La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Dr.ssa Ilaria Gemo Neuropsichiatra Infantile, Psicoterapeuta.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Dr.ssa Ilaria Gemo Neuropsichiatra Infantile, Psicoterapeuta."— Transcript della presentazione:

1

2 Dr.ssa Ilaria Gemo Neuropsichiatra Infantile, Psicoterapeuta

3 Disturbi da deficit di attenzione e da comportamento dirompente È una modalità di comportamento negativistico, ostile e provocatorio che dura almeno da 6 mesi. È una modalità di comportamento ripetitiva e persistente in cui i diritti fondamentali degli altri e le principali norme sociali vengono violati E una sindrome comportamentale caratterizzata da impulsività, incapacità di fissare lattenzione in maniera continuativa, e/o livelli di attività molto accentuati. ADHD DC DOP

4 Epidemiologia dei disturbi comportamentali Tassi di prevalenza (DSM-IV e ICD10) ADHD5-10% DOP2-16% DC6-16% Rapporto M:Fda 4:1 a 9:1 Periodo con maggiore prevalenza6-12 anni Tasso di stabilità>60%

5

6 ridotta presenza di emozioni di paura o ansia ricerca continua della novità incapacità ad apprendere dall esperienza ridotta inibizione comportamentale Il temperamento sensation seeking Auerbach J.G. (2008). Temperament at 7, 12 and 25 months in children at familial risk for ADHD. Infant and Child Development, 17,

7 Il circolo vizioso maleducativo Step 1. Comando del genitore Step 2. Rifiuto da parte del figlio Step 3. Reiterazione dell ordine Step 4. Atteggiamento oppositivo del figlio Step 5. Escalation minacciosa del genitore Step 6. Escalation aggressiva del figlio Step 7. Abbandono da parte del genitore Step 8. Rinforzo negativo del figlio

8 Fattori educativi di rischio 1.Eccessivo uso di punizioni 2.Incoerenza educativa 3.Incapacità a gestire la contrattazione 4.Mancanza di abilità di problem-solving 5.Presentazione di modelli aggressivi

9

10 Piano dintervento multimodale Percorsi educativi e riabilitativi per l allievo problematico

11 Interventi sullambiente di vita - 1 Organizzazione del contesto 1.Creare delle routine soprattutto per le fasi di transizione e per i momenti destrutturati. 2.Prevedere una precisa organizzazione di tempi e di luoghi da dedicare a varie attività quotidiane. 3.Preannunciare i momenti di transizione e prevedere dei tempi massimi per il loro completamento. 4.Disporre il banco vicino alla cattedra e lontano da fonti di distrazione.

12 Interventi sullambiente di vita -2 Adattamento di attività e materiali 1.Frazionare le attività in parti brevi e maneggevoli. 2.Fissare degli intervalli di tempo per lo svolgimento delle attività. 3.Adottare approcci didattici attivi, esperienziali e basati su molteplici modalità senso-motorie. 4.Fornire continui feedback all allievo. 5.Utilizzare immagini e colori correlati all attività. 6.Incrementare il livello di stimolazione intra-compito.

13 Interventi sullambiente di vita – 3 Gestione delle contingenze 1.Riconoscere e rinforzare i comportamenti positivi. 2.Ignorare i piccoli comportamenti disturbanti. 3.Limitare le sanzioni. 4.Predisporre un sistema di poche, necessarie e chiare regole di comportamento. 5.Favorire la reiterazione e la generalizzazione del sistema di regole.

14 Interventi sullallievo Interventi di potenziamento cognitivo sulle funzioni di base (attenzione, working memory, ecc.). Trasmissione di abilità comunicative e socio-affettive. Modellamento di metodi di studio tramite approcci metacognitivi e basati sulle funzioni esecutive.

15

16 Le 10 REGOLE DORO per una disciplina efficace 1.Fissiamo regole chiare e non ambigue 2.Poniamo solo regole necessarie 3.Poniamo poche regole 4.Ordiniamo e non chiediamo in modo retorico 5.Formuliamo l ordine solo una volta 6.Poniamo un limite temporale alle regole 7.Evitiamo di punire il bambino per ogni cosa 8.Ignoriamo i comportamenti lievemente disturbanti 9.Premiamo il bambino quando emette comportamenti positivi 10.Prevediamo le conseguenze in un tono emotivo tranquillo

17

18 Disturbo da deficit di attenzione/iperattività ADHD

19 Il bambino con ADHD manifesta una chiara difficoltà a mantenere lattenzione, e la concentrazione per un periodo di tempo sufficientemente prolungato, per raggiungere un buon apprendimento. Il bambino con ADHD manifesta una chiara difficoltà a mantenere lattenzione, e la concentrazione per un periodo di tempo sufficientemente prolungato, per raggiungere un buon apprendimento. Spesso è un bambino che ha buone capacità intellettive. Spesso è un bambino che ha buone capacità intellettive. Sono bambini in cui si possono riscontrare aspetti di iperattività. ed impulsività, con difficoltà di autocontrollo in ambito sociale e nelle relazioni interpersonali. Sono bambini in cui si possono riscontrare aspetti di iperattività. ed impulsività, con difficoltà di autocontrollo in ambito sociale e nelle relazioni interpersonali. Sono bambini con una grande empatia, e una bassa autostima. Sono bambini con una grande empatia, e una bassa autostima.

