La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Crema, 27 Giugno 2013 COMMISSIONE POLITICHE SOCIALI.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Crema, 27 Giugno 2013 COMMISSIONE POLITICHE SOCIALI."— Transcript della presentazione:

1 Crema, 27 Giugno 2013 COMMISSIONE POLITICHE SOCIALI

2 PREMESSA Distinzione tra attività di «programmazione» delle politiche sociali territoriali e attività di «gestione» dei servizi sociali; Assemblea dei Sindaci (organismo politico) e Ufficio di Piano (organismo tecnico), soggetti deputati alla programmazione; Comunità Sociale Cremasca soggetto preposto alla gestione (ente strumentale – contratto di servizio); Solo parte dei servizi sono delegati alla gestione di CSC (es.TM e SIL) mentre altri sono gestiti direttamente dai Comuni o da questi delegati a soggetti del Terzo Settore; Processo di riordino territoriale legato ai nuovi obblighi associativi definiti dalle normative del periodo

3 PREMESSA Nella tabella seguente si riporta il trend dei fondi istituzionali che descrive il contesto finanziario

4 E stato conseguito lobiettivo di favorire le politiche di integrazione territoriale e di solidarietà finanziaria degli enti consorziati, oltre allottimizzazione degli interventi secondo i criteri di efficienza, efficacia e qualità? La gestione associata ha consentito il raggiungimento degli obiettivi sopra descritti. In particolare si considerino Tutela Minori e Inserimento Lavorativo per i quali laccesso alle prestazioni è stato ampliato a livello distrettuale utilizzando competenze e professionalità di equipe appositamente dedicate in grado di fornire un buon livello qualitativo di prestazioni complesse. Nonostante la progressiva riduzione dei fondi istituzionali, la solidarietà tra Comuni garantisce leffettuazione di interventi capillari nel territorio (circa il 75% dei Comuni sotto i 5.000ab.). Gestione unitaria dei fondi a livello distrettuale (budget unico) consente una efficace programmazione di interventi in linea con i bisogni del territorio ed un abbattimento uniforme dei costi di alcuni servizi (Rette TM e Borse Lavoro - 50%) rendendoli maggiormente sostenibili In fase di elaborazione un percorso di progressivo rafforzamento della collaborazione istituzionale e gestionale rispetto ad una serie di servizi (SAD – SAP – Accordo disabilità) che possa garantire un accesso omogeneo alle prestazioni da parte degli utenti dellintero territorio.

5 E stato conseguito lobiettivo di favorire le politiche di integrazione territoriale e di solidarietà finanziaria degli enti consorziati, oltre allottimizzazione degli interventi secondo i criteri di efficienza, efficacia e qualità? Il puro costo gestionale delle attività di Comunità Sociale Cremasca si aggira intorno al 5% complessivo dellintero bilancio (il grafico successivo è ripreso dalla relazione di consuntivo 2012 e rappresenta la ripartizione del 5,37% del puro costo gestionale) Gestione CDD Via Desti

6 E stato conseguito lobiettivo di favorire le politiche di integrazione territoriale e di solidarietà finanziaria degli enti consorziati, oltre allottimizzazione degli interventi secondo i criteri di efficienza, efficacia e qualità? Necessità di maggiore integrazione tra servizi distrettuali e servizi territoriali necessaria per evitare la «presa in carico» di molte situazioni potenzialmente gestibili in sede preventiva (Tutela Minori); Comunità Sociale Cremasca seleziona soggetti erogatori di servizi attraverso procedure di accreditamento al fine di selezionare gestori in grado di fornire prestazioni di qualità (ultime due domande)

7 Quali programmi per migliorare la gestione associata ed integrata dei servizi alla persona tenendo conto delle esigenze e domanda a livello territoriale E stato avviato un percorso di riorganizzazione distrettuale dei servizi volto a ridisegnare il modello di welfare territoriale per governare e non subire il «cambiamento» imposto dai vincoli esterni (contrazione risorse – obbligatorietà dellassociazionismo delle funzioni fondamentali dei Comuni polvere) e da nuovi bisogni e nuove povertà (lavoro, casa, giovani) Riqualificazione del lavoro sociale (segretariato sociale, presa in carico, lavoro di comunità, lavoro amministrativo) Elaborazione di una proposta strutturata da parte di un Gruppo di lavoro congiunto tecnici – amministratori specificatamente individuato; Ridefinizione dei rapporti Comuni – Comunità Sociale Cremasca e valorizzazione opportunità legate alla gestione attraverso a.s.c. (esclusione patto di stabilità, non riparto delle spese di personale sui Comuni). Incontro del 9 luglio p.v.

