La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Regolazione neuroendocrina dellintake alimentare.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Regolazione neuroendocrina dellintake alimentare."— Transcript della presentazione:

1 Regolazione neuroendocrina dellintake alimentare

2 Omeostasi del controllo ponderale EE EE= Energy expenditure Il peso corporeo dipende dal bilancio tra I e EE

3 Omeostasi del controllo ponderale EE EE= Energy expenditure I meccanismi necessari al mantenimento del peso corporeo entro stretti limiti per lunghi periodi di tempo anche in fasi di cambiamento di EI e di fabbisogni calorici possono essere suddivisi in : 1) Sistemi di controllo a breve termine (meal-to-meal) 2) Sistemi di controllo a lungo termine Forced-fed animals peso free-fed peso (set pont) Starved animals peso free-fed peso (set pont)

4

5

6 Food Early Late Postabsorptive Postingestive Cognitive Sensory Satiety

7 Stimoli pre ingestivi e ingestivi

8

9 Stimoli post ingestivi

10

11 Stimoli post assorbitivi

12

13 Sistemi coinvolti nel controllo dellassunzione di cibo

14 SISTEMA NERVOSO

15 1940 Hetherington e Ranson lesioni bilaterali dellipotalamo mediale 1° fase dinamica ( rapido del peso ) iperfagia e obesità 2° fase statica stabilizzazione del peso

16 Anand e Brobek Lesione dellarea ipotalamica laterale Afagia e magrezza

17 Area Ipotalamica Ventromediale IPOFAGIA

18 Area Ipotalamica Laterale

19 IPOTESI GLUCOSTATICA CENTRO DELLA SAZIETA CENTRO DELLA FAME -- Lattività del centro della sazietà è regolata dalla velocità di utilizzazione delle sue cellule che sono chiamate GLUCOSTATI

20 IPOTESI GLUCOSTATICA CENTRO DELLA SAZIETA CENTRO DELLA FAME -- quando il consumo di glucosio è elevato, lattività dei glucostati aumenta il centro della fame è inibito e lindividuo si sente sazio quando il consumo di glucosio è bassa la loro attività diminuisce quindi diminuisce la loro azione frenante sul centro della fame

21 IPOTESI GLUCOSTATICA CENTRO DELLA SAZIETA CENTRO DELLA FAME -- quando il consumo di glucosio è elevato, lattività dei glucostati aumenta il centro della fame è inibito e lindividuo si sente sazio ? FASE POSTPRANDIALE

22 IPOTESI GLUCOSTATICA CENTRO DELLA SAZIETA CENTRO DELLA FAME -- quando il consumo di glucosio è bassa la loro attività diminuisce quindi diminuisce la loro azione frenante sul centro della fame ? FASE PREPRANDIALE

23 NORMALE ore Glicemia (mg/dl) LA CONCENTRAZIONE PLASMATICA DI GLUCOSIO REGOLA LA FAME –SAZIETA

24 Sistemi coinvolti nel controllo dellassunzione di cibo

25 Neurotrasmettitori periferici e centrali che regolano lassunzione di cibo ed il dispendio energetico

26 Sistema nervoso periferico Sistema nervoso centrale Intake di cibo Consumo di energia Noradrenalina (effetto alfa-adren) Noradrenalina (effetto beta-adren) Galanina, oppioidi, NA e A (alfa),GABA Dopamina, Serotonina, CCK, NA e A (beta) Inibiscono lintake di cibo e aumentano il consumo energetico Stimolano lintake di cibo e diminuiscono il consumo energetico Neurotrasmettitori periferici e centrali che regolano lassunzione di cibo ed il dispendio energetico

27 Neurotrasmettitori Dopamina (D) La D esercita un tono inibitorio fisiologico sul consumo di cibo attraverso lattivazione dei recettori D2 dopaminergici centrali. Sono soprattutto i cibi ricchi in proteine e lipidi ad essere assunti in quota minore, in seguito allazione della D e degli agenti che ne inducono il rilascio (amfetamina e derivati) Scarsi effetti si registrano sul consumo di carboidrati. La D riduce il consumo di cibo anche causando un ritardo dellinizio del pasto.

28

29

30

31 Sistemi coinvolti nel controllo dellassunzione di cibo

32 NEUROPEPTIDI

33

34 NPY ( neuropeptide Y) Influenza il consumo di cibo e svolge unimportante funzione anche di selezione dei macronutrienti (> apporto di CH). Prodotto da neuroni dellipotalamo (nucleo arcuato che proiettano assoni soprattutto nel nucleo paraventricolare), ma è presente anche in molte altre aree cerebrali ed in molti organi e tessuti. E un potente stimolatore dellassunzione di cibo e riduce la termogenesi.. Aumenta i livelli di insulinemia e i livelli mattutini basali di corticosteronemia Stimola l adipogenesi nel fegato e nel tessuto adiposo. LNPY è inibito dai livelli circolanti di leptina ed insulina PEPTIDI CENTRALI

35

36

37 Sistemi coinvolti nel controllo dellassunzione di cibo

38

39

40 B= breakfast L= lunch D=dinner


Scaricare ppt "Regolazione neuroendocrina dellintake alimentare."

Presentazioni simili


Annunci Google