La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Vaccini e vaccinazioni 20 ottobre 2010. -75% - 67% - 61% - 41% Rheumatic fever and rheumatic heart disease Hypertensive heart disease Ulcer of stomach.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Vaccini e vaccinazioni 20 ottobre 2010. -75% - 67% - 61% - 41% Rheumatic fever and rheumatic heart disease Hypertensive heart disease Ulcer of stomach."— Transcript della presentazione:

1 Vaccini e vaccinazioni 20 ottobre 2010

2 -75% - 67% - 61% - 41% Rheumatic fever and rheumatic heart disease Hypertensive heart disease Ulcer of stomach and duodenum Ischemic heart disease Drop in death rate for diseases prevented or treated with innovative medicines (pharmaceuticals) 1965 – 1999: Source: EFPIA 1999 – 2002 THERAPEUTICS - >97% Infectious Diseases (polio, measles, Hib, HVB, Hib etc) VACCINATION

3 I vaccini (costituzione) Microrganismi inattivati Microrganismi vivi ed attenuati Anatossine Frazioni di microrganismi Coniugati Antigeni prodotti con tecniche del DNA ricombinante Virus like particles (VLP)

4 Vaccini a subunità prodotti con la tecnica del DNA ricombinante Genoma HBV Saccaromices cerevisiae Vaccino anti-HBV Antigene purificato Il vaccino contro lepatite B è il primo vaccino a DNA ricombinante autorizzato HBsAg rappresenta la molecola di scelta per allestire il vaccino.

5 VACCINI CONTRO LINFLUENZA virus intero split subunità Antigeni purificati

6 …Verso un nuovo vaccino ingegnerizzato contro linfluenza HA NA Isolamento del virus su uova embrionate di pollo: Uova difficili da reperire Tempi lunghi Produzione quantitativamente limitata Tecnica convenzionale

7 Vaccini a subunità prodotti con la tecnica del DNA ricombinante …Verso un nuovo vaccino ingegnerizzato contro linfluenza HA NA Geni per HA e NA Cellule di insetto DNA di Baculovirus Spodoptera Frugiperda

8 Vaccini a subunità autoassemblanti prodotti con la tecnica del DNA ricombinante Virus-like Particles (VLP)

9 Structural model of Papilloma VLP Virus-like particle (~20,000 kD) 72 capsomers L1 capsomer (~280 kD) 5 x L1 L1 proteins (55 to 57 kD) Prophylactic vaccine Virus-like Particles (VLPs) Virus particles Virus-like particles particles

10 Vaccini a DNA nudo Trasfezione dirette delle cellule del soggetto da vaccinare

11

12 Reverse Vaccinology: Meningococco B Tettelin et al. Science ) Mappatura genoma 2) Predizione localizzazione proteine 3) Clonaggio ed espressione 4) Purificazione e immunizzazione 5) Scelta del gene più conservato

13 Vaccini: formulazioni Forma liquida o liofilizzata Antigene immunizzante (principio attivo) Conservanti Stabilizzanti (gelatina, albumina) Antibiotici (neomicina, kanomicina, streptomicina) Liquido sospensione (H 2 O dist, fisiologica) Adiuvanti (idrossido e Sali di Al, emulsioni acqua-olio, liposomi)

14 Stabilità dei vaccini I vaccini sono prodotti biologici che richiedono la massima attenzione sotto il profilo della: Termosensibilità Criosensibilità Fotosensibilità Esposizione a sostanze chimiche denaturanti/inattivanti (alcool, etere)

15 Modalità di conservazione vaccini MPR FORMA LIOFILIZZATA: Deve essere conservata al riparo dalla luce in frigorifero (+2°C - +8°C) FORMA RICOSTITUITA : Deve preferibilmente essere utilizzata immediatamente dopo la ricostituzione (al max entro 8 ore)

16 Modalità di somministrazione dei vaccini OS (OPV, Ty21) inoculazione i.m. s.c. i.d. N° somministrazioni: Dose unica o più dosi per completare ciclo primario + richiami successivi (booster) Intranasale

