La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Informatica Umanistica A.A. 2005/2006 LEZIONE 6 Ripasso XML – DTD XSL.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Informatica Umanistica A.A. 2005/2006 LEZIONE 6 Ripasso XML – DTD XSL."— Transcript della presentazione:

1 Informatica Umanistica A.A. 2005/2006 LEZIONE 6 Ripasso XML – DTD XSL

2 Lezione 6 SOMMARIO 1. Ripasso: XML 2. Ripasso: DTD 3. Ripasso: validare per imparare 4. XSL (XPath, XSLT, XSL-FO) 5. XML Namespace 6. XPath 7. XSLT 8. Esempi

3 Un documento XML è composto da tre parti  XML (eXtensible Markup Language) i dati (struttura fisica - document istance) Quale informazione e' contenuta nel file?  DTD (Document Type Definition) lo schema dei dati (struttura logica) Quali tag posso usare? Dove? Come?  XSL (eXtensible Stylesheet Language) la presentazione dei dati (stylesheet) Come visualizzo questi dati? Ripasso XML

4 XML – DTD – XSL Nel file XML c’è il contenuto “vero e proprio” semanticamente strutturato La DTD (o lo Schema) definiscono la sintassi dell’XML Il file XSL definisce la visualizzazione Ripasso XML

5 XML – HTML XML, come HTML è un dialetto di SGML orientato al web, ma non è un’alternativa a HTML. Il file XML viene trasformato da un programma in un altro linguaggio, tipicamente HTML ma non solo (testo, PDF,..., qualsiasi formato) Ripasso XML

6 La dichiarazione XML  La dichiarazione XML è obbligatoria e deve essere posta all’immediato inizio del documento (ovvero come primo carattere! Niente spazi prima!):  Gli attributi sono: version: (obbligatorio) la versione di XML usata. encoding: (opzionale) nome della codifica dei caratteri usata nel documento (default: Unicode UTF-8 o 16) standalone: (opzionale) (default: no)  standalone=yes  il file non fa riferimento ad altri file esterni, ovvero il solo file XML contiene dati e DTD Noi useremo sempre standalone="yes"  standalone=no  e' necessario un file esterno (che contiere il DTD) Ripasso XML

7 Piccolo esempio (2) Caro Beatrice, ti scrivo per comunicarti… cari saluti, Dante Ripasso XML

8 Riassumendo I documenti XML si possono considerare formati da cinque blocchi (building blocks):  Commenti  Elementi  Attributi (con i loro valori)  Entità  CDATA  PCDATA Ripasso XML

9 Commenti  I documenti di markup possono contenere commenti, ovvero note da un autore all’altro, da un editore all’altro, ecc.  Queste note non fanno parte del contenuto del documento, e le applicazioni di markup li ignorano.  Sono molto comodi per passare informazioni tra un autore e l’altro, o per trattenere informazioni per se stessi, nel caso le dimenticassimo. Ripasso XML

10 Elementi - Sintassi  Il tag di apertura di un elemento ha la forma seguente: nome è il nome dell’elemento. attributi è una lista di attributi per l’elemento (che può anche non apparire).  Il tag di chiusura corrispondente ha la forma seguente: nome è lo stesso identificatore usato nell’apertura.  Alcuni elementi possono essere privi di contenuto; in questo caso è possibile omettere il tag di chiusura scrivendo quello di apertura nel modo seguente (empty tag): Ripasso XML

11 Elementi – Regole per documenti ben formati  I nomi degli elementi sono case-sensitive (devono coincidere in apertura e chiusura).  Ogni elemento aperto deve essere chiuso entro la fine del documento.  Gli elementi possono essere nidificati, e in tal caso vanno chiusi esattamente nell’ordine inverso a quello di apertura.  Un documento XML deve avere un unico elemento “radice”, in cui tutti gli altri sono nidificati  I valori si racchiudono tra singoli ( ' ' ) o doppi ( " " ) apici  Gli elementi non devono avere due attributi con lo stesso nome  I nomi degli elementi e degli attributi non devono contenere caratteri speciali (&,...)  I nomi degli elementi non devono contenere spazi Ripasso XML

