriale dellUSL coincida con quello del Comune ovvero il Presidente della Conferenza dei Sindaci ovvero il Sindaco o i presidenti di circoscrizione nei casi in cui lambito territoriale dellUSL sia RISPETTIVAMENTE superiore o inferiore al territorio del Comune rappresentanti delle Associazioni regionali delle autonomie locali Compiti assegnati alla Conferenza La Conferenza esprime parere in ordine al Piano Sanitario Regionale (può formulare osservazioni che devono essere esaminate prima dellapprovazione), e partecipa alla verifica della realizzazione del Piano attuativo locale delle Aziende Ospedaliere. INT.SOCIOSANITARIA: alcuni aspetti istituzionali

29 empowernet - giugno INT.SOCIOSANITARIA: alcuni aspetti istituzionali Art. 2 sexies lett.h i Comuni possono individuare livelli di assistenza aggiuntivi Art. 3 quater - distretto - PAT localizza i servizi e le attività indicate al 3 quinquies (assistenza primaria/coordinamento dei MMG/ servizi specialistici ambulatoriali/prestazioni sociosanitarie ad elevata integrazione/prestazioni sociali a rilievo sanitario se delegate dai Comuni è proposto dal Direttore del Distretto previo parere del Comitato dei Sindaci Art. 3 quater - distretto - PAT Il Comitato dei Sindaci concorre alla verifica dei risultati di salute

30 empowernet - giugno INT.SOCIOSANITARIA: alcuni aspetti istituzionali L.328/2000 e PSN - PdZ art.19 c.1 (intesa con la ASL) I PdZdevono essere compatibili con i PAT i due strumenti devono essere frutto di una medesima logica progettuale….. SI IMPONE LA NECESSITA DI INIZIARE A VALUTARE I PdZ …...

31 empowernet - giugno Tracce per la valutazione dei PdZ 1) valutare la sostanza e non la formalità (coinvolgere le formazioni sociali, i cittadini, i diversi protagonisti) 2) accertarsi che il PdZ sia oggetto di valutazione ( da parte della Regione, dei Comuni Associati e dellASL ) 3) valutare la dinamicità del PdZ (capacità di introdurre elementi di cambiamento) 4) valutare la velocità con cui il PdZ sta producendo segnali di cambiamento (attuazione dei progetti, degli interventi e delle azioni) 5) valutare la capacità tecnica e organizzativa del PdZ di registrare e conservare la memoria (degli atti, delle decisioni, delle procedure di valutazione e registrazione dei risultati) 6) valutare il livello sostanziale del coinvolgimento e della partecipazione delle formazioni sociali

32 empowernet - giugno LEP nei PdZ (art. 22 c.4 L.328/2000) lett.a) Servizio di Segretariato Sociale porta unitaria di accesso ai servizi sociali e sociosanitari ELEMENTO FONDAMENTALE PER LEP E LEA informazione consulenza osservare/monitorare levoluzione dei bisogni promuovere la partecipazione e la dimensione preventiva della comunità

33 empowernet - giugno INT.SOCIOSANITARI: alcuni aspetti istituzionali DPCM Art. 4: principi di programmazione e di organizzazione delle attività La Regione programma con il concerto della Conf.Permanente La Regione vigila e coordina circa il rispetto delle proprie indicazioni da parte di ASL e EE.LL. La programmazione avviene secondo i principi di sussidiarietà, cooperazione, efficacia, efficienza, economicità, omogeneità, copertura finanziaria e patrimoniale, continuità assistenziale La programmazione dei servizi e delle prestazioni ad elevata integrazione sanitaria rientra nel Programma delle Attività Territoriali – D.Lgs.502/92 – Lerogazione dei servizi e delle prestazioni è di norma organizzata attraverso la valutazione multidisciplinare del bisogno, la definizione di un piano di lavoro integrato e personalizzato e la valutazione periodica dei risultati ottenuti La Regione emana indirizzi e protocolli volti ad omogeneizzare a livello territoriale i criteri della valutazione e larticolazione del piano di lavoro personalizzato, e vigila sui corretti comportamenti

34 empowernet - giugno Art. 5: criteri di finanziamento La Regione definisce i criteri per il concorso alle spese da parte degli utenti in rapporto ai singoli interventi, fatto salvo quanto disposto dal D.Lgs.124/98 e dal D.Lgs.109/98 e succ.mod.e int.

