La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Le conseguenze socioeconomiche di questa scelta. Le alternative.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Le conseguenze socioeconomiche di questa scelta. Le alternative."— Transcript della presentazione:

1 Le conseguenze socioeconomiche di questa scelta. Le alternative.
NUCLEARE in Italia? Le conseguenze socioeconomiche di questa scelta. Le alternative.

2 ARGOMENTAZIONI A SOSTEGNO
Indipendenza dall’estero Disponibilità infinita di energia Fonte energetica pulita Produce energia a basso prezzo I moderni reattori sono sicuri Ce l’hanno “tutti” perché noi no???

3 437 in funzione – 117 spenti Rif.2008

4 Reazione di fissione nucleare

5 Tipiche reazioni di fissione

6 Produzione Plutonio

7 CICLO DELCOMBUSTIBILE NUCLEARE
2 3 1 4 5 6

8 URANIO: FABBISOGNO e CONSUMI per l’ESTRAZIONE
PER UNA CENTRALE DA MW SERVONO: 150÷200 t /y di Uranio naturale ≈ 30 t/y di Uranio arricchito Che comportano: Estrazione di t di rocce uranifere, t di acqua t di acido solforico 270 t di fluoro gassoso Enormi quantità di energia (v. arricchimento)

9 Picco della produzione di Uranio nel mondo

10 ANDAMENTO DOMANDA-PRODUZIONE DI URANIO NEL MONDO

11 RISERVE GLOBALI DI URANIO

12 ARGOMENTAZIONI Indipendenza dall’estero
Disponibilità infinita di energia Fonte energetica pulita (?) Produce energia a basso prezzo I moderni reattori sono sicuri Ce l’hanno “tutti” perché noi no???

13 ARRICCHIMENTO per DIFFUSIONE GASSOSA
Si pompa uranio attraverso dei setti porosi sotto forma di Esafluoro di Uranio (UF6). La maggior parte dell’uranio arricchito per usi civili viene ottenuto così. Il problema è che l’arricchimento per ogni stadio è molto basso, per cui questi impianti consumano quantità enormi di energia elettrica per pompare il gas. A titolo di esempio di può citare Eurodif, in Francia, che, per arricchire l’uranio utilizzato per quasi tutte le centrali europee, richiede l’energia di quattro centrali nucleari.

14 STOCK URANIO IMPOVERITO NEL MONDO
Paese Organizzazione Quantità (t) Data USA DOE 2002 Russia FAEA 1996 Francia AREVA 2001 UK BNFL 30.000 Germania URENCO 16.000 1999 Giappone JNFL 10.000 Cina CNNC 2.000 2000 Sud Corea KAERI 200 Sud Africa NECSA 73 TOTALE

15 ELEMENTI COMBUSTIBILI
CIASCUN ELEMENTO COMBUSTIBILE Guaina in lega di Zirconio Altezza 4-4,5 metri Sezione ~ 24×24 cm 17×17 barre pastiglie cilindriche di U: 1×1,5 cm elementi combustibili formano una carica del nocciolo

16 SCHEMA DI UN REATTORE PWR

17 Source: IAEA, PRIS, 2007, MSC

18

19 Source: IAEA, PRIS, 2007, MSC Source: IAEA, PRIS, 2007, MSC

20

21 EVOLUZIONE NUMERO DI REATTORI AL 2025
Vita media Attuale (y) Vita media Max Reattori Spenti (CERTI) Accesi (MAX) Necessari (status quo) 22 40 93 23 70 192 Germania 32 Source: IAEA, PRIS, 2008, MSC

22 RAFFREDDAMENTO CENTRALI NUCLEARI – ESEMPIO FRANCESE
Uso di enormi quantità di acqua dolce In Francia (2006) per il raffreddamento: 19.1 × 109 m3 di acqua dolce pari al 57% dei prelievi totali del Paese. Parte di questa viene scaricata nei fiumi (e nelle falde) mentre: 1.3 × 109 m3 sono emesse in atm. dalle torri di evaporazione, pari al 22% di tutta l’acqua consumata in Francia.

23 IMPIANTO DI RIPROCESSAMENTO A CAP DE LA HAGUE

24 Tempi di decadimento della scoria Plutonio
anni fa Ominidi (Neanderthal) cicli Plutonio anni fa Il primo Homo sapiens in Europa ,5 cicli Plutonio anni fa Resta solo l’ Homo sapiens ,2 cicli Plutonio anni fa Invenzione dell’arco = caccia ,8 cicli Plutonio anni fa Fine dell’ultima glaciazione ,5 cicli Plutonio 8.000 anni fa Insediamento di Gerico, ,3 cicli Plutonio il più antico del mondo 5.500 anni fa Invenzione della scrittura ,2 cicli Plutonio 4.200 anni fa Età del bronzo ,18 cicli Plutonio 2.724 anni fa Fondazione di Roma ,11 cicli Plutonio

25 RIPROCESSAMENTO DEL COMBUSTIBILE IRRAGGIATO: RADIOTOSSICITA’
Radiotossicità (in sievert per gigawatt termico all'anno) del combustibile esausto scaricato dai reattori per diversi cicli del combustibile, in funzione del tempo a partire dal momento dell'estrazione dal reattore. È altresì indicato l'andamento dei prodotti di fissione e la radiotossicità dell'uranio naturale e del torio 232 di partenza. Si noti che i cicli all'uranio determinano scarichi nettamente più radiotossici e di lunga vita rispetto ai cicli al torio, e che gli attuali reattori (2° e 3° gen. ad uranio) determinano i risultati di gran lunga peggiori con ben un milione di anni per ridurre la radiotossicità al valore dell'uranio di partenza. Per dare un'idea del valore di un sievert, si tenga presente che la dose che in media un uomo assorbe in un anno per esposizione alla radioattività naturale è di 0,0024 Sv.