12 Attributi - Sintassi  Sintassi di base da usare all’interno dei tag di apertura:  Una lista di attributi si ottiene elencando più attributi separati da uno o più spazi:  Per includere virgolette nel valore, è necessario usare un tipo diverso da quello usato per delimitare il valore stesso:  Si possono includere riferimenti a entità nel valore: Ripasso XML

13 Attributi  Gli elementi possono contenere uno o più attributi, che sono termini aggiuntivi che definiscono con più precisione l’elemento, es. (qual è l’attributo?)  Il valore degli attributi è racchiuso tra virgolette (singole: 'uno', o doppie: "uno " ). N.B. Le virgolette devono essere entrambe singole o entrambe doppie.  Un attributo non può essere usato due volte all’interno dello stesso elemento.  Un elemento può contenere più di un attributo. … Capitolo primo Ripasso XML

14 Attributi - Regole  I nomi degli attributi sono case-sensitive (c’è differenza tra maiuscole e minuscole).  Lo stesso tag non può contenere due attributi con lo stesso nome.  Non sono ammessi attributi senza valore (solo nome, es. ).  Il valore degli attributi deve essere specificato tra virgolette semplici o doppie.  Il valore può contenere riferimenti ad entità (es. è).  Il valore non può contenere markup, sezioni CDATA (character DATA) o virgolette uguali a quelle iniziali. Ripasso XML

15 Entità Abbiamo visto che le entità sono sequenze di caratteri speciali dalla forma &nome; : XML permette di definire le proprie entità utilizzando la dichiarazione  A cosa servono? Per dichiarare dei testi o delle iscrizioni fisse che vengono inserite ripetutamente all’interno dei documenti. Esempio. Se devo scrivere “HyperText Markup Language” molte volte all’interno del mio documento XML (lungo!) lo posso sostituire con un’entità (breve): In questo modo quando nel file XML userò l’entità &html; questa verrà sostituita con l’intera stringa Ripasso XML

16 Sezioni CDATA (Character DATA)  A volte gli elementi da sostituire con entità possono essere molti. Es.: un blocco di testo che illustra il codice XML:  Qui, invece di sostituire tutti i caratteri speciali con entità, utilizziamo una sezione CDATA: Ciò che sta all’interno di una sezione CDATA verrà sempre considerato come testo, anche se contiene codice XML ( = non verrà analizzato) Ripasso XML

17 PCDATA (Parsed Character DATA)  È il testo che si trova tra il tag di apertura e il tag di chiusura di un elemento (il contenuto vero e proprio del documento)  Esso corrisponde alle parole, gli spazi e la punteggiatura che costituiscono il testo.  Viene anche detto PCDATA (Parsed Character DATA) perché a differenza dei CDATA (character data, il cui contenuto testuale non viene analizzato) quello degli elementi è soggetto ad azione di parsing (= analisi, per lo più per identificare le entità e sostituirle). Oggi è una bella giornata. Ripasso XML

18 Documenti ben formati  I nomi degli elementi sono case-sensitive (devono coincidere in apertura e chiusura).  Ogni elemento aperto deve essere chiuso entro la fine del documento.  Gli elementi possono essere nidificati, e in tal caso vanno chiusi esattamente nell’ordine inverso a quello di apertura.  Un documento XML deve avere un unico elemento “radice”, in cui tutti gli altri sono nidificati  I valori si racchiudono tra singoli ( ' ) o doppi ( " " ) apici  Gli elementi non devono avere due attributi con lo stesso nome  I nomi degli elementi e degli attributi non devono contenere caratteri speciali (&,...)  I nomi degli elementi non devono contenere spazi Ripasso XML

19 Ma che succede se il mio documento XML non è ben formato?  Quando cercherò di aprirlo il parser individuerà l’errore!  Significa che...  In generale la pagina non verrà visualizzata; verrà invece indicato il numero di riga in cui è stato trovato l’errore. Ripasso XML