20 Inattenzione 1. Non riesce a prestare attenzione o commette errori di distrazione nei compiti scolastici o in altre attività. 2. Non riesce a mantenere lattenzione sui compiti o sulle attività di gioco. 3. Non sembra ascoltare quando gli si parla. 4. Non segue le istruzioni e non porta a termine le attività. 5. Evita gli impegni che richiedono sforzo mentale protratto. 6. Perde gli oggetti necessari per i compiti o le attività. 7. È facilmente distratto da stimoli estranei. 8. È sbadato nelle attività quotidiane.

21 Iperattività 1. Muove con irrequietezza mani o piedi e si dimena sulla sedia. 2. È sotto pressione ed agisce come se fosse motorizzato. 3. Ha difficoltà a giocare e a dedicarsi ad attività divertenti in modo tranquillo. 4. Lascia il suo posto a sedere. 5. Scorrazza e salta dovunque in modo eccessivo. 6. Parla troppo.

22 Impulsività 1.Spara le risposte prima che le domande siano state completate. 2. Ha difficoltà ad attendere il proprio turno. 3. Interrompe gli altri o è invadente nei loro confronti. 4. Scarsa capacità di riflessione 5. Difficoltà a rispettare il proprio turno 6. Tendenza ad interrompere gli altri 7. Difficoltà nel valutare le conseguenze di unazione 8. Tendenza ad esporsi a situazioni pericolose, con possibili danni fisici

23 Iperattività/ Impulsività È in continuo movimento e agisce come se avesse largento vivo addosso Ha difficoltà a giocare in modo tranquillo lascia il proprio posto a sedere in classe o in altre situazioni in cui ci si aspetta che resti seduto difficoltà ad attendere il proprio turno parla troppo, interrompe gli altri o è invadente nei loro confronti "spara" le risposte Caratteristiche del bambino con ADHD

24 CRITERI DIAGNOSTICI Secondo i criteri del DSM-IV la diagnosi di ADHD richiede la presenza di: 6 o più sintomi della sfera delliperattività/impulsività (sottotipo prevalentemente iperattivo/impulsivo) oppure 6 o più sintomi della sfera dellinattenzione (sottotipo prevalentemente inattentivo) oppure 6 o più sintomi di disattenzione e 6 o più sintomi di iperattività/impulsività (sottotipo combinato)

25 ULTERIORI CRITERI DIAGNOSTICI (DSM IV) Durata i sintomi devono durare da almeno 6 mesi Età dellesordio alcuni sintomi devono essere comparsi prima dei 7 anni di età Pervasività un deficit funzionale dovuto a tali sintomi deve essere presente in almeno due diversi contesti (es. scuola, lavoro, casa)

26 Distribuzione dei Sottotipi Clinici del DSM-IV % % < 15 % Tipo Combinato Prevalentemente Iperattivo / Impulsivo Prevalentemente Inattentivo Adattato dallAmerican Psychiatric Association, DSM-IV TR, Barkley RA. Attention-deficit/hyperactivity disorder. In: Mash EJ, Barkley RA, eds. Child Psychopathology 1996; Prevalentemente Inattentivo: Facilmente distraibile Ma non eccessivamente iperattivo / impulsivo Prevalentemente Iperattivo / Impulsivo: Estremamamente Iperattivo / Impulsivo Può non avere sintomi di inattenzione Frequentemente bambini piccoli Sottotipo Combinato: Maggioranza dei pazienti Presenti tutte e tre i sintomi cardini (Inattenzione, Iperattività/Impulsività)

27 ICD-10 Disturbo Ipercinetico (HKD) I criteri Diagnostici dellICD-10 richiedono: I criteri Diagnostici dellICD-10 richiedono: Contemporanea presenza dei sintomi di inattenzione, Iperattività ed almeno un sintomo di impulsività con esordio prima di 6 anni Contemporanea presenza dei sintomi di inattenzione, Iperattività ed almeno un sintomo di impulsività con esordio prima di 6 anni I sintomi di Inattenzione ed Iperattività devono riscontrarsi in modo contemporaneo in diversi ambiti (scuola, casa, ecc.) I sintomi di Inattenzione ed Iperattività devono riscontrarsi in modo contemporaneo in diversi ambiti (scuola, casa, ecc.) Il problema deve persistere dalletà scolare alletà adulta anche se alcuni individui possono manifestare un graduale miglioramento della sintomatologia in età adulta. Il problema deve persistere dalletà scolare alletà adulta anche se alcuni individui possono manifestare un graduale miglioramento della sintomatologia in età adulta. La contemporanea presenza di altri disturbi psichiatrici (es. disturbo oppositivo provocatorio, disturbo della condotta) comporta linclusione in specifici raggruppamenti diagnostici (es. Disturbo Ipercinetico della Condotta). La contemporanea presenza di altri disturbi psichiatrici (es. disturbo oppositivo provocatorio, disturbo della condotta) comporta linclusione in specifici raggruppamenti diagnostici (es. Disturbo Ipercinetico della Condotta). La presenza contemporanea di un disturbo dansia comporta un criterio desclusione. La presenza contemporanea di un disturbo dansia comporta un criterio desclusione.