8 Comunità è riuscita a favorire la partecipazione attiva degli utenti e delle associazioni, come previsto dallo statuto, sulla distribuzione e gradimento dei servizi del territorio Utenti e Associazioni sono stati coinvolti in questi anni sia in sede programmatoria (Ufficio di Piano) sia in sede gestionale (CSC – Tavoli di lavoro su specifiche progettualità). Esempi sono progetto ORMA, Affidi CARIPLO, Progetti specifici elaborati con associazioni del territorio (Orti Sociali, ASD No Limits). Ruolo importante dellufficio di progettazione CSC che opera a favore di iniziative e progettualità con ricaduta distrettuale. In sede di accreditamento è richiesta la presentazione di «Customer Satisfaction» per le attività svolte. Prospettiva di sviluppo Customer utenti attraverso Cartella Sociale. Processo più complesso per via del target di riferimento

9 E possibile tracciare un bilancio sugli interventi di promozione e orientamento aventi la finalità di favorire lintegrazione e il diritto di cittadinanza dei migranti Nellambito degli obiettivi e degli indirizzi fissati dallAssemblea dei Sindaci, Comunità Sociale Cremasca opera interventi di mediazione culturale a supporto dei Comuni del territorio anche attraverso integrazione di risorse rese disponibili dalla Provincia. Dallo scorso anno si è rafforzata la collaborazione con il Terzo Settore per estendere la sfera di attività di mediazione a Scuole e altre Istituzioni locali al fine di creare un sistema integrato più consono alle esigenze di integrazione ed ai bisogni degli utenti. Le nuove politiche di integrazione evitano interventi settoriali; a livello tecnico si ragiona su progetti complessivi (es. politiche giovanili con «leva civica» volontariato e giovani anni esperienze in realtà imprenditoriali)

10 Quali iniziative per migliorare lassistenza alle persone anziane, in particolare a quelle non autosufficienti e alle persone con disabilità In questi anni sono stati garantiti interventi significativi in un contesto di contrazione delle risorse (FNA in particolare). ANZIANI: Buoni sollievo caregivers; Buoni Assistenti Familiari – Sportello ACLI; Voucher SAD; Accreditamenti SAD; Gestione liste RSA; Telesoccorso;

11 DISABILI Buoni sociali disabili gravi; Attività integrative disabili; Accreditamento servizi per disabili Gestione rete disabilità (CSE – CDD – SFA) con presidio di CSC Gestione CDD di Crema Quali iniziative per migliorare lassistenza alle persone anziane, in particolare a quelle non autosufficienti e alle persone con disabilità

12 Negli ultimi anni è stata potenziata anche lazione di integrazione socio-sanitaria: Progetti di integrazione ADI-SAD; Progetti di integrazione nellarea disabilità (minori disabili); Strutturazione del CEAD territoriale (valutazioni integrate per soggetti con bisogni complessi); Protocollo continuità assistenziale (ASL – AO – Comuni – TS); Cartella sociale come strumento di integrazione;

13 Per laffido dei minori, vi sono iniziative per il contenimento delle tariffe, erogate ad alcune associazioni Nel corso del 2011 Comunità Sociale Cremasca ha avviato una politica generale di contenimento delle tariffe per tutte le strutture adibite allaccoglienza di minori collocati con provvedimento dellA.G.

