La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Pagina 1 FORMAZIONE TELEMATICA Doveri, limiti e responsabilità del notaio nella verifica della documentazione urbanistica 9 gennaio 2013 GIOVANNI SANTARCANGELO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Pagina 1 FORMAZIONE TELEMATICA Doveri, limiti e responsabilità del notaio nella verifica della documentazione urbanistica 9 gennaio 2013 GIOVANNI SANTARCANGELO."— Transcript della presentazione:

1 pagina 1 FORMAZIONE TELEMATICA Doveri, limiti e responsabilità del notaio nella verifica della documentazione urbanistica 9 gennaio 2013 GIOVANNI SANTARCANGELO Notaio in Cinisello Balsamo Lambito operativo delle nullità – regolarità urbanistica

2 pagina 2 Art. 46, comma 1, Tue Gli atti tra vivi, sia in forma pubblica, sia in forma privata, aventi per oggetto trasferimento o costituzione o scioglimento della comunione di diritti reali, relativi ad edifici o loro parti, la cui costruzione è iniziata dopo il 17 marzo 1985, sono nulli e non possono essere stipulati ove da essi non risultano, per dichiarazione dellalienante, gli estremi del permesso di costruire o del permesso in sanatoria (art. 46, comma 1, Tue) o della denuncia di inizio attività alternativa al permesso di costruire (Super DIA) (art. 46, comma 5-bis, Tue) [ concessione ]

3 pagina 3 Art. 40, comma 2, l. 47/1985 Gli atti tra vivi aventi per oggetto diritti reali (...), relativi ad edifici o loro parti, sono nulli e non possono essere rogati se da essi non risultano, per dichiarazione dellalienante, gli estremi della licenza o della concessione ad edificare o della concessione rilasciata in sanatoria ai sensi dellart. 31.

4 pagina 4 Art. 40, comma 2, l. 47/1985 Per le opere iniziate anteriormente al 1° settembre 1967, in luogo degli estremi della licenza edilizia può essere prodotta una dichiarazione sostitutiva di atto notorio, rilasciata dal proprietario o altro avente titolo [ai sensi e per gli effetti dellart. 4 della legge 4 gennaio 1968, n. 15], attestante che lopera risulti iniziata in data anteriore al 1° settembre La dichiarazione può essere ricevuta e inserita nello stesso atto, ovvero in un documento separato da allegarsi allatto medesimo» (art. 40, comma 2, l. 47/1985). Nella sua versione originaria la norma reca: «ai sensi e per gli effetti dellart. 4 della legge 4 gennaio 1968, n. 15»; ora il riferimento è da intendere agli artt. 46 e 47 del D. lgs. 28 dicembre 2000, n. 445, recante il testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa.

5 pagina 5 Funzione Evidenziare regolarità urbanistica Scoraggiare ogni tentativo di negoziazione di fabbricati abusivi

6 pagina 6 La mancanza della dichiarazione Teoria della cd. nullità virtuale Latto che manchi delle menzioni prescritto non è nullo qualora limmobile sia commerciabile (cioè esista un titolo a costruire)

7 pagina 7 La mancanza della dichiarazione La teoria della «nullità testuale»: La mancanza della dichiarazione determina la nullità formale dellatto anche per il fabbricato non abusivo

8 pagina 8 La mancanza della dichiarazione Segue: teoria della «nullità testuale»: l'art. 40 legge 47/1985 detta una prescrizione puramente formale tanto che, a prescindere dalla regolarità effettiva dell'immobile, il contratto sarà comunque nullo se carente delle dichiarazioni prescritte (Cass. 15 giugno 2000 n. 8147)

9 pagina 9 La dichiarazione falsa o errata Teoria della «Nullità formale»: Latto è valido, anche in presenza di dichiarazioni false o erronee, perché sono state osservate le disposizioni previste dalla legge La nullità dipende solo dalla mancanza delle dichiarazioni