28 Inoltre… 1) Emarginazione da parte dei coetanei 2) Scarse amicizie durature 3) Tendenza allisolamento 4) Rapporti con bambini più piccoli o più instabili 5) Incapacità nel cogliere indici sociali non verbali a)Difficoltà di rendimento scolastico b)Rimproveri da genitori ed insegnanti c)Emarginazione da parte dei coetanei d)Rapporti con bambini piccoli o instabili e)Bassa autostima, inadeguatezza f)Solitudine, sentimenti abbandonici g)Senso di colpa h)Rischio di un disturbo depressivo

29

30

31

32 La diagnosi di ADHD deve: Basarsi su una accurata valutazione clinica del bambino/adolescente Coinvolgere oltre al bambino/adolescente anche i genitori e gli insegnanti Prevedere, oltre allosservazione clinica, anche limpiego di questionari, scale di valutazione e interviste diagnostiche DIAGNOSI

33 COMORBILITA

34 COMORBILITA Studio MTA (Multimodal Treatment for ADHD) 40% Oppositional defiant disorder (ODD) 14% Conduct disorder 34% Anxiety 11% Tic 4% Mood The MTA Cooperative Group (1999). A 14-month randomized clinical trial of treatment strategies for attention-deficit/ hyperactivity disorder. Arch Gen Psychiatry; 56: ADHD

35 NUMERO DI CONDIZIONI IN COMORBILITA 89% dei pazienti hanno uno o più di un disturbo associato allADHD (comorbilità) 75 % 14 % 11 % Dell'Agnello G. et al. per l'ADORE Study Group. Poster presentato al X Congresso Nazionale della Società Italiana di Psicopatologia (SOPSI), Roma Febbraio 2005

36

37 Fino al 40% di bambini con ADHD presentano ansia/depressione in comorbidità …e fino al 40% dei bambini con disturbi di ansia/ depressione possono presentare un ADHD in comorbidità Non sono ancora chiari gli effetti di età, sesso o sottotipo di ADHD sulla comorbidità con depressione/ansia

38 COMPROMISSIONE FUNZIONALE

39 QUADRO CLINICO Decorso del Disturbo – Deficit psicosociale Sintomi nucleari Inattenzione Iperattività Impulsività Sintomi nucleari Inattenzione Iperattività Impulsività Comorbidità psichiatriche Disturbi dirompenti del comportamento (disturbo della condotta e disturbo oppositivo-provocatorio) Disturbi di ansia e di umore Comorbidità psichiatriche Disturbi dirompenti del comportamento (disturbo della condotta e disturbo oppositivo-provocatorio) Disturbi di ansia e di umore Portano a + Deficit funzionali Sé Bassa autostima Incidenti e danni fisici Fumo / abuso di sostanze Delinquenza Scuola/ lavoro Difficoltà accademiche/ risultati insoddisfacenti Difficoltà lavorative Casa Stress familiare Difficoltà come genitori Società Scarse relazioni interpersonali Deficit di socializzazione Difficoltà relazionali Deficit funzionali Sé Bassa autostima Incidenti e danni fisici Fumo / abuso di sostanze Delinquenza Scuola/ lavoro Difficoltà accademiche/ risultati insoddisfacenti Difficoltà lavorative Casa Stress familiare Difficoltà come genitori Società Scarse relazioni interpersonali Deficit di socializzazione Difficoltà relazionali Biederman J et al Determining and Achieving Therapeutic Targets for ADHD Across the Life Span. J Clin Psychiatry, JCP Visuals, 5(2)

40 E proprio in un ambiente come quello della classe, dove ci si aspetta che gli studenti prestino attenzione alle lezioni, stiano seduti al loro banco e completino i loro compiti, in cui disattenzione, iperattività e impulsività si rendono più evidenti pur essendo costantemente presenti durante lintera giornata. Di conseguenza i bambini e gli adolescenti con ADHD: Non sono capaci di portare a termine i loro obiettivi accademici. Possono essere puniti per i loro comportamenti dirompenti, Possono avere bisogno di un insegnante di sostegno, Non tengono il passo dei loro compagni di classe e, Se hanno raggiunto la scuola superiore, spesso la abbandonano. Rakesh Jain et al, Journal of Clinical Psychiatry, JCP Visuals, vol 5 (6) July 2003

41 ADHD E PROBLEMI SCOLASTICI 1.Spesso i soggetti con ADHD vanno incontro ad una carriera scolastica problematica (58%, Cantwell e Satterfield, 1978). 2.Unalta percentuale di studenti necessita di un programma di sostegno (30-40%). 3.Molti studenti ripetono almeno un anno scolastico (30%). 4.Alcuni non riescono nemmeno a completare la scuola superiore (10-35%). COMORBILITA ADHD / DSA

42 Possibile causa: deficit nel processo di organizzazione e pianificazione. In particolare, difficoltà: Di pre-pianificazione corretta delle idee da estendere per iscritto Nel prevedere un coordinamento logico delle azioni da svolgere con conseguente incapacità nellorganizzazione del proprio lavoro.