26 INVENTARIO SCORIE AD ALTA ATTIVITA’
(2008) (2015) Locomotore AV (30t) (2050) t/y MONDO FRANCIA 8.000 17.500 267 583 1 REATTORE 30 Fonte: IAEA (2008)

27 COSTO ELETTRICITA’ PER FONTI ENERGETICHE
COSTRUZIONE CARBURANTE CASO BASE + CARBONTAX INTERESSI $/KW $/mmBtu c$/KWh Nucleare 2.000 0,47 6,7 5,9 Carbone 1.200 1,20 4,3 6,4 Gas 500 3,50 4,1 5,1 Nucleare 4.500-(6.000) 0,67 8,4 – (11,1) 7,6 Carbone 2.300 2,60 6,2 8,2 Gas 850 7,00 6,5 7,4 FONTE: MIT (MASSACHUSSET INSTITUTE TECHNOLOGY, BOSTON (USA) a) 2003 – b) 2009

28 ARGOMENTAZIONI Indipendenza dall’estero
Disponibilità infinita di energia Fonte energetica pulita (?) Produce energia a basso prezzo I moderni reattori sono sicuri (?) Ce l’hanno “tutti” perché noi no???

29 NUCLEARE IN EUROPA No 1976 Austria, Danimarca, Grecia, Irlanda , (Italia), Polonia, Portogallo, Norvegia NON Saranno sostituite Belgio, Germania, Olanda, Spagna, Svezia Si Finlandia, Francia, Bulgaria, Romania, Slovacchia, Slovenia, Svizzera In dubbio Regno Unito, Ungheria

30 ARGOMENTAZIONI Indipendenza dall’estero
Disponibilità infinita di energia Fonte energetica pulita (?) Produce energia a basso prezzo I moderni reattori sono sicuri (?) Ce l’hanno “tutti” perché noi no??? FALSO

31 DIRETTIVA EUROPEA A partire dal 2020: -20% emissioni di gas serra (incidenza parziale) 20% risparmio energetico (incidenza nessuna) +20% energie rinnovabili (incidenza nessuna)

32 PARCO EOLICO MARE DEL NORD
PARTECIPANTI POTENZA IN CORSO POTENZA FINALE FINALE AL CONSUMO CENTRALI NUCLEARI EQUIVALENTI GERMANIA, FRANCIA, GRAN BRETAGNA, BELGIO, DANIMARCA, OLANDA, IRLANDA, NORVEGIA, LUSSEMB. 30 GW (2020) >100 GW 10% TUTTA EUROPA 70

33 SOLARE TERMODINAMICO: PROGETTO DESERTEC
PARTECIPANTI POTENZA 2020 POTENZA 2040 2050 SUPERFICIE FINALE GERMANIA, ITALIA FRANCIA, SPAGNA, NORD AFRICA 25 GW 180 GW 220 GW 15% EUROPA 50 × 50 Km2 <400×109 CENTRALI NUCLEARI EQUIVALENTI EPR (1500 MW) >150 1200 × 109

34 RETE ELETTRICA : DECONGESTIONE
DECONGESTIONE: spreca 1.2 × 109 kWh/y ≡ 1.5 × 109 €/y AZIONE: Km di nuovi elettrodotti ad alta tecnologia in 8 anni RISULTATO: allargare i “colli di bottiglia” che rendono inutilizzabile parte della produzione elettrica e “giustificano” nuove centrali migliore utilizzo della rete da parte delle “rinnovabili” GUADAGNO: costo = 480 × 106 €/y; guadagno = 1 × 109 €/y GUADAGNO EQUIVALENTE: alla realizzazione di 8 centrali da MW oppure 1, 5 centrale nucleare (Fonte: TERNA, 2009)

35 OBIETTIVO 2050: EUROPA PULITA da FONDAZIONE EUROPEA PER IL CLIMA ; Istituto Ricerca Economica McKINSEY – Imperial College London – Oxford Ecomics – Energy Research Centre – Molte Grandi Compagnie Elettriche Europee ANALISI e CONDIZIONI: TECNOLOGIE ESISTENTI INTERCONNESSIONE RETE EUROPEA NO DIFFICOLTA’ TECNICHE, SI’ DIFFICOLTA’ POLITICHE INIZIO IMMEDIATO SCENARI POSSIBILI al 2050 TREND ATTUALE PROGETTO EUROPA PULITA (-80% gas serra) RINNOVABILI = 34% NUCLEARE = 17% (IN DIMINUZIONE COMUNQUE) GAS E FOSSILI = 49% RINNOVABILI = 80% NUCLEARE = NON NECESSARIO ALTRE FONTI = 20% (MIX GEOTERMIA E DESERTEC)

36 PAUL R. KRUGMAN – PREMIO NOBEL 2008 PER L’ECONOMIA
Dall’ HERALD TRIBUNE, aprile 2010: “Non c´è dubbio che le iniziative contro il mutamento climatico comportano costi, ma questi vanno confrontati con i costi dell´inerzia o della rinuncia ad agire. E i più alti, a parte il richiamo all´etica della responsabilità nei confronti delle prossime generazioni, sono proprio quelli che non si vedono, o si vedono purtroppo a scadenza più lunga, che riguardano la salvaguardia dell´ambiente e la tutela della salute collettiva.”


Scaricare ppt "Le conseguenze socioeconomiche di questa scelta. Le alternative."

Presentazioni simili


Annunci Google