35 empowernet - giugno Art. 3 septies - Integrazione sociosanitaria prestazioni sanitarie a rilievo sociale prestazioni sociali a rilievo sanitario prestazioni sociosanitarie a elevata integrazione sanitaria DPCM sullintegrazione sociosanitaria ( ) – tabella/finanziamento Assistenza intensiva ed estensiva (per le prestazioni di elevata natura sociosanitaria) Soggetti a responsività minimale Strutture terapeutiche per minori affetti da disturbi comportamentali o patologie di interesse neuropsichiatrico Prestazioni diagnostiche, riabilitative e di consulenza specialistica Prestazioni di lungo- assistenza in strutture diurne e residenziali per disabili gravi (70 –30) Strutture residenziali permanenti per disabili gravi privi del sostegno familiare (40 – 60) interventi e servizi di sollievo alla famiglia Assistenza sociale, scolastica ed educativa Programmi di inserimento sociale e lavorativo 100% SANITARIOSISTEMA MISTO100% COMUNI

36 empowernet - giugno LAUTONOMIA IMPOSITIVA DEGLI ENTI LOCALI Art. 114 Cost. I Comuni, le Provincie, le Città Metropolitane e le Regioni sono enti autonomi con propri statuti, poteri e funzioni secondo i principi fissati dalla Costituzione Art.119 Cost. I Comuni, le Province, le Città Metropolitane e le Regioni hanno autonomia finanziaria di entrata e di spesa…..(e) risorse autonome….. Stabiliscono e applicano tributi ed entrate propri, in armonia con la Costituzione e secondo i principi di coordinamento della finanza pubblica e del sistema tributario. Dispongono di compartecipazioni al gettito di tributi erariali riferibili al territorio. ….. Le risorse derivanti dalle fonti di cui ai commi precedenti (ndr. compreso il fondo perequativo) consentono ai Comuni, alle Province, alle Città Metropolitane e alle Regioni di finanziare integralmente le funzioni pubbliche loro attribuite. Per promuovere lo sviluppo economico, la coesione sociale e la solidarietà sociale, per rimuovere gli squilibri economici e sociali, per favore leffettivo esercizio dei diritti della persona….lo Stato destina risorse aggiuntive ed effettua interventi speciali in favore di determinati Comuni, Province, Città Metropolitane e Regioni. D. LGS 18 AGOSTO 2000 n.267 Art. 3 – comma 4 I comuni e le province hanno autonomia statutaria, normativa, organizzativa e amministrativa, nonché autonomia impositiva e finanziaria nell'ambito dei propri statuti e regolamenti e delle leggi di coordinamento della finanza pubblica.

37 empowernet - giugno L. 27 dicembre 1997 n Art. 59 commi da 50 a 52 Al fine di assicurare una maggiore equità del sistema della partecipazione alla spesa sanitaria e delle relative esenzioni….. Il Governo è delegato ad emanare …uno o più decreti legislativi di riordino nel rispetto dei seguenti principi e criteri: principio delluniversalità dellaccesso al sistema sanitario principio della limitatezza della partecipazione alla spesa principio di esclusione di talune prestazioni (prevenzione e diagnosi precoce, medicina generale, forme morbose che danno diritto allesenzione delle correlate prestazioni di assistenza sanitaria…in particolare quando trattasi di condizioni croniche e o invalidanti, patologie rare, …) principio della valutazione specifica della condizione sociale della famiglia (condizioni economiche, composizione del nucleo, età dellassistito, bisogno di cura e assistenza) ….prevedendo ladozione di fattori correttivi volti a favorire lautonomia dellanziano convivente e a rafforzare la tutela dei nuclei che comprendono al loro interno individui con elevati bisogni di assistenza