20  Abbiamo visto che con XML possiamo definire i tag a piacimento  Ma è necessario definire una grammatica: un insieme di regole che indicano quali vocaboli (elementi) possiamo usare per formare le frasi (documenti)  questa grammatica si definisce con il DTD – Document Type Definition  Un documento XML è valido se è ben formato e rispetta le regole del DTD associato.  Cosa e' un DTD? Lo vediamo tra poco...  Come si validano i documenti? Lo vediamo tra poco...  Un documento ben formato può non essere valido?  Un documento valido può non essere ben formato? Documenti ben formati e anche validi Ripasso XML/DTD

21 DTD – Document Type Definition  Un DTD è un documento che descrive i tag utilizzabili in un documento XML, la loro struttura nel documento e altre informazioni sugli attributi dei tag (ed eventualmente sulle entità, se ce ne sono).  Quali tag posso usare? Quante volte? Un tag puo' contenere un altro tag? Quale?  Queste e altre cose si specificano nel DTD (Document Type Definition). Ripasso DTD

22 Due modi per collegare un documento XML con il suo DTD Un DTD definisce la grammatica per il markup del nostro documento XML. Dobbiamo quindi mettere in relazione il documento XML con il suo DTD (in modo che il parser possa verificare la validità del documento XML) Esistono due modi per fare questo (noi usiamo il primo): 1. Scriviamo il DTD all’interno del documento XML 2. Il DTD è in un file esterno, e nel documento XML è presente un riferimento a tale file es. URL del DTD definito in articolo.dtdNome del documento Ripasso DTD

23 La dichiarazione XML  Abbiamo già visto che la dichiarazione XML è obbligatoria e deve essere posta all’immediato inizio del documento (ovvero come primo carattere! Niente spazi prima!):  Gli attributi sono: version: (obbligatorio) la versione di XML usata. encoding: (opzionale) nome della codifica dei caratteri usata nel documento (default: Unicode UTF-8 o 16) standalone: (opzionale) (default: no)  standalone=yes  il file non fa riferimento ad altri file esterni, ovvero il solo file XML contiene dati e DTD Noi useremo sempre standalone="yes"  standalone=no  e' necessario un file esterno (che contiere il DTD) Ripasso DTD

24 Dopo la dichiarazione XML: la dichiarazione DOCTYPE  Il DTD (Document Type Definition) definisce gli elementi e gli attributi consentiti, e la struttura del documento.  Un DTD può essere interno o esterno al documento XML: noi useremo la dichiarazione interna (dichiarazione DOCTYPE)  Se il DTD è dichiarato all’interno del documento XML, viene inserito in una dichiarazione DOCTYPE. Idealmente la sintassi è:  ElementoRadice (obbligatorio) è il nome dell’elemento radice del documento.  Definizioni del DTD (opzionale) è un DTD specificato inline al documento. Ripasso DTD

25 Come scrivo il DTD per il mio XML: sintassi La sintassi di un DTD si basa principalmente su due dichiarazioni:  Definisce gli elementi utilizzabili nel documento XML e la struttura del documento  Definisce la lista di attributi per ciascun elemento Ripasso DTD

26 DTD per la rubrica ]> Ripasso DTD

27 Altri tipi di dichiarazioni EMPTY e ANY Elementi vuoti:  Elementi che contengono qualsiasi combinazione di dati:  Es: Ripasso DTD

28 Altri tipi di dichiarazioni #PCDATA Elementi che contengono Parsed Character Data (PCDATA):  Elementi che contengono solo una sequenza di sotto-elementi (come nell’esempio della rubrica):  Anche i sotto-elementi vanno dichiarati nel DTD: Ripasso DTD

29 Altri tipi di dichiarazioni solo un sotto-elemento Elementi che contengono 1 unico sotto-elemento  Elementi che contengono minimo 1 occorrenza di un sotto- elemento  Elementi che contengono 0 o 1 occorrenza di un sotto-elemento  Elementi che contengono 1 solo tra una lista di sotto-elementi  Ripasso DTD

30 Altri tipi di dichiarazioni contenuto misto Elementi che hanno un contenuto misto, cioè dati oppure sottoelementi:  Esempio: Ripasso DTD

