La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 1 Corso Base di Primo Soccorso C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O 1 8 6 4 Lezione 3.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 1 Corso Base di Primo Soccorso C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O 1 8 6 4 Lezione 3."— Transcript della presentazione:

1 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 1 Corso Base di Primo Soccorso C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O Lezione 3 di 6: Emergenze respiratorie e circolatorie, emorragie e shock

2 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 2 C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O Insufficienza respiratoria Stato in cui non sono assicurati un normale apporto di ossigeno una normale eliminazione di anidride carbonica dovute a cause esterne o interne allorganismo

3 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 3 Insufficienza respiratoria segni e sintomi - difficolta' respiratoria - cianosi - cute fredda e sudata - tachicardia - stato di agitazione

4 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 4 C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O Arresto respiratorio Stato in cui cessa lattività respiratoria PERICOLO !!!

5 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 5 Cause di arresto respiratorio Laria non arriva ai polmoni Laria arriva ai polmoni ma è alterata Insufficienza cardiaca o arresto Alterazioni a livello polmonare

6 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 6 C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O Cause di arresto respiratorio LAria non arriva ai polmoni Per ostruzione delle vie aeree Per paralisi dei muscoli respiratori Per compressione toracico-addominale esterna

7 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 7 C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O L'ARIA NON ARRIVA AI POLMONI: OSTRUZIONE OSTRUZIONE DELLE VIE AEREE Lostruzione delle vie aeree si può verificare per cause: Intrinseche (lingua, rigurgito etc..) Estrinseche (presenza di corpi estranei) Può essere: Parziale Completa

8 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 8 C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O L'ARIA NON ARRIVA AI POLMONI: OSTRUZIONE OSTRUZIONE PARZIALE Il soggetto tossisce Comincia a diventare cianotico.

9 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 9 C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O L'ARIA NON ARRIVA AI POLMONI: OSTRUZIONE OSTRUZIONE PARZIALE Non perdere la calma Evita che linfortunato si spaventi per la tua agitazione. Incoraggia a tossire Non dare violente pacche sulla schiena per non aggravare la situazione Chiama il 118 Cosa Fare:

10 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 10 C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O L'ARIA NON ARRIVA AI POLMONI: OSTRUZIONE OSTRUZIONE COMPLETA Linfortunato non parla. La pelle inizia a diventare cianotica. La perdita di coscienza e lACC sono imminenti

11 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 11 L'ARIA NON ARRIVA AI POLMONI: OSTRUZIONE OSTRUZIONE COMPLETA Cosa Fare: Posizionarsi a fianco del soggetto, con una mano sul torace per sorreggerlo 5 colpi interscapolari manovra di Heimlich

12 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 12 C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O (*)Posizionati dietro le spalle della vittima e cerca, con le dita,l'inizio dello sterno. Trovato l'inizio dello sterno appoggiaci,come riferimento, il pollice sopra; aprendo la mano posiziona il mignolo verso l'ombelico e mantieni la posizione. Appoggia l'altra mano, a pugno, al centro delle due dita della mano che mantengono la posizione di repere. Afferra il polso della mano a pugno con l'altra mano ed effettua 5 "Compressioni Addominali" in diagonale, in direzione dello sterno fino a quando il corpo estraneo viene espulso o la vittima perde conoscenza.. (*) Alternare 5 colpi interscapolari a 5 compressioni addominali HEIMLICH

13 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 13 C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O PER INFORTUNATI OBESI O DONNE INCINTE HEIMLICH Usa la stessa tecnica precedente ma posiziona le mani nello stesso punto di repere del massaggio cardiaco. Effettua 5 Compressioni toraciche rapide.

14 Incoraggia a tossire Tieni sotto controllo Valuta le vie aeree, estendi, esplora il cavo orale, g.a.s. assente 30 compressioni toracice tentativi di ventilazione RCP 30:2 per 2 min. (5 cicli) Paziente in piedi o seduto: 5 colpi interscapolari alternati a 5 compressioni addominali BLS Adulti Ostruzione vie aeree Riconoscimento Ostruzione MODERATA Ostruzione GRAVE Paziente INCOSCIENTE

15 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 15 C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O OSTRUZIONE DELLE VIE AEREE (casi particolari) Occlusione delle narici (Sacchetti di plastica, stoffa etc..) Respirazione impedita da terra o neve (Frana, valanga etc..) PRIMO SOCCORSO Togliere subito ciò che ostruisce e liberare il torace per favorirne lespansione Attenzione: potrebbe essere un traumatizzato