38 empowernet - giugno D.Lgs.13 maggio 2000 n.130 Art. 2 comma 6 le disposizioni del presente decreto non modificano la disciplina relativa ai soggetti tenuti alla prestazione degli alimenti ai sensi dellart. 433 C.C. e non possono essere interpretate nel senso dellattribuzione agli enti erogatori della facoltà di cui allart.438, primo comma, del C.C. nei confronti dei componenti il nucleo familiare del richiedente la prestazione sociale agevolata PRINCIPIO della IMPOSSIBILITA di SOSTITUIRSI alla VOLONTA della PERSONA

39 empowernet - giugno Natura della prestazione: prestazione sociale nellambito di percorsi assistenziali integrati di natura sociosanitaria (domiciliari, diurne o residenziali) Destinatari: handicap grave permanente art.3 comma 3 L.104/92 Finalità: per favorire la permanenza dellassistito presso il nucleo familiare di appartenenza Provvedimenti da emanare per lattuazione del principio: DPCM sullintegrazione sociosanitaria ( ) DPCM per stabilire i limiti di applicazione (NON EMANATO) ART.3 COMMA 2 TER. PRINCIPIO del REDDITO INDIVIDUALE

40 empowernet - giugno Art. 2 DPCM Atto ind.coord. integrazione sociosanitaria (art. 3 septies D.Lgs.502/92) La redazione del progetto personalizzato deve essere condotta sulla base di una valutazione multidisciplinare del bisogno, natura ( funzioni psicofisiche; natura delle attività del soggetto e relative limitazioni; modalità di partecipazione alla vita sociale; fattori di contesto ambientale e familiare che incidono nella risposta al bisogno e nel suo superamento ) intensità assistenziale ( intensiva, estensiva,lungoassistenza ) complessità ( in relazione alla composizione e articolazione - nel progetto personalizzato - dei fattori produttivi - professionali e di altra natura )

41 empowernet - giugno G) Attività sanitaria e sociosanitaria nellambito di programmi riabilitativi a favore di disabili fisici, psichici e sensoriali: normativa di riferimento: L n. 833 art. 26 D.Lgs n.124 art.3 D.M. 7 Maggio 1998 per le attività di riabilitazione DPCM DPCM per le attività sociosanitarie modalità organizzative e standard: centri ambulatoriali di riabilitazione (linserimento è subordinato alla formulazione di un programma terapeutico globale) LEA -Livelli Essenziali di Assistenza ASSISTENZA DISTRETTUALE (ambulatoriale e domiciliare)

42 empowernet - giugno G) Assistenza territoriale semiresidenziale e residenziale - attività sanitaria e sociosanitaria nellambito di programmi riabilitativi a favore di disabili fisici, psichici e sensoriali normativa di riferimento: L n. 833 art. 26 D.Lgs n.124 art.3 D.M. 7 Maggio 1998 per le attività di riabilitazione DPCM DPCM per le attività sociosanitarie modalità organizzative e standard: presidi di riabilitazione extra-ospedalieri a ciclo diurno o continuativo e delle RSA per disabili D.M (requisiti minimi delle strutture residenziali) LEA -Livelli Essenziali di Assistenza ASSISTENZA DISTRETTUALE (semiresidenziale e residenziale)

43 empowernet - giugno LEA -Livelli Essenziali di Assistenza Linee Guida di Riabilitazione - DM ALCUNI CONCETTI E DEFINIZIONI Riabilitazione Sanitaria: interventi valutativi, diagnostici, terapeutici e le altre procedure finalizzate a portare il soggetto affetto da menomazione a contenere o minimizzare la sua disabilità……..(tali attività richiedono obbligatoriamente la presa in carico clinica globale della persona mediante la predisposizione di un progetto riabilitativo individuale e la sua realizzazione mediante uno o più programmi riabilitativi) Riabilitazione Sociale: le azioni e gli interventi finalizzati a garantire al disabile la massima partecipazione possibile alla vita sociale Programma Riabilitativo: è lelemento attuativo del progetto riabilitativo Progetto Riabilitativo: …tiene conto dei bisogni globali della persona …..e dei fattori ambientali, contestuali e personali …..