43 La capacità di comprendere un testo scritto consiste non tanto nel riconoscerne i suoni, le parole che lo compongono o le loro funzioni sintattiche quanto piuttosto nella capacità di ricavare il significato globale del brano stesso, abilità questa che sembra essere connessa alla memoria, magazzino che conserva le informazioni e sede in cui si realizza il processo di comprensione sia dei testi sia di qualunque altro fenomeno. (Levorato, 1998) Il soggetto con DDAi pur avendo una capienza di memoria uguale agli altri, non usa strategie efficaci per immagazzinare le informazioni in entrata; ha difficoltà nellimpiego delle tecniche mnemoniche ( strategie di raggruppamento e organizzative).

44 !!Area molto problematica per il ragazzo con DDAI!! Possibili cause: Difficoltà di pianificazione di strategie e procedure Difficoltà nel controllo dellintero processo Incapacità di ignorare i dati superflui e considerare solo quelli necessari alla soluzione corretta del problema (Marzocchi, 2000)

45 INTERVENTI TERAPEUTICI

46 LADHD richiede un intervento multimodale Bambino Famiglia Scuola Coetanei Problemi genitoriali, mancanza di controllo, problemi relazionali Carico per la famiglia, problemi di salute mentale dei genitori Deficit funzionale Disturbi associati Impulsività Iperattività Inattenzione Difficoltà di apprendimento e insuccesso scolastico Rapporto negativo insegnante-studente Relazioni interpersonali negative con i coetanei PANORMICA SUL TRATTAMENTO

47 INTERVENTO MULTIMODALE ambiente familiare allargato operatori dei Servizi educatori/am biente sociale Medico genitori scuola

48 INTERVENTIINTERVENTI Sul paziente Sui genitori Sulla scuola Terapia cognitivo-comportamentale Psicofarmacoterapia Psicoeducazione Teacher Training Parent training Psicoeducazione

49 Obiettivi del trattamento –Ridurre i sintomi di ADHD –Ridurre i sintomi in comorbidità –Ridurre i rischi di ulteriori complicazioni –Educare il paziente e lambiente sul disturbo –Adattare lambiente alle esigenze del bambino –Potenziare le strategie del bambino, dei genitori e degli insegnanti –Modificare le rappresentazioni maladattive

50

51

52 Manipolare gli antecedenti (Proattiva) 1. Affiggere le regole 2. Modificare le istruzioni 3. Aggiustare il carico di lavoro 4. Fornire possibilità di scelta 5. Tutoring svolto dai pari Manipolare le conseguenze (Reattiva) 1.Rinforzo coi gettoni (TOKEN ECONOMY) 2.Rimproveri verbali 3.Costo della risposta 4.Time Out dai Rinforzi Positivi 5.Auto-gestione

53 DISTURBO OPPOSITIVO- PROVOCATORIO DISTURBO DELLA CONDOTTA

54 Un comportamento oppositivo transitorio è molto comune nei bambini in età prescolare e negli adolescenti, si dovrebbe usare cautela nel fare la diagnosi Un comportamento oppositivo transitorio è molto comune nei bambini in età prescolare e negli adolescenti, si dovrebbe usare cautela nel fare la diagnosi Il numero dei sintomi di opposizione tende ad aumentare con letà. Il numero dei sintomi di opposizione tende ad aumentare con letà. Il disturbo ha maggiore prevalenza tra i maschi che tra le femmine in epoca prepuberale, ma le percentuali sembrano essere uguali dopo la pubertà. Il disturbo ha maggiore prevalenza tra i maschi che tra le femmine in epoca prepuberale, ma le percentuali sembrano essere uguali dopo la pubertà. I sintomi sono di solito simili in entrambi i generi, tranne per il fatto che che i maschi possono avere un comportamento con maggior tendenza al confronto e sintomi più persistenti I sintomi sono di solito simili in entrambi i generi, tranne per il fatto che che i maschi possono avere un comportamento con maggior tendenza al confronto e sintomi più persistenti

55

56 Criteri diagnostici del DOP (DSM-IV) a)Una modalità di comportamento negativistico, ostile e provocatorio che dura almeno da 6 mesi, durante i quali sono stati presenti 4 (o più) dei seguenti sintomi: a)Una modalità di comportamento negativistico, ostile e provocatorio che dura almeno da 6 mesi, durante i quali sono stati presenti 4 (o più) dei seguenti sintomi: spesso va in collera; spesso va in collera; spesso litiga con gli adulti; spesso litiga con gli adulti; spesso sfida attivamente o si rifiuta di rispettare la/le richieste o regole degli adulti; spesso sfida attivamente o si rifiuta di rispettare la/le richieste o regole degli adulti; spesso infastidisce deliberatamente le persone; spesso infastidisce deliberatamente le persone; spesso accusa gli altri per i propri errori o il proprio cattivo comportamento; spesso accusa gli altri per i propri errori o il proprio cattivo comportamento; è spesso suscettibile o facilmente irritato dagli altri; è spesso suscettibile o facilmente irritato dagli altri; è spesso arrabbiato e rancoroso; è spesso arrabbiato e rancoroso; è spesso dispettoso e vendicativo è spesso dispettoso e vendicativo b)Lanomalia del comportamento causa compromissione clinicamente significativa del funzionamento sociale, scolastico o lavorativo. b)Lanomalia del comportamento causa compromissione clinicamente significativa del funzionamento sociale, scolastico o lavorativo. c)I comportamenti non si manifestano esclusivamente durante il decorso di un Disturbo Psicotico o di un Disturbo dellUmore. c)I comportamenti non si manifestano esclusivamente durante il decorso di un Disturbo Psicotico o di un Disturbo dellUmore. d)Non sono soddisfatti i criteri per il Disturbo della Condotta e, se il soggetto ha 18 anni o più, non risultano soddisfatti i criteri per il Disturbo Antisociale di personalità d)Non sono soddisfatti i criteri per il Disturbo della Condotta e, se il soggetto ha 18 anni o più, non risultano soddisfatti i criteri per il Disturbo Antisociale di personalità