16 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 16 C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O OSTRUZIONE DELLE VIE AEREE (casi particolari) Annegamento Annegamento Soffocamento causato dalla penetrazione di liquidi nelle vie aeree e nei polmoni PRIMO SOCCORSO BLS (RCP)

17 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 17 C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O L'ARIA NON ARRIVA AI POLMONI: PARALISI DEI MUSCOLI RESPIRATORI La paralisi dei muscoli respiratori può avvenire principalmente in seguito a: Folgorazione Avvelenamento da farmaci Intossicazione da alcool o droghe Traumi cranici o traumi vertebrali

18 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 18 L'ARIA NON ARRIVA AI POLMONI: PARALISI DEI MUSCOLI RESPIRATORI La folgorazione e' la conseguenza del contatto con la corrente elettrica C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O

19 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 19 C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O L'ARIA NON ARRIVA AI POLMONI: PARALISI DEI MUSCOLI RESPIRATORI Effetti della folgorazione EFFETTO CALORICO o Ustioni AZIONE SULLA MUSCOLATURA SCHELETRICA o Linfortunato è scaraventato a distanza o L infortunato rimane spesso attaccato alla fonte di energia per la contrattura di muscoli o Scosse convulsive o Arresto respiratorio

20 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 20 C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O L'ARIA NON ARRIVA AI POLMONI: PARALISI DEI MUSCOLI RESPIRATORI Effetti della folgorazione AZIONE SUL SISTEMA NERVOSO Perdita dei sensi e respiro conservato Arresto respiratorio AZIONE SU SISTEMA CARDIOCIRCOLATORIO Arresto Cardiocircolatorio (o turbe più o meno gravi della pressione, del ritmo etc..)

21 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 21 C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O SE È PRESENTE ANCORA TENSIONE MAI TOCCARE INFORTUNATO (Auto-protezione) MAI AVVICINARSI A QUALSIASI CONDUTTORE IN CONTATTO CHIAMARE 118 E VVFF 115 SE NON È PIÙ PRESENTE TENSIONE ALLONTANARE INFORTUNATO DA SORGENTE ELETTRICITA Se linfortunato è incosciente e respira: PLS ABC Se linfortunato è incosciente e non ha presenta le funzioni vitali RP O RCP Primo Soccorso folgorazione

22 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 22 C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O L'ARIA NON ARRIVA AI POLMONI: PARALISI DEI MUSCOLI RESPIRATORI Farmaci Avvelenamento da farmaci L AVVELENAMENTO DA FARMACI SI HA PER INGESTIONE DI FARMACI IN DOSI SUPERIORI A QUELLE CONSIGLIATE (SUICIDIO-GIOCO) QUESTI PROVOCANO DEPRESSIONE CENTRI RESPIRATORI FINO AD ARRESTO RESPIRATORIO E ARRESTO CARDIOCIRCOLATORIO

23 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 23 C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O L'ARIA NON ARRIVA AI POLMONI: PARALISI DEI MUSCOLI RESPIRATORI Droghe e Alcool INTOSSICAZIONI DA ALCOOL E DROGHE ALCOOL, E DROGHE SONO DEPRESSORI RESPIRATORI. QUESTI POSSONO PORTARE AD ARRESTO RESPIRATORIO E ARRESTO CARDIOCIRCOLATORIO (RCP)

24 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 24 L'ARIA NON ARRIVA AI POLMONI: PARALISI DEI MUSCOLI RESPIRATORI Sintomi C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O Depressione psichica notevole Sonnolenza Sonno profondo fino al coma con respirazione che tende ad arrestarsi

25 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 25 C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O Primo soccorso PERSONA SVEGLIA e COSCIENTE FARLA MUOVERE E INDURRE IL VOMITO ATTENZIONE FARSI DIRE QUANTO TEMPO E PASSATO DAL MOMENTO DELLASSUNZIONE RACCOGLIERE MATERIALE VOMITATO E CONSEGNARLO A SOCCORSO QUALIFICATO

26 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 26 Primo soccorso PERSONA INCOSCIENTE NON INDURRE ASSOLUTAMENTE IL VOMITO !! MONITORARE LE FUNZIONI VITALI ED ESEGUIRE RCP SE NECESSARIO ASPETTANDO IL SOCCORSO QUALIFICATO ATTENZIONE SE INCOSCIENTE MA RESPIRA UTILIZZARE LA POSIZIONE LATERALE DI SICUREZZA (PLS) SE INCOSCIENTE MA RESPIRA UTILIZZARE LA POSIZIONE LATERALE DI SICUREZZA (PLS) C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O