17 VACCINI ASSOCIATI Più vaccini somministrati nella stessa seduta (es: 3° mese: polio + DTP) VACCINI COMBINATI Più vaccini nella stessa preparazione (es: MRP, esavalente)

18 Combinazioni basate su DTPa DTPa DTPa-HB DTPa-Hib DTPa-IPV DTPa-HB-IPV DTPa-IPV-Hib DTPa-HB-IPV-Hib

19 Vantaggi dei vaccini combinati Riduzione del numero delle somministrazioni Diminuzione dei costi Incremento delladesione alle pratiche vaccinali Più malattie infettive possono essere controllate/eliminate contemporaneamente a vantaggio della salute pubblica

20 Vaccini coniugati Antigeni polisaccaridici poco immunogenici in bambini <2 anni di età La coniugazione con proteine carrier rende il vaccino immunogenico anche nel bambino piccolo (T indipendente T dipendente)

21 Il vaccino ideale Innocuo Immunogenico Altamente efficace Di facile trasporto e conservazione Basso costo

22 Vaccinazioni: reazioni indesiderate e reazioni avverse REAZIONI LIEVI Locali: dolenzia, gonfiore, arrossamentoLocali: dolenzia, gonfiore, arrossamento Generali: febbre, nausea, vomito, diarrea, cefaleaGenerali: febbre, nausea, vomito, diarrea, cefalea REAZIONI GRAVI Locali: edema esteso, ascessiLocali: edema esteso, ascessi Generali: febbre >39°C, convulsioni, piantoGenerali: febbre >39°C, convulsioni, pianto persistente del bambino persistente del bambino Manifestazioni allergiche: reazioni orticarioidiManifestazioni allergiche: reazioni orticarioidi shock anafilattico shock anafilattico Manifestazioni neurologiche (eccezionali: da 1 caso x 10 5 a 1 x 10 7 dosi)Manifestazioni neurologiche (eccezionali: da 1 caso x 10 5 a 1 x 10 7 dosi)

23 Vere controindicazioni alle vaccinazioni Temporanee Temporanee (tutti i vaccini) malattia acuta febbrile (>38°C) malattie giudicate importanti Temporanee/permanenti Temporanee/permanenti (vaccini attenuati) gravidanza stati di immunodepressione: - primitiva (immunodeficienza congenita) - secondaria a patologia (linfomi, leucemia, AIDS) - secondari a trattamenti farmacologici (steroidi a dosaggi elevati, antibiotici, radiazioni) Permanenti Permanenti (tutti i vaccini) allergia a costituenti del vaccino

24 False controindicazioni Storia familiare di SIDS Storia personale o familiare di allergia ad antibiotici, non contenuti nel vaccino Uso recente di corticosteroidi a basso dosaggio Sindrome di Down Presenza di dermatiti infettive o di dermatosi Convalescenza di malattie infettive

25 Stabilità dei vaccini I vaccini sono prodotti biologici che richiedono la massima attenzione sotto il profilo della: Termosensibilità Criosensibilità Fotosensibilità

26 Modalità di somministrazione dei vaccini OS (OPV, Ty21) inoculazione i.m. s.c. i.d. N° somministrazioni: Dose unica o più dosi per completare ciclo primario + richiami successivi (booster) Intranasale

27 VACCINI ASSOCIATI Più vaccini somministrati nella stessa seduta (es: 3° mese: polio + DTP) VACCINI COMBINATI Più vaccini nella stessa preparazione (es: MRP, esavalente) VACCINI CONIUGATI (meningococco, pneumococco)

28 Combinazioni basate su DTPa DTPa DTPa-HB DTPa-Hib DTPa-IPV DTPa-HB-IPV DTPa-IPV-Hib DTPa-HB-IPV-Hib

29 Vantaggi dei vaccini combinati Più malattie infettive possono essere controllate/eliminate contemporaneamente a vantaggio della salute pubblica Riduzione del numero delle somministrazioni Incremento delladesione alle pratiche vaccinali Diminuzione dei costi

30 Polysaccaride vaccines Limitations: Poorly immunogenic in subjects <2 years. Short-term protection (~ 2 years). They do not induce immunological memory. They elicit a T-cell independent immune response.