14 Per laffido dei minori, vi sono iniziative per il contenimento delle tariffe, erogate ad alcune associazioni Struttura di accoglienza retta piena (iva inclusa ove applicata) Sconto accordato dal 2011 retta scontata (iva inclusa ove applicata) Spesa 2012 con retta piena (iva compresa) Spesa 2012 con sconto CSC (iva compresa) RISPARMIO Associazione Fraternità 36,25/giorno - 0,75/giorno 35, , ,00 274,50 CASCINA PARADISO FA Soc Coop Soc 101,92/giorno -8% sulla retta 93, , , ,50 Associazione Fraternità 72,50/giorno - 1,50/giorno 71, , ,00 549,00 Comunità Barbieri 112,00/giorno - 2,00/giorno 110, , ,00 732,00 La clessidra - Artemisia Junior 102,44/giorno -5% sulla retta 97, , , ,48 Associazione Fraternità 72,50/giorno - 1,50/giorno 71, , ,00 549,00 Associazione Fraternità 72,50/giorno - 1,50/giorno 71, , ,00 549,00 CASCINA PARADISO FA Soc Coop Soc 101,92/giorno -8% sulla retta 93, , , ,90 Associazione Fraternità 41,75/giorno - 0,75/giorno 41, , ,00 274,50 Associazione Fraternità 83,50/giorno - 1,50/giorno 82, , ,00 169,50 AFA - Comunità "lo sguardo" 101,92/giorno -8% sulla retta 93, , ,57 334,15 Associazione Fraternità 97,00/giorno - 26,00/giorno 71, , , ,00 Aurora Vitae 93,60/giorno - 10,00 senza iva 83, , , ,80 Aurora Vitae 93,60/giorno - 10,00 senza iva 83, , , ,80 Coop Arimo - Casa Miriam 110,24/giorno - 11,44/giorno 98, , , ,72 Somaschi - Comunità San Girolamo 99,00/giorno - 5,00/giorno 94, , , ,00 CASCINA PARADISO FA Soc Coop Soc 101,92/giorno -8% sulla retta 93, , , ,80 Coop Arimo - Casa Miriam 110,24/giorno - 11,44/giorno 98, , , ,84 Sentiero - KIRIKU' 102,44/giorno -5% sulla retta 97, , , ,92 AFA - Comunità "lo sguardo" 101,92/giorno -8% sulla retta 93, , ,71 187,45 AFA - Pronto Intervento 101,92/giorno -8% sulla retta 93,77 713,44 656,39 57,05 Coop Arimo - Casa Miriam 110,24/giorno - 11,44/giorno 98, , ,60 423,28 Comunità L'Alternativa 101,92/giorno - 3,00 senza iva 98, , ,60 645,84 AFA - Comunità Bergamo 101,92/giorno -8% sulla retta 93, , , ,60 Comunità l'Alternativa 101,92/giorno - 7,84 senza iva 93, , , ,30 AFA - Comunità GIRASOLE 88,40/giorno - 5,00 senza iva 83, , , ,20 Servizi per l'accoglienza Soc Coop 92,56/giorno - 10,00 senza iva 82, , , ,00 CASCINA PARADISO FA Soc Coop Soc 88,40/giorno - 5,00 senza iva 83, , , ,00 AFA - Comunità "lo sguardo" 101,92/giorno -8% sulla retta 93, , , ,50 Coop Casa del fanciullo 101,92/giorno - 8,00 senza iva 93, , , ,32 CASCINA PARADISO FA Soc Coop Soc 88,40/giorno - 5,00 senza iva 83, , , ,00 Consorzio FA - famiglia terapeutica 26,00/giorno -8%sulla retta 23, , ,95 746,05 Sentiero - La Bussola 99,84/giorno -5% sulla retta 94, , , ,34 comunità Colbert 35,00/giorno - 15,00/giorno 20, , ,00 930,00 Servizi per l'accoglienza Soc Coop 92,56/giorno - 55,67 senza iva 34, , , ,70 Servizi per l'accoglienza Soc Coop 92,56/giorno - 55,67 senza iva 34, , , ,70 Servizi per l'accoglienza Soc Coop 92,56/giorno - 10,00 senza iva 82, , ,96 322,40 Servizi per l'accoglienza Soc Coop 92,56/giorno - 55,67 senza iva 34, , , ,70 Servizi per l'accoglienza Soc Coop 92,56/giorno - 54,00 senza iva 36,40 370,24 145,60 224,64 Servizi per l'accoglienza Soc Coop 92,56/giorno - 54,00 senza iva 36,40 370,24 145,60 224, ,12

15 Per laffido dei minori, vi sono iniziative per il contenimento delle tariffe, erogate ad alcune associazioni Nel corso del 2012 Comunità Sociale Cremasca ha predisposto una specifica convezione sottoposta agli enti gestori avente alcuni obiettivi prioritari: Maggiore condivisione delle scelte progettuali legate ai minori collocati (es. dimissioni dalle strutture) Possibilità di effettuare maggiori controlli sul buon funzionamento delle strutture (anche di quelle non accreditate); Blocco tariffe per il biennio