31 Riassunto simboli + L’elemento cui si applica il simbolo può essere presente una o più volte. ? L’elemento cui si applica il simbolo può essere presente zero o una sola volta. * L’elemento cui si applica il simbolo può essere presente zero o più volte. | (shift + |) Simbolo “OR”: può essere presente solo uno degli elementi in una lista. Ripasso DTD

32 Sintassi Esempio: In XML diventa: Ripasso DTD

33 Sintassi Ripasso DTD

34 Sintassi Ripasso DTD

35 Validare per imparare  Per validare l'HTML  Per validare l'XML Lo apriamo col browser che ci dice se e' valido oppure Ripasso XML/DTD

36 Informatica Umanistica A.A. 2005/2006 LEZIONE 6 XSL - XSLT

37 Come gestiamo la presentazione dei documenti XML?  Con XSL - eXtensible Stylesheet Language  Ma perché non usare i CSS?  i CSS sono pensati solo per il Web  non hanno alcune caratteristiche necessarie per la presentazione su supporti diversi dal Web  il W3C ha definito un insieme di specifiche per gestire in modo flessibile la presentazione di documenti XML: l'XSL

38 XSL  XSL sta per eXtensible Stylesheet Language.  Il W3C ha sviluppato l'XSL perché si avvertiva la necessità di avere un linguaggio di stile basato sull'XML.

39 CSS e XSL a confronto  fogli di stile per l'HTML  fogli di stile per l'XML  HTML usa dei tag predefiniti dal W3C: significa che ogni tag ha delle caratteristiche di visualizzazione  es. il tag definisce una tabella: il browser sa come visualizzarla  XML non usa dei tag predefiniti dal W3c: i tag sono definiti da chi scrive il codice (noi): significa che i tag non hanno caratteristiche di visualizzazione.  es. un tag in XML potrebbe significare una tabella, ma anche qualsiasi altra cosa: il browser non sa come visualizzare il tag in XML CSSXSL

40 XSL - più di un linguaggio di stile XSL è in realtà un insieme di 3 linguaggi:  XPath individua gli elementi e gli attributi di un documento XML cui applicare le operazioni di formattazione  XSLT (XSL Tranformation) controlla l'elaborazione dei dati e come presentarli  XSL-FO (XSL Formatting Objects) definisce un insieme di tag di formattazione Questa suddivisione dei compiti è il punto di forza dell'XSL e lo rende altamente flessibile.

41 XSLT (XSL Transformations)  linguaggio XML che ci permette di elaborare i dati di un documento XML e trasformarli in un altro documento XML, o in un altro formato riconoscibile da un browser (es. HTML)  nel nostro caso, presenteremo i dati dei nostri documenti XML in formato HTML. Tutorial W3C:

42 Caratteristiche di XSLT  XSLT sta per XSL Transformations  è definito dal W3C  è la parte più importante dell'XSL  trasforma i documenti XML in altri formati  utilizza il linguaggio XPath per navigare all'interno dei documenti XML. Che significa? Abbiamo visto che XPath individua gli elementi e gli attributi di un documento XML cui applicare le operazioni di formattazione XSLT utilizza il linguaggio XPath per individuare gli elementi da trasformare

43 Esempio file.xsl Dichiarazione XML Riferimento a un namespace Codice XSLT Codice HTML Espressioni XPath

44 Cosa bisognerebbe sapere per usare XSLT  HTML  XML  XML Namespace (lo vediamo ora)  XPath (vediamo la sintassi necessaria ai nostri scopi)

45 XML Namespace  Quando si crea un nuovo linguaggio può essere utile integrare elementi derivanti da grammatiche diverse.  In questo modo è possibile riutilizzare parti di grammatiche già definite da altri (senza rifarne il lavoro).  Per fare questo in XML possiamo utilizzare i namespace: insiemi di nomi di elementi e nomi di attributi identificati univocamente da un identificatore.  Questo identificatore univoco individua un insieme di nomi di elementi e attributi, distinguendoli da eventuali omonimie in altri namespace. Tutorial W3C:

46 XML Namespace Esempio: nomi in conflitto  In XML i nomi degli elementi sono definiti dal programmatore.  Codice XML che descrive una tabella HTML: Mele Banane  Codice XML che descrive un tavolo: Tavolo da giardino  Entrambi i frammenti XML contengono un elemento, ma questo ha diversi significati e contenuti nei due casi.  Se questi frammenti fossero uniti nello stesso documento XML, ci sarebbe un conflitto, perché il parser non saprebbe come gestirli.