57

58 Criteri diagnostici del DC (DSM-IV) Una modalità di comportamento ripetitiva e persistente in cui i diritti fondamentali degli altri o principali norme sociali o regole societarie appropriate per letà vengono violati, come manifestato dalla presenza di 3 (o più) dei seguenti criteri nei 12 mesi precedenti, con almeno un criterio presente negli ultimi 6 mesi Aggressioni a persone o animali Spesso fa il prepotente, minaccia, o intimorisce gli altri; Spesso fa il prepotente, minaccia, o intimorisce gli altri; spesso dà inizio a colluttazioni fisiche; spesso dà inizio a colluttazioni fisiche; ha usato unarma che può causare seri danni fisici ad altri (per es., un bastone, una barra, un coltello, una pistola, ecc.); ha usato unarma che può causare seri danni fisici ad altri (per es., un bastone, una barra, un coltello, una pistola, ecc.); è stato fisicamente crudele con le persone; è stato fisicamente crudele con le persone; è stato fisicamente crudele con gli animali; è stato fisicamente crudele con gli animali; ha rubato affrontando la vittima (per es. aggressione, scippo, estorsione, rapina a mano armata); ha rubato affrontando la vittima (per es. aggressione, scippo, estorsione, rapina a mano armata); ha forzato qualcuno ad attività sessuali ha forzato qualcuno ad attività sessuali Distruzione della proprietà Ha deliberatamente appiccato il fuoco con lintenzione di causare seri danni; Ha deliberatamente appiccato il fuoco con lintenzione di causare seri danni; ha deliberatamente distrutto proprietà altrui (in modo diverso dallappiccare il fuoco) ha deliberatamente distrutto proprietà altrui (in modo diverso dallappiccare il fuoco)

59 Frode o furto E penetrato in un edificio, un domicilio, o una automobile altrui; E penetrato in un edificio, un domicilio, o una automobile altrui; spesso mente per ottenere vantaggi o favori o per evitare obblighi (cioè raggira gli altri); spesso mente per ottenere vantaggi o favori o per evitare obblighi (cioè raggira gli altri); ha rubato articoli di valore senza affrontare la vittima (per es., furto nei negozi, ma senza scasso; falsificazioni) ha rubato articoli di valore senza affrontare la vittima (per es., furto nei negozi, ma senza scasso; falsificazioni) Gravi violazione di regole Spesso trascorre fuori la notte nonostante le proibizioni dei genitori, con inizio prima di 13 anni di età; Spesso trascorre fuori la notte nonostante le proibizioni dei genitori, con inizio prima di 13 anni di età; è fuggito di casa di notte due volte mentre viveva a casa dei genitori o di chi ne faceva le veci (o una volta senza ritornare per un lungo periodo) è fuggito di casa di notte due volte mentre viveva a casa dei genitori o di chi ne faceva le veci (o una volta senza ritornare per un lungo periodo) marina spesso la scuola con inizio prima dei 13 anni di età marina spesso la scuola con inizio prima dei 13 anni di età Lanomalia del comportamento causa compromissione clinicamente significativa del funzionamento sociale, scolastico o lavorativo. Se il soggetto ha 18 anni o più, non sono soddisfatti i criteri per il Disturbo Antisociale di Personalità

60 Associazione tra DOP e DDAI (14%), Disturbi di Ansia (14%), Disturbi dellUmore (9%) Associazione tra DC e Disturbi dell'Umore quali depressione, distimia e disturbo bipolare. Comorbidità tra DC e Disturbo dAnsia (in questo caso si tratta di un DC con minor livello di aggressività, di comportamenti violenti e maggiore sensibilità al trattamento). Sembra esserci anche un alto livello di comorbidità tra la delinquenza e il Disturbo Post-Traumatico da Stress (DPTS) Ampiamente riconosciuta è la comorbidità tra DDAI, DOP e DC

61 Sono quegli studenti il cui comportamento ostacola il loro apprendimento e li mette in pericolo di fallire a scuola. Hanno le seguenti caratteristiche: - non ce la fanno, non riescono; - hanno ricevuto la, e non rispondono alla, maggioranza delle punizioni e/o conseguenze spiacevoli proposte dalla scuola; - hanno un basso concetto di sé in relazione alla scuola; - hanno poca o nessuna speranza di trovare successo a scuola; - fanno gruppo con, e sono rinforzati da, studenti simili a loro;

62 I METODI DI DISCIPLINA CHE NON FUNZIONANO i metodi tradizionali: i metodi tradizionali: sgridate, sgridate, prediche, prediche, sarcasmo, sarcasmo, essere trattenuti, essere trattenuti, ricevere più compiti, ricevere più compiti, isolamento, isolamento, nome scritto sulla lavagna, nome scritto sulla lavagna, andare dal dirigente scolastico… andare dal dirigente scolastico… Il metodo tradizionale non funziona perché è unulteriore umiliazione che distrugge la motivazione a cooperare.