16 Per laffido dei minori, vi sono iniziative per il contenimento delle tariffe, erogate ad alcune associazioni Comunità Convenzione annuale 2013 convenzione biennale note Ai.Bi. Associazione Amici dei bambini Xblocco rette per 2 anni, anche per nuovi inserimenti Ass. Fraternità X Aumento istat delle rette con accordo di sconto a fine 2013 sulla base del numero di giornate totalmente fruite nell'anno dai minori collocati Ass. Papa Giovanni XXIII Xblocco rette per 2 anni solo per minori già inseriti Comune di Cremona (ex Cremona Solidale) non stipulatain attesa di comunicazione di riorganizzazione dei loro servizi ed eventuale nuova retta C.A. Giulia Colbert Xblocco rette per 2 anni, anche per nuovi inserimenti PRESIDIO COMUNITA' TERAPEUTICHE ASSO non stipulataComunità terapeutica Casa della Giovane Angela Clerici Xblocco rette per 2 anni, anche per nuovi inserimenti COMIN COOP. SOCIALE E CBM COOP SOCIALE non stipulataconvenzione già in essere tra Comuni interessati e comunità - blocco rette solo per 2013 Comunità l'Alternativa Xblocco rette per 2 anni, anche per nuovi inserimenti Comunità-Famigliari Xblocco rette per 2 anni, anche per nuovi inserimenti Consorzio FA che comprende: FILI INTRECCIATI FA soc coop soc Xblocco rette per 2 anni, anche per nuovi inserimenti CASCINA PARADISO FA soc coop soc Xblocco rette per 2 anni, anche per nuovi inserimenti FA MILLE soc coop soc Xblocco rette per 2 anni, anche per nuovi inserimenti Coop. Arimo non stipulataipotizzate dimissioni minori - aumento rette 2013 Coop. Casa del Fanciullo Xblocco rette per 2 anni solo per minori già inseriti Coop. Sentiero Xottenuto sconto rette sul rette 2014 da concordare a fine 2013 Padri somaschi - Casa San Girolamo Xblocco rette per 2 anni solo per minori già inseriti AURORA VITAE soc coop sociale (ex POLIDOMUS) non stipulataipotizzate dimissioni minori - blocco rette solo per 2013 Coop Sociale di Bessimo non stipulataComunità terapeutica Servizi per l'accoglienza Soc.Coop.Soc. Onlus Xblocco rette per 2 anni solo per minori già inseriti Coop Rinnovamento Xblocco rette per 2 anni, anche per nuovi inserimenti

17 Quali iniziative per aumentare sia il numero delle associazioni che delle famiglie affidatarie verificando anche opportunità fuori dal territorio Con riferimento allaffido: Il progetto CARIPLO (terminato lo scorso 1 maggio) ha consentito una diffusione capillare delle informazioni ed una promozione di tale istituto. Il progetto ha portato alla costituzione di un gruppo di circa 20 famiglie affidatarie + iniziative con le scuole di Crema. Progetto «Borse affidabili»; Strutturazione Equipe affidi interna a CSC; Sono in campo iniziative per la promozione dellaffido con associazioni e famiglie (es. giornata per laffido). Continuazione finanziamento CARIPLO?

18 Investimenti sul personale «affidi» – Tempi – Dotazione organica attuale – Tavolo di programmazione Contesto di tensione tra bisogni e risorse (mancanza di bilancio preventivo) AS: 18h/sett. – Psicologa: 10h/sett – Educatore – 12h/sett (contratti indeterminati per AS e Educatore, rapporto di collaborazione per Psicologa) Quadro di incertezza rende difficili previsioni in termini di potenziamento organico. Maggiore stabilità dalla fine 2012 con assunzione Educatore Tavolo di programmazione: concordato con la sede programmatoria.