31 Capsular Polysaccharide - Carrier Protein Conjugation Applied to Neisseria meningitis serogroup C Neisseria meningitis serogroup C CRM Corynebacter ium diphtheriae CRM Cross- reactive Material (CRM) as carrier protein Capsular polysaccharide Linker Coating (capsular polysaccharide)

32 Conjugated vaccines Able to induce a T-cell dependent immune response. Potent immune response with high affinity. Long-term memory.

33 Vaccinazioni: reazioni indesiderate e reazioni avverse REAZIONI LIEVI Locali: dolenzia, gonfiore, arrossamentoLocali: dolenzia, gonfiore, arrossamento Generali: febbre, nausea, vomito, diarrea, cefaleaGenerali: febbre, nausea, vomito, diarrea, cefalea REAZIONI GRAVI Locali: edema esteso, ascessiLocali: edema esteso, ascessi Generali: febbre >39°C, convulsioni, piantoGenerali: febbre >39°C, convulsioni, pianto persistente del bambino persistente del bambino Manifestazioni allergiche: reazioni orticarioidiManifestazioni allergiche: reazioni orticarioidi shock anafilattico shock anafilattico Manifestazioni neurologiche (eccezionali: da 1 caso x 10 5 a 1 x 10 7 dosi)Manifestazioni neurologiche (eccezionali: da 1 caso x 10 5 a 1 x 10 7 dosi)

34 Vere controindicazioni alle vaccinazioni Temporanee Temporanee (tutti i vaccini) malattia acuta febbrile (>38°C) malattie giudicate importanti Temporanee/permanenti Temporanee/permanenti (vaccini attenuati) gravidanza stati di immunodepressione: - primitiva (immunodeficienza congenita) - secondaria a patologia (linfomi, leucemia, AIDS) - secondari a trattamenti farmacologici (steroidi a dosaggi elevati, antibiotici, radiazioni) Permanenti Permanenti (tutti i vaccini) allergia a costituenti del vaccino

35 False controindicazioni Storia familiare di SIDS Storia personale o familiare di allergia ad antibiotici, non contenuti nel vaccino Uso recente di corticosteroidi a basso dosaggio Sindrome di Down Presenza di dermatiti infettive o di dermatosi Convalescenza di malattie infettive

36 Strategie di vaccinazione Le vaccinazioni hanno il duplice scopo di proteggere lindividuo e, tramite limmunità di gregge, la collettività.

37 Vaccini e strategie di vaccinazione La vaccinazione è un intervento di Sanità Pubblica che si prefigge di proteggere lindividuo e la comunità. Il successo di un programma dipende da: disponibilità di un vaccino sicuro ed efficace strategia vaccinale (contenimento, eliminazione, eradicazione). Strategie: vaccinazione di soggetti a rischio vaccinazione di massa

38 Le diverse opzioni strategiche Sono influenzate da fattori di ordine: epidemiologico (morbosità, mortalità, modalità di trasmissione, età di acquisizione) clinico (gravità evento acuto; evoluzione cronica,..) farmaco-economico (saldo favorevole costi/benefici e costo/efficacia) etico/sociale

39 Copertura vaccinale Per eliminare una malattia infettiva che ha come unico serbatoio luomo, è sufficiente vaccinare una quota critica di popolazione in grado di conferire limmunità di gregge (herd immunity) capace di proteggere anche gli individui non vaccinati attraverso linterruzione della catena di infezione.

40 Copertura vaccinale R 0 tasso di riproduzione di base del microrganismo (n° casi secondari originato da ogni caso primario in una popolazione di suscettibili) R 0 1 linfezione permane attiva nella popolazione R 0 < 1 linfezione viene spenta Tasso di Riproduzione effettiva RE = R 0 x C C = n° di persone suscettibili che vengono esposte

41 TASSO CRITICO DI COPERTURA VACCINALE

42 Vaccinazioni obbligatorie anti-poliomielite, difterite, tetano, epatite B Vaccinazioni obbligatorie selettive anti-tubercolare, tetano, febbre tifoide, meningite Meningococcica Vaccinazioni raccomandate Anti-epatite A, epatite B, influenza, rabbia, varicella, Hib, MPR, P

43 Vaccinazioni obbligatorie Nel nostro Paese, il trattamento sanitario obbligatorio, quando finalizzato al bene comune, è previsto dallArt 32 della Costituzione la cui applicazione in tema di vaccinazioni è stata avvallata dalla Corte Costituzionale (sentenza n° 307/1990). La legge n° 210/1992 prevede lindennizzo, a carico dello Stato, delleventuale danno conseguente alla immunizzazione obbligatoria.