47 XML Namespace prefissi  Per risolvere questo problema, possiamo usare un sistema di prefissi. Esempio: assegno "h:" per indicare "html", e "m:" per "mobili"  Tabella HTML: Mele Banane  Tavolo: Tavolo da giardino  Ora che abbiamo associato ad ogni elemento un prefisso "h:" (html) o "m:" (mobili), dobbiamo definire un namespace per questi prefissi.

48 XML Namespace Come definisco un namespace? Assegnando l'attributo xmlns al tag di apertura di un elemento, così:  NB: quando definisco un namespace per un elemento, tutti i nodi "figli" con lo stesso prefisso saranno associati con quell'elemento. Esempi: 

49 Mele Banane Tavolo da giardino XML Namespace L'esempio di prima diventa: L'attributo xmlns nel tag assegna ai prefissi h: e m: dei namespace.

50 XML Namespace dichiarazione del namespace nell’elemento radice Mele Banane Tavolo da giardino

51 XML Namespace Namespaces di default  Definire un namespace di default per un certo elemento ci risparmia l'uso dei prefissi per tutti gli elementi figli. La sintassi è: 

52 XML Namespace Gli esempi di prima diventano:  Tabella HTML: Mele Banane  Tavolo: Tavolo da giardino

53 Ma nella realtà? Namespace e XSLT My CD Collection Title Artist Abbiamo visto che XSLT è un linguaggio XML usato per trasformare documenti XML in altri formati, come l'HTML. In questo documento XSLT, la maggior parte dei tag sono tag dell'HTML, ma non tutti. I tag che NON sono tag dell'HTML hanno un prefisso xsl:, identificato dal namespace xmlns:xsl="http://www.w3.org/1 999/XSL/Transform"

54 XSL XSL è un insieme di 3 linguaggi:  XPath individua gli elementi e gli attributi di un documento XML cui applicare le operazioni di formattazione  XSLT (XSL Tranformation) controlla l'elaborazione dei dati e come presentarli  XSL-FO (XSL Formatting Objects) definisce un insieme di tag di formattazione Tutorial W3C:

55 XPath  XPath individua gli elementi e gli attributi di un documento XML cui applicare le operazioni di formattazione Esiste un’analogia con HTML/CSS? Che cosa in CSS ha il compito di individuare gli elementi cui applicare una certa formattazione? Il selettore = elemento sintattico di una regola CSS che individua gli elementi da formattare. es. h1 {color: #000000;}  In XSL questo ruolo è svolto da XPath, che è più potente e flessibile

56 Xpath Sintassi  Il linguaggio XPath tratta i documenti XML come alberi composti da nodi (ricordate la struttura gerarchica ad albero di un documento XML?):  Attraverso delle espressioni dichiarative individua e seleziona i vari nodi (o insiemi di nodi) dell'albero, seguendo dei "sentieri" o "passi".  Ai nodi (o agli insiemi di nodi) individuati saranno poi applicate delle regole!  La sintassi di XPath è molto compatta: assomiglia alle espressioni usate per individuare i percorsi di file e cartelle su un file system (ricordate gli URI relativi?)