19 Quali iniziative per aumentare sia il numero delle associazioni che delle famiglie affidatarie verificando anche opportunità fuori dal territorio Con riferimento alle strutture di accoglienza comunitarie: Vengono già utilizzate strutture non ubicate sul territorio; Costante ricerca di strutture adeguate allaccoglienza (non tutte le comunità sono attrezzate per gestire i medesimi bisogni); La domanda di collocamento supera lofferta di posti adeguati disponibili; Gli interventi debbono conciliare i bisogni degli utenti ed il contenimento della spesa - non sempre vi sono posti disponibili a costi contenuti – (es. SES e priorità strutture convenzionate); Non tutte le strutture sono accreditate (la procedura è attiva da meno di un anno);

20 Quali interventi di supporto economico e sociale sono previsti per le famiglie che attraversano una fase di difficoltà che non richieda lallontanamento dei minori. Comunità Sociale Cremasca, sulla base degli indirizzi stabiliti dai Sindaci, gestisce alcuni titoli sociali il cui accesso avviene attraverso la presentazione di specifiche progettualità sottoposte al vaglio di una Commissione distrettuale che agisce in base a requisiti fissati dal distretto (Buoni sociali famiglie con minori – Ex ONMI) Gli interventi di carattere preventivo (es. ADM) sono gestiti direttamente dai Comuni e non delegati a CSC; lEquipe TM, se richiesto dai servizi territoriali e laddove ve ne siano le condizioni fornisce un supporto finalizzato ad evitare eventuali «prese in carico» Lallontanamento dei minori avviene sulla base di una decretazione dellAutorità Giudiziaria.

21 Si pensa alla possibilità dellaffido contemporaneo di mamma e bambino, per sperimentare un nuovo rapporto affettivo in un contesto familiare stabile Sono presenti esperienze di Comunità Famigliari che per standard regionali possono contare al massimo 10 posti (Ass. Fraternità – Colbert – Ass. Papa Giovanni) che strutturano interventi di supporto con apposito personale per laccompagnamento di mamma + bambino verso progetti di autonomia. Laffidamento di mamma + bambino ad unaltra famiglia non è contemplata nel novero delle esperienze territoriali ma anche di quelli limitrofi. Tale azione non sarebbe consona allo spirito della L.184 (che riferisce di affidamento del minore) e in aggiunta alle famiglie sarebbero richieste competenze ulteriori rispetto alla capacità genitoriale che in sede di selezione per laffido non sono richieste.

22 Accanto a forme di affido a tempo pieno sono stati sperimentati percorsi innovativi che rispondano alle differenti disponibilità di chi vuole dedicarsi allaccoglienza e volontariato famigliare (part-time, fine settimana) Laffido part-time è uno strumento potenzialmente utile a fini preventivi per evitare la «presa in carico» al servizio TM. Stiamo valutando la possibilità di promuovere questo tipo di iniziativa. Rimane il problema delle risorse a disposizione dei singoli Comuni titolati ad intervenire in materia. Sono estremamente contenute tali esperienze nella fase post- decreto in quanto di difficile attuazione sia per la problematicità degli stessi casi che giungono al servizio TM sia per la difficoltà nel trovare risorse disponibili a questo tipo di progettualità.

23 E possibile avere indicazioni circa il costo a carico della collettività per ogni minore seguito da CSC in rapporto al servizio che lo prende in carico (comunità, casa famiglia, famiglia affidataria) TipologiaEnte che fatturaRETTA 2013 CFAi.Bi. Associazione Amici dei Bambini 70,00/giorno CFAss. Fraternità 35,50/giorno APAss. Fraternità 82,00/giorno APAss. Fraternità 41,00/giorno APAss. Fraternità 71,00/giorno AP Ass. Fraternità 71,00/giorno AP Ass. Fraternità 71,00/giorno CFAss. Fraternità 41,00/giorno CFAss. Fraternità 71,00/giorno AP Ass. Fraternità 71,00/giorno CEAss. Gruppo di Betania 52,07/giorno CF Ass. Papa Giovanni XXIII 49,98/giorno AP Ass. Papa Giovanni XXIII. 50,00/giorno CF Ass. Papa Giovanni XXIII. 50,00/giorno AP Ass. Papa Giovanni XXIII 42,75/giorno CF Ass. Papa Giovanni XXIII 42,75/giorno AP Ass. Papa Giovanni XXIII. 20,00/giorno CEAURORA VITAE Soc Coop Soc onlus 93,60/giorno CEAURORA VITAE Soc Coop Soc onlus 93,60/giorno CEAURORA VITAE Soc Coop Soc onlus 83,20/giorno CEAURORA VITAE Soc Coop Soc onlus 83,20/giorno CEC.A. Giulia Colbert 35,00/giorno CEC.A. Giulia Colbert 20,00/giorno CEC.A. Giulia Colbert 30,00/giorno CEC.A. Giulia Colbert 30,00/giorno CE C.A. Giulia Colbert 35,00/giorno CE C.A. Giulia Colbert 30,00/giorno CE C.A. Giulia Colbert 35,00/giorno CE C.A. Giulia Colbert 30,00/giorno CEC.A. Giulia Colbert 30,00/giorno CEC.A. Giulia Colbert 35,00/giorno CEC.A. Giulia Colbert 35,00/giorno CEC.A. Giulia Colbert 30,00/giorno