44 empowernet - giugno LEA -Livelli Essenziali di Assistenza - Linee Guida di Riabilitazione - DM ALCUNI CONCETTI E DEFINIZIONI – le fasi Fase intensiva: diretta al recupero di disabilità importanti, modificabili…..gli intereventi di riab.int. sono rivolti al trattamento di patologie complesse ….menomazioni più gravi e delle disabilità complesse (120gg) Fase estensiva o intermedia: gli interventi di riab.int. sono rivolti al trattamento di disabilità transitorie e/o minimali…disabilità importanti con possibili esiti permanenti, spesso multiple, che richiedono una presa in carico nel lungo termine richiedenti un progettto riabilitativo (240gg) Fase di mantenimento e/o prevenzione della progressione della disabilità: si caratterizza con diverse tipologie di interventi riabilitativi sanitari abitualmente integrati con lattività di riab.sociale.

45 empowernet - giugno LEA -Livelli Essenziali di Assistenza - Linee Guida di Riabilitazione - DM ALCUNI CONCETTI E DEFINIZIONI – la ripetibilità Fase estensiva o intermedia: non si prevede la limitazione temporale del ciclo riabilitativo per i pazienti affetti da gravi patologie a carattere involutivo, con gravi danni cerebrali o disturbi psichici, i pluriminorati anche sensoriali i pazienti stabilizzati nella loro condizione di non perfetto recupero funzionale per i quali possono essere previsti cicli riabilitativi anche su base annua

46 empowernet - giugno LEA -Livelli Essenziali di Assistenza - Linee Guida di Riabilitazione - DM ALCUNI CONCETTI E DEFINIZIONI i livelli organizzativi Centri ambulatoriali di riabilitazione: ….le prestazioni erogate da tali centri si differenziano dalle attività ambulatoriali specialistiche …per la presa in carico multidisciplinare del soggetto disabile tramite il progetto individuale Presidi di riabilitazione extra-ospedaliera a ciclo diurno o continuativo: …..rivolti a soggetti portatori di disabilità fisiche, psichiche e sensoriali…erogano prestazioni a ciclo diurno e/o continuativo per il recupero funzionale e sociale portatori di saibilità fisiche, psichiche, sensoriali o miste dipendenti da qualunque causa…..

47 empowernet - giugno LEP – art.22 L.328/2000 I problemi aperti 1.La mancata definizione di standard qualitativi e quantitativi eleva fortemente il rischio che le prestazioni e i servizi siano di fatto inesigibili 2.La definizione del FNPS in forma indistinta crea una potenziale situazione di perdita di livelli qualitativi e quantitativi acquisiti (p.e. L.162/98) 3.Il fattore gradualità nel raggiungimento di condizioni ritenute migliori, deve essere frutto di un processo condiviso (analisi/azioni/verifiche) 4.La mancata emanazione dei LEP sta creando una oggettiva carenza di diritto di uguaglianza tra i cittadini…in particolare: servizio di segretariato sociale (art.22 comma 4 lett.a) e Sportello Unico di accesso alla rete sociale e sociosanitaria (PSN)

48 empowernet - giugno La proposta della FISH 1.La matrice dei bisogni FAMIGLIA PERSONA DISABILE CONDIZIONI PER LA VALUTAZIONE DI EFFICACIA FINANZIAMEN TO STANDARD QUANTITATI VI STANDARD QUALITATIVI PRESTAZIONE INTERVENTO DESTINA TARIO 2.Quattro fasi della vita: infanzia, adolescenza, età adulta, età senile 3.Le condizioni e gli strumenti per lattuazione dei LIVELLI (costituzione del Segretariato Sociale Distrettuale, costituzione di una Equipe Multidisciplinare Distrettuale per laccertamento dellinvalidità e la presa in carico, costituzione di un Ufficio di Ascolto, Sostegno e Accompagnamento della Famiglia con disabile)

49 empowernet - giugno Alcune conclusioni 1) a livello nazionale mantenere una stretta vigilanza sullattività di monitoraggio dei LEA premere per organizzare i tavoli di confronto e di negoziazione in materia di LEP, riforma art.24 L.328/2000 2) a livello regionale puntare alla costituzione delle Conf.per la programmazione sanitaria e sociosanitaria vigilare sullattività legislativa delle Regioni in materia di recepimento dei LEA e agire per negoziare i livelli aggiuntivi vigilare affinchè le Regioni compiano tutti gli atti previsti dalla normativa sociosanitaria, compresi gli aspetti legati al concorso alle spese da parte degli utenti