57 Xpath Sintassi nome_elemento Seleziona tutti i figli dell’elemento nome_elemento / Seleziona l’elemento radice // Seleziona tutti i nodi discendenti a partire dal nodo corrente (non importa a che livello sono). Seleziona il nodo corrente.. Seleziona il genitore del nodo Seleziona gli attributi

58 Harry Potter Learning XML Sintassi XPath: esempi libreria.xml

59 libreriaSeleziona tutti i figli dell’elemento libreria / oppure /libreria Seleziona l’elemento radice libreria libreria/libroSeleziona tutti gli elementi libro figli di libreria //libro Seleziona tutti gli elementi libro (non importa a che livello sono nel documento) libreria//libro Seleziona tutti gli elementi libro discendenti di libreria (non importa a che livello sono sotto libreria) tutti gli attributi lingua Sintassi XPath: esempi libreria.xml

60 Giulio Cesare Bruto 10 Roma Giovanni Pompeo Catilina 12 Milano Ricordate la rubrica in XML?

61 Giulio Cesare Bruto 10 Roma Giovanni Pompeo Catilina 12 Milano Come seleziono tutti gli elementi PERSONA figli di RUBRICA? RUBRICA/PERSONA

62 Giulio Cesare Bruto 10 Roma Giovanni Pompeo Catilina 12 Milano Come seleziono tutti gli elementi CAP? Dove sta CAP? RUBRICA/PERSONA/DATI_ANAGRAFICI /INDIRIZZO/CAP

63 Giulio Cesare Bruto 10 Roma Giovanni Pompeo Catilina 12 Milano Come seleziono tutti gli elementi NOME? RUBRICA/PERSONA/DATI_ANAGRAFICI /NOME

64 Giulio Cesare Bruto 10 Roma Giovanni Pompeo Catilina 12 Milano Come seleziono tutti gli elementi COGNOME? RUBRICA/PERSONA/DATI_ANAGRAFICI /COGNOME

65 Giulio Cesare Bruto 10 Roma Giovanni Pompeo Catilina 12 Milano Come seleziono l’elemento NUMERO di FISSO? RUBRICA/PERSONA/TELEFONO/FISSO/ NUMERO

66 Giulio Cesare Bruto 10 Roma Giovanni Pompeo Catilina 12 Milano Come seleziono l’attributo prefisso dell’elemento NUMERO di FISSO? RUBRICA/PERSONA SO

67 Giulio Cesare Bruto 10 Roma Giovanni Pompeo Catilina 12 Milano Come seleziono l’attributo compagnia dell’elemento NUMERO di FISSO? RUBRICA/PERSONA

68  RUBRICA/PERSONA  RUBRICA/PERSONA/DATI_ANAGRAFICI/INDIRIZZO/CAP  RUBRICA/PERSONA/DATI_ANAGRAFICI/NOME  RUBRICA/PERSONA/DATI_ANAGRAFICI/COGNOME  RUBRICA/PERSONA /TELEFONO/FISSO/NUMERO  RUBRICA/PERSONA  RUBRICA/PERSONA Xpath Sintassi: esempi

69 Xpath Sintassi – Predicati e funzioni  Le espressioni viste finora selezionano tutti gli elementi figli o discendenti di un altro elemento  Ma come faccio se voglio selezionare un particolare elemento? O un elemento il cui attributo ha un certo valore? Es. in rubrica.xml, voglio selezionare  Solo la persona n° 2  Solo l’elemento NUMERO il cui attributo prefisso ha come valore “06”  Con i predicati!

70 Xpath Sintassi – Predicati e funzioni  I predicati si racchiudono sempre tra parentesi quadre: RUBRICA/PERSONA/TELEFONO/FISSO /NUMERO/[predicato]  Dentro le parentesi quadre specifichiamo la condizione che deve essere soddisfatta dall’elemento. Esempio: Seleziona l’elemento NUMERO il cui attributo prefisso ha come valore 06

71 Giulio Cesare Bruto 10 Roma Giovanni Pompeo Catilina 12 Milano RUBRICA/PERSONA/TELEFONO/FISSO/ Seleziona l’elemento NUMERO il cui attributo prefisso ha come valore 06

72 Xpath Sintassi – Predicati e funzioni  Per selezionare un elemento specifico è possibile usare delle funzioni predefinite. position() specifica la posizione di un elemento last() specifica l’ultima posizione di una sequenza di elementi count() restituisce il numero di elementi relativi all’espressione passata come argomento. L’argomento è il ciò che sta nelle parentesi.