24 E possibile avere indicazioni circa il costo a carico della collettività per ogni minore seguito da CSC in rapporto al servizio che lo prende in carico (comunità, casa famiglia, famiglia affidataria) CECAF ONLUS 110,00/giorno CECAF ONLUS 110,00/giorno CECasa della Giovane Angela Clerici 18,50/giorno CECasa della Giovane Angela Clerici 37,00/giorno CECasa della Giovane Angela Clerici 37,00/giorno CECasa della Giovane Angela Clerici 37,00/giorno CECasa della Giovane Angela Clerici 37,00/giorno CECASCINA PARADISO FA Soc Coop Soc 93,77/giorno CECASCINA PARADISO FA Soc Coop Soc 93,77/giorno CECASCINA PARADISO FA Soc Coop Soc 93,77/giorno CECASCINA PARADISO FA Soc Coop Soc 93,77/giorno CECASCINA PARADISO FA Soc Coop Soc 93,77/giorno CECASCINA PARADISO FA Soc Coop Soc 83,20/giorno CECASCINA PARADISO FA Soc Coop Soc 83,20/giorno CECASCINA PARADISO FA Soc Coop Soc 93,77/giorno CECASCINA PARADISO FA Soc Coop Soc 83,20/giorno AFF.PROF.CBM Cooperativa Sociale a.r.l. Onlus. 30,00/giorno CECENTRO SALESIANO SAN DOMENICO SAVIO 33,50/giorno AFF.PROF.COMIN COOP. SOCIALE. 30,00/giorno CFCOMIN COOP. SOCIALE / CBM / COOP ATIPICA. 38,00/giorno CFCOMIN COOP. SOCIALE / CBM / COOP ATIPICA. 38,00/giorno CEComune di Cremona 110,00/giorno CEComunità l'Alternativa 98,80/giorno CEComunità l'Alternativa 93,77/giorno CE Comunità l'Alternativa 101,92/giorno CFComunità-Famigliari 119,50/giorno CFComunità-Famigliari 119,50/giorno AP Coop AFA 23,96/giorno CECoop Rinnovamento 60,32/giorno CECoop Rinnovamento 60,32/giorno CECoop Rinnovamento 49,92/giorno CECoop. Arimo 79,04/giorno CECoop. Arimo 98,80/giorno CECoop. Arimo 98,80/giorno CECoop. Arimo 98,80/giorno CECoop. Arimo 79,04/giorno CECoop. Arimo 110,24/giorno CECoop. Casa del Fanciullo 75,92/giorno CECoop. Casa del Fanciullo 93,60/giorno CECoop. Casa del Fanciullo 75,92/giorno CECoop. La Clessidra 97,32/giorno CECoop. Sentiero 97,32/giorno CECoop. Sentiero 94,85/giorno CECoop. Sociale di Bessimo 54,10/giorno CECroce Rossa Italiana Comitato Prov Brescia 37,50/giorno