63 1. selezionare per le lezioni il maggior numero di argomenti che abbiano una importanza e una rilevanza personale per gli studenti 2. fissare obiettivi di apprendimento reali 3. aiutare gli studenti a interagire con gli argomenti nei modi che sono congruenti con i loro interessi e valori

64 4. coinvolgere attivamente gli studenti nelle lezioni 5. mostrare il proprio autentico interesse verso gli argomenti da studiare, mostrare che è piacevole lavorare con gli studenti 6. organizzare ogni giorno unattività che si ama, mostrare orgoglio per la conoscenza e abilità che si posseggono e desiderio di trasmetterle agli studenti 7. rendere le attività di classe eventi che gli studenti attendono con una piacevole ansia e creare laspettativa

65 INTERVENTI TERAPEUTICI

66 Intervento multimodale colloqui individuali colloqui con i genitori attività psicoeducativa di gruppo lavoro in rete con equipe scolastica e clinica territoriale terapia farmacologica colloqui sociali Sostegno apprendimenti scolastici

67 Il Coping Power è un programma completo di intervento e trattamento per la modulazione della rabbia e dellimpulsività in bambini e ragazzi, efficace nel ridurre in maniera significativa e stabile le condotte aggressive e i comportamenti a rischio. Il Coping Power è un programma completo di intervento e trattamento per la modulazione della rabbia e dellimpulsività in bambini e ragazzi, efficace nel ridurre in maniera significativa e stabile le condotte aggressive e i comportamenti a rischio. Si articola in un percorso per i figli ed uno per i genitori: Si articola in un percorso per i figli ed uno per i genitori: 1. Nella parte rivolta ai bambini, prevede lutilizzo di tecniche cognitivo-comportamentali e attività mirate a promuovere le capacità di autoregolazione e monitoraggio delle proprie emozioni e del proprio comportamento, di perseguimento degli obiettivi personali, di organizzazione dello studio, di perspective taking, di problem solving e di resistenza alla pressione dei pari. 2. Con i genitori vengono affrontate questioni relative alla modulazione dello stress, allutilizzo di appropriate pratiche educative e allincremento del benessere e al miglioramento della comunicazione familiare.

68 Elemento caratterizzante del percorso è ladozione consapevole e coerente del setting di gruppo, sia nel lavoro con i bambini, sia in quello parallelo con i loro genitori, come contesto privilegiato per lacquisizione e la sperimentazione di abilità sociali e relazionali, in un ambiente supportivo e non giudicante. Elemento caratterizzante del percorso è ladozione consapevole e coerente del setting di gruppo, sia nel lavoro con i bambini, sia in quello parallelo con i loro genitori, come contesto privilegiato per lacquisizione e la sperimentazione di abilità sociali e relazionali, in un ambiente supportivo e non giudicante. Il Coping Power Program è riconosciuto oggi dal governo degli USA nonché dalla comunità scientifica internazionale, come efficace per la prevenzione in bambini e adolescenti dello scarso rispetto delle regole sociali. Il Coping Power Program è riconosciuto oggi dal governo degli USA nonché dalla comunità scientifica internazionale, come efficace per la prevenzione in bambini e adolescenti dello scarso rispetto delle regole sociali. Gli studi sul Coping Power Program indicano un miglioramento del funzionamento dei bambini sia a scuola che a casa, un aumento del bagaglio delle competenze interpersonali e unanalisi delle informazioni sociali più adeguata; soprattutto si evidenzia un maggiore coinvolgimento dei genitori con lutilizzo di modalità educative più consistenti. Gli studi sul Coping Power Program indicano un miglioramento del funzionamento dei bambini sia a scuola che a casa, un aumento del bagaglio delle competenze interpersonali e unanalisi delle informazioni sociali più adeguata; soprattutto si evidenzia un maggiore coinvolgimento dei genitori con lutilizzo di modalità educative più consistenti. (Lochman e Wells 2003; Lochman et al. 2004; Van de Wiel et al. 2007)

69 BULLISMO

70 DEFINIZIONE Uno studente è oggetto di azioni di bullismo, ovvero è prevaricato o vittimizzato, quando viene esposto, ripetutamente nel corso del tempo, alle azioni offensive messe in atto da parte di uno o più compagni Uno studente è oggetto di azioni di bullismo, ovvero è prevaricato o vittimizzato, quando viene esposto, ripetutamente nel corso del tempo, alle azioni offensive messe in atto da parte di uno o più compagni (Dan Olweus, 1991)