27 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 27 C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O L'ARIA NON ARRIVA AI POLMONI: PARALISI DEI MUSCOLI RESPIRATORI (Traumi) TRAUMI CRANICI E TRAUMI VERTEBRALI Se un traumatizzato ha riportato danni al bulbo, sede dei centri respiratori, si può avere arresto delle funzioni vitali NON MUOVERE LINFORTUNATO E CHIAMARE IL 118 MONITORARE LINFORTUNATO NEL CASO SI RENDESSE NECESSARIA LA RCP USARE LA MASSIMA PRUDENZA

28 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 28 C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O L'ARIA NON ARRIVA AI POLMONI: PARALISI DEI MUSCOLI RESPIRATORI (Traumi e compresioni toracici) SCHIACCIAMENTO CHE IMPEDISCE LESPANSIONE DELLA GABBIA TORACIA E LINGRESSO DI ARIA NELLAPPARATO RESPIRATORIO CAUSE Frane, valanghe,crolli, incidenti stradali, incidenti sul lavoro MONITORARE I PARAMETRI VITALI E CHIAMARE IL SOCCORSO QUALIFICATO (118)

29 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 29 C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O COMPOSIZIONE ALTERATA DELLARIA LARIA È ALTERATA POICHÉ: SONO CAMBIATE LE PROPORZIONI DEI NORMALI COMPONENTI DELLARIA ATMOSFERICA ARIA CHE SI RESPIRA NON CONTIENE ABBASTANZA OSSIGENO (Es. Alta Montagna) ARIA RICCA DI ANIDRIDE CARBONICA (Es. Locale chiuso-Locale di fermentazione) PRESENZA DI GAS TOSSICI (Es. Monossido di carbonio e gas domestici)

30 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 30 Composizione alterata dell'aria: (Eccesso di anidride carbonica) C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O Sintomi Aumento frequenza respiratoria Perdita di equilibrio Allucinazioni Cianosi Soffocamento Perdita dei sensi Arresto respiratorio

31 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 31 Composizione alterata dell'aria: (Eccesso di anidride carbonica) C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O Primo soccorso Autoprotezione 118 Portare l'infortunato all'aria aperta BLS

32 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 32 Composizione alterata dell'aria: (Eccesso di monossido di carbonio) C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O Il monossido di carbonio si libera solitamente dalla combustione incompleta di di sostanze infiammabili E' una sostanza: Senza odore Incolore Insapore

33 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 33 Composizione alterata dell'aria: (Eccesso di monossido di carbonio) C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O Si lega all'emoglobina (molecola che consente il trasporto di ossigeno nel sangue) formando carbossiemoglobina Le manifestazioni sono proporzionali alla concentrazione di CO nell'ambiente

34 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 34 Composizione alterata dell'aria: (Eccesso di monossido di carbonio) C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O Sintomi: Asfissia Colorito del viso da roseo a rosso acceso, successivamente rosso ciliegia

35 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 35 Composizione alterata dell'aria: (Gas domestico) C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O Il gas domestico e' costituito da miscele di idrocarburi facilmente rilevabili poiche' sono maleodoranti, inoltre risultano essere: Intossicanti Infiammabili Esplosivi

36 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 36 Composizione alterata dell'aria: Primo Soccorso C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O Autoprotezione Allontanare il soggetto dall'ambiente inquinato 118 monitorare le funzioni vitali se necessario RCP

37 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 37 C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O ASFISSIA PER ARRESTO CARDIACO PRIMO SOCCORSO SOGGETTO POSTO IN POSIZIONE SUPINA SU PIANO RIGIDO 118 ABC EVENTUALMENTE RCP

38 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 38 C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O Alterazioni a livello polmonare Patologie dell'apparato respiratorio che possono compromtterne la funzionalita'

39 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 39 C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O Principali patologie dell'apparato respiratorio Bronchite cronica: infiammazione del rivestimento dei bronchioli, che porta ad una produzione di muco in eccesso, alterando il normale flusso d'aria. Enfisema polmonare: dilatazione degli alveoli associata ad occlusione parziale dei bronchi; l'aria entra facilmente ma e' espulsa con difficolta'. Crisi asmatica:nell'attacco d'asma i bronchioli si restringono rendendo difficoltoso il passaggio dell'aria.