10 pagina 10 La dichiarazione falsa o errata Teoria della «nullità sostanziale»: Per la validità dellatto non è sufficiente la semplice menzione del provvedimento autorizzativo (REQUISITO FORMALE) ma il provvedimento deve effettivamente sussistere (REQUISITO SOSTANZIALE) ( per tutti R IZZI, Menzioni urbanistiche e validità degli atti notarili, CNN, Studio 5389/C del 30/10/2004)

11 pagina 11 Requisito formale e sostanziale Affinché sia valido, latto notarile Requisito formale: deve CONTENERE LE MENZIONI richieste dalla legge Requisito sostanziale: deve avere per oggetto EDIFICI COMMERCIABILI ossia dotati dei requisiti minimi di regolarità urbanistica senza i quali gli stessi debbono ritenersi totalmente abusivi e come tali incommerciabili.

12 pagina 12 Controllo del notaio sulla dichiarazione Gli estremi del titolo ad edificare devono essere forniti dallalienante o dal condividente senza alcun obbligo di controllo, né da parte dellacquirente, né da parte del notaio, essendo sufficiente per la validità dellatto la dichiarazione dellalienante (CNN, Prime note sulla legge 28 febbraio 1985, n. 47. Circolare interna dell )

13 pagina 13 Controllo del notaio sulla dichiarazione Da un successivo accertamento di non veridicità dei dati enunciati in atto in ordine al titolo edilizio, pur restando coinvolto latto, non resta coinvolto il notaio, perché la legge non pone a suo carico nessun obbligo di controllo dei dati enunciati. Potrà quindi verificarsi lipotesi di un atto dichiarato nullo per falsità nella enunciazione dei dati senza che di tale nullità il notaio risponda né sul piano disciplinare, né sul piano civilistico. (testualmente, CNN, Prime note sulla legge 28 febbraio 1985, n. 47. Circolare interna dell )

14 pagina 14 Responsabilità del notaio Il notaio che non abbia ricevuto dalle parti un incarico specifico di assistenza e consulenza, non può essere considerato responsabile della dichiarazione resa dalla parte Non è configurabile alcuna attività obbligatoria di accertamento da parte del notaio, che non ne abbia ricevuto specifico incarico, sulla veridicità delle dichiarazioni stesse e quindi alcuna sua responsabilità per invalidità dell'atto derivante da loro inidoneità (Cassazione civile sez. II, 17 giugno 1999, n. 6018)

15 pagina 15 Funzione Combattere abusivismo edilizio, colpendo limmobile abusivo nella sua circolazione

16 pagina 16 Carattere Nullità formale e non sostanziale, essendo connessa ad un vizio di forma, a prescindere dal fatto che il fabbricato sia abusivo o meno Se il titolo esiste, latto mancante della dichiarazione è sanabile Se il titolo non esiste, latto mancante della dichiarazione è irrimediabilmente nullo

17 pagina 17 Incommerciabilità Il fatto che limmobile sia abusivo impedisce di rendere in atto una valida dichiarazione (se inserita, si tratta di dichiarazione apparente) Quindi attraverso un requisito formale (dichiarazione del titolo urbanistico) si persegue un interesse sostanziale (incommerciabilità delledificio abusivo)

18 pagina 18 Natura giuridica Trattasi di vera e propria nullità che determina: – Inefficacia dellatto – Imprescrittibilità – Rilevabilità dufficio

19 pagina 19 Natura giuridica Per gli edifici abusivi, latto rimane nullo Per gli edifici non abusivi, latto può essere sanato

20 pagina 20 Bucalossi La dichiarazione dell'acquirente di essere a conoscenza della mancanza della concessione (art. 15 l. 10/1977) non elimina né la nullità del contratto, né la sua irricevibilità


Scaricare ppt "Pagina 1 FORMAZIONE TELEMATICA Doveri, limiti e responsabilità del notaio nella verifica della documentazione urbanistica 9 gennaio 2013 GIOVANNI SANTARCANGELO."

Presentazioni simili


Annunci Google