44 Vaccinazioni Obbligatorietà assicura elevati tassi di copertura con i minimi costi la vaccinazione è vissuta come pratica burocratica (si perdono le motivazioni) si instaura il concetto che solo ciò che è obbligatorio è importante si innesca il problema dellobiezione Non obbligatorietà difficoltà di raggiungere livelli di copertura vaccinali soddisfacenti necessità di incentivi obbligatorietà mascherata

45 Calendario delle vaccinazioni delletà evolutiva E la successione cronologica con la quale vanno effettuate le vaccinazioni sia obbligatorie che facoltative Nella formulazione si deve tener conto di esigenze di ordine: - epidemiologico - biologico - pratico Il calendario deve essere periodicamente aggiornato

46 VaccinoNasc3° mes. 4° mes. 5° mes. 6° mes. 11° mes. 12° mes. 15° mes. 24° mes. 3° anno 5-6 anni anni anni DPT DT Td IPV Epatite B HBV * HBV Hib PCV MPR Men C Varicella HPV Piano Nazionale Vaccini Calendario delle vaccinazioni per letà evolutiva- Ministero della Salute - Piano Nazionale Vaccini Obbligatorie

47 VaccinoNasc3° mes. 4° mes. 5° mes. 6° mes. 11° mes. 12° mes. 15° mes. 24° mes. 3° anno 5-6 anni anni anni DPT DTaP Tdap IPV Epatite B HBV * HBV Hib PCV PCV (3 dosi nel primo anno di età) MPR Men C Men C (3 dosi nel primo anno di età) Varicella HPV Piano Nazionale Vaccini Calendario delle vaccinazioni per letà evolutiva- Ministero della Salute - Piano Nazionale Vaccini Obbligatorie - Raccomandate

48 Obiettivi per il terzo millennio dellufficio europeo OMS Eliminare poliomielite, difterite, tetano neonatale, morbillo, rosolia congenita Vaccinazione universale dei nuovi nati e/o adolescenti contro lepatite B Eliminazione della meningite e delle patologie invasive da Hib

49 Poliomyelitis: morbidity in Italy Cases per people Years OPV IPV

50 Difterite Periodo : incidenza annua casi con circa decessi 1939: obbligo di vaccinare tutti i nuovi nati entro il 2°anno di vita 1963: si utilizza DT 1981: la vaccinazione DT viene anticipata al 1° anno di vita copertura vaccinale >95% Anni Casi notificati x abitanti DT DT 1° anno 2000

51 Tetano Letalità 50% 1963: obbligo di vaccinazione per alcune categorie professionali (lavoratori agricoli, ecc) e sportivi iscritti al Coni 1968: vaccinazione obbligatoria per tutti i bambini nel 2° anno di vita in associazione a D 1981: DT nel 1° anno di vita - copertura vaccinale >95%

52 Cases/ Age group: V Incidence (x 10 5 inhabitants) of acute hepatitis B in Italy, by age ( ) SEIEVA

53 Il morbillo in Italia

54 ROSOLIA IN ITALIA;

55 Attuale situazione delle vaccinazioni in Italia Poliomielite, difterite e tetano neonatale sono virtualmente eliminate. Significativa riduzione dellincidenza dellepatite B. morbillo, rosolia, parotite Per morbillo, rosolia, parotite i tassi di copertura ancora lontani da quelli ottimali. La morbosità mantiene oscillazioni tipiche delle infezioni non controllate.