71 Caratteristiche del bullismo Intenzione di fare del male e mancanza dicompassione : il "persecutore" trova piacere nell'insultare, nel picchiare o nel cercare di dominare la "vittima" e continua anche quando è evidente che la vittima sta molto male ed è angosciata. Intenzione di fare del male e mancanza dicompassione : il "persecutore" trova piacere nell'insultare, nel picchiare o nel cercare di dominare la "vittima" e continua anche quando è evidente che la vittima sta molto male ed è angosciata. Intensità e durata: il bullismo continua per un lungo periodo di tempo ed la quantità di prepotenze fa diminuire la stima di sé da parte della vittima. Intensità e durata: il bullismo continua per un lungo periodo di tempo ed la quantità di prepotenze fa diminuire la stima di sé da parte della vittima. Potere del "bullo": il bullo ha maggior potere della vittima a causa dell'età, della forza, della grandezza, del genere (ad es. maschio più forte della femmina), o per la sua popolarità nel gruppo di coetanei. Potere del "bullo": il bullo ha maggior potere della vittima a causa dell'età, della forza, della grandezza, del genere (ad es. maschio più forte della femmina), o per la sua popolarità nel gruppo di coetanei.

72 Vulnerabilità della vittima: la vittima è più sensibile degli altri coetanei alle prese in giro, non sa o non può difendersi adeguatamente ed ha delle caratteristiche fisiche o psicologiche che la rendono più incline alla vittimizzazione. Vulnerabilità della vittima: la vittima è più sensibile degli altri coetanei alle prese in giro, non sa o non può difendersi adeguatamente ed ha delle caratteristiche fisiche o psicologiche che la rendono più incline alla vittimizzazione. Mancanza di sostegno: la vittima si sente isolata ed esposta, spesso ha molta paura di riferire gli episodi di bullismo perché teme rappresaglie e vendette. Mancanza di sostegno: la vittima si sente isolata ed esposta, spesso ha molta paura di riferire gli episodi di bullismo perché teme rappresaglie e vendette. Conseguenze: il danno per l'autostima della vittima si mantiene nel tempo e induce la persona ad un considerevole disinvestimento dalla scuola oppure alcune vittime diventano a loro volta aggressori. Conseguenze: il danno per l'autostima della vittima si mantiene nel tempo e induce la persona ad un considerevole disinvestimento dalla scuola oppure alcune vittime diventano a loro volta aggressori.

73

74 ALCUNI DATI SUL FENOMENO · 1 studente su 7 è vittima del bullismo (ogni tanto ha subito prepotenze) · la percentuale delle vittime diminuisce con laumentare delletà · 1^ e 2^ media hanno le percentuali più alte di vittime · Il ricorso alla violenza fisica è attuato soprattutto dai più grandi · I maschi sono i più esposti al bullismo diretto (uso di mezzi fisici) · Le femmine sono esposte maggiormente al bullismo indiretto anche se la molestia agita senza mezzi fisici è in genere la più usata anche dai maschi · Gli insegnanti in genere non utilizzano la discussione aperta come strategia di intervento contro il bullismo · I genitori (sia di possibili vittime che di possibili bulli) non sembrano a conoscenza del problema, quindi ne parlano poco

75 I FATTI Il bullismo si manifesta con maggiore frequenza a scuola durante le lezioni, nellintervallo e nellora della mensa. Il bullismo si manifesta con maggiore frequenza a scuola durante le lezioni, nellintervallo e nellora della mensa. Chi subisce azioni di bullismo a scuola può subirle anche lungo il tragitto casa-scuola Chi subisce azioni di bullismo a scuola può subirle anche lungo il tragitto casa-scuola E necessario il coinvolgimento di tutti gli operatori della scuola perché chiunque può trovarsi di fronte ad un azione di bullismo. E necessario il coinvolgimento di tutti gli operatori della scuola perché chiunque può trovarsi di fronte ad un azione di bullismo.

76 1. INDICATORI DELLE VITTIME A CASA E A SCUOLA 1. INDICATORI DELLE VITTIME A CASA E A SCUOLA 2. INDICATORI DELLE VITTIME PROVOCATRICI 2. INDICATORI DELLE VITTIME PROVOCATRICI

77 1. INDICATORI DELLE POSSIBILI VITTIME - A SCUOLA Sono ripetutamente presi in giro in modo pesante, ingiuriati, rimproverati, denigrati, messi in ridicolo, intimiditi, umiliati, minacciati, comandati, dominati, sottomessi Sono ripetutamente presi in giro in modo pesante, ingiuriati, rimproverati, denigrati, messi in ridicolo, intimiditi, umiliati, minacciati, comandati, dominati, sottomessi Sono oggetto di derisione in modo non amichevole Sono oggetto di derisione in modo non amichevole Sono aggrediti fisicamente, picchiati, spinti, colpiti con pugni e calci, senza che siano in grado di difendersi in maniera adeguata Sono aggrediti fisicamente, picchiati, spinti, colpiti con pugni e calci, senza che siano in grado di difendersi in maniera adeguata Sono coinvolti in litigi o scontri e si mostrano indifesi e si ritirano spesso piangendo Sono coinvolti in litigi o scontri e si mostrano indifesi e si ritirano spesso piangendo I loro libri, il loro denaro o altre cose di loro appartenenza vengono prese, danneggiati o sparsi in giro I loro libri, il loro denaro o altre cose di loro appartenenza vengono prese, danneggiati o sparsi in giro Presentano lividi, feriti, tagli, graffi o vestiti stracciati, a cui non si può dare una spiegazione naturale Presentano lividi, feriti, tagli, graffi o vestiti stracciati, a cui non si può dare una spiegazione naturale