73 Xpath Sintassi – Predicati e funzioni: esempi  RUBRICA/PERSONA[position()=2] Indica l’elemento PERSONA che sta in seconda posizione  RUBRICA/PERSONA[last()] Indica l’elemento PERSONA che sta in ultima posizione  count(RUBRICA/PERSONA) Restituirà il numero di elementi PERSONA di RUBRICA

74 Giulio Cesare Bruto 10 Roma Giovanni Pompeo Catilina 12 Milano RUBRICA/PERSONA[position()=2] Indica l’elemento PERSONA che sta in seconda posizione RUBRICA/PERSONA[last()] Indica l’elemento PERSONA che sta in ultima posizione In questo caso coincidono

75 RUBRICA PERSONA DATI_ANAGRAFICI TELEFONO NOMECOGNOMEINDIRIZZOFISSOMOBILENOMECOGNOMEINDIRIZZOFISSOMOBILE La rubrica, vista come albero RUBRICA/PERSONA[position()=2] RUBRICA/PERSONA[last()]

76 Xpath Sintassi – Predicati e funzioni: esempi Cosa indicano le seguenti stringhe?  RUBRICA/PERSONA[position()=2]/DATI_ANAGRAFICI/NOME  RUBRICA/PERSONA[last()]/DATI_ANAGRAFICI/NOME  06]/../../../DATI_ANAGRAFICI/NOME

77 RUBRICA PERSONA DATI_ANAGRAFICI TELEFONO NOMECOGNOMEINDIRIZZOFISSOMOBILENOMECOGNOMEINDIRIZZOFISSOMOBILE RUBRICA/PERSONA[position()=2]/DATI_ANAGRAFICI/NOME

78 RUBRICA PERSONA DATI_ANAGRAFICI TELEFONO NOMECOGNOMEINDIRIZZOFISSOMOBILENOMECOGNOMEINDIRIZZOFISSOMOBILE RUBRICA/PERSONA[last()]/DATI_ANAGRAFICI/NOME

79 RUBRICA PERSONA DATI_ANAGRAFICI TELEFONO NOMECOGNOMEINDIRIZZOFISSOMOBILENOMECOGNOMEINDIRIZZOFISSOMOBILE 06]/../../../DATI_ANAGRAFICI/NOME prefisso=“06”prefisso=“02”

80 libreria/libro[last()-1] Seleziona il penultimo elemento libro figlio di libreria libreria/libro[position()<3] Seleziona i primi due elementi libro figli di libreria Seleziona tutti gli elementi titolo il cui attributo lingua ha valore inglese libreria/libro[prezzo>35.00] Seleziona tutti gli elementi libro figli di libreria che hanno un elemento prezzo con valore maggiore di /libreria/libro[prezzo>35.00]/titolo Seleziona tutti gli elementi titolo degli elementi libro che hanno un elemento prezzo con valore maggiore di Xpath Sintassi – Altri predicati – libreria.xml

81 XSLT – XSL Transformations  è la parte più importante dell'XSL  trasforma i documenti XML in altri formati (nel nostro caso HTML)  utilizza XPath per individuare gli elementi da trasformare

82  Quando accedo al documento XML, il browser viene indirizzato al file XSL per recuperare le informazioni sulle trasformazioni del documento d’origine XML rubrica001.xsl rubrica.xml “Vai a rubrica001.xsl” XSLT – XSL Transformations

83 rubrica001.xsl Come specifico l’XSL per il mio XML? rubrica.xml ...dati XML... …trasformazioni XSL…

84 XSLT – Come avvengono le trasformazioni?  le trasformazioni avvengono in base alle istruzioni contenute nel foglio di stile XSLT e interpretate da un processore XSLT.  Il foglio di stile XSLT è un documento XML che usa dei tag appartenenti alla grammatica XSLT (ricordate i namespace?).  La struttura di un foglio di stile XSLT è la seguente:...template di trasformazione...

