La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Consulenza genetica: definizione La consulenza genetica è un servizio con il quale i pazienti o i familiari di un paziente, a rischio per una malattia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Consulenza genetica: definizione La consulenza genetica è un servizio con il quale i pazienti o i familiari di un paziente, a rischio per una malattia."— Transcript della presentazione:

1 Consulenza genetica: definizione La consulenza genetica è un servizio con il quale i pazienti o i familiari di un paziente, a rischio per una malattia che può essere genetica, sono informati delle conseguenze di quella malattia, la probabilità di svilupparla e di trasmetterla e le modalità con le quali può essere prevenuta o trattata.

2 Consulenza genetica: obiettivi Diagnosi Individuazione dei portatori sani Selezione degli individui da sottoporre ai test genetici pre- e post natali Calcolo del rischio di ricorrenza Prevenzione Trattamento Supporto di tipo psicologico per il paziente o la famiglia

3 Fasi della consulenza genetica Costruzione dellalbero genealogico

4 Raccolta della anamnesi familiare ( dati clinici, referti di laboratorio, fotografie, accertamenti clinici sui familiari- dopo consenso)

5 Esame clinico e laboratoristico – Test genetici – Diagnostici – Identificazione portatori sani – Presintomatici – Suscettibilità – Farmacogenetici

6 Consulenza Diagnosi – Prenatale – Post natale

7 Diagnosi prenatale Il 3% dei nati presenta un handicap con componente genetica Questo valore è il rischio minimo che ogni coppia presenta al momento della scelta riproduttiva La consulenza genetica deve stabilire se una coppia ha un rischio uguale o superiore al rischio di specie

8 REQUISITI MINIMI – Gravidanze a rischio – No ricerca indiscriminata dimutazioni – Ogni persona è portatore sano di circa 20 /30 mutazioni di geni malattia

9 Età materna avanzata Precedente figlio con patologia cromosomica Indicazione ecografica

10 Post-natale Calcolo del rischio

11 Il consultorio genetico e i test genetici Consulenza pre-test: – Identificazione dei possibili test genetici utili – Informazione ai pazienti sul tipo di test suggerito – Scelta del paziente riguardo al sottoporsi o meno al test Consulenza post-test: – Comunicazione ai pazienti dei risultati del test – Suggerimenti su eventuali protocolli terapeutici o preventivi – Supporto psicologico

12 La consulenza pre-test

13 Costruzione dellalbero genealogico: avvertenze Indagare sui casi di aborti o di morti in età perinatale, che spesso vengono omessi dai pazienti; Indagare sulla presenza di consanguineità Tenere presente la possibilità di paternità illegittima (5%) Raccogliere dati su entrambi i lati (paterno e materno) della famiglia

14 Diagnosi: avvertenze Lesame clinico va esteso alle persone asintomatiche della famiglia La valutazione clinica va integrata da accertamenti diagnostici specifici, strumentali e di laboratorio I test genetici permettono di effettuare diagnosi anche su pazienti già deceduti da tempo.

15 Il calcolo del rischio La consulenza permette di stabilire il rischio di ricorrenza di una malattia in un albero familiare E essenziale verificare se la malattia ha una trasmissione di tipo: – Mendeliano: 50% malattie AD, 25% malattie AR Considerare le possibili eccezioni – Multifattoriale: calcolabile solo la suscettibilità genetica alla malattia Esordio della patologia legato anche a fattori ambientali

16

17 Consulenza delle malattie A.D.: difficoltà Esordio tardivo e anticipazione Difetto di penetranza – Indica la percentuale di individui eterozigoti per un allele dominante che mostrano un certo carattere Espressione variabile – Indica il livello di espressione di un certo carattere dominante negli eterozigoti – Dà luogo a livelli variabili di intensità nella manifestazione fenotipica di una malattia Nuove mutazioni Omozigosi

18 Consulenza nelle malattie A.R.: il ruolo dei portatori sani La probabilità di essere portatori sani dei parenti di un omozigote affetto è così calcolabile: – genitori e figli sono portatori obbligati; – la percentuale di geni in comune si riduce di 1/2 ad ogni generazione La consanguineità aumenta il rischio di specie dal 3 al 6%.