78 Spesso sono esclusi dal gruppo di pari durante lintervallo o lorario di mensa Spesso sono esclusi dal gruppo di pari durante lintervallo o lorario di mensa Sono scelti per ultimo nei giochi Sono scelti per ultimo nei giochi Tendono a stare vicino allinsegnante o ad altri adulti Tendono a stare vicino allinsegnante o ad altri adulti Hanno difficoltà a parlare in classe e danno limpressione di essere ansiosi e insicuri, hanno una bassa autostima Hanno difficoltà a parlare in classe e danno limpressione di essere ansiosi e insicuri, hanno una bassa autostima Appaiono abbattuti, depressi e piagnucolosi Appaiono abbattuti, depressi e piagnucolosi Mostrano un improvviso o graduale peggioramento nel rendimento scolastico Mostrano un improvviso o graduale peggioramento nel rendimento scolastico

79 E A CASA..? Tornano da scuola con vestiti stracciati o sgualciti e con libri rovinati Tornano da scuola con vestiti stracciati o sgualciti e con libri rovinati Hanno lividi, ferite, tagli e graffi a cui non sanno dare una spiegazione naturale Hanno lividi, ferite, tagli e graffi a cui non sanno dare una spiegazione naturale Non portano a casa compagni di classe o coetanei Non portano a casa compagni di classe o coetanei Non hanno nessun amico con cui trascorrere il tempo libero Non hanno nessun amico con cui trascorrere il tempo libero Raramente o mai sono invitati alle feste e non sono interessati ad organizzarle Raramente o mai sono invitati alle feste e non sono interessati ad organizzarle Sembrano timorosi e riluttanti ad andare, hanno scarso appetito, ricorrenti mal di testa o mal di stomaco Sembrano timorosi e riluttanti ad andare, hanno scarso appetito, ricorrenti mal di testa o mal di stomaco Scelgono percorsi più lungi per andare e tornare da scuola Scelgono percorsi più lungi per andare e tornare da scuola Dormono male Dormono male Perdono interesse nelle attività scolastiche Perdono interesse nelle attività scolastiche Sembrano infelici, tristi e depressi Sembrano infelici, tristi e depressi Sono fisicamente più deboli Sono fisicamente più deboli Manifestano preoccupazioni per il proprio corpo Manifestano preoccupazioni per il proprio corpo Sono cauti, riservati, passivi, timidi, piangono facilmente Sono cauti, riservati, passivi, timidi, piangono facilmente

80 2. VITTIME PROVOCATRICI (BULLI) Possono essere fisicamente più forti dei loro compagni o dei loro coetanei Hanno un forte bisogno di dominare o sottomettere altri studenti, di affermare se stessi con la minaccia e il potere Hanno un forte bisogno di dominare o sottomettere altri studenti, di affermare se stessi con la minaccia e il potere Sono irrequieti, impulsivi, hanno una bassa tolleranza alla frustrazione Sono irrequieti, impulsivi, hanno una bassa tolleranza alla frustrazione Hanno difficoltà nel rispettare le regole Hanno difficoltà nel rispettare le regole Sono oppositivi, insolenti e aggressivi verso gli adulti e possono a volte spaventarli Sono oppositivi, insolenti e aggressivi verso gli adulti e possono a volte spaventarli Sono considerati duri o rudi Sono considerati duri o rudi…

81 Mostrano scarsa empatia con i compagni Mostrano scarsa empatia con i compagni Non sono ansiosi o insicuri e hanno unopinione positiva di sé Non sono ansiosi o insicuri e hanno unopinione positiva di sé In età piuttosto precoce prendono parte ad altri comportamenti antisociali (es. furto, vandalismo, uso di alcool, frequentano cattive compagnie In età piuttosto precoce prendono parte ad altri comportamenti antisociali (es. furto, vandalismo, uso di alcool, frequentano cattive compagnie La loro popolarità può essere nella media, al di sopra o al di sotto. La loro popolarità può essere nella media, al di sopra o al di sotto. Il loro rendimento scolastico è vario, hanno un atteggiamento negativo nei confronti della scuola. Il loro rendimento scolastico è vario, hanno un atteggiamento negativo nei confronti della scuola.

82 Alcuni suggerimenti.. Conoscere il fenomeno (informazione e formazione per docenti, personale non docente, genitori, alunni) Conoscere il fenomeno (informazione e formazione per docenti, personale non docente, genitori, alunni) Creare un clima sicuro in cui si possaraccontare : clima di classe, comprensione, controllo, collaborazione Creare un clima sicuro in cui si possaraccontare : clima di classe, comprensione, controllo, collaborazione Intervenire nei singoli episodi Intervenire nei singoli episodi Supportare le vittime Supportare le vittime Aiutare ANCHE i prepotenti Aiutare ANCHE i prepotenti

83 Per informazioni, commenti, chiarimenti:


Scaricare ppt "Dr.ssa Ilaria Gemo Neuropsichiatra Infantile, Psicoterapeuta."

Presentazioni simili


Annunci Google