40 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 40 C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O Principali patologie dell'apparato respiratorio Pleurite:infiammazione delle pleure Embolia polmonare:ostruzione di un vaso polmonare da parte di un trombo; il tessuto che si trova oltre il punto occluso viene privato di irrorazione e necrotizza. Edema polmonare:accumulo di liquido nel tessuto polmonare. Pneumotorace spontaneo:spontanea formazione di una massa d'aria all'interno della cavita' pleurica che normalmente ne e' priva.

41 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 41 C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O Principali patologie dell'apparato respiratorio Primo soccorso 118 segnalando la patologia, se nota favorire la respirazione monitorare le funzioni vitali RCP se necessario

42 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 42 C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O CARDIOPATIE ISCHEMICHE LE CORONARIE PROVVEDONO ALLIRRORAZIONE DEL MUSCOLO CARDIACO SE ALTERAZIONI FLUSSO CORONARIO: ALTERATA IRRORAZIONE CUORE SOFFERENZA PER INSUFFICIENTE APPORTO DI SANGUE = ISCHEMIA

43 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 43 C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O Cardiopatie ischemiche cause Ipertensione:valori di pressione arteriosa superiori alla norma. Arteriosclerosi: indurimento e perdita di elasticita' delle arterie. Ateromasia o Atetosclerosi: depositi calcificati di grasso e colesterolo (ateromi) sulla paret dei vasi. Trombo: coagulo di sangue che si forma all'interno dei vasi. Embolo: elemento che scorre libero nel sangue e ne rappresenta una estraneita' rispetto allo stesso

44 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 44 C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O CARDIOPATIE ISCHEMICHE ANGINA PECTORIS ISCHEMIA TEMPORANEA INFARTO MIOCARDIO ISCHEMIA PROLUNGATA CON NECROSI DEL TESSUTO CARDIACO IN ENTRAMBE LE SITUAZIONI DOLORE PRECORDIALE

45 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 45 CARDIOPATIE ISCHEMICHE ANGINA PECTORIS Condizione cronica con episodi acuti di dolore al petto FATTORI SCATENANTI: INTENSA EMOZIONE PASTO TROPPO ABBONDANTE SFORZO FISICO CLIMA RIGIDO C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O

46 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 46 C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O CARDIOPATIE ISCHEMICHE ANGINA PECTORIS CONDIZIONE CRONICA CON EPISODI ACUTI DI DOLORE AL PETTO SINTOMI: DOLORE RETROSTERNALE ANGOSCIA (SENSAZIONE DI MORTE IMMINENTE) DURATA DELLA SINTOMATOLOGIA DA 3 A 5 MINUTI PALLORE AFFANNO DISPNEA

47 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 47 CARDIOPATIE ISCHEMICHE ANGINA PECTORIS PRIMO SOCCORSO POSIZIONE SEMI-SEDUTA SLACCIARE ABITI STRETTI EVITARE SFORZI AL PAZIENTE SUPPORTO PSICOLOGICO 118 C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O

48 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 48 CARDIOPATIE ISCHEMICHE INFARTO del MIOCARDIO EPISODIO ACUTO CON NECROSI DI TESSUTO CARDIACO FATTORI SCATENANTI: EMOZIONE VIOLENTA PASTO TROPPO ABBONDANTE SFORZO FISICO CLIMA RIGIDO ATTENZIONE!!! SI PUO VERIFICARE ANCHE A PAZIENTE A RIPOSO O DURANTE IL SONNO C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O

49 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 49 CARDIOPATIE ISCHEMICHE INFARTO del MIOCARDIO SINTOMI DOLORE PRECORDIALE DI TIPO OPPRESSIVO DURATA SINTOMATOLOGIA DA 30 MINUTI A DIVERSE ORE AFFANNO AGITAZIONE PALLORE DISPNEA POLSO PICCOLO E FREQUENTE C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O

50 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 50 PRIMO SOCCORSO BLS 118 C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O Se PZ INCOSCIENTE PLS E SE ARRESTO CARDIORESPIRATORIO RCP Se PZ COSCIENTE SUPPORTO PSICOLOGICO EVITARE SFORZI AL PZ NON SOMMINISTRARE CIBI E BEVANDE POSIZIONE ANTALGICA CARDIOPATIE ISCHEMICHE INFARTO del MIOCARDIO

51 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 51 Le Emorragie C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O