19 Consulenza nelle malattie X-linked: il problema delle portatrici Le malattie X- linked sono facili da riconoscere sulla base dellalbero genealogico, a meno che non si tratti di casi sporadici Il problema di queste malattie è identificare le portatrici sane

20 Il problema psicologico nelle malattie X-linked recessive La malattia è trasmessa da una madre sana al figlio maschio che si ammala A differenza delle malattie recessive, la malattia non deriva da uno stato di portatore di entrambi i genitori A differenza delle malattie dominanti, il genitore che trasmette la malattia non ne è affetto Conseguenti sensi di colpa materni

21 La consulenza delle malattie X-linked La condizione di portatrice sana può essere molto difficile da stabilire, e in caso di familiarità è essenziale non aspettare una gravidanza in corso per svolgere dei test In alcuni casi le malattie X-linked possono essere causate da mutazioni de novo e manifestarsi in forma sporadica

22 Consulenze di particolare difficoltà da un punto di vista psicologico Diagnosi prenatale di feto malformato Diagnosi di aumentato rischio di sviluppare un tumore familiare Diagnosi di aumentato rischio di sviluppare demenza Diagnosi di Corea di Huntigton Diagnosi di patologie con alterato sviluppo sessuale

23 Problemi psicologici nelle malattie genetiche con alterato sviluppo sessuale Numerose patologie genetiche causano alterazioni dello sviluppo sessuale (S. di Klinefelter, S. di Turner, patologie da sex- reverse) Benchè meno gravi di altre patologie genetiche, queste condizioni causano importanti problemi psicologici relativi alla identità sessuale dellindividuo

24 La consulenza nelle alterazioni dello sviluppo sessuale Spiegare ai pazienti che in molti casi lunico reale segno clinico è dato dalla sterilità, e in altri casi la malattia risponde bene alle terapie ormonali Rassicurare i pazienti sulla propria identità sessuale

25 Il problema psicologico nella diagnosi prenatale A seguito di diagnosi prenatale di handicap genetico, la coppia deve scegliere se interrompere o meno la gravidanza Gravi ripercussioni psicologiche soprattutto sulla donna

26 La consulenza nella diagnosi prenatale La consulenza in caso di diagnosi prenatale non deve mai essere direttiva Alla coppia va spiegato in dettaglio che tipo di patologia può presentare il feto, evitando di ingigantire i problemi causati da alcune malattie (es. anomalie dei cromosomi sessuali) Importante la consulenza psicologica prima e dopo la scelta della coppia

27 Problemi psicologici nei test di suscettibilità a tumori familiari Alcuni tumori familiari sono causati da geni che possono essere analizzati anche su pazienti ancora sani (es. cancro della mammella, cancro del colon) I familiari di individui affetti possono sapere se hanno ereditato o meno il gene di suscettibilità Problemi psicologici conseguenti alla scoperta di una condizione di rischio aumentato

28 La consulenza nei test di suscettibilità ai tumori familiari Eseguire i test su soggetti sani solo se in pazienti affetti della stessa famiglia sono state trovate mutazioni patogenetiche Spiegare bene prima e dopo il test che: – la presenza di mutazione non equivale alla certezza di ammalarsi – la assenza di mutazione non equivale alla certezza di non ammalarsi

29 Problemi psicologici legati al test predittivo per la Corea di Huntington La Corea di Huntington è una malattia incurabile a esordio tardivo Test genetici possono stabilire con certezza chi si ammalerà della malattia anche molti anni prima della comparsa dei sintomi Gravissimi problemi psicologici dei soggetti che scoprono di possedere il gene della malattia

30 La consulenza della Corea di Huntington Verificare prima del test mediante lausilio di uno psicologo se analizzare o meno un determinato soggetto Organizzare il sostegno psicologico per i pazienti che scoprono di essere portatori del gene della malattia

31 Reazioni psicologiche riscontrabili in sede di consulenza genetica Reazioni emotive: – Rabbia – Ansia – Negazione – Vergogna – Fatalismo – Cambio della percezione di sé – Sensi di colpa (parentali e di sopravvivenza) Reazioni elaborate: – Intellettualizzazione – Razionalizzazione – Ricerca di significati – Cambio del ruolo sociale – Cambio nella religiosità – Paura della discriminazione umana e sociale


Scaricare ppt "Consulenza genetica: definizione La consulenza genetica è un servizio con il quale i pazienti o i familiari di un paziente, a rischio per una malattia."

Presentazioni simili


Annunci Google