56 Vaccination took care of childhood diseases In the future it will be a sustainable response for all ages Young adults Elderly/ at risk Adolescents Infants Prevent meningitis, blood and soft tissue infections Prevent cancer, meningitis, urinary tract infections Prevent miscarriages, fatalities among newborns Prevent lethal hospital and community acquired infection Aging society 1

57 POLIOMIELITE: STORIA DI UNA VACCINAZIONE DI SUCCESSO

58

59 Focolai epidemici Europa (Svezia) Nord America New York casi di paralisi decessi

60 Franklin Delano Roosevelt, futuro presidente degli USA, contrae la poliomielite. Polmoni dacciaio 1921

61 1954 Vaccine is safe, effective and potent Thomas Francis Albert Sabin allestisce il primo vaccino a microrganismi vivi ed attenuati. Viene avviato il primo trial clinico: coinvolge 1.8 milioni di bambini in USA, Canada, Finlandia. Jonas Salk sviluppa un vaccino a virus inattivati

62 Italia Cases per people Years OPV IPV OPVIPV

63 Assemblea Mondiale della Sanità Global Polio Eradication Iniziative US centers for Disease Control and Prevention WHO Unicef Rotary International

64 Worldwilde eradication strategies High routine immunization coverage with OPV National immunization days (NIDs) Mopping up compaigns Surveillance for Acute Flaccid Paralysis (AFP) and wilde poliovirus

65 Stop alla guerra civile: Nascono le Giornate della Tranquillità Vengono vaccinati oltre bambini. Salvador,1985

66 casi / anno in 125 Paesi

67 NIDs

68 1994. America dichiarata Polio-Free Ultimo caso di polio in Cina Mandela lancia il programma di eradicazione in Africa (Kick out polio from Africa) Ultimo caso nella Regione del Pacifico occidentale (diventa polio-free il 29/10/2000) Ultimo caso nella Regione Europea (Turchia) occidentale (diventa polio-free il 21/06/2002) Time Line

69 Polio remains endemic in 3 countries: Afganistan, Nigeria, Pakistan

70 Situazione Attuale

71 Total number of reported Paralytic Poliomyelitis Cases and the number of reported Vaccine-Associated Cases, United States,

72 OPV/IPV fino ad Aprile 994 dosi OPV (3, 5, 11m e 3aa) Aprile dosi IPV (3, 5, 11m) + dose booster OPV a 3aa * dopo Luglio dosi IPV (3, 5, 11m e 3aa*) * * Nuova proposta: 5-6 anni con TDPa

73 Survaillance for Acute Flaccid Paralysis (AFP) and wilde poliovirus Acute Flaccid Paralysis Traumatic neuritis Transverse myelitisneuritis Other enterovirus Echovirus Poliovirus Guillain Barre Syndrome Coxsackie virus

74 CRITERI DI CERTIFICAZIONE Paese Polio-free Tasso di AFP non-polio 1 per abitanti di età inferiore ai 15 anni Nessun riscontro di Poliovirus selvatico per tre anni

75 Importation of wild poliovirus detected in environmental (sewage) samples in Egypt CAIRO 18 January 2013 – Wild poliovirus has been found in samples taken from sewage in Al Haggana (Nasr City) and Al Salam district in Cairo. The wild poliovirus is related to the wild poliovirus type 1, from north Sindh, Pakistan, which was reported in September 2012.

76 Updates on Egypt wild polio virus importation The first small scale polio campaign is planned to start on Sunday, 3 Feb 2013, in El Salam and Al Haggana areas. The campaign will target 160,000 children under 5 years. All expatriate children under 15 years shall also be vaccinated. The next supplementary immunization campaign (SNID) is planned in early March in greater Cairo (Cairo, Giza and areas from Kalyoubia), targeting 3 million under 5 years, and all expatriate children under 15 years. The third activity will be a nationwide immunization campaign (NID) planned for early April, targeting 12 million children, under 5 years, and all expatriate children under 15 years. The polio campaigns will be conducted house to house in rural areas. As for urban areas especially during the February and March campaigns, the campaigns will be conducted from fixed/mobile sites..


Scaricare ppt "Vaccini e vaccinazioni 20 ottobre 2010. -75% - 67% - 61% - 41% Rheumatic fever and rheumatic heart disease Hypertensive heart disease Ulcer of stomach."

Presentazioni simili


Annunci Google