52 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 52 Emorragia Fuoriuscita di sangue da un vaso sanguigno Come si definisce unemorragia : vaso Dal vaso interessato Arteriosa – Venosa – Capillare – Mista localizzazione Dalla localizzazione Esterna – Interna – Esteriorizzata C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O

53 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 53 Emorragia Arteriosa Fuoriuscita di sangue rosso vivo da unarteria Il sangue zampilla a getti intermittenti in sincronia con il battito cardiaco C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O

54 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 54 Emorragia Venosa Fuoriuscita di sangue rosso scuro da una vena Il sangue cola lento e costante C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O

55 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 55 Emorragia Capillare Fuoriuscita di sangue rossastro dai capillari Il sangue gocciola C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O

56 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 56 Emorragia Esterna Il sangue fuoriesce allesterno da una lesione esterna visibile della pelle Emorragia Interna Il sangue si accumula allinterno del corpo senza uscire allesterno C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O Emorragia Interna Esteriorizzata Il sangue emesso da una lesione interna fuoriesce allesterno attraverso un orifizio del corpo (es. naso, bocca, orecchio,…)

57 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 57 Emorragia Esterna Semplice Perdita di sangue modesta, venosa o mista, contenibile ed arrestabile comprimendo sul punto di uscita del sangue NON PERICOLO DI VITA C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O Emorragia Esterna Grave Emorragia proveniente da una arteria. La fuoriuscita di sangue e' abbondante e rapida PERICOLO DI VITA !

58 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 58 Gravità di unemorragia La gravità dellemorragia dipende da: Quantità Quantità di sangue persa Tempo Tempo in cui viene persa

59 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 59 Emorragia Esterna Semplice Primo Soccorso Autoprotezione Far sdraiare linfortunato, scoprire la ferita Compressione diretta sulla ferita Bendare Se lemorragia è agli arti sollevarli Applicare del ghiaccio (non a contatto diretto) Mantenere calmo linfortunato P.S P.S. C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O Compressione ! Bendaggio !

60 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 60 Emorragia Esterna Grave Primo Soccorso 118 Chiamare il 118 Autoprotezione Compressione diretta della ferita Non abbandonare mai linfortunato Compressione a distanza (punti di emostasi) Laccio C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O

61 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 61 C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O CarotideoAscellare Femorale a metà gamba SucclaviaBrachiale FemoraleFemoraleFemoraleFemorale Popliteale

62 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 62 Uso del laccio emostatico Quando si usa Cosa si usa Dove si usa C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O IL LACCIO EMOSTATICO E UNO STRUMENTO PERICOLOSO La COMPRESSIONE a DISTANZA è inefficace Amputazione dellarto Arresto cardio respiratorio Più infortunati Striscia di stoffa, foulard, cintura, cravatta….. NON USARE : spago,corda,lacci di scarpe,fili di ferro Al BRACCIO o alla COSCIA Tra FERITA e CUORE

63 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 63 Uso del laccio emostatico C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O IL LACCIO EMOSTATICO E UNO STRUMENTO PERICOLOSO NB! Il flusso di sangue viene completamente interrotto CARTELLO ORA DI APPLICAZIONE SCRIVERE SU UN CARTELLO LACCIO E ORA DI APPLICAZIONE NON TOGLIERE IL LACCIO (il laccio va tolto da un medico)

64 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 64 Trattamento di unemorragia COMPRESSIONE DIRETTA PUNTI DI COMPRESSIONE A DISTANZA LACCIO EMOSTATICO IL CALDO DILATA I VASI, IL FREDDO LI RESTRIGE GLI ALCOLICI DILATANO I VASI LAGITAZIONE AUMENTA LA FREQUENZA CARDIACA

65 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 65 Emorragia Interna Versamento di sangue che si verifica allinterno del corpo, senza manifestarsi allesterno Emorragia Interna Semplice Rottura di vasi che determina un accumulo di sangue sotto la pelle C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O Emorragia Interna Grave Perdita più o meno rapida di una notevole quantità di sangue per rottura di vasi o organi contenuti in cavità naturali e chiuse dellorganismo, determinando la raccolta di sangue nella cavità stessa

66 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 66 ECCHIMOSI: (livido) Rottura di piccoli vasi che si manifesta con gonfiore e una macchia colorata sotto la pelle EMATOMA: (bernoccolo) Accumulo di sangue dentro un tessuto tale da formare una sacca. Si manifesta con una tumefazione più o meno estesa C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O Emorragia Interna Semplice