85 XSLT – Come avvengono le trasformazioni? o All'interno dell'elemento radice vengono definite le istruzioni di trasformazione da applicare al documento XML d'origine. o XSLT trasforma ogni elemento del documento XML d'origine in un altro elemento, nel nostro caso in formato HTML. o Nel documento risultante è possibile aggiungere elementi nuovi rispetto al documento XML d'origine, riordinare gli elementi, ecc. o xmlns:xsl="http://www.w3.org/1999/XSL/Transform" punta al namespace XSLT ufficiale del W3C....template di trasformazione...

86  Nel processo di trasformazione, XSLT si serve di XPath per selezionare gli elementi del documento XML, sui quali verranno applicati dei template di trasformazione. XSLT – Come avvengono le trasformazioni?...definizione dell'output... Ricordate questo simbolo? Indica l’elemento radice in linguaggio XPath.

87 Esempio template Rubrica di esempio ………………..

88 Estrapolazione dei dati dal documento XML  All’interno di ogni template e’ possibile effettuare delle ricerche per estrapolare dati e visualizzarli nel browser.  esempio: trova l'elemento “cognome” del file XML e trasformalo in un elemento “H3” dell'HTML  Ai dati viene applicato il linguaggio HTML per apparire su video (nel nostro caso! Altri formati di output sono possibili!)

89  Un template XSLT individua un elemento (o un insieme di elementi) di un documento XML utilizzando un’espressione XPath, e vi applica una serie di trasformazioni per ottenere un output.. XSLT – Cos’è un template...definizione dell'output... Riuscite a pensare ad un’analogia con i CSS? Le regole CSS!

90  Un template XSLT individua un elemento (o un insieme di elementi) di un documento XML utilizzando un’espressione XPath, e … XSLT – Cos’è un template

91  Un template XSLT individua un elemento (o un insieme di elementi) di un documento XML utilizzando un’espressione XPath, e vi applica una serie di trasformazioni per ottenere un output.. XSLT – Cos’è un template

92  L'elemento si usa per applicare le trasformazioni. L’attributo match si usa per associare ad un template un elemento XML. Il valore di match è un’espressione XPath: dato che “/” è l’elemento radice, match="/" definisce l’intero documento XML. XSLT – Cos’è un template

93  L'elemento contenuto all'interno dell'elemento cattura il valore di un elemento o di un attributo e lo produce come output nel documento HTML risultante. XSLT – Template:

94  L'elemento applica una certa regola ad ogni elemento indicato come valore dell’attributo select. XSLT – Template:

95 XSLT – Template: o L'elemento ordina l’output a seconda dell’espressione indicata come valore dell’attributo select. Va aggiunto all’interno dell’elemento. I cognomi saranno visualizzati in ordine alfabetico

96 XSLT – Template: o L'elemento applica una certa regola solo agli elementi che soddisfano la condizione espressa nel valore dell’attributo test.

97  L'elemento si usa assieme agli elementi e per ottenere diversi output in base a condizioni diverse.  All’interno dell’elemento le condizioni da valutare si esprimono tramite gli elementi.  L’elemento indica l’output da generare nel caso nessuna delle condizioni precedenti sia vera XSLT – Template:,,

98  La sintassi è la seguente:... some output some output.... XSLT – Template:,, Scegli: Quando questa condizione è vera, allora dammi questo output Altrimenti, dammi quest’altro output

99 XSLT – Template:,, '11000'">

100 XSL per immagini immagine a

101 XSL per immagini immagine a

102 ESTRAZIONE ELEMENTI SEMPLICE: for-each e value-of SINTASSI: - sono tag, vanno chiusi, hanno attributi! - di solito for-each viene usato per riempire una struttura ripetitiva (es: TABLE) - di solito con value-of si seleziona un sottoelemento

103 ESTRAZIONE CONDIZIONATA DI ELEMENTI: test con [] SINTASSI:

104 ESTRAZIONE CONDIZIONATA DI ATTRIBUTI: test con [] SINTASSI:

105 ESTRAZIONE CONDIZIONATA : test con if


Scaricare ppt "Informatica Umanistica A.A. 2005/2006 LEZIONE 6 Ripasso XML – DTD XSL."

Presentazioni simili


Annunci Google