25 E possibile avere indicazioni circa il costo a carico della collettività per ogni minore seguito da CSC in rapporto al servizio che lo prende in carico (comunità, casa famiglia, famiglia affidataria) CE FA MILLE Soc Coop Soc 78,00/giorno CE FA MILLE Soc Coop Soc 62,40/giorno CE FA MILLE Soc Coop Soc 78,00/giorno CEFA MILLE Soc Coop Soc 93,77/giorno CEFILI INTRECCIATI FA Soc Coop Soc 88,40/giorno CEFILI INTRECCIATI FA Soc Coop Soc 88,40/giorno CEFILI INTRECCIATI FA Soc Coop Soc 93,77/giorno CEFondazione L'Albero della Vita 22,00/giorno CEPadri somaschi 36,00/giorno CEPadri somaschi 36,00/giorno CEPadri somaschi 36,00/giorno CEPadri somaschi 36,00/giorno CEPadri somaschi 36,00/giorno CEPadri somaschi 36,00/giorno CEPadri Somaschi 50,00/giorno CEPadri somaschi - Casa San Girolamo 94,00/giorno CEPRESIDIO COMUNITA' TERAPEUTICHE ASSO. 16,00/giorno CEPRESIDIO COMUNITA' TERAPEUTICHE ASSO. 16,00/giorno CEPRESIDIO COMUNITA' TERAPEUTICHE ASSO. 16,00/giorno CEPRESIDIO COMUNITA' TERAPEUTICHE ASSO. 16,00/giorno CEServizi per l'accoglienza Soc. Coop. Soc. Onlus 62,40/giorno CEServizi per l'accoglienza Soc. Coop. Soc. Onlus 34,67/giorno CEServizi per l'accoglienza Soc. Coop. Soc. Onlus 34,67/giorno CEServizi per l'accoglienza Soc. Coop. Soc. Onlus 82,16/giorno CEServizi per l'accoglienza Soc. Coop. Soc. Onlus 34,66/giorno CE Servizi per l'accoglienza Soc. Coop. Soc. Onlus 36,40/giorno CE Servizi per l'accoglienza Soc. Coop. Soc. Onlus 36,40/giorno CEServizi per l'accoglienza Soc. Coop. Soc. Onlus 82,16/giorno

26 Dato che sia per ragioni di costo che per ragioni di qualità dellambiente fornito al minore, la famiglia affidataria risulta essere spesso una scelta vantaggiosa, quali strategie vengono attuate per favorire tale forma di collocamento del minore CSC opera in piena linea con quanto previsto dalla legislazione vigente in materia di affidi rispetto al diritto da garantire a ciascun minore di crescere in una famiglia. Abbiamo investito sullEquipe «affidi» per valutare e accompagnare la famiglia nel progetto sul minore. Esistono casi in cui come primo intervento questo non è possibile (situazione problematica del minore, in genere adolescenti)

27 E possibile sapere lentità del contributo erogato, a parità di disagio, alle famiglie affidatarie dellAssociazione «Fraternità», della Comunità «Papa Giovanni» o delle famiglie affidatarie del Comune? Se esistono differenze a cosa sono dovute? Per i contributi agli «affidi potenziati» vedere tabella riferita ai costi dei collocamenti. Variano a seconda dei casi in questione; Per le famiglie affidatarie la quota indicativamente stabilita a livello distrettuale è pari a circa. 400 mensili; Gli «affidi potenziati» mettono a disposizione personale professionale (psicologi, educatori) di supporto alla gestione; A volte gli affidi potenziati non sono scelti ma sono obbligati dalla indisponibilità di risorse famigliari.

28 Oltre alla verifica iniziale del possesso dei criteri di accreditamento da parte dei Servizi, sono pianificate anche delle verifiche di controllo successive del mantenimento degli stessi? Oltre alla verifica della documentazione presentata, vengono effettuati anche dei controlli in loco? Se tali controlli sono effettuati, essi sono pianificati o «a sorpresa»? Viene effettuata attività di vigilanza direttamente sul posto sia dei requisiti soggettivi che strutturali. In genere le verifiche sono concordate con la struttura accreditata ma è capitato che si facessero controlli non pianificati. Esercizio al funzionamento: vigilanza ASL a sorpresa con invio prescrizioni a CSC Per quanto concerne la convenzione stipulata con le Comunità per Minori (anche non accreditate), essa prevede la possibilità di controlli a sorpresa rispetto al buon funzionamento della struttura e del progetto educativo

29 I criteri di accreditamento dei servizi prevedono la formulazione di un Piano di Intervento Individualizzato. In che modo CSC controlla il regolare adempimento da parte dei Servizi di questa prescrizione? Per i servizi accreditati gli enti fanno progetti che lAS territoriale inserisce in cartella sociale. CSC effettua controlli a campione sui PAI ma la titolarità della competenza è sempre dellAS comunale che è tenuta a segnalare a CSC eventuali anomalie.


Scaricare ppt "Crema, 27 Giugno 2013 COMMISSIONE POLITICHE SOCIALI."

Presentazioni simili


Annunci Google