67 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 67 Emorragia Interna Semplice SUBITO: Ghiaccio Compressione locale immediata per gli ematomi Consultare il medico se lematoma non diminuisce e presenta segni di infezione (rossore, calore, dolore) C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O Primo Soccorso

68 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 68 Emorragia Interna Grave Pallore, cute fredda e umida, senso di freddo Polso debole e frequente Respiro rapido e superficiale Debolezza, agitazione e torpore Zone contuse o gonfie C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O TRAUMATICHE Trauma toracico Trauma addominale Trauma cranico MEDICHE Ulcere / Aneurismi Sintomi Segni Cause (dinamica dellevento )

69 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 69 Chiamare 118 Immobilizzare la parte INFORTUNATO Allentare indumenti stretti Tranquillizzare Coprire Non dare caffè o alcolici Controllare segni vitali C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O Emorragia Interna Grave Primo Soccorso Cosciente: supino con arti sollevati (no trauma) Incosciente: P.L.S.(no trauma)

70 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 70 Emorragia Esteriorizzata Emorragia avvenuta allinterno dellorganismo ma il sangue fuoriesce allesterno attraverso un orifizio naturale del corpo C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O Le emorragie Esteriorizzate

71 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 71 Emorragie interne esteriorizzate C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O

72 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 72 Emorragie interne esteriorizzate C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O

73 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 73 Emorragie interne esteriorizzate C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O

74 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 74 Emorragie interne esteriorizzate C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O

75 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 75 Emorragie interne esteriorizzate C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O

76 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 76 Emorragie interne esteriorizzate C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O

77 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 77 Emorragie interne esteriorizzate C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O

78 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 78 Emorragie interne esteriorizzate C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O

79 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 79 Emorragie interne esteriorizzate C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O

80 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 80 Lo stato di shock Stato di sofferenza dellorganismo che si manifesta per eventi che determinano lincapacità del sistema cardiocircolatorio di fornire il giusto apporto di sangue e di ossigeno. C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O Si manifesta con la caduta della pressione arteriosa

81 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 81 Una buona circolazione è determinata da: Contrazione cardiaca Quantità di sangue Diametro dei vasi C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O

82 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 82 Tipi di shock Disfunzioni a livello cardiaco = shock cardiogeno C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O

83 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 83 Tipi di shock Perdita di sangue o liquidi corporei = shock ipovolemico C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O CAUSE Emorragie imponenti Ustioni gravi ed estese Disidratazione

84 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 84 Tipi di shock Vasodilatazione per reazione riflessa nervosa = shock neurogeno C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O CAUSE Traumi cranici Traumi del midollo spinale Intossicazione da farmaci Dolore fisico intenso

85 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 85 Tipi di shock Azione diretta sulle pareti dei vasi da parte di varie sostanze = shock anafilattico (sostanze allergiche) C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O

86 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 86 Tipi di shock Azione di tossine liberate da batteri presenti nel sangue = shock settico C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O

87 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 87 Sintomi dello shock pallore sudorazione fredda sensazione di freddo, tremore sete intensa nausea, irrequietezza o sopore polso debole e frequente respiro superficiale ed affannoso caduta della pressione diminuzione o blocco della funzione urinaria C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O

88 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 88 Fasi dello stato di shock C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O FASE PRECOCE Centralizzazione del circolo Tachicardia Tachipnea FASE EVOLUTIVA Rallentamento del circolo Battiti inefficaci Respiro inefficace FASE TARDIVA Caduta della pressione Collasso respiratorio e cardiocircolatorio

89 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 89 Primo Soccorso Auto protezione Allertare il 118 Far stendere linfortunato Rimuovere le cause per quanto possibile (bloccare emorragia, raffreddare ustioni, ridurre dolore,..) Posizione antishock (NO TRAUMA) Coprire Non somministrare alcool, caffè, acqua o bevande Tenere sotto controllo le funzioni vitali C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O

90 Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 90 Primo Soccorso (infortunato incosciente) Auto protezione Allertare il 118 Mettere linfortunato in PLS + PAS (NO TRAUMA) Coprire Controllare episodi di vomito Tenere sotto controllo le funzioni vitali C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O


Scaricare ppt "Croce Rossa Italiana Delegazione di Buccinasco 1 Corso Base di Primo Soccorso C O N V E N Z I O N E D I G I N E V R A 2 2 A G O S T O 1 8 6 4 Lezione 3."

Presentazioni simili


Annunci Google