50 empowernet - giugno Alcune conclusioni 3) a livello territoriale definire modelli di valutazione dei PdZ, anche in relazione alla connessione con i PAT a livello distrettuale definire e presentare proposte in relazione alla Porta Unitaria di Accesso studiare le possibilità relative ai livelli essenziali aggiuntivi Comunali definire modelli tecnici e politici per attuare e mantenere il monitoraggio sullattività e il ruolo dei Comitati dei Sindaci premere sulle Regioni affinchè compiano tutti gli atti previsti dalla normativa sociosanitaria censire, analizzare e valutare i comportamenti comunali in materia di concorso alle spese

51 empowernet - giugno La dimensione del progetto individuale è da considerare tra gli elementi che compongono i Livelli Essenziali delle prestazioni concernenti i diritti civili e sociali…. ….rientra pertanto tra i compiti che la Repubblica deve assolvere. Il progetto individuale è da tempo indicato nella Legislazione come LA CONDIZIONE attraverso la quale il processo di risposta ai bisogni deve essere progettato, condiviso, condotto e verificato…..

52 empowernet - giugno Individuazione dellalunno in situazione di handicap - DPR (diagnosi funzionale, profilo dinamico funzionale, piano educativo individualizzato) Collocamento mirato - L n.68/DPCM (diagnosi funzionale, profilo socio-lavorativo, relazione conclusiva) Progetto Riabilitativo - DM Progetto Individuale ai fini dellerogazione di prestazioni sociosanitarie - DPCM Progetto di assistenza individuale per le persone in condizione di gravità - L.162/98 Progetto Individuale - Art. 14 L.328/2000

53 empowernet - giugno Ddl per listituzione del Fondo per la Non Autosufficienza persona non autosufficiente = a seguito di minorazione singola o plurima, perdita di riduzione dellautonomia personale, correlata alletà, in modo da rendere necessario un intervento assistenziale permanente, continuativo e globale nella sfera individuale o in quella di relazione (art1 co.2) i criteri per lindividuazione e laccertamento della Non Autosufficienza da parte delle Commissioni Mediche di cui allart.4 L.104/92, saranno stabiliti da specifico provvedimento, sulla base dei criteri previsti dallICF

54 empowernet - giugno Art. 14 L.328/2000 (Progetti individuali per le persone disabili). 1. Per realizzare la piena integrazione delle persone disabili di cui all'articolo 3 della legge 5 febbraio 1992, n. 104, nell'ambito della vita familiare e sociale, nonché nei percorsi dell'istruzione scolastica o professionale e del lavoro, i comuni, d'intesa con le aziende unità sanitarie locali, predispongono, su richiesta dell'interessato, un progetto individuale, secondo quanto stabilito al comma Nell'ambito delle risorse disponibili in base ai piani di cui agli articoli 18 e 19, il progetto individuale comprende, oltre alla valutazione diagnostico-funzionale, le prestazioni di cura e di riabilitazione a carico del Servizio sanitario nazionale, i servizi alla persona a cui provvede il comune in forma diretta o accreditata, con particolare riferimento al recupero e all'integrazione sociale, nonché le misure economiche necessarie per il superamento di condizioni di povertà, emarginazione ed esclusione sociale. Nel progetto individuale sono definiti le potenzialità e gli eventuali sostegni per il nucleo familiare.

55 empowernet - giugno Art. 14 L.328/2000 Tre profili di problematicità da porre alla base delle azioni rivendicative del movimento delle persone con disabilità 1.Esigibilità del progetto individuale 2.Globalità del progetto individuale 3.Coinvolgimento della persona con disabilità e della sua famiglia

56 empowernet - giugno Una sola conclusione usare /osare lart.14 L.328/2000


Scaricare ppt "empowernet - giugno 20041 Empowernet = occasione per migliorare lefficacia dellazione delle Associazioni a livello regionale e territoriale occasione."

Presentazioni simili


Annunci Google